Sisvalsoc

67 %
33 %
Information about Sisvalsoc
Education

Published on June 18, 2007

Author: Flemel

Source: authorstream.com

Sistema informativo sociale:  Sistema informativo sociale Analisi concettuale, proposte metodologiche e alcune esperienze nel Lazio Introduzione:  Introduzione Occasione per affinare le conoscenze sul sistema informativo socio-assistenziale Contribuire alla riforma del settore, avviando una trasformazione delle modalità esistenti di raccolta e trattamento delle informazioni Sistema informativo sociale:  Sistema informativo sociale Perché costruire un sistema informativo socio-assistenziale Rischi e paure dell’informatizzazione Difficoltà per l’avvio Sistema informativo sociale:  Sistema informativo sociale Cos’è un sistema informativo L’informazione socio-assistenziale Come costruire un sistema informativo socio-assistenziale Alcune esperienze nelle ASL e negli Enti Locali Perché costruire un sistema informativo socio-assistenziale:  Perché costruire un sistema informativo socio-assistenziale Informazione come risorsa E’ la principale risorsa attraverso la quale un sistema si mantiene in equilibrio e si autoregola, interagendo con l’esterno Informazione e trasparenza Comunicazione diretta tra i cittadini e lo Stato Informazione e partecipazione Circolarità delle informazioni e trasparenza delle azioni Perché costruire un sistema informativo socio-assistenziale:  Perché costruire un sistema informativo socio-assistenziale Informazione e prevenzione Individuazione dei rischi Lettura della comunità per azioni preventive Informazione e programmazione Le decisioni si prendono in base alle informazioni che si hanno Rischi e paure dell’informatizzazione:  Rischi e paure dell’informatizzazione Gli strumenti informatici sono uno strumento, non un fine Introduzione graduale per le attività che 'rubano' tempo Il computer sostituisce l’uomo nelle decisioni I programmi attuali prevedono un numero finito di risposte Slide8:  Violazione della privacy e della riservatezza Utilizzo delle password Discrezione nell’uso dell’informazione Disumanizzazione della relazione e perdita della competenza Tempo per la creatività Scientificità nell’analisi dei bisogni Rischi e paure dell’informatizzazione Difficoltà per l’avvio:  Difficoltà per l’avvio Scarsa attenzione al settore sociale Contesto incerto e turbolento Basso livello di standardizzazione Carenza di una classificazione delle patologie sociali e delle prestazioni Mancanza di una 'cultura informativa' Resistenza degli operatori Riepilogando…:  Riepilogando… Costruire un sistema informativo perché l’informazione è una risorsa che: Consente la partecipazione dei cittadini Facilita la trasparenza delle azioni Individua i rischi e i bisogni È utile alla programmazione degli interventi e dei servizi Paure nell’uso di strumenti informatici Il computer è uno strumento Diade tecnica e etica: la tecnica garantisce la correttezza scientifica; l’etica garantisce il rispetto della persona, la sua unicità Riepilogando…:  Riepilogando… Difficoltà per l’avvio di un sistema informativo Scarsa attenzione al settore Mancanza di standardizzazione 'Chiusura' del servizio sociale Cos’è un sistema informativo:  Cos’è un sistema informativo Dato: misura di un fenomeno, di natura quantitativa o qualitativa; è una rappresentazione sintetica di un 'fatto' Informazione: il dato acquista per qualcuno un valore, un rilievo, un’utilità Cos’è un sistema informativo:  Cos’è un sistema informativo Qualità del dato: Correttezza Completezza Omogeneità Accuratezza Precisione Tempestività In ogni caso i dati da raccogliere devono essere i più prossimi possibili all’operatività Cos’è un sistema informativo:  Cos’è un sistema informativo Il sistema informativo è un INSIEME finalizzato ed organizzato dei processi atti a GESTIRE informazioni INSIEME = i soggetti gli strumenti le procedure GESTIONE = raccogliere classificare elaborare archiviare distribuire Cos’è un sistema informativo:  Cos’è un sistema informativo Il sistema informatico è: insieme delle apparecchiature (hardware) e dei programmi (software) che consentono una funzionale gestione delle informazioni automatizzate Quando usare un elaboratore? i dati sono tutti conosciuti si deve elaborare una grande quantità di dati occorre sviluppare una grande quantità di calcoli occorre controllare costantemente un fenomeno Cos’è un sistema informativo:  Cos’è un sistema informativo Obiettivi del sistema informativo regola delle cinque E (OMS): Eziologico (etiology) Efficiente (efficiency) Efficace (efficacy) Educativo (education) Valutativo (evaluation) Cos’è un sistema informativo:  Cos’è un sistema informativo Caratteristiche del sistema informativo regola delle sei P (OMS): fondato sulla popolazione (population based) orientato ai problemi (oriented problem) riferito alla persona (specific person) specifico per chi vi provvede (specific provider) riferito a un periodo specifico (specific period) pratico (pratical) Riepilogando…:  Riepilogando… Dato e Informazione Sistema Informativo Sistema Informatico Obiettivi S.I. – regola delle 5 E Caratteristiche S.I. – regola delle 6 P L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Aspetti dell’informazione sociale Offerta delle risorse interne ed esterne al cittadino: mappa delle opportunità formali e informali; Risorsa per l’esercizio delle attività professionali: documentazione del processo di aiuto, per supportare atti amministrativi, per l’erogazione di prestazioni e per il lavoro interprofessionale; Risorsa per la funzione di sorveglianza sull’insorgere dei rischi e quindi di programmazione di interventi sociali L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? numerosa casistica complessità dei casi non si può affidare tutto alla memoria, al foglio volante Come? prevedere in anticipo una certa parte di tempo per la raccolta e l’organizzazione delle informazioni L’informazione va raccolta L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? ridondanza informativa Come? selezionare e raccogliere le informazioni per le quali abbiamo un ipotesi e un progetto di lavoro L’informazione va selezionata 'Molto spesso le informazioni disponibili non sono quelle desiderate, le informazioni desiderate non sono quelle necessarie, le informazioni necessarie non sono ricavabili dai dati esistenti' (Bonfiglioli, 1986) L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? si disperde tra i vari operatori e fra gli archivi di diversi uffici Come? collegamento tra vari archivi informatici L’informazione va integrata Occorre una 'cultura' dell’integrazione L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? non si può sprecare tempo a frugare nei cassetti o sulle scrivanie Come? archivi organizzati per aree problema o per aree territoriali L’informazione va archiviata L’archivio informatico = unità di memoria richiamabili e utilizzabili L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? le situazioni sociali cambiano: il minore diventa adulto, il quadro clinico è cambiato… Come? aggiornamento continuo e metodico dell’evoluzione della situazione L’informazione va aggiornata L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? devono essere possibili controlli e valutazioni Come? gestione automatica delle informazioni e dei dati archiviati L’informazione va aggregata/elaborata Possibilità nuova di lettura del proprio lavoro e del metodo di lavoro L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? ogni ente è un’organizzazione articolata in sottosistemi tra loro interdipendenti e collegati dalle comunicazioni Come? in senso orizzontale (gruppi di operatori, équipe) in senso verticale (ai livelli di governo) L’informazione va trasmessa I dati gestionali vanno organizzati secondo finalità di governo L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? il sistema informativo è un flusso di andata (input) e un flusso di ritorno (output) evitare 'spreco' informativo Come? reportistica (bollettini – annuari) L’informazione deve ritornare a chi l’ha prodotta L’informazione socio-assistenziale:  L’informazione socio-assistenziale Perché? non c’è partecipazione senza informazione Come? relazione di distretto relazione sullo stato di salute della popolazione L’informazione va diffusa alla popolazione L’informazione deve servire per l’educazione e la promozione dei cittadini Riepilogando…:  Riepilogando… L’informazione deve essere: raccolta – selezionata – integrata – archiviata aggiornata – aggregata/elaborata – trasmessa deve ritornare a chi l’ha prodotta diffusa alla popolazione Come costruire un sistema informativo:  Come costruire un sistema informativo Definire gli obiettivi Sistema informativo Gestione prestazioni Gestione utenza Gestione risorse Prevenzione disagio sociale Come costruire un sistema informativo:  Come costruire un sistema informativo Individuare i soggetti che interagiscono con l’informazione Operatori di base Privato sociale, Cittadini, Utenti Dirigenti Amministratori Livello operativo Livello dirigenziale Livello politico Informazioni di esercizio Informazioni di governo Slide32:  Qualificare e quantificare il fabbisogno informativo Livello operativo Livello amministrativo Livello dirigenziale Livello politico Come costruire un sistema informativo Slide33:  Gli strumenti applicativi La cartella sociale Il database La banca dati delle risorse sociali Come costruire un sistema informativo Slide34:  La cartella sociale è: strumento per la raccolta dettagliata dei dati fonte di informazione sulla storia sociale passata e presente degli utenti filo conduttore dell’assistenza quando questa è affidata a più operatori strumento di valutazione e programmazione Come costruire un sistema informativo Slide35:  Requisiti: facile da compilare e agevole nella consultazione informazioni chiare e comprensibili, idonee e corrette schema uniforme Come costruire un sistema informativo Contenuti: professionali amministrativi interprofessionali dati di base, problemi, piani di intervento requisiti per l’accesso alle prestazioni Slide36:  Il database è: un insieme di informazioni raccolte su qualcosa, utile per gestire e selezionare le informazioni una matrice di dati (righe e colonne): In colonna ci sono le informazioni di carattere omogeneo, ma relative a più storie Nome, cognome, data di nascita, segnalazione, problema,ecc. In riga ci sono le informazioni inerenti una storia Mario, Rossi, 10.3.1930, Vicini, Autosufficienza, ecc. Come costruire un sistema informativo Slide37:  Processo per la realizzazione Analisi dei requisiti Operazioni ed eventi da osservare e dati da raccogliere Progettazione concettuale Chiarire il significato delle informazioni da archiviare Progettazione logica Rendere compatibili le idee contenute nelle fasi precedenti con lo schema logico del software scelto Progettazione fisica Scegliere le caratteristiche fisiche di realizzazione degli archivi Come costruire un sistema informativo Slide38:  Alcune operazioni possibili Proiezione Creare una tabella che contenga solo alcuni campi ma relativamente a tutti i record (riga) Esempio: il nome e il cognome di tutti gli utenti del servizio Selezione Creare una tabella con solo alcuni record. Esempio: tutti gli utenti ultrasessantenni che usufruiscono del servizio assistenza Unione Operare su due tabelle diverse del database secondo una condizione specificata Come costruire un sistema informativo Slide39:  La banca dati delle risorse sociali è: un 'taccuino informatico', dove conservare gli indirizzi delle risorse istituzionali e non una raccolta anche di informazioni accessorie, per scegliere meglio ciò che serve per il caso specifico Come costruire un sistema informativo Slide40:  Scopo: Consentire all’operatore, in cerca di una particolare risorsa, di ottenere l’elenco desiderato ponendo un’interrogazione strutturata ma unica Come costruire un sistema informativo Caratteristiche: Informazioni chiare e sintetiche Codifica delle informazioni Stabilire il percorso e l’intreccio dei nessi logici tra un campo e l’altro Prevedere un campo 'Note', per inserire commenti utili Riepilogando…:  Riepilogando… Per costruire un sistema informativo: definire gli obiettivi individuare i soggetti qualificare e quantificare il fabbisogno informativo scegliere gli strumenti applicativi Conclusione:  Conclusione 'Chi non usa nuovi rimedi, deve aspettarsi nuovi mali; poiché il tempo è il più grande innovatore' (Francis Bacon, 1561-1626) Alcune esperienze nelle ASL e negli Enti locali:  Alcune esperienze nelle ASL e negli Enti locali dott.sa Paola De Riu – ASL Viterbo distretto 5 Dalla prestazione di servizio sociale all’archivio utenza dott.sa Rosalba Toli – Municipio XIX Comune di Roma dott.sa Barbara Egidi – ISMA Sistema informativo dei servizi sociali per minori

Add a comment

Related presentations

Related pages

Presentazione di PowerPoint - CROAS Lazio - Consiglio ...

Title: Presentazione di PowerPoint Last modified by: roccia Created Date: 1/1/1601 12:00:00 AM Document presentation format: Lucidi Other titles: Times New ...
Read more