advertisement

scrittura

50 %
50 %
advertisement
Information about scrittura
Education

Published on June 18, 2007

Author: Flemel

Source: authorstream.com

advertisement

DAI GRAFFITI AL COMPUTER:  DAI GRAFFITI AL COMPUTER Supporto on line alla caccia al tesoro di Bibliolab Sitografia Bibliografia Slide2:  La macchina da scrivere Il personal computer L’invenzione della scrittura La stampa e il libro L’invenzione dell’alfabeto Il gioco della scrittura I copisti del medioevo La scrittura egiziana I Sumeri La scrittura cinese La scrittura indiana I popoli senza scrittura Prima dei greci i cretesi L’alfabeto greco L’alfabeto etrusco L’alfabeto latino L’alfabeto ebraico L’alfabeto arabo L’alfabeto runico L’alfabeto cirillico Un codice segreto Ideogrammi moderni La penna stilografica Alfabetizzazione di massa Scrivere in Internet Leggere, scrivere, navigare oggi La televisione Prima della scrittura La penna biro 3300 a.C 1500 a. C. 1452 d. C. 1983 Il gioco della scrittura:  Il gioco della scrittura http://www.educational.rai.it/lemma/testi/segno/alfabeto.htm http://www.educational.rai.it/lemma/testi/comunicare/scrivere.htm http://kidslink.bo.cnr.it/irrsaeer/calamo/sto.html In una lingua ciò che veramente esiste è la frase, come nell’esempio. Tuttavia il fatto di separare le parole (dette anche monemi) con spazi bianchi, fa pensare che questa sia, per così dire, costruita, come i mattoni costruiscono un muro. La rappresentazione grafica di parole è già una scrittura, ma con un difetto: le parole sono decine di migliaia e occorrerebbero molti segni. Tuttavia fin dall’antichità si comincia ad analizzare le parole dividendole in sillabe e in fonemi. Così viene a contare sempre meno il significato, ma la ripetizione dello stesso suono Scrittura ideografica Scrittura sillabica e alfabetica Prima della scrittura:  Prima della scrittura I cacciatori Il villaggio neolitico I primi graffiti incisi sulle rocce dell’uomo risalgono a più di 35000 anni fa. Erano certamente una forma d’arte, ma non erano una forma di scrittura. Infatti non rappresentano un testo formato da parole, ossia complessi di suoni che esprimono un senso in una data lingua. Rappresentare graficamente un sentimento, un desiderio, un timore non è ancora scrivere. !! Con i Sumeri nasce la scrittura:  Con i Sumeri nasce la scrittura Nasce la città La scrittura fu inventata in Mesopotamia nel 3300 a.C. E’ una creazione del tutto originale! Incredibile sviluppo dell’agricoltura Il commercio si estende e diventa più complesso Grandi quantità di mercanzie si accumulano nelle loro riserve e granai o circolano lungo il Tigri e l’Eufrate. SCAMBI, PRODUZIONI, RISERVE RENDONO FORTE IL BISOGNO DI CONSERVARNE LE TRACCE I popoli senza scrittura:  I popoli senza scrittura Accanto alle grandi civiltà sedentarie dell’antichità vivono per secoli popolazioni nomadi La loro struttura sociale e economica è più semplice Non hanno quindi necessità di ricorrere alla scrittura CULTURE DELL’ORALITA’ La scrittura egiziana:  La scrittura egiziana http://www.geocities.com/SoHo/Lofts/5443/index2.htm http://www.cadnet.marche.it/smpalazzi/primab98_99/evoluzione/html/geroglifici.htm Contemporaneamente una forma di scrittura si sviluppa anche in Egitto, l’altra grande civiltà agricola del mondo antico La stele di Rosetta, un testo in tre lingue che favorì la decifrazione della scrittura egizia La scrittura cinese e giapponese:  La scrittura cinese e giapponese http://digilander.iol.it/mafyweb/giapponese_x.htm http://www.geocities.com/Tokyo/1763/ifhan.html http://www.lignano.it/eas-ass/eas6.htm Anche la civiltà del riso si dota precocemente di una forma di scrittura Gli ideogrammi cinesi, nati intorno al 1500 a. C., prevedono un segno per ogni parola e sono quindi numerosissimi. Per esempio un albero stilizzato indica la parola 'albero'; due alberi stilizzati significano 'bosco'. Nonostante la difficoltà di apprendimento, la scrittura ideografica cinese può essere intuitivamente compresa in ogni parte della nazione, indipendentemente dal dialetto parlato. La scrittura giapponese è un derivato di quella cinese, con l’aggiunta di elementi sillabici. Resistono all’invasione dell’alfabeto, perché le parole cinesi sono monosillabiche e mal si adattano ad una traduzione alfabetica La scrittura indiana:  La scrittura indiana Vi erano già scritture antiche (indecifrate) a Harappa, ma la scrittura sanscrita, prodotta dalla cultura degli Arii, risale al III secolo a. C. Molte parole delle lingue indoeuropee hanno familiarità con il sanscrito!! L’invenzione dell’alfabeto:  L’invenzione dell’alfabeto http://www.cronologia.it/mondo04.htm http://www.cadnet.marche.it/smpalazzi/primab98_99/evoluzione/html/geroglifici.htm L’alfabeto fenicio, dal quale erano assenti le vocali, risale al 1500 a. C. E’ (quasi) valido il principio in base al quale ad ogni suono del linguaggio corrisponde un segno. Si diffonde rapidamente anche grazie al fatto che i Fenici erano navigatori. La parola greca biblos, che significa libro, deriva dalla città fenicia di Biblo L’alfabeto greco:  L’alfabeto greco Lo storico greco Erodoto definisce le lettere greche foinikeia grammata ( si legge foinikeia grammata), cioè riferisce l’origine fenicia dell’alfabeto greco, che però possiede anche le vocali. La scrittura nasce, con i Sumeri, con scopi utilitaristici, ma dopo mille anni viene usata per scrivere i miti e, poi, annali e cronache. Con i Greci, serve a dare memoria di una grande cultura letteraria e scientifica. E pensare che il filosofo greco Platone avversò la scrittura perché 'distrugge la memoria' e 'il testo scritto è inerte, interrogandolo non si hanno risposte'… Le scritture del mar Egeo:  Le scritture del mar Egeo http://www.geocities.com/yongmax/linb1.htm Il geroglifico dei primi palazzi cretesi, la 'lineare A' e la 'lineare B' sono scritture sillabiche, non alfabetiche, utilizzate dai popoli cretesi e micenei. Il disco di Festo, città dell’isola di Creta (vedi mappa della lezione) è un disco di argilla di colore rossastro del diametro di 16 cm con una linea a spirale che va dalla periferia verso il centro. La scrittura non è stata decifrata. L’alfabeto etrusco:  L’alfabeto etrusco http://www.geocities.com/SoHo/Lofts/5443/index2.htm I suoni che le lettere etrusche esprimono possono essere compresi perché la scrittura degli etruschi è l’adattamento di un sistema alfabetico che dall’ 800 a. C. viene usato per comunicare le diverse lingue mediterranee. Tuttavia la lingua etrusca non è completamente interpretata e non vi sono fonti letterarie etrusche. L’alfabeto latino:  L’alfabeto latino L’alfabeto arriva in Italia nel 700 a. C. portato dai Greci che colonizzano il sud della penisola e viene rielaborato con varie modalità dalle diverse genti preromane. L’espansione romana porta nel I secolo a. C. all’unificazione linguistica dei popoli che entrano a far parte del mondo romano. Oggi è l’alfabeto più diffuso nel mondo L’alfabeto ebraico:  L’alfabeto ebraico http://www.italya.net/levy/exhibitions/alefbet/alefbet.htm E’ una scrittura consonantica. Le vocali possono essere aggiunte sotto le consonanti per favorire la comprensione. Si legge da destra a sinistra. E’ la scrittura in cui è scritto l’Antico Testamento L’alfabeto arabo:  L’alfabeto arabo Sviluppatosi da quello siriaco, venne adottato con alcune modifiche da gran parte del mondo islamico: Persiani, Turchi, Malesi, Berberi e altri. Esso si compone di 28 lettere,tutte consonanti, mentre le vocali sono segnalate mediante segni sussidiari che di solito vengono omessi. La scrittura araba si svolge da destra a sinistra e nei libri la prima pagina è quella che per noi è  l'ultima. L’alfabeto runico:  L’alfabeto runico Il più antico alfabeto runico fu creato dai popoli germanici attorno al 200 d.C. circa basandosi su alfabeti dell'Europa meridionale. Esistono due tipi di alfabeto runico, quello a 24 segni, detto della 'serie lunga' e quello della serie corta, di 16 segni, adottato dai Vichinghi. I popoli germanici e scandinavi ritenevano che questi segni avessero poteri magici e credevano che  non venissero scolpiti dagli incisori, ma si creassero autonomamente e che gli iniziati potessero liberarne il potere. L’alfabeto cirillico:  L’alfabeto cirillico http://www.nelik.it/Viaggi/ago99/alfabeto_cirillico.htm http://www.bulgaria-italia.com/bg/info/lingua/alfabeto.asp Il cirillico è l'alfabeto usato per le lingue degli slavi ortodossi, cioè russi, ucraini, bielorussi, bulgari e serbi. Il nome deriva da san Cirillo, che non ne fu però l'inventore. Risale probabilmente ai suoi discepoli e deriva dall'alfabeto greco onciale del secolo IX, con l'aggiunta di segni per i suoni sconosciuti al greco. Semplificato nel 1708 da Pietro il Grande, fu riformato nel 1918 dal governo sovietico con l'eliminazione di alcuni caratteri. Il cirillico russo comprende ora 31 segni; quello serbo ha alcune lettere in più. I monaci del medioevo:  I monaci del medioevo I monaci svolgono il lavoro di copisti: riscrivono a mano le grandi opere dell’antichità classica, greca e latina. E’ un lavoro prezioso, ma lungo e faticoso e soggetto ad errori. Scrivono su pergamena, pelle di pecora trattata. Inventata da Eumene II di Pergamo nel 200 a.C. Per rappresentare i suoni si usano invece segni convenzionali chiamati note musicali, sistemati in righe orizzontali chiamate 'rigo' o 'pentagramma' (perchè composto di 5 linee). Il sistema della notazione musicale risale a circa mille anni fa, quando si introdusse l'uso di particolari segni trascritti sopra le righe dei testi da cantare, con lo scopo di ricordare ai coristi le arie delle melodie. Soltanto nel Seicento, dopo lunghe fasi sperimentali, venne codificato l'attuale sistema del pentagramma La stampa e il libro:  La stampa e il libro http://spazioweb.inwind.it/librodigitale/Gutenberg.html Con l’invenzione della stampa a caratteri mobili a opera di Gutenberg (1452) la scrittura diventa accessibile a tutti. Nasce il libro, perché è possibile una riproduzione in serie di qualsiasi opera Viene stampata la Bibbia, strappata alla lettura di pochi ecclesiastici. La penna stilografica:  La penna stilografica http://www.arteuropa.it/rubrica.htm 1780 SCHELLER DI LEIPZIG sviluppa un prototipo di penna da viaggio in bronzo e corno con flusso di inchiostro 1832 JOHN PARKER brevetta la prima penna stilografica con sistema di carico a stantuffo 1863 Viene fondata ad Hannover la PELIKAN 1884 EDSON WATERMANN realizza un sistema di alimentazione inchiostro, il cui principio è ancora utilizzato sulle penne moderne 1919 ISAIA LEVI fonda a Torino l'AURORA, fabbrica italiana di penne a serbatoio La macchina da scrivere:  La macchina da scrivere http://www.schreibmaschinenmuseum.com/it/highlights.htm Pioniere italiano nelle macchine da scrivere era stato Giuseppe Ravizza (1811-1885), che nel 1855 aveva brevettato il suo 'cembalo scrivano' in tutto simile alla macchina da scrivere costruita industrialmente da Remington a partire dal 1873. L'Olivetti consentì all'Italia di essere presente, dal 1908, nel settore delle macchine da scrivere e, successivamente, in quello dei calcolatori.. L'azienda sarà a lungo all'avanguardia sia dal punto di vista economico-sociale che tecnologico. Oltre alle macchine da scrivere, l'Olivetti produsse calcolatrici e successivamente computer. In Italia si impara a leggere e scrivere:  In Italia si impara a leggere e scrivere Nei primi cinquant’anni del novecento la scuola elementare si avvia ad essere una scuola di massa, la maggioranza degli italiani apprende le basi della lettura e della scrittura. Ma la vera alfabetizzazione di massa avviene nel secondo dopoguerra con la scuola media unica (1963) e la televisione. 78% analfabeti 1931 21% 8,3% 1991 2,1% La biro:  La biro http://www.itcgmontefiascone.it/pennasfera/linvenzione.htm Fino a quel momento a scuola si usavano i pennini e l’inchiostro. E’ un’altra tappa nel processo storico che porta la scrittura a tutti. DEMOCRATIZZAZIONE DELLA SCRITTURA Intorno al 1960 si diffonde l’uso della penna a sfera. La pressione sulla carta muove un cuscinetto a sfera, che rende possibile il passaggio dell’inchiostro. L’aveva inventata nel 1950 un ungherese, Lazlo Biro. La televisione:  La televisione La televisione sta accesa come la luce in bagno, scorre come l'acqua in cucina. Orson Welles Il vero boom della televisione si ebbe dopo la seconda guerra mondiale, a partire dal paese che ne era stato il principale vincitore, gli Stati Uniti, dove si affermò un sistema televisivo tutto basato sulla pubblicità. Prima della metà degli anni Cinquanta il nuovo mezzo si era già pienamente affermato negli USA, e le trasmissioni televisive regolari erano cominciate in quasi tutti i paesi dell'Europa occidentale, dove prevaleva un sistema di controllo pubblico. In Italia le trasmissioni televisive regolari cominciarono nel 1954. In Italia contribuisce a diffondere la conoscenza dell’italiano Il personal computer:  Il personal computer http://www.cronologia.it/storia/tabello/tabe1559.htm http://www-5.ibm.com/it/ibm/storia.html Nel 1983 la IBM mette in vendita il primo personal computer. Si tratta di uno strumento che ha avuto nel giro di pochi anni una rapida evoluzione. La sua memoria e capacità di calcolo possono rendere più efficaci e produttive le attività di tutti. NASCE LA VIDEOSCRITTURA, una pratica che può modificare in profondità la tradizionale attività di scrittura Scrivere in Internet:  Scrivere in Internet Il modello di testo del libro: Il modello di ipertesto: Leggere, scrivere, navigare oggi:  Leggere, scrivere, navigare oggi Il diritto di tutti di imparare a leggere e scrivere è ancora da realizzare nel mondo. Molti paesi hanno elevate percentuali di analfabetismo, legate alla povertà e allo sfruttamento di cui sono vittime nel mercato globale. D’altronde anche la diffusione su scala planetaria di una risorsa come Internet conosce ancora molte limitazioni. La maggior parte dei server, cioè dei computer su cui risiedono i dati, si trova nelle aree ricche del pianeta. Un codice segreto:  Un codice segreto http://www.cronologia.it/mondo18.htm http://www.crmpa.it/irma/critt_storia.htm 00010011100110000100 100100001010001010001010100100 0100001011 0001001110011000111110100100110010010001 Che c’è scritto? Ideogrammi moderni:  Ideogrammi moderni :-)  contento :-(  infelice :-p linguaccia :-* bacio LE ICONE DELLE EMOZIONI Sono veri e propri ideogrammi, espressioni abbreviate usate comunemente nelle e-mail, nelle chat, negli sms http://www.soc.uniroma1.it/risorse/emoticons.htm http://smiley.supereva.it/ http://www.soc.uniroma1.it/risorse/emoticons.htm Oggi, in un’epoca in cui la maggior parte dei popoli del mondo usa la scrittura alfabetica, vi sono tuttavia molti ideogrammi di uso comune: per esempio il segno di percentuale: % Sitografia:  Sitografia http://kidslink.bo.cnr.it/irrsaeer/calamo/sto.html http://www.educational.rai.it/lemma/testi/segno/alfabeto.htm http://www.educational.rai.it/lemma/testi/comunicare/scrivere.htm http://www.geocities.com/SoHo/Lofts/5443/index2.htm http://www.cadnet.marche.it/smpalazzi/primab98_99/evoluzione/html/geroglifici.htm http://www.geocities.com/Tokyo/1763/ifhan.html http://www.lignano.it/eas-ass/eas6.htm http://digilander.iol.it/mafyweb/giapponese_x.htm http://www.cronologia.it/mondo04.htm http://www.cadnet.marche.it/smpalazzi/primab98_99/evoluzione/html/geroglifici.htm http://www.geocities.com/yongmax/linb1.htm Sitografia:  Sitografia http://www.geocities.com/SoHo/Lofts/5443/index2.htm http://www.italya.net/levy/exhibitions/alefbet/alefbet.htm http://www.bulgaria-italia.com/bg/info/lingua/alfabeto.asp http://www.nelik.it/Viaggi/ago99/alfabeto_cirillico.htm http://spazioweb.inwind.it/librodigitale/Gutenberg.html http://www.arteuropa.it/rubrica.htm http://www.schreibmaschinenmuseum.com/it/highlights.htm http://www.itcgmontefiascone.it/pennasfera/linvenzione.htm http://www.cronologia.it/storia/tabello/tabe1559.htm http://www-5.ibm.com/it/ibm/storia.html http://www.soc.uniroma1.it/risorse/emoticons.htm http://smiley.supereva.it/ http://www.soc.uniroma1.it/risorse/emoticons.htm Bibliografia:  Bibliografia Un libro di base per comprendere il fenomeno storico della scrittura è Alfabeti. Preistoria e storia del linguaggio scritto, a cura di Mario Negri, Demetra, 2000, coll.: 411 NEG /2838 Una trentina di libri inerenti l’area tematica sono posseduti dalla biblioteca e costituiscono il materiale su cui effettuare la 'caccia al tesoro'.

Add a comment

Related presentations

Related pages

Scrittura - Wikipedia

La scrittura è la fissazione di un significato in una forma esterna durevole, che nelle scritture alfabetiche diventa rappresentazione grafica della ...
Read more

scrittura - Deutsch-Übersetzung - bab.la Italienisch ...

'scrittura' auf Italienisch heißt 'Schreiben'. Diese und viele weitere Übersetzungen mit Beispielsätzen im kostenlosen Deutsch-Italienisch Wörterbuch ...
Read more

Scrittura - F.Lewald

Scrittura - F.Lewald. 148 likes · 1 talking about this. Schriftstellerin, Querdenkerin und Mutter
Read more

Scrittura font family - Linotype.com - Linotype: Fonts for ...

Scrittura was inspired by Anton Scholtz’s font, Honeybird, and developed into a contemporary variation with three styles. Scrittura Antiqua: weathered ...
Read more

Scrittura.org

Scrittura.org, Pozzuoli. 693 likes · 1 talking about this · 3 were here. Scrittura.org/Copywriter e Redattori
Read more

Storia della Scrittura - Fun Science Gallery - Scientific ...

La scrittura geroglifica era quindi nello stesso tempo fonetica, figurativa e simbolica. Gli egizi fondevano spesso scene di vita del faraone o anche di ...
Read more

Archivio di Nuova Scrittura - Wikipedia, the free encyclopedia

The Archivio di Nuova Scrittura (Archive of New Writing, ANS) is a cultural association founded in 1988 in Milan, Italy by art collector Paolo Della Grazia.
Read more

Scrittura™ - Webfont & Desktop font « MyFonts

Scrittura was inspired by Anton Scholtz’s font, Honeybird, and developed into a contemporary variation with three styles. Scrittura Moderna: sleek and ...
Read more

Autorenprofil von Fiona Lewald, geb.Wicka alias scrittura

Autorenprofil von Fiona Lewald, geb.Wicka alias scrittura auf mySTORYs. Wunderbare Texte zum freien lesen.
Read more

Duden | Scrittura | Rechtschreibung, Bedeutung, Definition ...

Definition, Rechtschreibung, Synonyme und Grammatik von 'Scrittura' auf Duden online nachschlagen. Wörterbuch der deutschen Sprache.
Read more