Ruolo dell'ultrasonografia in pronto soccorso

50 %
50 %
Information about Ruolo dell'ultrasonografia in pronto soccorso

Published on June 23, 2016

Author: DottGiuseppeDiRosa

Source: slideshare.net

1. RUOLORUOLO DELL’ULTRASONOGRAFIDELL’ULTRASONOGRAFI A IN PRONTO SOCCORSOA IN PRONTO SOCCORSO RUOLORUOLO DELL’ULTRASONOGRAFIDELL’ULTRASONOGRAFI A IN PRONTO SOCCORSOA IN PRONTO SOCCORSO

2. CENNI STORICI • Karl Theodore Dussik, un neurologo-psichiatra dell’Università di Vienna è considerato il primo medico ad utilizzare gli ultrasuoni in diagnostica medica. Nel 1942 pubblicò un articolo dal titolo «Ipersonografia del cervello». • John Julian Wild, medico inglese, viene considerato il vero fondatore della diagnostica tissutale ad ultrasuoni. Nel 1953, in collaborazione con John Reid, costruì un’apparecchiatura in grado di scoprire tumori mammari (fino a 7 mm). Chiamarono la loro tecnica Ecografia o Ecometria.

3. CENNI STORICI

4. Vantaggi dell’Ecografia moderna Basso costo; Rapidità esecutiva; Non invasività; Accettabilità del paziente; Ubiquitarietà di esecuzione.

5. Caratteristiche dell’Ecografia in Area Critica 1. Interesse specialistico «trasversale»; 2. Caratteristiche del paziente: «paziente critico»; 3. Scenario (luogo del trauma, ambulanza, emergency room: ecografia bedside); 4. Eseguita direttamente da parte del medico del team che si sta prendendo cura del paziente critico; 5. Ecografia integrata in tempo reale all’esame clinico ed alla gestione del paziente; 6. Ecografia P.O.C. ( Point Of Care);

6. Protocolli Ecografici : FAST (Focused Assessment With Sonography For Trauma) Lo scopo principale è di identificare una emorragia interna in un paziente politraumatizzato, può inoltre evidenziare anche una presenza di un eventuale liquido pleurico o di fluido pericardico. Si effettua rapidamente nell’arco di 3/5 min.. La FAST esamina 4 scansioni ecografiche: 1.Sottocostale (versamento pericardico); 1.Quadrante superiore dx dell’addome (versamento Morrison – pleurico dx); 2.Quadrante superiore sn dell’addome (versamento perisplenico – pleurico sn); 3.Pelvi (versamento Douglas);

7. Protocolli Ecografici : E-FAST (Extended Focused Assessment With Sonography For Trauma) In aggiunta 2 scansioni toraciche per la valutazione del gliding pleurico ( PNX ?).

8. Protocolli Ecografici : FAST ABCDE (Extended Focused Assessment With Sonography For Trauma)

9. Protocolli Ecografici : RUSH

10. Protocolli Ecografici : RUSH Questo protocollo prevede la ricerca di tutte le possibili cause di shock : 1. Cuore (tamponamento cardiaco?, Funzione contrattile depressa?, cuore iperdinamico?, cavità dx dilatate?) 2. Vena cava inferiore (dimensioni?, modifiche respiratorie 3. Aorta (aneurisma?, dissecazione?) 4. Addome (versamento libero?) 5. Polmone (Pnx?, versamento pleurico?)

11. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 1 : ST riconosco ? Paziente di anni 74, giungeva in PS per epigastralgia associata a marcato rialzo pressorio sisto-diastolico. Venivo allertato dall’urgentista per sospetta SCA. Parametri : Sat.02 98% - PA 220/120 mmHg – FC 60 bpm Ecg: Ritmo da Fibrillazione Atriale, FC 60, IVS, sottolivellamento diffuso del tratto ST (D2; D3; V4-V6). Si eseguiva una rapida valutazione della funzione sistolica (Convex):

12. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 1 : ST riconosco ? Dato il riscontro di una buona funzione contrattile globale, la presenza di sottolivellamento ST diffuso associato ad allungamento del QTC, veniva presa in considerazione la genesi extracardiaca delle turbe della ripolarizzazzione: ipokaliemia ? : Pertanto si procedeva a valutazione EGA con riscontro di marcata IPOKALIEMIA !

13. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 1 : ST riconosco ? Data l’assenza anamnestica di perdite renali (IRC) e/o intestinali (sindrome diarroica) di Potassio e il riscontro di marcato rialzo pressorio, veniva presa in considerazione genesi surrenalica della disionia. Pertanto si procedeva a rapida valutazione ecografica dei quadranti superiori dell’addome : Ricontro di massa sub- splenica : adenoma surrenalico ?

14. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 2 : Cascata ischemica 2.0 Paziente donna di anni 82, affetta da ipertensione arteriosa, moderato sovrapeso, vita sedentaria, giungeva in PS per episodi recidivanti di dolore toracico «atipico» (fitte emitorace dx) sensibile al decubito e all’inspirazione profonda, insorto da oltre 12 ore. In PS asintomatica per angor. Veniva eseguito Ecg : ritmo sinusale, FC 74 bpm, PQ e QT nella norma, normale la ripolarizzazione ventricolare. Esegue prelievo ematico per dosaggio troponina HS (< 0.02).

15. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 2 : Cascata ischemica 2.0 Controllo Ecocardiografico : evidenza di ipocinesia del segmento medio distale SIV. Funzione contrattile globale conservata.

16. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 2 : Cascata ischemica 2.0 In UTIC esegue rivalutazione elettrocardiografica a 6 ore : Ripete prelievo ematico per troponina a completamento della curva enzimatica oraria.

17. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 2 : Cascata ischemica 2.0 Esame coronarografico :

18. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 3 : Un «occhio» alla Bradicardia Il paziente con marcata bradiaritmia può spesso presentare un sintomatologia neurologica dovuta all’ipoperfusione cerebrale. Potrebbe, però, presentarsi il caso opposto ovvero la bradicardia può essere conseguente ad una patologia neurologica primaria (ipertensione endocranica).

19. CASI CLINICI : REAL LIFE Caso 3 : Un «occhio» alla Bradicardia Per rispondere al «dilemma», la valutazione ecografica del globo oculare può darci una mano nell’indirizzo diagnostico : Viene considerato patologica una distanza tra le linee iperecogene > a 5 mm.

20. GRAZIE PERGRAZIE PER L’ATTENZIONEL’ATTENZIONE

Add a comment