Reas 2016 - Comunicare correttamente

50 %
50 %
Information about Reas 2016 - Comunicare correttamente

Published on October 13, 2016

Author: gruppoaibitalia

Source: slideshare.net

1. COMUNICARE CORRETTAMENTE … OSTACOLI E COMUNICAZIONI TBT… VOLONTARI  DOS Isp. C.F.R. Armando ROSA GASTALDO

2. 1.1. COMUNICARECOMUNICARE CORRETTAMENTECORRETTAMENTE 2.2. OSTACOLIOSTACOLI 3.3. RUOLO VOLONTARI/DOSRUOLO VOLONTARI/DOS

3. 1.1. COMUNICARECOMUNICARE CORRETTAMENTECORRETTAMENTE  COMUNICARECOMUNICARE:: dare, ricevere e scambiare segnali, informazioni, messaggi TRAMITE la voce, i gesti, la scrittura Trasmetto idee e pensieri e devo essere sicuro che il messaggio sia stato compreso

4. LE COMUNICAZIONI DEVONO - essere finalizzate (avere chiaro quello che si vuole dire) - seguire regole e procedure - articolarsi in sequenze UNA COMUNICAZIONE EFFICACE E’ ALLA BASE DELL’EFFICIENZA 1.1. COMUNICARECOMUNICARE CORRETTAMENTECORRETTAMENTE

5. Emittente e ricevente devono condividere uno stesso codice il processo di decodificail processo di decodifica (=comprensione del messaggio) EMITTE NTE MESSAGGIORICEVENTECANALE CONTEST O codifica decodific a 1.1. COMUNICARECOMUNICARE CORRETTAMENTECORRETTAMENTE

6. LE REGOLE D’ ORO EMITTENTE •Avere chiaro cosa si vuol comunicare •Considerare le caratteristiche del mezzo di comunicazione che si usa •Considerare le esigenze del destinatario EMITTENTE •Avere chiaro cosa si vuol comunicare •Considerare le caratteristiche del mezzo di comunicazione che si usa •Considerare le esigenze del destinatario RICEVENTE •Smettere di parlare ed ascoltare attentamente, senza interrompere alla prima occasione •Non distrarsi anche se l’argomento è, o sembra, già noto •Se l’argomento non è chiaro, porre domande RICEVENTE •Smettere di parlare ed ascoltare attentamente, senza interrompere alla prima occasione •Non distrarsi anche se l’argomento è, o sembra, già noto •Se l’argomento non è chiaro, porre domande 1.1. COMUNICARECOMUNICARE CORRETTAMENTECORRETTAMENTE

7. STRUTTURA DELLE COMUNICAZIONI EMITTENTE •Pensare e strutturare il messaggio prima di trasmetterlo •trasmettere il messaggio pensato •Chiudere la comunicazione attendendo conferma EMITTENTE •Pensare e strutturare il messaggio prima di trasmetterlo •trasmettere il messaggio pensato •Chiudere la comunicazione attendendo conferma RICEVENTE •Ascoltare senza interrompere •Accertarsi di aver compreso il messaggio •Chiudere la comunicazione confermando la ricezione del messaggio RICEVENTE •Ascoltare senza interrompere •Accertarsi di aver compreso il messaggio •Chiudere la comunicazione confermando la ricezione del messaggio 1.1. COMUNICARECOMUNICARE CORRETTAMENTECORRETTAMENTE

8. TBT (terra-bordo-terra) comunicazioni radio personale a terracomunicazioni radio personale a terra mezzi aereimezzi aerei regionaliregionali COAUCOAU 1.1. COMUNICARECOMUNICARE CORRETTAMENTECORRETTAMENTE

9. COMUNICAZIONI TBTCOMUNICAZIONI TBT si adottano gli stessi principi delle comunicazioni radio: sintesi esi adottano gli stessi principi delle comunicazioni radio: sintesi e chiarezza per una ricezione efficace da parte dell’equipaggiochiarezza per una ricezione efficace da parte dell’equipaggio aereo.aereo. attenzioneattenzione che sia le frequenze regionali che quelleche sia le frequenze regionali che quelle aeronautiche sonoaeronautiche sono frequenze direttefrequenze dirette (isoonde): limitazioni della(isoonde): limitazioni della tipologia di segnaletipologia di segnale •Ostacoli: rilievi, fabbricatiOstacoli: rilievi, fabbricati •Distanza tra gli apparecchi radioDistanza tra gli apparecchi radio •Efficienza dell’apparecchiaturaEfficienza dell’apparecchiatura •Correttezza della sintoniaCorrettezza della sintonia 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

10. FRASEOLOGIA estratto dall’annesso 10 ICAO AFFERMO si APPROVATO Accordato il permesso per svolgere l’azione preposta AVANTI Procedete con il messaggio CANCELLATE Annullo la precedente istruzione CHIUDO Questo scambio d’informazioni termina e non si attende risposta COME RICEVETE Qual è l’intelligibilità della trasmissione 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

11. CONFERMATE Richiediamo la verifica di…. CONTATTATE Stabilite il contatto radio con…. CORRETTO Corretto.. CORREZIONE Un errore è stato commesso; la versione corretta è….. ESEGUIRO’ Ho compreso il vostro messaggio e mi atterrò ad esso. IMPOSSIBILITATO Non posso ottemperare alla vostra richiesta o istruzione IN ATTESA Attendete e vi richiamerò NEGATIVO No oppure permesso non accordato PARLATE PIU’ LENTAMENTE Riducete il vostro rateo di trasmissione PASSO La mia trasmissione è terminata e rimango in attesa di una risposta RICEVUTO Ho ricevuto tutta la vostra ultima trasmissione RICHIEDIAMO Gradirei conoscere.. RIPETETE Ripetete tutto o la seguente parte della vostra trasmissione. RIPETO Ripeto per chiarezza o enfasi 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

12. Nominativo aeromobile - nominativo IN VISTA Avvenuto contatto visivo con aeromobile NEGATIVO CONTATTO VISIVO Non avvenuto contatto visivo CONTATTO RADIO E CONTATTOCONTATTO RADIO E CONTATTO VISIVOVISIVO EFFETTUAZIONE DELLE PROVE RADIOEFFETTUAZIONE DELLE PROVE RADIO PROVA RADIO (frequenza utilizzata) …interrogazione (informazioni sull’intellegibilità) ….risposta 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

13. SCALA D’INTELLEGIBILITA’ DEISCALA D’INTELLEGIBILITA’ DEI SEGNALISEGNALI 1) INCOMPRENSIBILE 2) INCOMPRENSIBILE A TRATTI 3) COMPRENSIBILE CON DIFFICOLTA’ 4) COMPRENSIBILE 5) PERFETTAMENTE COMPRENSIBILE 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

14. ISTRUZIONI ALL’AVVICINAMENTO OISTRUZIONI ALL’AVVICINAMENTO O USCITAUSCITA a) INIZIATE AVVICINAMENTO (DA) (punto cardinale) b) ZONA LIBERA c) ZONA ASSEGNATA (punto cardinale oppure alta/bassa) d) ZONA (punto cardinale oppure alta/bassa) OCCUPATA e) LIBERATE / USCITE VIA (punto cardinale oppure descrizione) f) ORBITATE (posizione) 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

15. a) TRAFFICO OPERANTE (tipo) Traffico aereo partecipante b) TRAFFICO ADDIZIONALE (tipo) ..per più aeromobili c) TRAFFICO SCONOSCIUTO (colore, che si sposta lentamente/velocemente, direzione opposta, che vi attraversa da sx/dx, quota- bassa/media) Aeromobile non partecipante d) LIBERI DAL TRAFFICO Quando il traffico non partecipante libera la zona TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLA ZONA DI OPERAZIONI 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

16. VENTO ( direzione usando punti cardinali) DEBOLE MEDIO FORTE Meteo OSTACOLI AEREI (descrizione, posizione) Ostacoli OSTACOLI A TERRA (descrizione, posizione) Per segnalare punti sensibili a terra INCENDIO (PICCOLO, MEDIO, GRANDE) FIAMME (ALTE) Incendio FUMO ( LEGGERO, DENSO) Per descrivere il fumo LANCIO ( BUONO, SCARSO) ( CORTO, LUNGO) Efficacia del lancio FREQUENZA (frequenza) Frequenza radio utilizzata POSIZIONE DOS (posizione) Posizione del DOS 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

17. CAMBIO DI FREQUENZA a) CONTATTATE (nominativo ente) ( frequenza) b) CAMBIO FREQUENZA APPROVATO Successivamente alla richiesta del pilota POSIZIONE a) POSIZIONE (descrizione) VOSTRE ORE (da 1 a12) (distanza) (unità di misura) Per fornire la posizione di un oggetto/punto significativo a terra rispetto alla prua della aeromobile facendo riferimento alle ore del quadrante dell’orologio. b) POSIZIONE (descrizione) (distanza) (unità di misura) (punto cardinale) (punto/oggetto di riferimento) Per fornire la posizione di un punto significativo a terra rispetto ad un punto / oggetto ben visibile a terra utilizzando i punti cardinali 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

18. ISTRUZIONI RELATIVE AL LANCIO a) ANTICIPATE PROSSIMO LANCIO b) RIPETERE LANCIO STESSA POSIZIONE c) LANCIATE (posizione) d) DIRETTRICE DI LANCIO LANCIO SOLO ACQUA Non miscelato UTILIZZATE RITARDANTE /ESTINGUENTE Miscelato NEGATIVO (ripetere nom. Aerom.) NEGATIVO LANCIO Per interrompere l’operazione ZONA LIBERA, RIPORTATE PRONTI AL LANCIO Per riprendere l’attività 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

19. RICHIESTE RICHIEDIAMO… a) ZONA CARICO ACQUA b) STIMATO AL RITORNO Rifornimento acqua c) STIMATO A LASCIARE Termine attività d) RIPORTO INCENDIO Ottenere descrizione 1.1. COMUNICARE CORRETTAMENTECOMUNICARE CORRETTAMENTE

20. 2.2. OSTACOLIOSTACOLI OSTACOLI: concetti in AIBOSTACOLI: concetti in AIB REGOLA DELLE «6REGOLA DELLE «6 S»:S»: --SSUNUN SOLESOLE --SSLOPELOPE PENDIOPENDIO --SSIZEIZE DIMENSIONEDIMENSIONE --SSHAPEHAPE FORMAFORMA --SSURFACEURFACE SUPERFICIESUPERFICIE --SSURROUNDINGURROUNDING

21. OSTACOLI - 1-OSTACOLI AEREI:  Linee elettriche  Antenne  Teleferiche  Palorci  Piante isolate  Recinzioni  varie 2.2. OSTACOLIOSTACOLI - 2-OSTACOLI A TERRA:  Infrastrutture (viabilità, ferrovia, ecc)  Costruzioni  Veicoli  Persone

22. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

23. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

24. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

25. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

26. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

27. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

28. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

29. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

30. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

31. OSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

32. 2.2. OSTACOLIOSTACOLI COMUNICAZIONECOMUNICAZIONE CORRETTA INCORRETTA IN PRESENZA DI OSTACOLIPRESENZA DI OSTACOLI  Fase di avvicinamento aeromobile  Comunicare la presenza di ostacoli  Tipologia e dimensione dell’ ostacolo  Posizione geografica dell’ostacolo in relazione alla zona d’intervento

33. OSTACOLI - 1-OSTACOLI AEREI:  Linee elettriche  Antenne  Teleferiche  Palorci  Piante isolate  Recinzioni  varie 2.2. OSTACOLIOSTACOLI - 2-OSTACOLI A TERRA:  Infrastrutture (viabilità, ferrovia, ecc)  Costruzioni  Veicoli  Persone  Oggetti e attrezzature

34. OSTACOLIOSTACOLI 2.2. OSTACOLIOSTACOLI

35. OSTACOLIOSTACOLI 2.2. OSTACOLI AEREIOSTACOLI AEREI

36. 3.3. VOLONTARI/DOSVOLONTARI/DOS COMUNICAZIONI VOLONTARI/DOS Il ruolo dei volontari nella comunicazione al DOSIl ruolo dei volontari nella comunicazione al DOS di eventuali ostacoli presenti nel territorio didi eventuali ostacoli presenti nel territorio di competenza è determinante.competenza è determinante. La conoscenza del territorio e della presenza diLa conoscenza del territorio e della presenza di ostacoli è fondamentale nella gestione delleostacoli è fondamentale nella gestione delle operazioni di spegnimento con l’ausilio di mezzioperazioni di spegnimento con l’ausilio di mezzi aereiaerei

37. 3.3. VOLONTARI/DOSVOLONTARI/DOS COMUNICAZIONI VOLONTARI/DOSIl rispetto dell’organizzazione dei settori e dei ruoliIl rispetto dell’organizzazione dei settori e dei ruoli determina il trasferimento dei dati alle persone che lidetermina il trasferimento dei dati alle persone che li dovranno gestiredovranno gestire Fondamentale risulta la formazione e l’utilizzo proprioFondamentale risulta la formazione e l’utilizzo proprio dei mezzi di comunicazionedei mezzi di comunicazione il flusso di notizie correttamente gestito comportail flusso di notizie correttamente gestito comporta un’efficiente e sicura direzione delle operazioni diun’efficiente e sicura direzione delle operazioni di spegnimentospegnimento ognuno all’interno di questo processo riveste un ruoloognuno all’interno di questo processo riveste un ruolo fondamentalefondamentale

38. 3.3. VOLONTARI/DOSVOLONTARI/DOS ESEMPI DI COMUNICAZIONI Fraseologia standard 1.Fase di avvicinamento all’incendio FR01 da CAN 08: « Buongiorno, come ricevete?» CAN 08 da FR01: « Buongiorno, riceviamo 5/5, avanti» FR01 da CAN 08: « 5/5 anche per noi, prevenienti da Genova 3 miglia a sud in avvicinamento in vista dell’incendio» CAN 08 da FR01: « in vista . Vi informiamo, zona occupata da 2 elicotteri regionali 350 B3, un S 64 Geronimo» FR01 da CAN 08: «da questa posizione l’incendio ci sembra abbastanza attivo sulla parte superiore, effettueremo una ricognizione della zona, riportateci eventuale presenza di linee elettriche o altri ostacoli in zona» CAN 08 da FR01: « affermiamo, segnaliamo una linea elettrica ad alta tensione attraversante la zona dell’incendio da NE a SO ancora attiva, ed un traliccio con ponti radio sul lato S» FR01 da CAN 08: « ricevuto, in vista dell’altro traffico e degli ostacoli. Ci comunicate su quale frequenza stanno gli elicotteri e dove volete il primo lancio»

39. 3.3. VOLONTARI/DOSVOLONTARI/DOS ESEMPI DI COMUNICAZIONI Fraseologia standard 2. Lanci estinguente FR01 da CAN 08: « in avvicinamento, 1’ al lancio, confermate sul focolaio a N della strada?» CAN 08 da FR01: « negativo, vediamo delle fiamme che stanno interessando delle case sul lato E rispetto la linea elettrica, lanciate dove il fumo è più intenso, a vostre ore 2» FR01 da CAN 08: « ricevuto. Lancio non effettuato per presenza di personale nelle immediate vicinanze del fuoco. Provvedete a riportare zona libera» CAN 08 da FR01: « ricevuto. Rimanete in attesa» FR01 da CAN 08: «ricevuto. » CAN 08 da FR01: « zona libera. Autorizzato al lancio»

40. 3.3. VOLONTARI/DOSVOLONTARI/DOS ESEMPI DI COMUNICAZIONI Fraseologia standard

Add a comment