PSA - Aspetti del Quadro Normativo Italiano - Bontempi

67 %
33 %
Information about PSA - Aspetti del Quadro Normativo Italiano - Bontempi
Education

Published on March 10, 2014

Author: franco_bontempi_org_didattica

Source: slideshare.net

Description

Corso di Progettazione Strutturale Antincendio, Facolta' di Ingegneria Civile e Industriale, Universita' degli Studi di Roma La Sapienza - Franco Bontempi.

PSA: QUADRO NORMATIVO ITALIANO Prof. Ing. Franco Bontempi Ing. Chiara Crosti Facolta’ di Ingegneria Civile e Industriale Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza” 22/3/11 1 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Decreti Ministeriali • Ministero delle Infrastrutture: – DM 14/1/08 - NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (G.U. n. 29 del 4 febbraio 2008 - Suppl. Ordinario n. 30). 3/31/2011 2 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO • Ministero degli Interni / Ministero Industria, Commercio e Artigianato: – DM 16/2/82 – MODIFICAZIONI DEL D. M. 27 settembre 1965, CONCERNENTE LA DETERMINAZIONE DELLE ATTIVITA’ SOGGETTE ALLE VISITE DI PREVENZIONE INCENDI - (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982). www.francobontempi. org

Decreti Ministeriali • Ministero degli Interni: – DM 9/3/2007 - PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI NELLE ATTIVITA’ SOGGETTE AL CONTROLLO DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO (S.O.G.U. del 29/3/2007 n.87). – DM 16/2/2007 - CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI PRODOTTI ED ELEMENTI COSTRUTTIVI DI OPERE DA COSTRUZIONE - (S.O.G.U. del 29/3/2007 n. 87). – DM 9/5/07 – DIRETTIVE PER L’ATTUAZIONE DELL’APPROCCIO INGEGNERISTICO ALLA SICUREZZA ANTINCENDIO - (G.U. n. 117 del 22 maggio 2007). 3/31/2011 3 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

DUE DILIGENCE • Due diligence (also known as due care) is the effort made by an ordinarily prudent or reasonable party to avoid harm to another party. Failure to make this effort is considered negligence. • It is necessary to discover all risks and implications regarding a decision to be made • Due diligence is also a dynamic concept in that it is a constantly evolving standard of care that is determined by the requirements of law, industry standards as well as professional and other codes of practice. www.francobontempi. org 3/31/2011 4 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO

Italian Code for Constructions D.M. 14 settembre 2005www.francobontempi.org 5

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI Decreto Ministeriale 14/01/2008 (Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008 - Suppl. Ordinario n. 30) 22/3/11 6 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

D.M. 14 gennaio 2008 (1) 22/3/11 7 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

D.M. 14 gennaio 2008 (2) 22/3/11 8 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.1. Definizioni (1) 22/3/11 9 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.1. Definizioni (2) 22/3/11 10 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.1. Definizioni (3) 22/3/11 11 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.2. Richieste di prestazioni 22/3/11 12 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.3. Classi di resistenza al fuoco 22/3/11 13 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.4. Criteri di progettazione 22/3/11 14 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.5. Procedura di analisi di resistenza al fuoco 22/3/11 15 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.5.1. Incendio di progetto 22/3/11 16 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.5.2. Analisi dell’evoluzione della temperatura 22/3/11 17 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.5.3. Analisi del comportamento meccanico 22/3/11 18 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

3.6.1.5.4. Verifiche di resistenza 22/3/11 19 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

CIRCOLARE 2 febbraio 2009, n.617 Istruzioni per l’applicazione delle NTC D.M. 14 gennaio 2008 22/3/11 20 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI NELLE ATTIVITÀ SOGGETTE AL CONTROLLO DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Decreto del Ministro dell’Interno 9/3/2007 (S.O.G.U. del 29/3/2007 n.87) 22/3/11 21 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Art.1 - Oggetto e campo di applicazione • Il presente decreto stabilisce i criteri per determinare le prestazioni di resistenza al fuoco che devono possedere le costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei VV.F., ad esclusione delle attività per le quali tali prestazioni sono espressamente stabilite da specifiche regole tecniche di prevenzione incendi. • Le disposizioni del presente decreto si applicano alle attività i cui progetti sono presentati ai Comandi provinciali dei vigili del fuoco competenti per territorio, per l'acquisizione del parere di conformità di cui all'art. 2 del D.P.R. 12 gennaio 1998, n. 37. 22/3/11 22 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Art.2 – Obiettivi ... (1) • Al fine di limitare i rischi derivanti dagli incendi, le costruzioni devono essere progettate, realizzate e gestite in modo da garantire: 1. la stabilità degli elementi portanti per un tempo utile ad assicurare il soccorso agli occupanti; 2. la limitata propagazione del fuoco e dei fumi, anche riguardo alle opere vicine; 3. la possibilità che gli occupanti lascino l'opera indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo; 4. la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza. 22/3/11 23 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Art.2 - ... , strategie, ... (2) • I requisiti di protezione delle costruzioni dagli incendi, finalizzati al raggiungimento degli obiettivi suddetti, sono garantiti attraverso l'adozione di misure e sistemi di protezione attiva e passiva. • Tutte le misure e i sistemi di protezione, adottati nel progetto ed inseriti nella costruzione, devono essere adeguatamente progettati, realizzati e mantenuti secondo quanto prescritto dalle specifiche normative tecniche o dalle indicazioni fornite dal produttore al fine di garantirne le prestazioni nel tempo. 22/3/11 24 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Art.2 - ... , ... , responsabilita’ (3) • L'individuazione dei valori che assumono i parametri posti a base della determinazione delle azioni di progetto è a carico dei soggetti responsabili della progettazione. Il mantenimento delle condizioni che determinano l'individuazione dei suddetti valori è a carico dei titolari delle attività. 22/3/11 25 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Definizioni: incendio h) INCENDIO CONVENZIONALE DI PROGETTO: incendio definito attraverso una curva di incendio che rappresenta l’andamento, in funzione del tempo, della temperatura media dei gas di combustione nell’intorno della superficie degli elementi costruttivi. La curva di incendio di progetto può essere: - nominale: curva adottata per la classificazione delle costruzioni e per le verifiche di resistenza al fuoco di tipo convenzionale; - naturale: curva determinata in base a modelli d’incendio e a parametri fisici che definiscono le variabili di stato all’interno del compartimento. i) INCENDIO LOCALIZZATO: focolaio d’incendio che interessa una zona limitata del compartimento antincendio, con sviluppo di calore concentrato in prossimità degli elementi costruttivi posti superiormente al focolaio o immediatamente adiacenti. 22/3/11 26 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Definizioni: carico d’incendio c) CARICO DI INCENDIO: potenziale termico netto della totalità dei materiali combustibili contenuti in uno spazio corretto in base ai parametri indicativi della partecipazione alla combustione dei singoli materiali. Il carico di incendio è espresso in MJ; convenzionalmente 1 MJ è assunto pari a 0,054 chilogrammi di legna equivalente. d) CARICO D’INCENDIO SPECIFICO: carico di incendio riferito all’unità di superficie lorda. E’ espresso in MJ/m2. e) CARICO D’INCENDIO SPECIFICO DI PROGETTO: carico d’incendio specifico corretto in base ai parametri indicatori del rischio di incendio del compartimento e dei fattori relativi alle misure di protezione presenti. Esso costituisce la grandezza di riferimento per le valutazioni della resistenza al fuoco delle costruzioni. 22/3/11 27 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Definizioni: compartimentazione a) CAPACITÀ DI COMPARTIMENTAZIONE IN CASO D’INCENDIO: attitudine di un elemento costruttivo a conservare, sotto l’azione del fuoco, oltre alla propria stabilità, un sufficiente isolamento termico ed una sufficiente tenuta ai fumi e ai gas caldi della combustione, nonché tutte le altre prestazioni se richieste. g) COMPARTIMENTO ANTINCENDIO: parte della costruzione organizzata per rispondere alle esigenze della sicurezza in caso di incendio e delimitata da elementi costruttivi idonei a garantire, sotto l’azione del fuoco e per un dato intervallo di tempo, la capacità di compartimentazione. k) SUPERFICIE IN PIANTA LORDA DI UN COMPARTIMENTO: superficie in pianta compresa entro il perimetro interno delle pareti delimitanti il compartimento. 22/3/11 28 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Definizioni: resistenza b) CAPACITÀ PORTANTE IN CASO DI INCENDIO: attitudine della struttura, di una parte della struttura o di un elemento strutturale a conservare una sufficiente resistenza meccanica sotto l’azione del fuoco con riferimento alle altre azioni agenti. j) RESISTENZA AL FUOCO: una delle fondamentali strategie di protezione da perseguire per garantire un adeguato livello di sicurezza della costruzione in condizioni di incendio. Essa riguarda la capacità portante in caso di incendio, per una struttura, per una parte della struttura o per un elemento strutturale nonché la capacità di compartimentazione rispetto all’incendio per gli elementi di separazione sia strutturali, come muri e solai, sia non strutturali, come porte e tramezzi 22/3/11 29 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

CARICO DI INCENDIO SPECIFICO DI PROGETTO 22/3/11 30 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

22/3/11 31 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

22/3/11 32 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

RICHIESTE DI PRESTAZIONE 22/3/11 33 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Livello II di prestazione 22/3/11 34 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Livello III di prestazione 22/3/11 35 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

SCENARI E INCENDI CONVENZIONALI DI PROGETTO 22/3/11 36 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Curve nominali di incendio 22/3/11 37 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Curve naturali di incendio (1) 22/3/11 38 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Curve naturali di incendio (2) 22/3/11 39 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI RESISTENTI AL FUOCO (1) 22/3/11 40 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI RESISTENTI AL FUOCO (2) 22/3/11 41 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI PRODOTTI ED ELEMENTI COSTRUTTIVI DI OPERE DA COSTRUZIONE. Decreto del Ministro dell’Interno 16/2/2007 (S.O.G.U. del 29/3/2007 n. 87) 22/3/11 42 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Campo di applicazione • Il presente decreto si applica ai prodotti e agli elementi costruttivi per i quali è prescritto il requisito di resistenza al fuoco ai fini della sicurezza in caso d'incendio delle opere in cui sono inseriti. • È considerato «prodotto da costruzione» qualsiasi prodotto fabbricato al fine di essere permanentemente incorporato in elementi costruttivi o opere da costruzione. • Le «opere da costruzione» o «opere» comprendono gli edifici e le opere di ingegneria civile. • Ai fini del presente decreto le parti e gli elementi di opere da costruzione, composte da uno o più prodotti anche non aventi specifici requisiti di resistenza al fuoco, sono definite «elementi costruttivi».22/3/11 43 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Classificazione di resistenza al fuoco • I prodotti e gli elementi costruttivi sono classificati in base alle loro caratteristiche di resistenza al fuoco, secondo i simboli e le classi indicate nelle tabelle dell'allegato A al presente decreto. • Le prestazioni di resistenza al fuoco dei prodotti e degli elementi costruttivi possono essere determinate in base ai risultati di: a) prove (allegato B); b) calcoli (allegato C); c) confronti con tabelle (allegato D). 22/3/11 44 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Simboli 22/3/11 45 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Allegato B – Modalità per la classificazione in base ai risultati di prove (1) 22/3/11 46 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Allegato B – Modalità per la classificazione in base ai risultati di prove (2) 22/3/11 47 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Allegato C – Modalità per la classificazione in base ai risultati di calcoli (1) 22/3/11 48 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Allegato C – Modalità per la classificazione in base ai risultati di calcoli (2) 22/3/11 49 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

DIRETTIVE PER L’ATTUAZIONE DELL’APPROCCIO INGEGNERISTICO ALLA SICUREZZA ANTINCENDIO Decreto del Ministro dell’Interno 9 maggio 2007 (G.U. n. 117 del 22 maggio 2007) 22/3/11 50 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Art.1 - Oggetto • definisce gli aspetti procedurali e i criteri da adottare per valutare il livello di rischio e progettare le conseguenti misure compensative, utilizzando, in alternativa a quanto previsto dal decreto del Ministro dell’interno 4 maggio 1998, l’approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio, al fine di soddisfare gli obiettivi della prevenzione incendi. 22/3/11 51 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Art.2 - Campo di applicazione (1) • in presenza di insediamenti di tipo complesso o a tecnologia avanzata, di edifici di particolare rilevanza architettonica e/o costruttiva, ivi compresi quelli pregevoli per arte o storia o ubicati in ambiti urbanistici di particolare specificità, la metodologia descritta nel presente decreto può essere applicata: 22/3/11 52 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Art.2 - Campo di applicazione (2) per la individuazione dei provvedimenti da adottare ai fini del rilascio del certificato di prevenzione incendi nel caso di attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio; per la individuazione delle misure di sicurezza che si ritengono idonee a compensare il rischio aggiuntivo nell’ambito del procedimento di deroga di cui all’art. 6 del decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37. 22/3/11 53 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Art.6 - Sistema di gestione della sicurezza antincendio • la progettazione antincendio eseguita mediante l’approccio ingegneristico comporta la necessità di elaborare un documento contenente il programma per l’attuazione del sistema di gestione della sicurezza antincendio (di seguito denominato SGSA) tenuto conto che le scelte e le ipotesi poste a base del progetto costituiscono vincoli e limitazioni imprescindibili per l’esercizio dell’attività. 22/3/11 54 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Definizioni (1) • curva di rilascio termico (Heat Release Rate - HRR): energia termica emessa da un focolare o da un incendio per unità di tempo; è espressa in W; • incendio di progetto: descrizione quantitativa di un focolare previsto all'interno di uno scenario di incendio; • livelli di prestazione: criteri di tipo quantitativo e qualitativo rispetto ai quali si può svolgere una valutazione di sicurezza; • processo prestazionale: processo finalizzato a raggiungere obiettivi e livelli di prestazione specifici; 22/3/11 55 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Definizioni (2) • scenario di incendio: descrizione qualitativa dell'evoluzione di un incendio che individua gli eventi chiave che lo caratterizzano e che lo differenziano dagli altri incendi. Di solito può comprendere le seguenti fasi: innesco, crescita, incendio pienamente sviluppato, decadimento. Deve inoltre definire l’ambiente nel quale si sviluppa l’incendio di progetto ed i sistemi che possono avere impatto sulla sua evoluzione, come ad esempio eventuali impianti di protezione attiva; • scenario di incendio di progetto: specifico scenario di incendio per il quale viene svolta l’analisi utilizzando l’approccio ingegneristico. 22/3/11 56 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Generalita’ • L’approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio è caratterizzato da una prima fase in cui sono formalizzati i passaggi che conducono ad individuare le condizioni più rappresentative del rischio al quale l’attività è esposta e quali sono i livelli di prestazione cui riferirsi in relazione agli obiettivi di sicurezza da perseguire. • Al termine della prima fase deve essere redatto un sommario tecnico, firmato congiuntamente dal progettista e dal titolare dell’attività, ove è sintetizzato il processo seguito per individuare gli scenari di incendio di progetto ed i livelli di prestazione. • Definiti gli scenari di incendio, nella seconda fase dell’iter progettuale si passa al calcolo, e cioè all’analisi quantitativa degli effetti dell’incendio in relazione agli obiettivi assunti, confrontando i risultati ottenuti con i livelli di prestazione già individuati e definendo il progetto da sottoporre a definitiva approvazione. 22/3/11 57 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Analisi preliminare (I fase) 1. Definizione del progetto; 2. Identificazione degli obiettivi di sicurezza antincendio; 3. Individuazione dei livelli di prestazione; 4. Individuazione degli scenari di incendio di progetto. 22/3/11 58 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Identificazione degli obiettivi di sicurezza antincendio / dei livelli di prestazione 1. In questa fase sono identificati ed esplicitati gli obiettivi di sicurezza antincendio in conformità alle vigenti disposizioni in materia di prevenzione incendi ed in relazione alle specifiche esigenze dell’attività in esame, ivi compresa la sicurezza delle squadre di soccorso. Gli obiettivi servono quindi come capisaldi di riferimento per stabilire i livelli di prestazione. 2. In relazione agli obiettivi di sicurezza individuati, il progettista deve indicare quali sono i parametri significativi presi a riferimento per garantire il soddisfacimento degli stessi obiettivi 3. Successivamente devono essere quantificati i livelli di prestazione. I valori numerici rispetto ai quali verificare i risultati attesi dal progetto possono essere desunti dalla letteratura tecnica condivisa tra cui si citano, ISO/TR 13387, BS 7974.22/3/11 59 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Scenari d’incendio = proiezioni dei possibili eventi di incendio. • Nel processo di individuazione degli scenari di incendio di progetto, devono essere valutati gli incendi realisticamente ipotizzabili nelle condizioni di esercizio previste, scegliendo i più gravosi per lo sviluppo e la propagazione dell’incendio, la conseguente sollecitazione strutturale, la salvaguardia degli occupanti e la sicurezza delle squadre di soccorso. 22/3/11 60 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Condizioni per gli scenari d’incendio • stato, tipo e quantitativo del combustibile; • configurazione e posizione del combustibile; • tasso di crescita del fuoco e picco della potenza termica rilasciata (HRR max); • tasso di sviluppo dei prodotti della combustione; • caratteristiche dell’edificio (geometria del locale, condizioni di ventilazione interna ed esterna, • stato delle porte e delle finestre, eventuale rottura di vetri, ecc.); • condizioni delle persone presenti (affollamento, stato psico- fisico, presenza di disabili, ecc.). 22/3/11 61 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Analisi quantitativa (II fase) 1. Scelta dei modelli; 2. Risultati delle elaborazioni; 3. Individuazione del progetto finale; 4. Documentazione di progetto 22/3/11 62 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Sistema di gestione della sicurezza antincendio (SGSA) • La metodologia prestazionale, basandosi sull’individuazione delle misure di protezione effettuata mediante scenari di incendio valutati ad hoc, richiede, affinché non ci sia una riduzione del livello di sicurezza prescelto, un attento mantenimento nel tempo di tutti i parametri posti alla base della scelta sia degli scenari che dei progetti. • Conseguentemente è necessario che venga posto in atto un sistema di gestione della sicurezza antincendio definito attraverso uno specifico documento presentato all’organo di controllo fin dalla fase di approvazione del progetto e da sottoporre a verifiche periodiche. • Si richiama pertanto l’attenzione sulla circostanza che l’uso dell’opera nel rispetto delle limitazioni ipotizzate, del mantenimento delle misure di protezione previste e della gestione di eventuali modifiche, impone la realizzazione di un SGSA adeguato all’importanza dell’opera stessa. 22/3/11 63 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

Punti specifici del SGSA • Nell’ambito del programma per l’attuazione del SGSA devono essere valutati ed esplicitati i provvedimenti presi relativamente ai seguenti punti:  organizzazione del personale;  identificazione e valutazione dei pericoli derivanti dall’attività;  controllo operativo;  gestione delle modifiche;  pianificazione di emergenza;  sicurezza delle squadre di soccorso;  controllo delle prestazioni;  manutenzione dei sistemi di protezione;  controllo e revisione. 22/3/11 64 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

MODIFICAZIONI DEL D. M. 27 SETTEMBRE 1965, CONCERNENTE LA DETERMINAZIONE DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE DI PREVENZIONE INCENDI Decreto Ministeriale 16 febbraio 1982 (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982) 22/3/11 65 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

COSA • I locali, le attività, i depositi, gli impianti e le industrie pericolose i cui progetti sono soggetti all'esame e parere preventivo dei comandi provinciali dei vigili del fuoco ed il cui esercizio è soggetto a visita e controllo ai fini del rilascio del «Certificato di prevenzione incendi», nonché la periodicità delle visite successive, sono determinati come dall'elenco allegato che, controfirmato dal Ministro dell'interno e dal Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, forma parte integrante del presente decreto. 22/3/11 66 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

CHI • I responsabili delle attività soggette alle visite ed ai controlli di prevenzione incendi di cui al presente decreto hanno l'obbligo di richiedere il rinnovo del «Certificato di prevenzione incendi» quando vi sono modifiche di lavorazione o di struttura, nei casi di nuova destinazione dei locali o di variazioni qualitative e quantitative delle sostanze pericolose esistenti negli stabilimenti o depositi, e ogniqualvolta vengano a mutare le condizioni di sicurezza precedentemente accertate indipendentemente dalla data di scadenza dei certificati già rilasciati. 22/3/11 67 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

22/3/11 68 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

22/3/11 69 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

22/3/11 70 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

22/3/11 71 PROGETTAZIONE STRUTTURALE ANTINCENDIO www.francobontempi. org

72 72

73 StroNGER S.r.l. Research Spin-off for Structures of the Next Generation Energy Harvesting and Resilience Rome – Athens – Milan – Nice Cote Azur Sede operativa: Via Giacomo Peroni 442-444, Tecnopolo Tiburtino, 00131 Roma (ITALY) – info@stronger2012.com

Add a comment

Related presentations

Related pages

PSA - Aspetti del Quadro Normativo Italiano - Bontempi ...

1. PSA: QUADRO NORMATIVO ITALIANO Prof. Ing. Franco Bontempi Ing. Chiara Crosti Facolta’ di Ingegneria Civile e Industriale Universita’ degli ...
Read more

SICUREZZA E PRESTAZIONI DELLE STRUTTURE COME RISULTATO DI ...

alcuni aspetti del quadro normativo delineato ... include per l’Italia entrambi gli aspetti di ... all’interno del quadro prestazionale ...
Read more

Organizzato da: Commissione Tecnica per la Sicurezza delle ...

... Saint Gobain; Hempel Italia; International Paint Italia ... Ministero dell’Interno (a.r.) Franco Bontempi, ... evoluzione del quadro normativo ...
Read more

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 700 ...

Descrizione del quadro normativo sull’informazione ... sono riservati al di fuori dell’Italia. ... del quadro normativo ma che non riconosca gli aspetti .
Read more

PSA - Natura accidentale dell'Azione Incendio e ...

Download PSA - Natura accidentale dell'Azione Incendio e ... Caratteristiche del Fenomeno Incendio - Bontempi ... PSA - Aspetti del Quadro Normativo ...
Read more

COMMISSIONE EUROPEA - European Commission | Choose your ...

interessate sul riesame dell’attuale quadro normativo in materia di protezione dei dati 5 COM ... Sintesi degli aspetti inerenti ai diritti fondamentali
Read more

LA STATICA DEGLI ALLESTIMENTI TEMPORANEI PER EVENTI ...

LA STATICA DEGLI ALLESTIMENTI TEMPORANEI PER EVENTI Quadro normativo e verifiche di sicurezza Venerdì 10 ottobre 2014 Aula del Chiostro Facoltà ...
Read more