Presentazione vitulli imballaggio cellulosa firenze 2014

50 %
50 %
Information about Presentazione vitulli imballaggio cellulosa firenze 2014

Published on March 5, 2014

Author: marinellavitulli

Source: slideshare.net

Giornate di studio IMBALLAGGIO IN CELLULOSA Environmental e food contact compliance Definizione e valutazione della conformità di articoli in carta e cartone, dalle materie prime, al processo al prodotto: qualità totale per rispondere alle numerose normative applicabili a carta e cartone. Firenze 26-27 febbraio 2014 Marinella Vitulli Food Contact Expert – AIBO n°035 Direttore Laboratorio EcolStudio SpA

L’etica al servizio del business Laboratorio analisi Qualità Sicurezza Ambiente Formazione SEDE OPERATIVA: Ecol Studio S.p.A. Via dei Bichi, 293 - 55100 Lucca Tel 0583.40011 – Fax 0583.400300 Ecol Studio S.p.A. www.ecolstudio.com info@ecolstudio.com SEDE LEGALE: Via Bronzino, 9 – 20133 Milano (Italia) C.F./P.IVA 01484940463 – Iscr. Reg. Imprese Milano 01484940463 – Cap. Soc. 1.000.000,00 i.v.

COMPANY PROFILE • • • • Da 30 anni Ecol Studio costituisce una delle realtà più avanzate in Italia e in Europa nel campo dei laboratori di analisi, delle consulenze aziendali e della formazione nei settori: • • • • Ambiente & Energia Salute & Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Certificazioni & Sistemi di Gestione Medicina del Lavoro • Un servizio a 360 °: • un know how consolidato da un’esperienza trentennale e dal continuo aggiornamento,che rendono Ecol Studio un unico interlocutore altamente qualificato, in grado di garantire un servizio “one stop shop” ai propri clienti.

LABORATORIO DI ANALISI • Il laboratorio di analisi di Ecol Studio è accreditato ACCREDIA n° 0130 secondo l’attuale Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025.Il Laboratorio ha inoltre ottenuto una serie di riconoscimenti e certificazioni da parte del Ministero della Salute, del Ministero delle attività produttive, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Agricoltura, della Regione Toscana, per l’esecuzione di particolari prove analitiche. • Settore ambientale emissioni in atmosfera, igiene industriale, ecc. • Settore fisico valutazione e misura dell’esposizione a rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici, radiazioni ottiche artificiali, ecc. • Settore chimico-rifiuti esecuzione di test chimici su matrici solide (terreni, fanghi, rifiuti, compost, …), classificazione dei rifiuti, ecc. • Settore chimico-acque esecuzione di test chimici si matrici liquide (acque destinate al consumo umano, acque naturali, acque di scarico, acque sotterranee, …) ecc. • Settore microbiologia analisi microbiologiche su alimenti, carta, acque potabili, matrici ambientali. Prove eco-tossicologiche

LABORATORIO DI ANALISI • Laboratorio Carta - MCA - Beni di consumo Verifiche di idoneità di tessuti, carta, oggettistica, materiali a contatto con alimenti e articoli destinati all’uso personale, prove relative alla presenza/migrazione di sostanze nocive e valutazione di rischio tossicologico, analisi microbiologiche e chimiche su carta e cartone, vetro e ceramica, plastiche, materiali metallici ecc. 30 anni di esperienza sulle verifiche di prodotto e processo nel settore cartario

CONSULENZA Settore Consulenza – assistenza sviluppo prodotto Attività legate a gli aspetti produttivi a 360° - prodotto e processo - depurazione delle acque -emissioni -analisi di caratterizzazione e sviluppo materiali in collaborazione con Spin PET Settore Consulenza - Certificazioni - Ottenimento Marchio Ecolabel, - Certificazioni PEFC/FSC, - Sviluppo di sistemi IFS, BRC, BRC/IOP, - Sviluppo di GMP secondo la 2023:2006, - Dichiarazioni di conformità (redazione e verifica), - Esecuzione di Audit

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Definizione e valutazione della conformità di articoli in carta e cartone, dalle materie prime, al processo al prodotto: qualità totale per rispondere alle numerose normative applicabili a carta e cartone. I materiali e gli oggetti fabbricati con carta e cartone vengono da sempre utilizzati con grande successo, e sono garanzia di sicurezza, per una vasta gamma di impieghi nel settore dell’industria che produce gli alimenti.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Il segreto di questo successo? Evidentemente offrono buone prestazioni e sono ben fabbricati, grazie a buone procedure Nel corso degli anni sono state emanate linee guida sulle Buone Pratiche di Fabbricazione (Good Manufacturing Practice = GMP) da alcuni settori industriali ma senza un coordinamento e soprattutto prive di un carattere di cogenza. Per garantire l’uniformità è stato quindi necessario stabilire specifici obblighi per gli operatori del settore che troviamo descritti all’interno del Regolamento 2023/2006/CE. Il fatto che le GMP siano obbligatorie si deduce peraltro già dal Regolamento “Quadro” 1935/2004/CE che all’Articolo 3 stabilisce che i materiali e gli oggetti, compresi i materiali e gli oggetti attivi ed intelligenti, devono essere prodotti conformemente alle GMP

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Quello che è divenuto un obbligo di legge è in realtà un principio cardine delle aziende manufatturiere che hanno la necessità di produrre generando alti profitti e riducendo gli sprechi. Un sistema di assicurazione e controllo qualità adeguato è un requisito fondamentale per l’esercizio nelle aziende del sempre più diffuso approccio alla Qualità Totale (in inglese "Total Quality Management") che è un modello organizzativo adottato da tutte le aziende leader mondiali e rappresenta una svolta importante nella gestione della qualità. Il termine "Qualità totale" deriva in realtà da una errata traduzione dell'inglese "Total quality management": la corretta traduzione è 'Gestione totale della qualità', ovvero la qualità va tenuta in considerazione in ognuno dei suoi molteplici aspetti.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Il Regolamento CE 2023:2006 stabilisce requisiti e indicazioni generali; ci sono numerosi documenti che possono aiutare nello strutturare un sistema qualità adeguato nel settore cartario: 1) SISTEMI E DOCUMENTI GENERALI: Sistemi ISO 9001 EN 15593 - Packaging - Management of Hygiene in the Production of Packaging for Foodstuffs BRC/IoP Global Standard for Packaging and Packaging Materials CAST- Linee guida per l’applicazione del Regolamento 2023/2006/CE alla filiera dei materiali e oggetti destinati al contatto con gli alimenti (2009) CAST 2 - Linee guida per il riscontro documentale sull’applicazione del Regolamento (CE) n.2023/2006 (2013) (CAST = contatto alimentare sicurezza tecnologia)

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti 2) SISTEMI E DOCUMENTI SPECIFICI PER IL SETTORE CARTARIO: CEPI INDUSTRY GUIDELINES: Paper & Board Materials and Articles for Food Contact - Issue 2 September 2012 Good Manufacturing Practice for the Manufacture of Paper and Board for Food Contact Issue 1 September 2010 COUNCIL OF EUROPE POLICY STATEMENT CONCERNING TISSUE PAPER KITCHEN TOWELS AND NAPKINS Version 1 –22.09.2004 RESOLUTION AP (2002) 1 on paper and board materials and articles intended to come into contact with foodstuffs (rev 4 2009) NECESSITA’ DI PROCEDURE ADEGUATE

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti E’ quindi essenziale la gestione di una procedura di convalida fornitore e verifica materie prime. In tale procedura fondamentale è la definizione di schede tecniche e specifiche di acquisto e fornitura, nella quali in maniera dettagliata si stabiliscono valori target, parametri indicatori, caratteristiche chimico fisiche dei materiali ed eventuale range di variabilità consentito. Tali specifiche vanno a costituire il capitolato di fornitura standard, e si stabiliscono condizioni ed eventualmente richieste di verifica e certificati al ricevimento della merce, in linea con le consuete dinamiche dei rapporti B2B. CEPI GMP Paper and Board for Food Contact - 2010

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Quali le Materie Prime coinvolte nel processo cartario? Quali i controlli? Una accurata descrizione del Sistema qualità e dell’importanza della selezione delle materia prime è contenuta nei documenti del CAST 1 e 2, che distinguono tra ditte di produzione e ditte di trasformazione. Vediamo gli esempi riportati: PRODUZIONE: in ambito di produzione il processo è caratterizzato dalle seguenti fasi:

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti continua……

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti TRASFORMAZIONE : in ambito di trasformazione il processo è caratterizzato dalle seguenti fasi: (Esempio per produzione di Astucci in cartoncino)

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti TRASFORMAZIONE: in ambito di trasformazione il processo è caratterizzato dalle seguenti fasi: (Esempio per produzione di scatole in cartone ondulato)

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti TRASFORMAZIONE: Esempio per produzione di sacchi di carta

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Come operare la selezione dei fornitori per le materie prime citate? Vediamo una delle schede riportate nel Cast 2 procedura

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Laboratori Metodi validati

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Una breve riflessione sul concetto riportato nel CAST relativo al fatto che le prove vanno effettuate secondo metodi di test codificati (metodi validati tra laboratori o internamente, metodi interni, norme standard) Attenzione ai metodi, alle condizioni di prova, al campionamento, allo stoccaggio e al trasporto dei campioni destinati ad essere testati. METODI DIFFERENTI E CONDIZIONI DI PROVA DIFFERENTI POSSONO FORNIRE RISULTATI DIFFERENTI E’ LA PRODUZIONE DI ANALISI E’ UN PROCESSO MOLTO COMPLICATO!

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Quali metodi si possono usare per caratterizzare le materie prime del processo cartario? Ci sono numerosi metodi ufficiali metodi ISO, DIN, SCAN ASTM, TAPPI, Aticelca etc… Talvolta è necessario validare internamente o tra laboratori le metodiche di prova, o condividere i particolari relativamente a metodi ufficiali Per confrontare ed interpretare criticamente i risultati dei test è necessario, come per altri aspetti, un dialogo di filiera e una collaborazione tra produttori, clienti e laboratori terzi quando questi vengono coinvolti nel controllo dei fornitori

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Passiamo ora ai controlli: Quanti materiali abbiamo visto citati negli esempi del Cast? cellulose, pasta per carta carta da macero selezionata sostanze ausiliarie sostanze di carica coadiuvanti di processo patinanti colle resine coloranti, inchiostri e vernici Film plastico….. Ma non dimentichiamoci uno dei parametri fondamentali tra gli ingredienti della carta… L’acqua! Come possiamo controllare tutti questi “ingredienti” fondamentali?

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Passiamo a valutare i controlli eseguibili, distinguendo in tre grandi categorie: se consideriamo una cartiera, il processo può essere così schematizzato: ACQUA CELLULOSA “CHIMICI” L’acqua è uno degli ingredienti principali!

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Che tipo di acqua viene utilizzata in cartiera? Fondamentalmente si tratta di acque superficiali e acque di falda. L’acqua può essere inserita a ragione tra le principali materie prime dell’industria cartaria in quanto elemento caratteristico ed imprescindibile del processo produttivo della carta. In essa avviene, infatti, la movimentazione e la distribuzione delle fibre che vanno poi a formare la trama del foglio di carta; da essa dipendono quindi, in larga misura, le caratteristiche tecniche del prodotto che si ottiene e la possibilità di usare date tecnologie o materie prime.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Fondamentale è il controllo periodico di parametri chimici e microbiologici. L’acqua utilizzata nel processo deve essere priva di impurità e rispettare precisi parametri chimico-fisici (come il pH, la conducibilità e la durezza) e microbiologici. La presenza di sostanze organiche residue, in particolare, può interferire con l’azione di molti additivi e causare problemi di impatto ambientale sulla gestione dei reflui, per cui viene attentamente monitorata mediante analisi con il metodo del COD (Chemical Oxygen Demand, richiesta di ossigeno per l’ossidazione chimica totale della sostanza organica presente). Questi controlli sono spesso eseguiti nelle varie tine di raccolta acque.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Passiamo poi all’ingrediente più importante: La cellulosa. Può essere caratterizzata in numerosi modi; chiariamo però che non rientra nell’applicazione della 2023:2006 CE, che esclude le sostanze di partenza, come riportato nel Cast, che la definisce in realtà “materiale” di partenza

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Assocarta in una comunicato del Febbraio 2013 ha chiarito che “la pasta per carta o “cellulose pulp (polpa di cellulosa)” è una sostanza identificata da un numero CAS 65996-61-4 ed EINECS 265-995-8. Nella definizione data dall’EINECS si chiarisce che è una sostanza complessa, e il Regolamento Reach inserisce la polpa di cellulosa nell’allegato IV tra le sostanze escluse, riconoscendone quindi la caratteristica di sostanza. Le caratteristiche meccaniche della carta, sono strettamente legate alla tipologia di cellulosa utilizzata, descrivibile in base a due grosse famiglie: quella delle fibre corte ( provenienti da latifoglie) e quella delle fibre lunghe (provenienti da conifere) che a sua volta possono essere distinte in funzione del processo estrattivo ( solfato e solfito) e della sbianca (TCF ed ECF).

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Commercialmente quindi le cellulose vengono valutate in base a diverse caratteristiche; la tipologia di fibra e la lunghezza delle fibre sono tra i parametri più importanti. Le fibre possono essere identificate mediante microscopia ottica, utilizzando specifici reattivi. Norme di riferimento: TAPPI Standard T 401 om-81 SCAN-G 3:71 ASTM D 1030-76

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti In relazione alla lunghezza della fibra, è possibile avere un’indicazione generale sulla loro provenienza: -Fibre corte: dalle latifoglie del Sud Europa, Sud America e Nord Africa; -Fibre lunghe: dalle conifere della Scandinavia, Nord America ,Est Europa

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti La qualità relativa al processo di sbiancamento può essere determinata tramite la prova dell’OX, Total chlorine and organically bound chlorine - ISO 11480:1997. La norma descrive un metodo per la determinazione del contenuto di cloro totale e di cloro organico contenuto in impasti, carte e cartoni. Si esegue la determinazione della quantità di cloro nel campione per combustione ad alta temperatura, in condizione controllate, all’interno di un tubo di quarzo. I gas di combustione passano nella soluzione elettrolita dove tutto il cloro, una volta trasformato in acido cloridrico, è assorbito e dosato per microcoulometria. (Per determinare la quantità di cloro organico, i composti clorati inorganici sono estratti con acido nitrico prima della combustione) TCF OX secondo ISO 11480:1997 ECF-light ECF <30 Mg/kg <60 Mg/kg <200 Mg/kg

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Ogni cellulosa ha una propria scheda tecnica da cui è possibile rilevare informazioni quali: -% di ceneri residue; -tipologia e sequenza di sbianca; -grado di bianco UNI 7623:1986 (ISO 2470-77, con photovolt) -Umidità -Lunghezza delle fibre -Viscosità (di soluzione 0,5% di cellulosa, met. Tappi T230 om-13) -resistenza a trazione ecc.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Altro ingrediente: carta da macero Nell’ambito del settore cartario, su circa 6,23 milioni di tonnellate di macero raccolto nel 2012, 4,65 milioni sono riciclati in Italia mentre 1,58 milione (netto tra import di 351.100 ed export di 1.93 milioni) viene esportato, pari a circa il 25% del materiale raccolto (Fonte Assocarta). LINEE GUIDA per la valutazione dell’idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo La norma di riferimento è la UNI EN 13430-2005: Requisiti per imballaggi recuperabili per riciclo di materiali La norma di riferimento per carta e cartone è la EN 643:2001, attualmente in revisione, prEN 643:2011

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Verifica dei “chimici”: di cosa stiamo parlando esattamente e quali i parametri critici da tenere sotto controllo? - Cationizzanti (pH viscosità); - Ritentivi (densità, viscosità ); - Flocculanti (peso specifico, viscosità, pH); - Ausiliari per il “coating” (% solidi, pH); - Resine per la reisistenza ad umido (viscosità, % solidi, pH) - Ammorbidenti (densità ); -Coloranti (delta E, pH). -Inchiostri ( viscosità, % solidi, pH) -Colle( viscosità, % solidi, pH)

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Come detto per i parametri critici è necessario definire dei valori target (in base alle schede tecniche e allo storico dei controlli) e definire per ognuno di essi una tolleranza, oltre la quale respingere il prodotto. VEDIAMO QUALCHE ESEMPIO E METODO DI PROVA Analizzando la slide precedente si può notare che molti dei “chimici” in questione sono caratterizzati da: viscosità, % solidi, pH Per queste grandezze sono disponibili molti metodi ufficiali, anche se molti produttori utilizzano metodiche interne che spesso abbiamo dovuto valutare e recepire per avere risultati confrontabili

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Solidi totali: Metodi convenzionali per la misurazione del residuo secco (residuo secco a 105°C) Alternativa rapida: metodo indiretto rifrattometrico

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Viscosità: Esistono alcune norme di riferimento utilizzabili: La UNI EN 12092:2003, dedicata agli adesivi, descrive ben sei tecniche differenti:

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Per la scelta del metodo è necessario valutare il tipo di fluido (newtoniano e non newtoniano) e il valore atteso. Per gli inchiostri i metodi più utilizzati sono i metodi manuali basati sui viscosimetri a tazza (si misura la velocità di deflusso del fluido) tazza Shell tazza Zhan

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti I viscosimetri di tipo Brookfield sono di tipo rotazionale: misurano il momento torcente necessario per far girare un elemento immerso in un fluido, dando una misura rigorosa per quanto riguarda i fluidi newtoniani, mentre forniscono valori indicativi per quanto riguarda i fluidi non-newtoniani. (Un fluido si definisce newtoniano se la sua viscosità non varia con la velocità con cui viene misurata). La viscosità rappresenta la misura dell’attrito interno di un fluido, provocato dall’attrazione molecolare, che lo costringe a resistere alla tendenza di scorrere. Gli inchiostri sono fluidi non newtoniani, per questo è preferibile utilizzare i metodi precedentemente descritti.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Per gli altri “chimici” in questione i produttori utilizzano soprattutto la misura con il metodo Brookfield. E’ fondamentale che le prove riportino, come da UNI EN 12092:2003: Dalla scheda tecnica di un adesivo: Altri fornitori di “chimici” fanno riferimento alla norma UNI EN ISO 2555 che prevede il metodo Brookfield.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti La misura del PH è una delle prove più eseguite nei laboratori di analisi Come da definizione: Apparentemente è una prova semplicissima, di quelle “a prova di bomba” dove non ci sono dubbi e un valore riportato in scheda tecnica è verificabile senza difficoltà. Ma siamo proprio certi che sia così? Riporto una frase riportata su un documento fornitoci da una dei produttori di “chimici” con i quali collaboriamo: Verificare sul bollettino tecnico come deve essere eseguita la misurazione del pH (se su prodotto tal quale o dopo diluizione).

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti In parte ci vengono in aiuto le norme tecniche, alle quali purtroppo non tutti fanno riferimento Innanzitutto, attenzione alla temperatura: Secondo la norma il PH si misura sul prodotto tal quale o su una opportuna diluizione? Solo indicazioni generali! Si torna alla necessità di un intenso dialogo di filiera!

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Per ottenere, confrontare ed interpretare criticamente i risultati dei controlli è necessario, come per altri aspetti, un dialogo di filiera e una collaborazione tra produttori, clienti e laboratori terzi

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Abbiamo parlato di controllo di parametri chimico fisici delle materie prime, controlli fondamentali per determinare la qualità del prodotto finito. E LA SICUREZZA? E’ possibile tramite il controllo delle materie prime prevenire problemi di sicurezza del prodotto finito? E’ possibile verificare la composizione e la tendenza delle materie prime a cedere sostanze tossiche, sostanze che potrebbero portare al mancato rispetto dell’Articolo 3 del Regolamento 1935/2004/CE? Fermo restando che non si può scongiurare nel prodotto la presenza di NIAS eseguendo esclusivamente l’analisi delle sostanze aggiunte, il risk assessment sul prodotto finito deve comprendere anche verifiche di sicurezza delle sostanze volontariamente aggiunte, poiché esistono anche i NIAM

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Quali i documenti di riferimento che possono aiutare a valutare quali sostanze devono comporre le materie prime del settore carta-cartone? Esistono liste positive? Ci sono numerose deroghe e eccezioni! Un esempio: SEZIONE C DM 22 dic ‘67 : Per la colorazione o per la stampa della carta e degli imballaggi .. possono essere impiegati: a) i coloranti per la colorazione di massa elencati nella Sezione A/I;( Vedi ora l’allegato III del D.M. 27 febbraio 1996, n. 209 dove è riportato l’elenco dei coloranti alimentari ammessi) (VEDI ALLEGATO) b) altri coloranti purché incorporati nella carta e negli imballaggi in modo tale da non essere cociuti all'alimento e, comunque, in maniera tale da resistere alle prove di cessione qui sotto riportate…..

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Anche le risoluzioni del Consiglio di Europa danno dei riferimenti: http://www.coe.int/t/e/social_cohesion/soc-sp/public_health/food_contact/ Questo documento ha subito quattro revisioni, l’ultima nel 2009; tale versione contiene:

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Cosa ci dicono le linee guida CEPI in proposito? Si fa riferimento alle sostanze e alle restrizioni presenti nella Racc XXXVI BfR ….Una prova può consistere nelle approvazioni rilasciate dalla FDA13 ai sensi di CFR 21 §176.170(a)5 e §176.180….. Si potrà autorizzare l’uso di sostanze oggetto di approvazioni diverse dal BfR qualora se ne provi la conformità all’art. 3 del Regolamento (CE) 1935/2004. I documenti fino ad ora citati parlano di sostanze. Differente approccio si ha nell’approfondimento sulle materie prime riportato nel documento seguente

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Ma ci sono documenti di riferimento specifici per la valutazione della sicurezza degli inchiostri, analizzando direttamente le materie prime? Vediamo il caso degli gli inchiostri 3. Preparation of samples for indicative migration testing To demonstrate that a packaging ink is likely to meet industry requirements, the ink should be applied to the non food contact side of the relevant substrate in such a way as to reproduce, as far as possible, the printing and drying processes which are used in practice.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti 4.2.2 Paper and Board materials and articles Paper and board food contact materials and articles are not yet regulated by a specific EC Directive or Regulation. There is guidance in the Council of Europe Policy Statement concerning paper and board materials and articles intended to come into contact with foodstuffs It is recommended to apply test methods described in Regulation (EU) No 10/2011 (for transitional provisions see chapter 4.2.1) taking into account the technical nature of paper and board in comparison with plastics. CEN has prepared Standard EN 14338 specific for paper and board. ● EN 14338: Paper and Board intended to come into contact with foodstuffs. Conditions for determination of migration from paper and board using modified polyphenylene oxide (MPPO) as a simulant. Etichetta per formaggio con buccia edibile Valutazione set-off

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Vediamo degli esempi di valutazione analitica mirata a valutare composizione e sicurezza di un inchiostro e di una colla : inchiostro HC C22-C34 107mg/kg Propanoic acid, 2-methyl-,1-(1,1-dimethylethyl)-2-methyl-1,3-propanediyl ester CAS: 74381-40-1: 90 mg/kg (è un antiossidante)

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti colla HC C22-C34 40mg/kg – dato semi quantitativo Dalla prova fatta si deduce che è una colla sicura

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Torniamo alla applicazione della “qualità totale”… Dopo il controllo delle materie prime? CEPI GMP Paper and Board for Food Contact - 2010 CONTROLLO DI PROCESSO

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Il processo produttivo cartario si basa su equilibri fluidodinamici e chimici delicati; è necessario avere a disposizione un sistema di monitoraggio in grado di gestire gli effetti di eventi indesiderati. Rispetto al controllo delle MP, durante la produzione l’approccio del controllo è differente; oltre alla definizione e al controllo di “critical points”, si attua un controllo principalmente di natura “regolativa” delle varie grandezze coinvolte L’azione di regolazione viene effettuata da sistemi di controllo automatici informatizzati che interfacciano l’uomo con i vari componenti della macchina produttiva, con cui è possibile impostare le varie grandezze: portate, livelli di tine, livello del vuoto , apertura e chiusura valvole ecc.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Nei processi di trasformazione il controllo di processo è ovviamente differente, poiché differente è il processo: stampa, fustellatura, termoimpressione, piega-incolla etc….

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Fondamentali anche i controlli nei magazzini:

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Magazzini ….. e spedizioni….

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Ma il controllo di processo può prevedere anche analisi chimiche e indagini su semilavorati, residui e ambienti produttivi? Come è possibile intervenire in sinergia con le aziende nel controllo e nella validazione del processo? Quale il nostro contributo? -Indagini su semilavorati, residui di macchina, -Acque di processo -Analisi di prodotto volte a validare un processo, quale ad esempio il lavaggio della macchina da stampa

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Le macchine produttive veicolano oltre che il foglio in fase di formazione anche numerosissimi fluidi, talvolta contenenti sospensioni di sostanze Queste sostanze spesso tendono a solidificare creando residui che possono comportare blocco macchina e problemi (macchie, strappi) nel prodotto finito.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Es:una schiuma essiccata sulla quale il cliente ha richiesto di indagare in merito alla composizione, per verificare se si trattasse principalmente di materiale organico (in particolare a flocculanti amminici o poliacrilammidici). Solitamente per la valutazione dei residui di macchina si procede per gradi: analisi IR, analisi delle ceneri per determinare il contenuto inorganico del campione, analisi elementare, etc….Se dopo queste prove non si hanno risultati vengono valutati ulteriori test In questo caso come primo step il laboratorio ha valutato il contenuto di sostanze di carica trattando un’aliquota del campione in muffola a 600°C . Il contenuto di ceneri ottenuto da questa analisi è pari a 70 %.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Lo spettro IR ottenuto è attribuibile a quello di carbonato di calcio (CaCO3): sono presenti le bande di assorbimento tipiche per questa sostanza (stretching C-O a circa 1408 cm-1 e bending a circa 873 cm-1). Sono inoltre evidenziabili bande di assorbimento relative ad una componente di natura cellulosica (stretching C-O-C di natura alifatica: 1157 cm-1, 1094 cm-1, 1031 cm-1, 914 cm-1).

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti -Altra indagine e verifica di processo che spesso si rivela necessaria: analisi delle acque di processo -Indagine delle Acque di processo (e non solo) di Azienda che produce cartoncino, che aveva un problema di cattivo odore e rigonfiamenti.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Abbiamo ipotizzato che si trattasse di un problema microbiologico; quindi abbiamo prelevato i seguenti campioni Impasto Tina 2A Impasto Tina 2B Acqua Tamburo PM2 Acqua Tamburo PM3 Acqua Sottomacchina PM2 Acqua Sottomacchina PM3 Acqua riciclata I parametri che sono stati analizzati sono: Cartoncino dopo pressa PM2 - Microrganismi mesofili (prelevato appena accesa la macchina) - Microrganismi psicrofili Cartoncino dopo pressa PM2 - Microrganismi anaerobi (prelevato dopo 1 ora che è stata - Batteri solfato riducenti accesa la macchina) - Muffe e lieviti Cartoncino dopo pressa PM3 - Concentrazione ione idrogeno (pH) Acqua di pozzo 2 -Temperatura Fanghi di decantazione - Conduttività Fanghi biologici

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti I risultati hanno rivelato valori di carica batterica molto elevati I valori riscontrati in tutti i campioni prelevati, ad eccezione dell’acqua di pozzo, sono molto più elevati rispetto ai valori considerati accettabili in letteratura, che sono: carica batterica totale sia mesofila che psicrofila tra 10^2 e 10^4 UFC/ml carica batterica anaerobica tra 10^2 e 10^3 UFC/ml Batteri solfato riducenti, muffe e lieviti assenti (tra 0 e 10^1 UFC/ml) L’elevata presenza di batteri può causare un’eccessiva fermentazione, un cattivo odore, e ritenzione d’acqua nel cartoncino con conseguente rigonfiamento.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Sul campione di fango biologico è stata eseguita l’analisi microscopica della microfauna presente e il riconoscimento dei batteri filamentosi.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Dall’osservazione microscopica del fango di decantazione e degli impasti delle due tine si può notare come l’impasto della linea 2 sia più ricco di materiale amorfo, probabilmente dovuto al riutilizzo dei fanghi di decantazione e quindi alla riemissione in circolo dei batteri presenti. Vista la sequenza adottata nel ciclo produttivo i microrganismi rimangono in circolo per molto tempo, riuscendo a riprodursi in maniera esponenziale e formando colonie ancorate alle superfici che formano limo gelatinoso, il quale le tiene insieme e le protegge dagli attacchi chimico-fisici. Anche nel fango biologico dell’impianto di depurazione, i batteri filamentosi risultano essere abbondanti contribuendo a conferire al fiocco di fango un aspetto a maglia larga, e anche questi ultimi ritornano in circolo, andando ad aumentare la loro presenza nel ciclo della cartiera. La soluzione consigliata, che ha risolto il problema, è stata il ricorso a biocidi di nuova generazione.

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Vediamo adesso un altro esempio di controllo di processo: validazione di un processo di stampa, ovvero delle modalità di pulizia macchina nel cambio macchina necessario al passaggio da un inchiostro non food a un inchiostro food: validazione del processo di lavaggio macchina Il processo di stampa è un processo critico, nel quale è necessario non solo utilizzare gli inchiostri adeguati, ma soprattutto utilizzarli con un processo consono, controllato e standardizzato, onde evitare nel prodotto finito residui di sostanze, solventi non ben essiccati etc… meglio non improvvisare….

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti validazione del processo di lavaggio macchina Si analizza il prodotto stampato verificando dopo quanto tempo dall’avvenuto lavaggio e cambio inchiostro il prodotto risulta conforme, andando a valutare analiticamente il totale del campione e il lato interno, facendo attenzione alla presenza residua del solvente di lavaggio (acetato di etile) Analisi GC-MS L’assenza di sostanze tossiche sul lato destinato al contatto rappresenta la validazione del processo di lavaggio macchina

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Siamo finalmente arrivati al controllo del prodotto finito, che implica la verifica della conformità rispetto a requisiti stabiliti da norme, normative e capitolati… E’ cosi’ complicato il controllo del prodotto finito quando i processi produttivi sono standardizzati e controllati?

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Il controllo di qualità totale conduce ad una standardizzazione dei processi e ad un prodotto finale controllato e standardizzato. CEPI GMP Paper and Board for Food Contact - 2010 “Control of the raw material input, process and process surroundings leads to control of the final product”

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Nella maggior parte dei casi il controllo prevede la verifica della conformità rispetto a requisiti stabiliti dalle specifiche normative: DM 21/3/1973 All. II Normativa Nazionale Francese: Note d'information n°2004-64 “Normativa” Nazionale Tedesca: Raccomandazioni BfR

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti REGOLAMENTI EUROPEI: Reg. CE/1935/2004 >>> art. 3 - Non costituire un pericolo per la salute umana…….. Reg. CE/2023/2006 ALLEGATO

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Infine, dopo queste indagini analitiche possiamo dichiarare che l’oggetto è sicuro….. Cioè? slide ISS - 2009 Sono solo queste le leggi e gli standards applicabili a carta e cartone?

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Spesso dai clienti ci arrivano richieste di test relativi a standards noti in ambito “Consumer Goods”, ma poco noti nel settore cartario e in quello del food packaging in generale Quante cose deve sapere il povero Responsabile Qualità settore packaging…..

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Sono diffuse le richieste di test e le dichiarazioni di conformità rispetto a leggi/standards così eterogenei? Un esempio:

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti REQUISITI “GLOBALI” PER CONSUMER GOODS Come si inserisce la carta nel mercato globale dei beni di consumo? LA CARTA E IL CARTONE TALVOLTA DEVONO RISPONDERE A: Requisiti per la sicurezza del giocattolo (Direttiva 2009/48/CE) Requisiti per la sicurezza dei minori di 12 anni CPSIA (Us Standard) Requisiti per la sicurezza degli elettrodomestici (direttiva RoHs) Requisiti per la sicurezza dei cosmetici (Reg 2009/1223/CE) Requisiti “ecologici” per il packaging (Dir. CE 94/62) Requisiti di sicurezza per le sostanze chimiche Dir. CE Reach 1907/2006 (SVHC in articoli)

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Come essere preparati ai requisiti della globalizzazione? “Solutions for Global Regulatory Compliance of Food, Consumer, and Industrial Products”. In EcolStudio anche grazie all’utilizzo del data-base Decernis abbiamo sviluppato un servizio dedicato all’assistenza di aziende che lavorano in ambito import-export a livello globale

Carta e Cartone destinati al contatto con gli alimenti Grazie per l’attenzione!! Ringraziamenti: Al fondatore di EcolStudio Guido Fornari e al team Carta-MCA Marinella Vitulli m.vitulli@ecolstudio.com Tel 3351835000

• Ecol Studio S.p.A. • Sede Legale: • Italia - Milano, Via Bronzino, 9 20133 • Sede Operativa: • Italia - Lucca, Via dei Bichi, 293 55100 www.ecolstudio.com info@ecolstudio.com Tel. + 39 0583 40011 Fax. + 39 0583 400300 • Laboratorio accreditato ACCREDIA n .0130

Add a comment

Related presentations

Related pages

Presentazione vitulli imballaggio cellulosa firenze 2014 ...

1. Giornate di studio IMBALLAGGIO IN CELLULOSA Environmental e food contact compliance Definizione e valutazione della conformità di ...
Read more

Giornate di studio IMBALLAGGIO IN CELLULOSA Environmentale ...

Giornate di studio IMBALLAGGIO IN CELLULOSA Environmentale foodcontactcompliance Definizione e valutazione della conformitàdi articoli in carta e cartone,
Read more

IMBALLAGGIO IN CELLULOSA FIRENZE - Materiali a Contatto ...

IMBALLAGGIO IN CELLULOSA ... Firenze, 26-27 febbraio 2014 GIORNATE DI STUDIO 14.15 ... Marinella Vitulli - ECOL STUDIO S.p.A.
Read more

Presentazione Officina Lieve (@Source, Firenze, 13 ...

Presentazione vitulli imballaggio cellulosa firenze 2014 ... Slide 1 Slide 2 NO ai MANDARINI DELLA POLITICA PRESENTAZIONE PDL SULLE NOMINE Firenze, ...
Read more

IMBALLAGGIO IN CELLULOSA FIRENZE

IMBALLAGGIO IN CELLULOSA ... Firenze, 26-27 febbraio 2014 GIORNATE DI STUDIO 14.15 ... Marinella Vitulli - ECOL STUDIO S.p.A.
Read more

Genarazione Tenax il romanzo sulla notte fiorentina di ...

Firenze Fuori alla presentazione del libro "Generazione Tenax ... Firenze una notte fa" di Daniele Locchi. ... by Michele Vitulli 107 views.
Read more

PACKAGING EDUCATION Programma delle iniziative 2014

Programma delle iniziative 2014 ... IMBALLAGGIO IN CELLULOSA ... Etichettatura presentazione e pubblicità prodotti alimentari ...
Read more