Non fermate le donne

50 %
50 %
Information about Non fermate le donne
Design

Published on February 26, 2014

Author: riccardo23me

Source: slideshare.net

Non fermate le donne Corso di laurea magistrale in Design Comunicazione Visiva e Multimediale Atelier di Public Design Febbraio 2014 Tutors: Elena Ippoliti - Claudio Marciano - Annarosa Montani - Mauro Zennaro Studenti: Raffaele Conti - Domenico Foco - Riccardo Rolla

Introduzione Oggi più che mai le potenzialità che l’universo privilegiato dapprima santi e mestieri e infine femminile è in grado di esprimere quanto a figure maschili del Risorgimento o della impegno, dedizione e professionalità emergono Resistenza, ma ha tralasciato del tutto o quasi attraverso l’acquisizione di ruoli chiave in le figure femminili. Lo scopo del progetto contesti sia pubblici che privati di grande quindi può essere sintetizzato nella necessità rilevanza, e pur tuttavia non si può far a meno e nella volontà di dare un contributo a porre di constatare che è in atto nella giusta evidenza anche lo spessore di contemporaneamente un ampliamento talune figure femminili, attraverso un mediatico dei crimini commessi a loro danno, messaggio formulato in modo semplice e che ci induce a considerare amaramente che le diretto, capace di suscitare curiosità e differenze di genere salgono agli onori della apprezzamento e in grado di incidere sempre cronaca più per eventi particolarmente di più in maniera positiva sull’immaginario drammatici che per questioni di merito e valore. collettivo. La toponomastica nel suo percorso storico ha

Indice Concept Analisi & Ricerca Identità Evento Comunicazione Sponsor 2020: una possibilità concreta

Concept

Concept Il progetto “Non fermate le donne” nasce medesima si trova: esserci nata o averci dall'idea di mettere in evidenza e valorizzare vissuto, lavorato o combattuto, amato o l'universo femminile, contribuendo a fissare sacrificato la propria vita. Cogliere per ognuna nell'immaginario collettivo ricordi, emozioni e un accadimento significativo dell'esistenza sensazioni legate a particolari figure che ne costituirà l'elemento della sua individuazione hanno fatto parte o che tuttora vi e il motivo di un ricordo che in tal modo potrà appartengono. Ciascuna di loro, che nel campo ritornare alla memoria di coloro che dell'arte, della scienza, della politica, della quotidianamente frequentano questo mondo quotidianità, si è particolarmente distinta, così importante della viabilità cittadina di entrerà a far parte di un percorso parallelo a Roma che è la Metropolitana. Il progetto quello della Metropolitana di Roma. Le fermate contribuirà quindi ad illuminare di una luce della Linea A e della Linea B diventeranno in tal nuova non solo il percorso volutamente modo tappe di un percorso ideale di vita, di sotterraneo della metropolitana romana, ma impegno, di coraggio, di successo e talvolta anche il buio di una dimenticanza che troppo anche di sacrificio. Per ogni stazione verrà spesso riguarda solo e semplicemente la selezionata una figura in relazione a quello che donna e tutto il mondo che essa esprime. è stato il suo rapporto con la zona in cui la

Analisi & Ricerca Scenario Target Marc Augè - Ispirazione Marc Augè - Il metrò rivisitato Jean Marie Floch - Mitografia Obbiettivi Toponomastica applicata al progetto Donne - Fermate

Scenario Metropolitana di Roma Lo scenario di riferimento del progetto non escludendo come spesso accade le zone vuole focalizzare l’attenzione su una singola via periferiche. E’ stato scelto per questo motivo o una semplice piazza, ma al contrario vuole un itineriario già esistente e idoneo al nostro essere un percorso capillare che attraversa la obbiettivo, la Metropolitana. città di Roma nella sua interezza, non

Scenario

Target Chi sono gli utilizzatori della Metropolitana? Nazionalità Età Motivo 6% 5% 6% 14% 35% 24% Italiana Straniera 65% 27 - 59 anni 19 - 26 anni oltre 59 anni fino a 18 anni 13% Lavoro Università Altro Scuola 65% 67% la fascia di utenti-utilizzatori del servizio Co.tra.l è “giovane” e per il 65%, rientra tra i 27 ed i 59 anni, è prevalentemente italiana e si sposta principalmente per lavoro anche se non è trascurabile la percentuale di utenti in movimento verso scuole ed atenei. Indagine CoTral 2011

Marc Augè Ispirazione Nel libro “Il metrò rivisitato”, l’antropologo indifferenza ed incertezza. L’evento “Non Marc Augè sottolinea come i passeggeri della fermate le donne” nasce proprio per metropolitana siano guidati nel loro viaggio consentire all’utente il ripristino di quella attraverso segni e messaggi vocali, a differenza curiosità, attraverso l’informazione, che nel del passato in cui era possibile interagire non tempo è andata perduta. L’obbiettivo del solo tra passeggeri ma anche con il progetto non sarà soltanto quello di riportare conducente, il bigliettaio e il controllore. La alla memoria figure femminili, ma anche tecnologia ha proiettato l’utente in una quello di favorire interazione sociale. dimensione nuova, di quotidiana solitudine,

Marc Augè - Il metrò rivisitato “Lo spazio sotterraneo, per un particolare effetto ottico, offre un’immagine ingrandita delle evoluzioni lente o accellerate della società in movimento”

Jean Marie Floch Mitografia Dal punto di vista visivo il nostro evento trae rappresentazione spazio temporale non è ispirazione anche dalla teoria semiotica di Jean realistica, ma immaginaria. Il nostro evento Marie Floch, secondo il quale il linguaggio può pensato per le tappe delle linee A e B della del tutto o in parte rispecchiare la realtà o metropolitana di Roma si colloca pertanto addirittura reinventarsi attraverso altri mondi come un percorso ideale parallelo di narrativi, personaggi o eventi. Quando il personaggi e situazioni in grado di evocare e linguaggio rispecchia la realtà è pittografico, ma fissare nell'immaginario collettivo non solo le se la costruisce attraverso una nuova donne, ma i fatti di cui queste sono state narrazione diventa mitografico, in quanto la sua protagoniste.

Obbiettivi Sensibilizzazione Interazione Analizzando lo scenario e il libro di Marc Augè, strategici della città ed infine l’attesa degli sono emersi tre dati molto importanti connessi utenti durante il viaggio. Partendo da questi tra loro: il notevole flusso di utenti che dati, l’obbiettivo è quello di riuscire a quotidianamente utilizza la metropolitana, la sensibilizzare e far interagire gli utenti che collocazione delle fermate che toccano i punti frequentano la metropolitana.

Toponomastica applicata al progetto Giulio Agricola Anna Magnani L’idea di collegare una fermata della dunque una reale proposta di cambiamento di Metropolitana di Roma ad una figura femminile naming, ma semplicemente un richiamo ha l’obbiettivo di creare e suscitare nell’utente ideologico alla memoria. curiosità rispetto a quest’ultima. Non sarà

Donne - Fermate Donne Anno Connessione Metro A Goliarda Sapienza Elena Fabrizi Maria Rosada Anna Magnani Luisella Visconti Virginia Woolf Marisa Merlini Giulietta Masina Deddi Savagnone Grazia Deledda Pinuccia Nava Pina Menichelli Silvana Mangano Maria Michi Anna Enrica Filippini-Lera Andreina Pagnani Teresa Gullace Audrey Hepburn Rina Morelli Luigia Tincani Marisa Musu Elvy Lissiak Isa Miranda Zoe Incrocci Santa Bernadette Maria Malibran 1990 1981 1943 1962 1961 1983 1958 1957 1961 1979 1946 1915 1970 1945 1943 1938 1945 1953 1933 1943 1942 1950 1954 1976 1965 1968 Docente Centro Sperimentale di Cinematografia Attrice nel film “Il Marchese del Grillo” Docente Centro Sperimentale di Cinematografia Attrice del film “Mamma Roma” Doppiatrice nel film “Accattone” Istituto a lei dedicato Attrice nel fim “Ladra lui, ladra lei” Attrice nel film “Le notti di Cabiria” Doppiatrice nel film “Accattone” Istituto a lei dedicato Attrice nel film “Mio figlio professore” Attrice presso CINES di via Vejo Vissuta a San Giovanni Attrice nel Film “Roma città aperta” Raccoglie fondi per le brigate spagnole Frequenta il Teatro Eliseo Location film a lei dedicato “Roma città aperta” Attrice nel film “Vacanze Romane” Doppiatrice presso Metro-Goldwyn-Mayer Fondatrice LUMSA Frequenta Liceo Mamiani Attrice nel film “Domenica d'Agosto” Premio Medaglia d'oro - “Una vita per il cinema” Attrice nel film “Brutti, sporchi e cattivi” Via a lei intitolata Via a lei intitolata Anagnina Cinecittà Subaugusta Giulio Agricola Lucio Sestio Numidio Quadrato Porta Furba Arco di Travertino Colli Albani Furio Camillo Ponte Lungo Re di Roma San Giovanni Manzoni Vittorio Emanuele Repubblica Barberini Spagna Flaminio Lepanto Ottaviano Cipro Valle Aurelia Baldo degli Ubaldi Cornelia Battistini

Donne - Fermate Donne Anno Connessione Metro B Germana Stefanini Angelica Balabanoff Caterina Martinelli Margherita Hack Olimpia Di Nardo Pupella Maggio Titina De Filippo Rita Levi-Montalcini Carla Capponi Suso Cecchi d’Amico Rossella Falk Alida Valli Carla Lonzi Adelaide Cairoli Ursula Hirschmann Maria Mercader Ilaria Alpi D'Angelo suor Cesarina Irina Natanovna Press Alida Chelli Elsa Morante 1982 1980 1978 2000 1976 1999 1963 1990 1943 2006 1997 2006 1957 1870 1991 1944 1995 1944 1960 2010 1993 Vigilatrice penitenziario Rebibbia Istituto a lei dedicato Istituto a lei dedicato Presentazione libro presso Libreria Rinascita Attrice nel film “Squadra antifurto” Deceduta all'ospedale Sandro Pertini Sepolta al cimitero del Verano Abitazione Volontaria al Policlinico Umberto 1° Premio David del cinquantenario Direttore artistico del Teatro Eliseo Funerali nella basilica di San Paolo Accademia Nazionale di Danza Sepolta nel Cimitero Acattolico Sepolta nel Cimitero Acattolico Attrice nel film “La porta del cielo” Targa a lei dedicata Uccisa alla Montagnola Campionessa olimpica Deceduta al Sant'Eugenio Istituto a lei dedicato Rebibbia Ponte Mammolo S.M. Del Soccosro Pietralata Monti Tiburtini Quintiliani Tiburtina Bologna Policlinico Castro Pretorio Cavour Colosseo Circo Massimo Garbatella Piramide Basilica San Paolo Marconi EUR Magliana EUR Palasport EUR Fermi Laurentina Ada Negri Santa Maria Goretti Sandra Mondaini 1971 1954 1976 Via a lei intitolata Chiesa a lei dedicata Attrice Teatro Parioli Conca d’oro Libia Annibaliano

Identità Colore & Texture Naming & Logo

Colore Texture RGB: #c51617 Mappa di Roma Il colore scelto, vuole rimanere fedele a quello istituzionale La texture scelta nasce con l’obbiettivo di agevolare l‘utente, usato nel logo della Metropolitana di Roma. Il rosso nel riconoscimento del tema “Toponomastica”, attraverso simboleggia la forza, la volontà, l’amore, il dinamismo, gli l’aspetto urbano e le vie della città di Roma, rielaborate in slanci vitali e l'azione. forma astratta. c: 14%, m: 100%, y: 100%, k: 6%

Naming Non fermate le donne La scelta del naming gioca volutamente sul duplice significato della parola “Fermate”. Logo Non fermate le donne Italic Font: Times

Evento Tipologia & Gestione Allestimento Location Planimetria Studio pannello esterno Studio pannello interno Pannello esterno - interno Ambientazione

Tipologia & Gestione Stazione Termini Mezzanino Giallo L'evento è stato ideato come un percorso collocazione in punti differenti all’interno della aperto e consultabile da tutti gli utenti che ogni Stazione Termini. La proposta di location giorno frequentano la metropolitana. iniziale per la prima esposizione, fissata per il L'esposizione è un allestimento temporaneo, giorno 11/05/2014, è la sala interna alla con la possibilità di diversificare la sua Stazione Termini 'Mezzanino Giallo'.

Location Stazione Termini - Mezzanino Giallo

Planimetria Desk book Pannello espositivo Sala “Mezzanino Giallo”

MARIA MALIBRAN SANTA BERNADETTE ZOE INCROCCI ISA MIRANDA ELVY LISSIAK MARISA MUSU LUIGIA TINCANI RINA MORELLI AUDREY HEPBURN TERESA GULLACE ANDREINA PAGNANI ANNA ENRICA FILIPPINI-LERA MARIA MICHI SILVANA MANGANO PINA MENICHELLI PINUCCIA NAVA GRAZIA DELEDDA DEDDI SAVAGNONE GIULIETTA MASINA MARISA MERLINI VIRGINIA WOOLF LUISELLA VISCONTI ANNA MAGNANI MARIA ROSADA ELENA FABRIZI GOLIARDA SAPIENZA Studio pannello esterno L’allestimento ricompone il percorso parcellizzato delle donne correlate alle fermate, in una visione d’insieme Curiosità Informazione Linea temporale

Studio pannello interno Anna Magnani Anna Magnani (Roma, 7 marzo 1908 – Roma, 26 settembre 1973) è stata un'attrice italiana. È considerata una delle più grandi interpreti femminili della storia. Attrice simbolo del cinema italiano, è altresì particolarmente conosciuta per essere stata, insieme ad Aldo Fabrizi e Alberto Sordi, una delle figure preminenti della romanità cinematografica del XX secolo. Celebri le sue interpretazioni, soprattutto in film come Roma città aperta, Bellissima, Mamma Roma e La rosa tatuata. Quest'ultimo le valse un Oscar alla miglior attrice protagonista. Sua madre, Marina Magnani, era una sarta originaria di Fano, e dopo aver dato alla luce la piccola Anna, affidò definitivamente la bambina alle cure della nonna materna. La piccola Anna non verrà mai a conoscere il suo vero padre naturale. In realtà, effettuando delle ricerche, Anna scoprirà le sue radici calabresi e quello che avrebbe dovuto essere il suo cognome, Del Duce; dirà poi, con la sua consueta ironia, di essersi fermata nelle ricerche.

Pannello esterno - interno Anna Magnani Anna Magnani (Roma, 7 marzo 1908 – Roma, 26 settembre 1973) è stata un'attrice italiana. È considerata una delle più grandi interpreti femminili della storia. Attrice simbolo del cinema italiano, è altresì particolarmente conosciuta per essere stata, insieme ad Aldo Fabrizi e Alberto Sordi, una delle figure preminenti della romanità cinematografica del XX secolo. Celebri le sue interpretazioni, soprattutto in film come Roma città aperta, Bellissima, Mamma Roma e La rosa tatuata. Quest'ultimo le valse un Oscar alla miglior attrice protagonista. Sua madre, Marina Magnani, era una sarta originaria di Fano, e dopo aver dato alla luce la piccola Anna, affidò definitivamente la bambina alle cure della nonna materna. La piccola Anna non verrà mai a conoscere il suo vero padre naturale. In realtà, effettuando delle ricerche, Anna scoprirà le sue radici calabresi e quello che avrebbe dovuto essere il suo cognome, Del Duce; dirà poi, con la sua consueta ironia, di essersi fermata nelle ricerche.

Ambientazione

Comunicazione Studio dei poster Elaborati Flyer Book Sito - Web

Studio dei poster Poster In tutte le stazioni della Metropolitana, sia della fotografico, si può quindi rinnovarne la linea A che della linea B, all’interno degli atri di memoria cogliendola dall’espressione del accesso e lungo le banchine di attesa negli volto nella sua interezza, da un particolare di appositi spazi pubblicitari, sono posizionati dei questo oppure intercettandola in un posters che rimandano alla donna prescelta per frammento, un fermo immagine del suo quella fermata. Attraverso uno scatto vissuto in quella zona.

Poster

Elaborati Poster Flyer Book Sito Web La comunicazione dell’evento si divide in tre di tutte le donne collegate al progetto. Sito tipologie di elaborati: due editoriali ed uno web responsive visualizzabile all’indirizzo digitale. Flyer (formato A5 orizzontale) www.nonfermateledonne.it pubblicitario dell’evento. Book (formato A4 verticale) contenente le fotografie e le biografie

Flyer

Book Book I books non sono solamente uno strumento appoggio per gli stessi. L’utente potrà informativo e riepilogativo dell’evento, ma gratuitamente visualizzarli e, terminata la vogliono sensibilizzare l’utente anche sotto lettura, starà alla sua sensibilità riposizionarli l’aspetto consumistico. Partendo da un’ idea di sul bancone e renderli in tal modo disponibili Marc Augè, l’intenzione è quella di realizzare ad altri utenti. davanti al pannello espositivo un desk di

Book

Sito Web - Home

Sito Web - PopUp

Sito Web - Versione mobile Icon QR-Code

Sponsor

Sponsor La ricerca degli sponsor è stata indirizzata verso una scelta legata al territorio e alle sue istituzioni, individuandone tre che, tra tutti quelli presi in considerazione, si ritiene siano più adatti per il loro legame al progetto: Società responsabile della gestione della Società responsabile della Tutor dello sviluppo e della location: Stazione Termini - Sala comunicazione della Metropolitana di realizzazione del progetto “Non fermate “Mezzanino Giallo” Roma. le donne”.

2020: una possibilità concreta

Proposta di naming Nilde Iotti toponomastica legata ad una figura femminile di rilevanza. L'idea è quella di proporre il nome di Nilde Iotti per la fermata di San Silvestro della nuova linea D della metropolitana di Roma, di prossima apertura e ubicata nei pressi di Piazza Montecitorio. La scelta è caduta sulla parlamentare emiliana in relazione al fatto che nei pressi di piazza San Silvestro è situato Palazzo Montecitorio, sede della Camera dei Deputati, e in quanto Nilde Iotti è stata in assoluto nella storia d’Italia la prima donna politica a ricoprirne la Il progetto "Non fermate le donne" ha carica di Presidente, una delle cinque più alte l’obbiettivo di sensibilizzare l’attenzione cariche dello Stato, e per ben tre legislature, generale affinché si prenda in considerazione la dal 1979 al 1992, conseguendo un primato possibilità di una futura intitolazione finora incontrastato nell'Italia repubblicana.

Conclusioni Attraverso la conoscenza e l’esempio possibilità di apprendere dagli altri e l’individuo dispone di strumenti adeguati per auspicano che rinasca soprattuto il desiderio confrontarsi e migliorare. In un momento di comunicare con gli altri. Anche con le storico in cui i rapporti umani sembrano essere parole e non solo con gli sms. Anche mentre governati solo dalla tecnologia sempre più transitiamo nella metropolitana. Anche avanzata, gli autori di questo progetto quando siamo seduti in attesa della nostra ritengono di poter dimostrare che c’è sempre la fermata. Anche grazie alle donne.

Add a comment

Related presentations

Related pages

Fabri Fibra. Le Donne (video ufficiale) - YouTube

Fabri Fibra. Le Donne (video ufficiale) Fabri Fibra. ... Fabri Fibra - Non Fare La Puttana - Duration: 3:19. Nicola Capone 3,423,778 views. 3:19
Read more

Fascist song - Le donne non ci vogliono più bene - Women ...

Fascist song - Le donne non ci vogliono più bene - Women don't love us more ApuliaStorm. Subscribe Subscribed Unsubscribe 397 397. Loading ...
Read more

Angeli alle fermate

Angeli alle fermate. 1,515 likes · 3 talking about this. Angeli alle Fermate è una iniziativa del Teatro dei Mignoli che organizza spettacoli e teatro di...
Read more

Fermate il boia - Wikipedia

Forse l'assassina non è la donna ritratta nella ... · Il ritratto di Elsa Greer · Poirot e la salma · Alla deriva · Fermate il boia · Dopo le ...
Read more

Donne russe e Ragazze russe - non rimanere più solo ...

Queste sono le donne russe attive in attesa di incontrarti! ... Cosa vuol dire se nessuno vi risponde o se le donne che vi rispondono non sono di vostro ...
Read more

Fermate tre donne con le mani di velluto

Fermate tre donne con le mani di velluto - CrotoneInforma. CrotoneInforma.it: Lasciateci solo il tempo che accada. Mercoledi, 16 marzo 2016 ore 15:07 . Home;
Read more

Vercelli: fermate le nonne truffatrici

... fermate le nonne truffatrici. La ... Le due donne risultavano già segnalate per numerosi precedenti per truffa. Non a caso proprio qualche istante ...
Read more

Porno - Nonciclopedia - Wikia

Le donne, più vanno avanti con gli anni, più desiderano scopare. ... In un'orgia con dieci uomini e una donna gli uomini non hanno alcun contatto tra loro.
Read more

Le ’’donne del vino’’ non si sono fermate davanti ...

Proprio nella settimana in cui le forze politiche santermane si ‘’confrontavano’’ sull’opportunità della presenza delle donne in politica, a ...
Read more