Mobilità articolare(2)

50 %
50 %
Information about Mobilità articolare(2)

Published on October 12, 2016

Author: MarcelloLaGala

Source: slideshare.net

1. Mobilitàarticolare Possiamo intendere la flessibilità come quella capacità della nostra struttura articolare , muscolare ,legamentosa diraggiungere ilmassimo grado di escursione articolare , vedremmo come questa capacità sarà influenzata dalla caratteristiche intrinseche della struttura e come sarà influenzata dalsistema nervoso centrale SCN e periferico SNP. La ricerca diuna qualsiasi escursione articolare è limitata da diversi fattoriche possiamo definire barriere , schematicamente parleremo di: 1. Barriera fisiologica (legamento ,capsula articolare , fascia ) 2. Barriera elastica (tessuto muscolare ) 3. Barriera anatomica (contatto tra 2 capiossei che limita definitivamente l’escursione) La prima barriera rappresenta la prima resistenza che si oppone al raggiungimento di un determinato grado di mobilità sia per caratteristiche legate alla struttura di questo tessuto sia per fattori nervosi legati alla stimolazione di recettori situati all’interno dei legamenti. Il legamento ha una struttura che lo rende meno elastico ed allungabile rispetto al muscolo è composto da cellule denominate fibroblasti, fibre elastiche(elastina),fibre connettivali (collageno),all’interno di queste strutture troviamo dei piccoli spazi lacunari deputati al passaggio di liquido sieroso deputato al mantenimento di questa struttura sempre lubrificata e flessibile. Proprio il continuo movimento quindi lo scorrimento di queste strutture garantiscono la continua circolazione di questo liquido che offre elasticità e nutrimento alla struttura. Tale struttura legamentosa è deputata a mantenere l’integrità di un articolazione tramite il supporto del tessuto muscolare ,ed al trasferimento delle forze dal muscolo all’osso . La barriera fisiologica è spesso la struttura che per prima perde il grado di allungamento assieme al tessuto fasciale e connettivo. Una scarsa attività motoria crea alla lunga delle alterazioni strutturali all’interno di questo tessuto che si manifestano in un addensamento delle fibre connettivali (collageno) ed una perdita di elastina questo addensamento crea una scarsa circolazione della linfa all’interno deglispazi lacunariche non garantisce più nutrimento ed elasticità .

2. Lo stesso meccanismo avviene quando il legamento è stressato eccessivamente a livello meccanico , questi stress lo portano ad aumentare i suoi meccanismi di riparazione aumentando la deposizione difibre connettivali . La seconda barriera elastica è rappresentata dal tessuto muscolare il quale presenta notevoli capacità elastiche è ossia in grado di essere stirato in tutta la sua lunghezza accumulando energia meccanica e di restituire questa energia nel minor tempo possibile . Al suo interno presenta dei recettori alfa o fibre intrafusali disposti in parallelo rispetto alle fibre muscolari, sono costituiti da terminazioni assonali che avvolgono la porzione centrale di fibre , i quali innescano un riflesso spinale che si attua quando il muscolo viene stirato rapidamente. Lo stiramento rapido determina un eccitazione da parte dei recettori alfa i quali inviano un potenziale d’azione il quale arriva all’altezza del corno grigio posteriore di una sezione midollare l’impulso viene trasmesso tramite un interneurone situato all’interno della materia grigia il quale stimola il motoneurone delle fibre alfa.Fuoriuscendo dal corno anteriore conduce gli impulsi al muscolo effettore creando la contrazione riflessa questo riflesso si definisce riflesso da stiramento, o riflesso di Sherringhton (1906) Più e rapido lo stiramento che porta il raggiungimento di una escursione articolare più il muscolo attiverà deirecettori che stimoleranno una contrazione riflessa per riportare il muscolo alla lunghezza originale . I recettori alfa sono a loro volta inibito dai motoneuroni di primo ordine che partono dalla corteccia motoria del SNC . Si

3. comprende quindi come il SNP e SNC abbiano un ruolo importante nel contrastare e facilitare il superamento della barriera elastica muscolare . Al contrario i recettori del Golgi OTG sono localizzati nella giunzione tra i tendini e il muscolo e disposti in serie rispetto alle fibre muscolari. La contrazione del muscolo e il conseguente stiramento del tendine provocano la risposta degli OTG che innescano un arco riflesso che inibisce la tensione del muscolo che ha causato la tensione del tendine proteggono il muscolo stesso da eccessiva tensione. L’impulso del Golgi passa per il corno grigio posteriore ma in tal caso stimola l’interneurone che inibisce il motoneurone alfa .

4. Risulta facile intuire come sulla stimolazione dei recettori OTG possa svolgere un ruolo importante nelsuperamento della barriera elastica muscolare . L’ultima barriera è quella anatomica ossea , seppur anche il tessuto osseo presenta una sua capacità elastica o plasticità ,questa barriera è quella che rappresenta il punto terminale di un escursione articolare dato dal contatto di due capi ossei oltre il quale si arriva alla lesione ossea. Facilitazionedei fusi neuromuscolari La metodologia classica utilizzata per miglioramento della mobilità articolare è stato per annilo stretching statico passivo di Anderson(1980) ed una metodica che si basa sui principidel metodo di riabilitazione neuromotoria (PNF)stretching settoriale(Proprioceptive NeuromuscolarFacilitation) ideato da H. Kabate ripreso successivamente da M. Knott e D. Voss, utilizzato in ambito riabilitativo .Il termine stesso indica come questo metodo si basi sulla inibizione lenta dei fusi neuromuscolariche abbiamo detto sono sensibili alle rapide forze distiramento che si attuano su un muscolo ; se lo stiramento avviene molto lentamente questi recettorivengono inibiti e la barriera muscolare non sioppone all’ escursione che vogliamo raggiungere .

5. La manovra distretching prevede quattro "fasi" sequenziali: 1. messa in tensione 2. mantenimento della tensione 3. ritorno 4. riposo prima di una nuova ripetizione La prima fase dura circa 4 secondi il mantenimento circa da30 fino a 60 secondi ed il ritorno in altri 4 secondi. Queste tecniche si possono applicare in maniera attiva o passiva in presenza di un operatore esterno che conduca la messa in tensione . La variante passiva è particolarmente utilizzata nel caso di una muscolatura particolarmente retratta o nel caso di ricercare un maggior grado dimobilità oltre il così detto ROM attivo. I vantaggidi questa tecnica sono diversi -E’ sicura, di facile apprendimento e d’altrettanto semplice esecuzione. -Richiede un dispendio energetico molto contenuto. -Permette di by-passare la problematica inerente il riflesso da stiramento. Questa metodica per la ricerca della mobilità può tuttavia presentare alcuni svantaggi. La prima problematica sarebbe legata al tempo di prolungato utilizzo dello stretching statico non sufficientemente supportato da esercizi di forza che può

6. costituire un possibile effetto negativo sulla produzione di forza muscolare. Le capacità contrattili del muscolo sottoposto ad un eccessivo carico d’allungamento, verrebbero infatti diminuite a causa sia di un cambiamento della “damping-ratio muscolare” (ossia della capacità da parte del muscolo di assorbire e dissipare lo shock derivante da un carico esterno imposto), ed una riduzione della sua reattività .Bisogna ricordare che la ricerca di mobilità non debba portare lassità muscolari e legamentose per non sovraccaricare altre strutture come quella ossea. Se legamento , connettivo , e tessuto muscolare diventano poco capaci di assorbire forze esterne diventa il tessuto osseo l’elemento maggiormente delegato a questo ruolo ma ciò lo predispone ad eventuali patologie da sovraccarico ed inspessimenti delle giunture articolari. Bisogna far notare come un allungamento passivo, possa presentare rischio di lesioni o microtraumi che può nel caso in cui la differenza tra il range di flessibilità attiva e quello di flessibilità passiva sia cospicuo.

7. Mobilitàattiva Una metodologia che può soppiantare le problematiche dilassità muscolarilegate allo stretching classico passivo comporta la contrazione isometrica della muscolatura sottoposta ad allungamento, nello specifico questo tipo di allungamento si compone di tre partidistinte: -Inizialmente si assume la posizione articolare desiderata. -Si effettua una contrazione isometrica contro una resistenza esterna (generalmente un compagno, pavimento od una parete un sovraccarico esterno ) per un periodo di tempo normalmente compreso tra i7 ed i 15 secondi. -Infine si rilassa il muscolo contratto per periodo della durata di perlomeno 7- 15 secondi - successivamente si ri-effettua una successiva contrazione con un gradodi escursione maggiore Si procede con questa andatura fino alraggiungimento delmassimo grado di mobilità raggiungibile. La contrazione isometrica delmuscolo interessato da allungare può essere facilitata grazie all’azione deirecettoridel Golgi GTO come detto in precedenza rispondono allo tensione arrecata sultendine del muscolo che si sta contraendo(muscolo agonista) ,tramite un arco riflesso verrà quindiinibito e verrà stimolato l’antagonista. Questo è uno dei motivi per il quale nel momento in cui si mantiene

8. una tensione muscolare prolungata contro un carico esterno, ad una determinata escursione avvertiamo dei tremoried un incapacità dopo un lasso di tempo variabile da soggetto a soggetto che ci impedisce di mantenere quella posizione siamo quindi portatia mollare quella posizione e rilassarci. Più aumenta il carico esterno più questo sistema interviene precocemente . Come illustrato nelle figura sottostante una tensione del bicipite brachiale innescherà l’azione deiGTO che andrannoad inibire il bicipite come muscolo agonista e stimoleranno l’azione deltricipite come antagonista . Ciò contribuisce ad avere un azione di allungamento più diretta sul tendine più modulata dairiflessi periferici rispetto allo stretching classico che mobilizza passivamente il tendine . Questo meccanismo risponde quindial concetto di “innervazione reciproca” muscolare con il quale s’intende la reciproca strategia collaborativa che, nell’ambito del movimento, la muscolatura agonista ed antagonista adottano. Da quanto sopra, scaturisce il concetto di “coattivazione” o “co-contrazione”, che sottintendono l’attivazione simultanea di due gruppimuscolariopposti, agonista ed antagonista, a. A questo proposito, già nel 1925 Tilney e Pike33, definirono la coordinazione

9. muscolare come “un meccanismo dipendente principalmente dalla relazione di sincronia contrattile nei gruppimuscolariantagonisti”. Lo stretching isometrico è considerato come una delle migliori ed efficaci tecniche rivolte allo sviluppo della flessibilità statico-passiva e si dimostra normalmente maggiormente efficace dello stretching attivo o passivo utilizzati singolarmente. Inoltre questo tipo di tecnica contribuirebbe notevolmente alla diminuzione della sensazione dolorosa associata all’allungamento. In parte questa tecnica si ricollega alla tecnica di contrazione rilassamento (CR): nella tecnica di CR, anche denominata hold-relaxtechnique, il muscolo antagonista viene prima allungato passivamente dall’operatore, in seguito viene richiesta all’atleta una contrazione isometrica della muscolatura da allungare contro la resistenza fornita dall’operatore della durata di circa 7-15 secondi, dopo diche il muscolo viene brevemente rilassato per 2-3 secondi ed infine nuovamente allungato passivamente per circa 10-15 secondi. A differenza di questo metodo nel modello di mobilità attivo è il soggetto stesso che modula quanta resistenza offrire alcarico esterno e quanto far durare la tensione prima di guadagnare ilROM articolare. Questo può rappresentare un vantaggio per far prendere maggior coscienza alsoggetto delsuo livello di mobilità attiva e quando progredire con ilcarico . Questo modello di mobilità attiva ha il vantaggio di ottimizzare i tempi da dedicare ad un allenamento finalizzato alla mobilità ed alla forza. Lo stretching classico è stato spesso adoperato come metodo per ridurre la decoattazione articolare quindiquella pressione tra due strutture ossee che può aumentare dopo un allenamento più o meno intenso . Prima di arrivare ad agire sulla barriera ossea bisogna quindiaggirare le barriere legamentose e muscolari tramite stiramento passivo . Questo rappresenta una notevole problematica nelpost allenamento in quanto i fusi muscolarisono molto più eccitati e sensibili a causa dei rapidistiramenti a cui è stato sottoposto il muscolo ; ciò significa che il muscolo si opporrà molto precocemente allo stiramento passivo irrigidendosidiventa quindipiù complicato avere un azione diretta sino all’articolazione decomprimendola.

10. BIBLIOGRAFIA Anderson B. The perfectpre-run stretching routine. RunnersWord. 13(5): 56-61, 1978. Sölveborn S.A. DasBuch vom Stretching. Beweglichkeitstraining durch Dhenen und Strecken. Monaco diBaviera, 1983. Heyward V.H. Designsfor fitness. Minneapolis, 1984. Björklund M., Hamberg J., Crenshaw G. Sensory adaptation after a 2-week stretching regimen of the rectus femorismuscle. Arch PhysMed Rehabili. 82: 1245-1254, 2001. Alter M.J. Ciência della flexibilidade. Artmed Ed. Porto Alegre (Brasil), 1999. Alter M.J. Science of flexibility. Ed Human Kinetics. Champaign Ill., 1996 Bisciotti G.N., Bertocco R., Gaudino C., Iodice P.P. Insulto traumatico e deficit elastico muscolare. Sporte Medicina. 6:35-39, 2001.

11. Bisciotti G.N. Il corpo in movimento. Edizioni Corrrere.Milano, 2003. Maruyama K., Kimura S., YoshidomiH., Sawada H., Kikuchi. Molecular size and shape of B-connectin, an elastic protein of striate muscle: Journalof Biochemistry. 95(5): 1423-1433, 1984. Kurzban G.P., Wang K. Giantpolypeptidesof skeletalmuscle titin: sedimentation equilibrium in guanidine hydrocloride. Biochemicaland BiophysicalResearch Communication. 150:1155-1161, 1988. Trinick J., KnightP., Whiting A. Purification and propertiesof native titin. Journalof Molecular Biology. 180(2): 331-356, 1984. Wang K.R., McCarter J., WrightJ., Beverly J., Ramirez-MitchellR. Regulation of skeletal muscle stiffness and elasticity by titin isoforms: A test of the segmental extension modelof resting tension. Proceedingsof the NationalAcademy of Science (USA). 88(6): 7101-7105, 1991. FurstD.O., Osborn M., Nave R., Weber K. The organisation of titin filaments in the half-sarcomere revealed by monoclonalantibodiesin immunoelectron microscopy: A map of ten non repetitive epitomes starting at the Z-line extends close to the M-line. Journalof Cell Biology. 106(5): 1563-1572, 1988. Itoh Y., SusukiT., Kimura S., OhsashiK., HiguchiH., Sawada H., Shimizu T., Shibata M., Maruyama K. Extensible and less-extensible domainsof connectin filaments in stretched vertebrate skeletal muscle as detected by immunofluorescence and immunoelectron microscopyusing monoclonalantibodies. Journalof Biochemistry (Tokyo). 104: 504-508,1988. Whiting A., Wardale J., Trinick J. Doestitin regulate the length of the muscle thick filaments? Journalof the Molecular Biology. 205(1): 263-268, 1989. Wiemann K., Hahn K. Influence of strength, stretching and circulatory exerciseson flexibility parametersof the human hamstrings. IntJ SportsMed. 18: 340-346, 1997. Magid A., Law D.J. Myofibrilsbear most of the resting tension in frog skeletalmuscle. Science. Dec 13, 230(4731):1280-1282, 1985.

12. Hutton R.S. Neuromuskulare GrundlagendesStretching in: KomiP.V., Kraftund Schnellkraftim Sport.Colonia. 155-172, 1994. Proske U., Morgan D.L. Do cross-bridge contribute to the tension during stretch of passive muscle ? J Muscle Res Cell Motil. Aug 20 (5-6): 433-442, 1999. Wydra G. Stretching ein berblick über den aktuellen Stand der Forschung. Sportwissenschaft. 4:409-427, 1997. Wiemann K., Klee A. Die Bedeutung von Dehen und Stretching in der Aufwärmphase vor Höchsstleistungen. de Leistungssport. 4: 5-9, 2000. Trappe T.A., CarrithersJ.A., White F., LambertC.P., EvansW.J., Dennis R.A. Titin and nebulin contentin human skeletal muscle following eccentric resistance exercise. Muscle Nerve. Feb 25(2): 289-292, 2002. Lieber R.L., ThornellL.E., Friden J., Muscle cytoskeletaldisruption occurswithin the first 15 min of cyclic eccentric contraction. J ApplPhysiol. 80(1): 278-284, 1996. Lieber R.L., WoodburnT.M., Friden J. Muscle damage induced by eccentric contractionsof 25% strain. J. Appl. Physiol. 70: 2498-2507, 1991. Houk J.C., Singer J.J., Goldman M.R. Adequate stimulus for tendon organsto forces applied to muscle tendon. Journalof Neurophysiology. 30: 466-481, 1971. Moore J.C. The Golgi tendonsorgans: A review and update. American Journalof Occupation

Add a comment