Lironi Quartiere Arcella Padova pdf

50 %
50 %
Information about Lironi Quartiere Arcella Padova pdf
Design

Published on February 14, 2014

Author: SergioLironi

Source: slideshare.net

Appunti sull’ ARCELLA Sergio Lironi Legambiente Padova PAT 2009 San Carlo, sala polivalente sabato 8 febbraio 2014

La Gran Carta del Padovano del Rizzi Zannoni (1776 - 1780) : Borgomagno

La Gran Carta del Padovano ! Rizzi Zannoni 1776 - 1780 ! ! ! L’Arcella

Piano Regolatore Edilizio 1868

Particolare del Piano Regolatore Edilizio del 1868: la Stazione ferroviaria 1842 : Ferrovia Padova - Venezia 1846 : Ferrovia Padova - Vicenza

Pianta della città di Padova 1872 / riveduta nel 1906

In epoca romana - Via Consolare “Aurelia Copta”, asse portante della centuriazione romana che si estendeva dall’odierna Cadoneghe a Camposampiero... ! 1840 - Ricostruzione della chiesa di Sant’Antonino 1856 - Eliminazione di alcune anse del Brenta e costruzione del nuovo ponte (Pontevigodarzere) 1903 - Costruzione del Cavalcavia Borgomagno 1905 - Inizio dell’attività della Fornace Morandi 1910 - Fiera campionaria a Pontevigodarzere (Antonio Fiorazzo) 1929 - Inaugurazione dello Stadio Littorio su una superficie di 47.479 mq 1940 - Inaugurazione della chiesa di San Carlo (bombardata e ricostruita nel 1949) 1943 - bombardamento di Borgomagno (distrutte 300 abitazioni) 1966 - Palazzetto dello sport 1975 - Nuova parrocchiale di San Bellino Arcella brevi notizie sulla storia del quartiere

Piano Regolatore di Ampliamento ! approvato con D.C.C. del 7 febbraio 1923

Piano Regolatore di Ampliamento approvato con D.C.C. del 7 febbraio 1923

Piano Regolatore di Ampliamento ! proposto dal Gruppo degli Urbanisti Romani, 1927 Un disegno organico per la “città nuova”

Piano Regolatore di Padova ! arch. D. Torres, 1932 vincitore concorso

1935 Planimetria di Padova con evidenziazione degli insediamenti produttivi

Anni Quaranta Arcella e zona della stazione ! bersaglio privilegiato dei bombardamenti anglo-americani ! (National Washington Archives, collezione Sergio Nave)

San Carlo 27 dicembre 1944

Due “fusi” avvolgenti, quali alternativa all’asse centrale, per il traffico dell’Arcella PRG del Comune di Padova adottato il 10 maggio 1954 ! progettista: Luigi Piccinato

Piano Regolatore di Ampliamento, 1925 Luigi Piccinato: Piano Regolatore Generale 1954-1957 Due diversi scenari di crescita urbana: > Il Piano Regolatore di Ampliamento del 1925 prevede di fatto una crescita a macchia d’olio della città, con la formazione di quartieri periferici privi di identità ed autonomia. ! > Il PRG di Luigi Piccinato del 1954-1957 tende invece a configurare un’espansione urbana di forma stellare, al fine di consentire la penetrazione di cunei di verde agricolo che si connettono alle aree di verde pubblico ed al previsto Parco delle Mura. Il Piano prevede inoltre una differenziazione funzionale delle diverse aree urbane ed una relativa autonomia dei nuovi quartieri nei confronti del centro storico.

Padova anni Ottanta La città reale è cresciuta a macchia d’olio attorno alla città antica, impermeabilizzando larga parte del territorio comunale e considerando il terreno agricolo solo quale area di riserva per future nuove espansioni. Una città a prevalente metabolismo lineare Anni Ottanta: Indagine sull’impermeabilizzazione dei suoli urbani

Piano aree Peep 1963 Nel quartiere sono presenti 780 alloggi di edilizia pubblica. ! dei quali: 688 dell’Ater 92 del Comune ! complessivamente: 1717 inquilini ! (dati 2004)

Con la Variante del 2004, 4,7 milioni di mq di aree, precedentemente destinate a verde pubblico, sono state trasformate in aree di “perequazione urbanistica”, con un incremento di 2 milioni di mc di volumetrie edificabili. Padova Variante di PRG 2004 I “cunei verdi” diventano zone di perequazione urbanistica

La città che respira Il PAT adottato nel 2009, prevedendo la possibilità di utilizzare meccanismi di “perequazione ad arcipelago” tenta un recupero dei cunei verdi... ma, alla fine, propone anche un forte aumento della capacità insediativa. PAT Piano di Assetto Territoriale Capacità insediativa: ! volume residuo da PRG 2.607.892 mc ! volume aggiuntivo da PAT 2.084.232 mc ! ! TOTALE 4.692.124 mc Popolazione aggiuntiva prevista dal PAT (sulla base delle proiezioni demografiche effettuate nel 2007 da Paolo Feltrin per la Provincia di Padova): 24.185 abitanti

Arcella: veduta satellitare

23. Pontevigodarzere 24. San Carlo 25.1 Arcella 25.2 San Bellino Abitanti 1981 1991 2001 2012 5.446 5.476 4.837 5.250 24. San Carlo 20.936 19.968 14.665 15.028 25. Arcella e S. Bellino 20.033 16.468 18.863 19.216 46.415 41.912 38.365 39.503 23. Pontevigodarzere

5.887 6000 5.108 4500 2.711 3000 2.298 2.045 1500 0 1.475 1.377 Centro Nord Est Sud Est Sud Ovest Ovest COMUNE 2012 - Densità abitativa / popolazione a kmq

23. Pontevigodarzere 22,63% 24. San Carlo 24,81% 25.1 Arcella 26,86% 25.2 San Bellino 20,89% Quartiere Nord 24,98% Percentuale cittadini stranieri 2012 Intero Comune 15,72 %

Verde pubblico Secondo il Bollettino di statistica del Comune al 31.12.2012 Sommando “Verde attrezzato” (316.376 mq) e “aree di arredo urbano” (132.742 mq) nel Quartiere Nord vi sarebbe una dotazione di 11,37 mq / abitante di verde pubblico Se però verifichiamo i dati relativi a “Parchi e giardini pubblici” sul sito del settore Verde Pubblico (che non considera le aree per impianti sportivi), il valore si riduce a Verde pubblico per abitante 3,35 mq / ab * Parchi di più di 10.000 mq : Giardino Milcovich Giardino dei Ciliegi Giardino Ginkgo Giardino dei Viburni 40 27.208 mq 21.096 mq 12.450 mq 12.230 mq complessivamente 30 72.984 mq * Giardini tra i 5.000 ed i 10.000 mq : 20 complessivamente * Altre aree verdi da 750 a 5.000 mq : 10 complessivamente 0 36.416 mq Centro Nord Est Sud Est Sud Ovest Ovest Comune PD Totale parchi e giardini 22.883 mq 132.283 mq

Studio Campos Venuti - Oliva ! 1995 Livelli di impermeabilizzazione dei tessuti urbani in nero: superiore all’ 80% in grigio: tra il 50 % e l’ 80% in giallo chiaro: tra il 10 % e il 50% in verde: inferiore al 10% in giallo ocra: ambiti agricoli

Aree a rischio inondazione secondo gli studi del prof. Luigi D’Alpaos

Progetto del nuovo scolmatore Limenella- Fossetta

Studio Campos Venuti - Oliva 1995 Elementi di maggiore criticità * Crescita urbana disorganica e non pianificata * Necessità di creare una alternativa alla direttrice via Pontevigodarzere - via G. Reni - via T. Aspetti, uno dei principali assi di penetrazione del traffico urbano * La viabilità di quartiere non risulta correttamente gerarchizzata * Dagli anni sessanta dismissione di larga parte delle attività industriali * Aree verdi localizzate ai margini degli insediamenti e prive di una struttura di connessione

Studio Campos Venuti - Oliva Proposte per il sistema urbanistico Si propone l’eliminazione del traffico di attraversamento e la trasformazione di via Aspetti - via Reni in un viale urbano, riservato ai residenti

Il percorso del Metrotram

Studio Campos Venuti - Oliva Proposte per il sistema ambientale in giallo ocra: aree di trasformazione in tratteggio: ambiti urbani soggetti ad allagamenti nei casi di pioggia intensa

a. Aree industriali dismesse indice (36 ettari) 1 ÷ 1,2 mc/mq ! b. Comparti di trasformazione urbana (14 ettari) aree private di consistenti dimensioni in ambito urbanizzato indice 0,7 ÷ 0,9 mc/mq ! c. Comparti di trasformazione ambientale (23,8 ettari) aree private esterne al tessuto edificato (già destinate a verde pubblico) Studio Campos Venuti - Oliva Proposte per le aree di trasformazione (complessivamente 76,2 ha - il 10,6% dell’area di studio) indice 0,2 ÷ 0,3 mc/mq ! d. Aree centrali di trasformazione di piccole dimensioni perequazione “ad arcipelago” indice (2,4 ettari) 0,2 ÷ 0,3 mc/mq Regole perequazione urbanistica: - 30% superficie per concentrazione volumi - 40% superficie per verde pubblico di compensazione - 30% superficie per verde privato condominiale

La Fornace Morandi ristrutturata

Accordo di Programma ex Fornace Morandi ! Superficie territoriale 132.000 mq Volumetria residenziale realizzata 65.000 mc (indice 0,49 mc/mq) Superfici cedute al Comune 91.350 mq (69%)

L’intervento di recupero urbano nell’area ex Pessy-Guttalin

Piano Guida per le lottizzazioni Morandi, Idrotermici e Pilli

Piano Guida per le lottizzazioni Morandi, Idrotermici e Pilli Verde e servizi: 61.298 mq superficie compl. 149.030 mq volumetria 212.634 mc Edilizia commerciale: 27.470 mc Edilizia residenziale: 182.664 mc (indice 1,42 mc/mq) (520 alloggi c.a)

PIRUEA Morandi superficie compl. 51.626 mq volumetria 49.700 mc indice 0,96 mc/mq Inizialmente circa 72.000 mc 60.678 in più di quelli consentiti dal PRG - concessi per ricavarne in cambio la cessione gratuita delle aree destinate al parcheggio di testata del Metrotram, nonché dell’area destinata ad edilizia pubblica (11.000 mc) + contributo di 1 milione di euro per sottopasso tramvia Edilizia residenziale 42.700 mc (dei quali 7.500 per ERP) ! Edilizia commerciale 7.000 mc

PUA Idrotermici superficie compl. 41.567 mq volumetria 83.134 mc (indice 2 mc/mq) Nell’ottobre 2004 la Commissione Urbanistica chiede che le aree Pilli, Idrotermici e Morandi siano inserite in un unico Piano Guida. Negli anni successivi il Piano Guida sarà oggetto di numerosi incontri e discussioni con il Quartiere e le associazioni ambientaliste. ! Emergono alcune indicazioni di fondo. Tra queste: - La pedonalizzazione del tratto sud di via Pontevigodarzere e la deviazione del traffico lungo il confine tra le aree Idrotermici e Morandi (al fine di ridurne l’intensità e l’impatto) - La possibilità futura di prolungare la tramvia sino a Cadoneghe occupando la sede di via Pontevigodarzere (il che richiederebbe però la realizzazione di un nuovo ponte sul Brenta e di una nuova arteria di accesso alla città). - La formazione di un sistema di piazze con specifiche destinazioni d’uso. - La formazione di un polo di servizi civici e di un grande parco nell’area Pilli. Edilizia residenziale: 70.664 mc ! Edilizia commerciale: 12.470 mc

PUA Eredi Pilli ! superficie compl. 55.837 mq ! volumetria 67.800 mc (indice 1,21 mc/mq) La Convenzione prevede: - la realizzazione di un Centro Civico di 12.000 mc - la formazione di un Parco pubblico di 15.000 mq ed una nuova scuola d’infanzia comunicante con il plesso scolastico esistente - l’adozione dei principi della bioedilizia (risparmio energetico, energie alternative, permeabilità dei suoli, riciclo acque piovane, raccolta differenziata rifiuti, ...)

Piano Urbanistico Attuativo area PILLI: vista da nord est

SAIMP Una fabbrica qui trasferita nei primi anni ’60 che, prima della chiusura avvenuta nel 2003, occupava più di 600 operai e forniva componenti per la Ferrari, la Fiat, la Volkswagen, la Lamborghini... Uno degli ultimi significativi esempi di archeologia industriale

Area ex SAIMP - volumetria preesistente 182.600 mc Volumetria consentita dal PRG : 66.000 mc (indice 2mc/mq) Previsti: una media struttura di vendita (2.500 mq) 2 torri ad uso uffici

San Carlo: Piazza Azzurri d’Italia e aree centrali

Testo Piano Guida Gregotti per l’area di San Carlo - 1988 Il Piano Guida “... non fa riferimento ad alcuna idea o piano di riqualificazione complessiva della struttura funzionale urbana, né ad alcuna ipotesi settoriale di trasferimento funzionale, cioè di decentramento e concentrazione in aree esterne di attività proprie del centro città con funzione di decongestione del centro antico. Inoltre non obbedisce ad alcuna logica pianificatoria di tipo nucleare, paragonabile a quello dei sub-centers di tipo anglo-americano come modello di riorganizzazione del suburbio e della città estesa” (Filippo Messina - Galileo, agosto 1996).

Area ex Sangati ! Superficie territoriale 16.897 mq Volumetria realizzata 59.900 mc (3,54 mc/mq) 50.920 mc commerciale-direzionale 8.980 mc residenziale Cessione aree 8.103 mq (48% superf. territ.) a cui vanno aggiunti 4.497 mq di parcheggi interrati e sopraelevati Plastico del progetto Gregotti Primo stralcio del progetto Gregotti

PIRUEA San Carlo e Piazza Azzurri d’Italia dicembre 2004 (società Valli srl) Superficie complessiva: 38.018 mq Volumetria: 106.162 mc (2,79 mc/mq)

Previsti 3 stralci esecutivi: 1° stralcio ! ! - Aree società Valli: mq 10.247 - Aree Comune di Padova: mq 6.947 Volumetria prevista.: 41.362 mc (indice 2,40 mc/mq) - ceduti al Comune 7.000 mc per servizi di quartiere e residenza PIRUEA San Carlo Programma Integrato Riqualificazione Urbanistica dell’Area ! 2° stralcio ! - Aree Comune di Padova: mq 13.840 Volumetria prevista: 33.700 mc (indice 2,43 mc/mq) 3° stralcio ! - Aree e stabili di proprietà privata: mq 6.984 Volumetria prevista: 31.100 mc (indice 4,45 mc/mq) ! - Superficie area d’intervento: mq 38.018 - Volumetria prevista. 106.162 mc (indice 2,79 mc/mq)

febbraio 2000 - Viene presentato dalla società Valli srl un “Piano guida” al Settore Pianificazione Urbanistica ! aprile 2002 - Parere di massima e indicazioni della Commissione Urbanistica ! novembre 2004 - Parere favorevole della Commissione Urbanistica ! febbraio 2005 - Adozione da parte della Giunta Comunale (ai sensi della L.R. 1.6.1999, n. 23) ! 18 giugno 2006 - Consultazione popolare PIRUEA San Carlo

29.100 persone chiamate a votare: vota circa il 25% degli aventi diritto Il 70% circa dei votanti vota contro il Piruea

dicembre 2006 - aprile 2007

Percorsi ciclabili, zone a ciclabilità diffusa, ... aree verdi e corridoi ecologici

Proposte per la mobilità ! ! - Eliminazione traffico di attraversamento nord-sud ed est-ovest ! - Nuova stazione SFMR ! - Prolungamento linea Metrotram sino a Cadoneghe ! - Nuovo ponte sul Brenta per riqualificare via Pontevigodarzere

Riorganizzazione degli spazi pubblici in un sistema unitario, sistema del verde, gerarchizzazione del traffico… … ma anche tentativo di riconnessione con la città e con gli spazi aperti esterni al quartiere

Una questione irrisolta Il superamento delle barriere che isolano l’Arcella nei confronti del centro città e del territorio aperto 5 Km di tecnologie stradali Prusst “Arco di Giano” 5 Km di tecnologie stradali

Le occasioni mancate…. Il restyling senza fine della stazione e del piazzale antistante

Parigi Stazione di Montparnasse Jardin Atlantique

Programma di Riqualificazione Urbana “Il superamento dei margini” (dicembre 1995) Obiettivi del PRU di via Sarpi: - Connessione pedonale, ciclabile e veicolare tra l’Arcella ed il centro città. - Miglioramento delle condizioni abitative ed ecoambientali e realizzazione di una quota di edilizia residenziale pubblica. - Creazione di un parco urbano a ridosso delle mura cinquecentesche.

PRU Il superamento dei margini 1995 Progetto esemplificativo: ! aree comunali: 26.423 mq aree consorzio privati: 87.842 mq aree da espropriare: 29.661 mq ! superficie totale 143.926 mq Edilizia privata 155.000 mc Edilizia resid. pubblica 37.000 mc Attrezzature pubbliche 15.000 mc ! Verde pubblico di compensazione: 44.000 mq Verde condominiale di uso pubblico: 22.000 mq volumetria totale: 207.000 mc (indice 1,43 mc/mq)

Concorso di progettazione EUROPAN ! Proposta Favaro Yaxley di intervento nell’area degli ex Magazzini Generali e di riqualificazione ambientale di tutto il contesto urbano, con la formazione di un’area parco di congiunzione tra il centro direzionale di Padova e l’Arcella. Il “Ponte verde” per facilitare l’accesso veicolare dal “Passante urbano” alla Fiera di Padova

Antonio Sarto Una proposta per il Borgomagno Come integrare il nuovo polo ospedaliero con l’Arcella e con la città ?

Il “Distretto della cultura” possibile anello di connessione? PAT 2009 ! ambiti strategici di trasformazione urbana

Paesaggio e Infrastrutture verdi L’opera di ricostruzione del paesaggio metropolitano non potrà che par tire dalla valorizzazione e dal potenziamento delle grandi infrastrutture verdi, costituite in particolare dai bacini idrografici della Brenta e del Bacchiglione. La ricostruzione del paesaggio Fondamentali sono inoltre i segni tracciati dai paleoalvei del Medoacus e la scacchiera del Graticolato, la più significativa testimonianza nel Nord Italia dell’opera di colonizzazione dell’impero romano.

Add a comment

Related presentations

Related pages

Lironi Quartiere Arcella Padova pdf - Design

Padova, 15 marzo 2006 ELETTROIPERSENSIBILITÀ Consiglio di Quartiere Arcella relatrice dott.ssa Anna Zucchero. Slide 1 Padova, 15 marzo 2006 ...
Read more

Arcella (Padova) - Wikipedia

Arcella frazione; Panorama del quartiere con il Santuario: Localizzazione; Stato ... Portale Padova: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Padova
Read more

Lironi. Rigenerazione Urbana Sostenibile ed Eco-quartieri ...

Lironi Quartiere Arcella Padova pdf Processi di rigenerazione urbana 1. Gabriele Rabaiotti gabriele.rabaiotti@kcity.it processi di rigenerazione urbana 2 ...
Read more

Arcella (Padua) - Wikipedia, the free encyclopedia

Arcella (Padua) This article has multiple issues. Please help ... People usually use the name "Arcella" to refer to the whole urban area north of the station.
Read more

Padova – Wikipédia

Padova (latinul: Patavium, ... Quartiere 2 Nord (Észak) (Arcella ... Padovanet.it PDF; Padova.lap.hu - linkgyűjtemény;
Read more

Area Verdi - San Bellino, Arcella, Padova - YouTube

Filmato girato nelle aree verdi nel quartiere San Bellino, Arcella, Padova. Skip navigation Upload. Sign in. Search. Loading... Close.
Read more

Ginnastica in quartiere - Comune di Padova

... e con il sostegno del Comune di Padova - Quartiere 2 Nord. Quando. Dall'1 ottobre 2015 al 31 maggio 2016. ... .PDF 232.06 KB. Questo contenuto si trova in:
Read more