Leadership & Leader, Cos'è la leadership

50 %
50 %
Information about Leadership & Leader, Cos'è la leadership

Published on June 16, 2016

Author: openstyle

Source: slideshare.net

1. LA LEADERSHIP 10/05/2016, Marika Vassalli

2. INDEX ▸ 1. COS’E’ LA LEADERSHIP………………………………3 - DEFINIZIONE DI LEADERSHIP……………………4 - POTERE E INFLUENZA………………………….....6 ▸ 2. IL LEADER…………….……………………………....10 - DIFFERENZA TRA LEADER E MANAGER………....11 - CHI E’ IL BUON LEADER……………………….....13 - GLI STILI DI LEADERSHIP………………………..17 - COME ACQUISIRE LA LEADERSHIP……………...19 - COSA FA IL BUON LEADER……………………....21 - FLESSIBILITA’ E NUOVI ORIZZONTI DELLA LEADERSHIP …………………………….25 ▸ BIBLIOGRAFIA…………….…………………………….27 La leadership - Marika Vassalli 2/27

3. COS’E’ LA LEADERSHIP1. 3/27 La leadership - Marika Vassalli

4. DEFINIZIONE DI LEADERSHIP Nel mondo della psicologia del lavoro e delle organizzazioni, non c’è un reale accordo su che cosa sia, davvero, la leadership. Ogni autore propone una propria definizione, tant’è che possiamo dire che sono tante le definizioni di leadership quanti sono i ricercatori che hanno tentato di definire il concetto. E’ una qualità, una dote che costituisce una preziosa risorsa per il gruppo. 4/27 La leadership - Marika Vassalli

5. La cultura aziendale determina i comportamenti del leader e dei suoi collaboratori, ma sono questi che costituiscono la cultura aziendale nel lungo tempo. La leadership diventa davvero efficace quando lo stile dirigenziale e i valori aziendali sono allineati, quindi, quando la leadership è compatibile con i valori aziendali percepiti e non sussistono conflitti fra le gerarchie. 5/27 La leadership - Marika Vassalli

6. Il concetto di leadership è basato su una problematica di fondo: la gestione del potere. Il POTERE può essere definito come la capacità di un soggetto di esercitare un’influenza sul comportamento di un altro soggetto, comportamento che, genericamente, il soggetto non avrebbe messo in atto in maniera autonoma. Il potere, però, non è una proprietà stabile, ma dipende dalle relazioni e dal contesto in cui si esplica. Non esistono,quindi, individui potenti, ma situazioni di potere. 6/27 La leadership - Marika Vassalli POTERE E INFLUENZA

7. Per quanto riguarda il potere, invece, abbiamo 2 categorie generali: ● POTERE DI POSIZIONE: una parte del potere del leader proviene esclusivamente dal fatto di ricoprire la posizione organizzativa di comando. Il leader si sentirà fortemente legittimato ed eserciterà un potere fondato principalmente sul controllo dell’altro. Avremo, quindi una leadership formale, spesso associata ad un leader imposto dall’esterno; ● POTERE PERSONALE: derivato, invece, dalle qualità personali possedute dal leader (es. Competenze tecnico-professionali, riuscire a suscitare sentimenti positivi come la vicinanza o la lealtà, il carisma personale, ecc.). La leadership associata a questo tipo di potere è molto più informale. 7/27 La leadership - Marika Vassalli

8. Inoltre, l’esercizio del potere unisce, da una parte, chi esercita l’INFLUENZA e , dall’altra, il destinatario. Affinchè ci sia influenza di una persona su un’altra, deve essersi precedentemente instaurato un rapporto di interdipendenza e condivisione: la persona che sta cercando di esercitare il proprio potere, ha bisogno di conoscere i valori e le disposizioni di personalità dell’altro, creare una zona di conoscenza condivisa, in modo tale da avere la certezza che l’influenzamento sia ricaduto nella zona di accettabilità della persona da influenzare. 8/27 La leadership - Marika Vassalli

9. Esistono 3 tipi di processi di influenza: 1. ACQUIESCENZA: adesione passiva alla richiesta motivata, semplicemente, dall’ottenere premi o evitare punizioni; 2. IDENTIFICAZIONE: imitazione dei comportamenti e atteggiamenti dell’agente di influenza, per guadagnare approvazione sociale; 3. INTERNALIZZAZIONE: il soggetto influenzato fa suo il valore trasmesso dalla persona influente, impegnandosi in modo autonomo nell’applicare quanto richiesto. 9/27 La leadership - Marika Vassalli

10. IL LEADER2. 10/27 La leadership - Marika Vassalli

11. 11/27 La leadership - Marika Vassalli DIFFERENZA TRA LEADER E MANAGER Il leader deve possedere una visione del mondo tale che gli consenta di vedere più avanti degli altri e agire in anticipo sui tempi. Ogni impresa mira al raggiungimento di un ruolo di preminenza nei rami delle attività in cui opera; la leadership ha il compito di coltivare, stimolare, sostenere e conquistare questo obiettivo. La leadership, però, è differente rispetto al management, anche se complementare. Al manager è affidato il compito di gestire la complessità dell’organizzazione; al leader, invece, il processo di cambiamento ed evoluzione.

12. La LEADERSHIP, quindi, dovrebbe: ● Creare un senso di urgenza; ● Attivare un gruppo di lavoro autorevole, compatto e autonomo; ● Creare una vison adeguata, capace di creare consenso; ● Conferire ai collaboratori ampie responsabilità decisionali; ● Cercare risultati positivi in breve tempo; ● Affrontare con slancio i più delicati punti di cambiamento; ● Incorporare nella cultura aziendale, nuovi comportamenti per gestire il cambiamento. 12/27 La leadership - Marika Vassalli Il MANAGEMENT, invece, dovrebbe: ● Trovare soluzioni ai problemi; ● Lavorare in paradigmi accettati e definiti; ● Adottare metodi e tecniche per collocare cose e persone posto giusto, nel momento giusto; ● Adottare una visione dell’uomo come risorsa e utilizzare le doti di ognuno per conseguire gli obiettivi; ● La sua autorità deriva dalle competenze specialistiche e situazionali; ● È pragmatico e pensa in funzione dell’agire. Tuttavia, i nuovi paradigmi di gestione dell’impresa, impongono al manager, nonostante abbia una funzione diversa da quella del leader, la necessità di un’ibridazione tra le due figure.

13. Il buon leader è colui che riesce ad unificare in sè gli elementi finora descritti: - Buon esercizio del proprio ruolo nella gerarchia organizzativa; - Buon uso delle proprie caratteristiche e attitudini personali; - Riconosce la dipendenza della propria influenza dalle caratteristiche situazionali; - Riconosce che il proprio potere deriva da un processo sociale (analizzando il reciproco influenzamento, considerando la crescente complessità del mondo, ecc.). 13/27 La leadership - Marika Vassalli CHI E’ IL BUON LEADER

14. “Il possesso di alcune caratteristiche personali aumenta la probabilità di riuscire come leader, ma nessuna di queste assicura il successo, mentre l’importanza relativa dei diversi tratti dipende dalla natura della situazione in cui si esercita la leadership” Gary Yukl 14/27 La leadership - Marika Vassalli

15. Alcune caratteristiche personali, spesso associate ad un’efficace leadership, possono essere: ● Buone capacità di tollerare lo stress; ● Persona molto attiva e vitale; ● Buona maturità emozionale; ● Buona integrità; ● Capacità di percepire e gestire il cambiamento; ● Fiducia in se stessi e negli altri; ● Abilità tecniche e concettuali; ● Abilità interpersonali; ● Abilità gestionali; ● Abilità di realizzare concretamente le azioni programmate; ● Buon uso della propria intelligenza emotiva. Tutte queste caratteristiche, non sono determinanti perchè un leader sia effettivamente efficace. 15/27 La leadership - Marika Vassalli

16. Gli stili di comportamento efficace del leader, dipendono in buona parte dall’interazione con le caratteristiche della situazione concreta, dal tipo di attività che l’azienda svolge, dal settore in cui è inserito, dallo stesso team che è chiamato a dirigere, ecc. 16/27 La leadership - Marika Vassalli

17. La più nota classificazione, per quanto riguarda gli stili di leadership, è stata formulata da Kurt Lewin, il quale distingue 5 diversi stili: • STILE AUTOCRATICO: il leader si sente assolutamente legittimato nella sua posizione e si rivolge ai collaboratori con ordini e istruzioni; nonostante la produttività possa essere elevata, non c’è fiducia reciproca e possono esserci tensioni e conflitti -> PRESCRIZIONE; • STILE PERSUASIVO: simile al precedente, con l’unica differenza che, a decisioni prese, il leader concede ai sottoposti il vantaggio di avere una spiegazione -> CONVINCIMENTO; • STILE COOPERATIVO: il leader coinvolge il suo tema nei processi decisionali, ascoltando il loro parere, motivandoli, condividendone obiettivi e sviluppandone le competenze -> CONSULTAZIONE; 17/27 La leadership - Marika Vassalli GLI STILI DI LEADERSHIP

18. • STILE DEMOCRATICO:il leader tratta i collaboratori come suoi pari, condividendo responsabilità e aumentando la produttività generale in quanto motiva il dipendente a lavorare con impegno -> PARTECIPAZIONE; • STILE LAISSEZ-FAIRE: il leader mostra scarso interesse nei confronti dei sottoposti, intervenendo raramente e delegando i controlli ad alri. La cooperazione risulta complicata e inefficiente, con scarsa produttività -> DELEGA. Gli stili variano da leader a leader e da situazione a situazione, pertanto non sono giusti o sbagliati e devono essere giudicati in modo critico. 18/27 La leadership - Marika Vassalli

19. Leader non si nasce; come dicevamo, la leadership dipende dalle qualità personali e dalla situazione, quindi, la leadership può essere appresa, seguendo un lento processo: o Serve, innanzitutto, una spiccata carica motivazionale e voglia di imparare; o Proporsi alla soluzione dei problemi, sviluppando anche capacità decisionali, ampliando la propria conoscenza e allenando le capacità di problem solving; o Sviluppare le capacità comunicative fra sè e gli altri membri del gruppo; 19/27 La leadership - Marika Vassalli COME ACQUISIRE LA LEADERSHIP

20. o Deve appropriarsi degli strumenti e delle metodologie idonee a formulare un numero di soluzioni sempre maggiore a quello proposto da altri, ottenendo prestigio legato alle iniziative di successo; o Saper coinvolgere attivamente tutti i membri del gruppo, durante la fase di decison making; o Sviluppare doti di attenzione e tempestività nell’individuazione di rischi, in mod da incrementare la capacità di realizzare quanto precedentemente pianificato; o Assoluta correttezza e onestà intellettuale permetto, infine, che l’individuo sia riconosciuto e accettato come leader. 20/27 La leadership - Marika Vassalli

21. I compito del leader prevedono, oltre a mettere a disposizione del proprio team i mezzi per una buona pianificazione del lavoro,anche: - Condividere la vision e la mission dell’azienda, del prodotto, delle intenzioni future, dei valori e delle metodologie da rispettare per assolvere al meglio i compiti lavorativi La mission dovrebbe orientare, legittimare e motivare l’intera equipe; - Gestire i flussi comunicativi e informativi, dando chiarimenti, facendo in modo che l’informazione scorra fluida e senza intoppi ai vari livelli gerarchici; - Gestire i rapporti tra le persone dell’unità organizzativa, creando le condizioni per un buon sviluppo delle potenzialità e della creatività dei membri della squadra, fornendo, in caso di necessità, un adeguato supporto e consulenza. E’, questa, una dimensione decisamente importante per le imprese e risulta determinante per l’empowerment. 21/27 La leadership - Marika Vassalli CHE COSA FA IL BUON LEADER

22. L’EMPOWERMENT è quel processo che aiuta le persone ad uscire da una condizione di assenza di potere e di controllo percepiti sul proprio operato, ampliando gli spazi di autonomia e partecipazione alla conduzione dell’attività lavorativa e al processo decisionale. Il leader che avrà come obiettivo quello di circondarsi di dipendenti empowered, incentrerà la sua strategia su attività che gli consentano di rafforzare i rapporti nel team. In questo modo si creerà un clima di collaborazione, fiducia e sicurezza, con un team competitivo, che riesce a guardare al futuro e dare maggiore valore all’impresa. 22/27 La leadership - Marika Vassalli

23. La filosofia che sta a monte dell’empowerment, si basa sul concetto che il leader voglia utilizzare e sviluppare il potenziale umano di cui dispone, adattando il suo comportamento e suoi atteggiamenti e orientarli a favore dei dipendenti, scegliendo linee di azione poco direttive e che incoraggino la partecipazione attiva e l’assunzione di responsabilità. Il focus è, quindi, spostato dal prodotto alle persone. E’ qui che entra in gioco l’INTELLIGENZA EMOTIVA di cui abbiamo accennato prima, parlando delle qualità personali del leader. L’intelligenza emotiva, infatti, indica i tratti di personalità che condizionano il nostro modo percepire gli altri, gli eventi esterni e che determinano il modo con cui ci relazioniamo vicendevolmente gli uni con gli altri. 23/27 La leadership - Marika Vassalli

24. Il leader deve innescare sentimenti positivi nei propri collaboratori, consentendo di liberare il meglio da ognuno, facendo in modo che tutti realizzino le proprie aspirazioni e rendendo concrete le proprie potenzialità, sfruttando questo aspetto emozionale. Quando il leader identifica, con sensibilità, le complesse realtà emozionali e le abitudini dell’azienda, può avviare un diffuso processo di trasformazione orientato all’intelligenza emotiva, facendo in modo che i singoli individui non vedano affievolita la propria passione e pardano consapevolezza nelle proprie qualità. Il leader deve esercitare la propria intelligenza emotiva, fungendo da cassa armonica e traducendo gli input emotivi in stimoli per il team. 24/27 La leadership - Marika Vassalli

25. La figura del leader, date le premesse fatte, dev’essere una figura sostanzialmente flessibile; se vuole solgere un’azione efficace, deve tener conto della situazione e delle risorse a disposizione. Pertanto, la situazione attuale e sempre più il futuro, ci porterà a veder la leadership come l’attività di chi è capace di innovare (sia in termini di prodotto/idea, sia in termini di cultura organizzativa), migliorare costantemente intraprendendo sempre nuove strade, rendendo stimolante ed eccitante ogni giornata lavorativa, fornendo sempre scopi e obiettivi ai propri collaboratori. 25/27 La leadership - Marika Vassalli FLESSIBILITA’ E NUOVI ORIZZONTI DELLA LEADERSHIP

26. La figura del leader, appare sempre più come quella di un facilitatoredi conoscenza e un negoziatore delle idee e delle volontà che provengono da ogni livello dell’azienda. Per questo motivo, il vero capitale di ogni impresa sta diventando la conoscenza; il leader si trasforma in coach. Oggi, la leadership, è la continua e costante ricerca della migliore integrazione tra comportamenti, contesto e bisogni, che condurranno al processo decisionale in un percorso in evoluzione e in continuo adattamento alle nuove relatà emergenti. Il leader deve saper leggere gli eventi e adottare in fretta nuove strategie. I leader devono, oggi, trovare la chiave per poter serenamente ed efficacemente operare in presenza di un elevato livello di incertezza e ambiguità, traendo forza ed efficacia da informazioni e previsioni sempre più minime, assorbendo costantemente le idee dagli altri, aprendo la via ad una costante possibilità di trasformazione, facendo emergere nuove e imprevedibili possbilità, investendo sul capitale umano. 26/27 La leadership - Marika Vassalli

27. BIBLIOGRAFIA ▸ Depolo M. “Psicologia delle organizzazioni”, Il Mulino, 1998 ▸ www.unifighters.oneminutesite.t/files 27/27 La leadership - Marika Vassalli

Add a comment