La microimmunoterapia come trattamento per le verruche plantari

50 %
50 %
Information about La microimmunoterapia come trattamento per le verruche plantari

Published on July 7, 2016

Author: robertarusso754365

Source: slideshare.net

1. MODO D’USO 1capsulalamattinapreferibilmente adigiuno.Laduratadeltrattamento vaeffettuatafinoascomparsadelle verruche. EFFETTIINDESIDERATI Nonnoti CONTROINDICAZIONI Nonnote CONFEZIONE 30 Capsule contenenti globuli attivi INTERAZIONI FARMACOLOGICHE Può essere assunto in concomitanza con altre terapie. Immunoregolatore coadiuvante nella terapia dei papillomi cutanei di origine virale. Indicato nelle verruche cutanee la cui persistenza e frequenza sulla pelle è indice di disordini immunitari. Composizione Interleuchina 1 (IL-1) 17CH/23CH Interleuchina 2 (IL-2) 17CH IFN-alfa 17CH P.HLA-DR 17CH Jenaer M. Homéophate pour mieux guérir Didier Hatier, Bruxelles, 1986 Dorfmann P., Tetau M. From diathesis to immunomodulation: 200 years homeopathy. The evolution of homeopathic research, Editions Similia, 1990 Van Montfort J.C.Immuuntherapie- Natuurwetten in de genneskunde. Ankh- Hermes, Deventer, 1990 Jenaer M., Marichal B. Projet Immujem In’pact sa, Bruxell, 1991 Boiron J., Roberfroid M., Jenaer M., Abecassis J., Lans M., Gerlache J. Etude de l’action de diluitions hahnemanniennes d’ARN et d’AND sur l’evolution de carcinomas provoqués chez le rat. XVIIè Assises Scientifi ques Homoeopathiques, Les Annales Homoepathiques Francaises, N 4, 1979 Jenaer M. Utilisation des acides nucléiques en homoeopathie. Revue Belge d’Homoeopathie, n 3, 1969 Jenaer M. Essai sur L’emploi des acides nucléiques dynmisés en homoeopathie L’Homéopathie Francaise, N 10, déc. 1969 Jenaer M. Après quatre années d’emploi des acides nucléiques dynamisés en thérapeutique homoeopathique Revue Belge d’Homoeopathie, N 2 1972 Jenaer M. Applications pratiques des acides nucléiques dynamisés Les Annales Homéopathiques Francaises, 16è A. N 7, 1974 Jenaer M. Le indicazioni terapeutiche di RNA e DNA dinamizzati Empedocle, IIè A. N 5, 1984 Jenaer M. Il Check-up biologico della terapia con RNA-DNA dinamizzati Empedocle IIIé A. N 2, 1985 Jenaer M., Marichal B. L’immunothérapie homéopathique Revue L’Homéopathie Francaise T26 n 5, p.281- 289, 1988 Jenaer M., Marichal B. Immunothérapie Homéopathique IV Congrés National d’Omotoxicologie, Milan, 13 mars, 1989 Marichal B. Connessioni tra i meccanismi biologici dell’immunoterapia dinamizzata ed i neuropeptidi Rivista Italiana di omotossicologia, anno VII p. 45-47. Luglio. 1989 Bibliografia Verruche cutanee VERVA Dottoressa Katia Grossi, Il Pediatra, Ricerca applicata. Settembre 2013 Immunoterapia a dosi infinitesimali La microimmunoterapia come trattamento per le verruche plantari

2. 1 - Inizio del trattamento Le verruche sono lesioni cutanee causate dall’infezione dell’epidermide da parte dei papilloma virus umani (HPV). Esistono diverse forme di verruche causate da svariate forme di HPV che possono interessare tutte le varie sedi cutanee. Le principali e più comuni sono: Verruche volgari (causate dall’HPV di tipo 2), Verruche plantari, (causate dall’HPV di tipo 1), Verruche a mosaico, Verruche filiformi e verruche piane. La proliferazione virale a livello delle cellule dell’epidermide determina ipercheratosi, acantosi, paracheratosi, con sviluppo di lesioni papulose esofitiche a superficie digitiforme, verrucosa, a cavolfiore. Le verruche possono avere dimensioni variabili da 1 mm a 1 cm, essere isolate oppure confluire in placche. Possono interessare tutte le sedi cutanee, le sedi più comunemente interessate sono comunque le superfici periungueali, i palmi delle mani e le piante dei piedi. Clinicamente le lesioni provocano dolore, prurito, parestesie. Il sistema immunitario dell’organismo risponde alla infezione con lo sviluppo di anticorpi e con attivazione dell’immunità cellulo mediata che limita l’estensione dell’infezione ma solo in metà dei casi riesce ad eliminare l’infezione con regressione delle lesioni cutanee. Anche quando ciò avviene la guarigione è molto lenta, richiede anche molti mesi o anni. Un deficit immunitario congenito o acquisito determina invece una ampia diffusione delle lesioni con frequenti recidive. Il trattamento della medicina tradizionale si basa sull’applicazione di preparazioni all’acido acetil salicilico, crioterapia a base di applicazione di azoto liquido oppure il trattamento chirurgico. Nell’ambito dell’omeopatia vi è la possibilità di utilizzare composti immunomodulatori come il VERVA (Vanda) il quale contiene citochine a dosi infinitesimali (Interleuchina 1 alla diluizione 17CH e 23CH, Interleuchina 2 alla 17CH, Interferon-α alla 17 CH) in grado di stimolare la risposta immunitaria cellulo mediata e anticorpale. Continene inoltre il P.HLA-DR alla 17CH, anticorpi monoclonali per l’antigene HLA, in grado di stimolare l’espressione degli antigeni virali sui complessi maggiore di istocompatibilità sulle membrane delle cellule infettate, favorendo così l’eliminazione di queste ultime da parte dei linfociti T citotossici e Natural Killer. Riportiamo un caso di un bambino di 8 anni affetto da una verruca plantare trattato con immunoterapia omeopatica. Il paziente è un bambino di 8 anni, senza alcuna patologia in atto, né patologie di rilievo in anamnesi. Ha cominciato ad accusare algia plantare al piede sinistro quando camminava. L’esame obiettivo ha rilevato a livello plantare, in sede della seconda testa metatarsale, una lesione verrucosa di circa 1 cm di diametro con dolorabilità alla pressione. Si è deciso di trattare il paziente con l’immunoterapia omeopatica, con l’assunzione del medicinale omeopatico immunomodulatore VERVA al dosaggio di 1 cps al dì per via sublinguale. Dopo 1 mese di trattamento continuativo si è osservata una parziale regressione della verruca, associata a netto miglioramento della sintomatologia dolorosa, con per manenza solo di lieve dolenzia alla pressione. Dopo 2 mesi di trattamento continuativo si è osservata una ulteriore regressione della lesione con sviluppo di trombosi dei capillari e comparsa della caratteristica punteggiatura nerastra. La sintomatologia si è completamente risolta. Dopo 2 mesi il trattamento è stato interrotto e dopo un ulteriore mese è si è osservatata completa regressione della lesione con restituito ad integrum. Nel complesso quindi la verruca è stata trattata con 60 giorni continuativi di Verva ed è scomparsa dopo ulteriori 30 giorni. Il trattamento è stato ben tollerato dal piccolo paziente e non si è osservato alcun effetto collaterale. Appare chiaro quindi che l’immunomodulatore Verva ha determinato una efficace stimolazione del sistema immunitario del bambino, in modo da avere una rapida regressione dei sintomi dolorosi e riducendo notevolmente i tempi di guarigione della verruca. Abstract Microimmunoterapia ImmunoVanda | Vanda Italia | www.vanda.it Microimmunoterapia ImmunoVanda | Vanda Italia | www.vanda.it Bambino di 8 anni che a Marzo 2013 ha cominciato ad accusare dolenzia insedeplantarequandocamminava.L’esameobiettivo rilevava alla pianta del piede sinistro a livello della seconda testa metatarsale una lesione cutanea con le caratteristiche tipiche della verruca plantare. Dopo 1 mese di trattamento: la verruca presenta segni di re- gressione e questo si associa a riduzione dei sintomi dolorosi, il bambino non si lamenta più quando cammina e vi è scarsa dolorabilità alla pressione. Dopo 2 mesi di trattamento: La verruca è in ulteriore regressione, sono presenti punti nerastri segni di capillari trombizzati. Assenza completa di sintomatologia. Dopo 1 mese dal termine del trattamento. Dopo 3 mesi dall’inizio dei sintomi: scomparsa della verruca e completa guarigione con “restitutio ad integrum”, senza alcuna cicatrice. Dottoressa Katia Grossi, Il Pediatra, Ricerca applicata. Settembre 2013 Immunoterapia a dosi infinitesimali La microimmunoterapia come trattamento per le verruche plantari Viene riportato un caso di verruca plantare in un bambino di 8 anni trattato con Microimmunoterapia omeopatica, un approccio terapeutico caratterizzato dall’utilizzo in dosi parafisiologiche di sostanze a cui la farmacologia ufficiale riconosce effetti teraputici ma il cui utilizzo in dosi ponderali è reso problematico da gravi effetti collaterali. 2 - Dopo un mese di trattamento 3 - Dopo due mesi di trattamento 4 - Dopo un mese dal termine de trattamento

Add a comment