advertisement

L'EVOLUZIONE DELL'INTERFACCIA GRAFICA DI FACEBOOK DAL 2007 AL 2014

50 %
50 %
advertisement
Information about L'EVOLUZIONE DELL'INTERFACCIA GRAFICA DI FACEBOOK DAL 2007 AL 2014
Social Media

Published on March 5, 2014

Author: GloriaBeccalli

Source: slideshare.net

Description

Il seguente studio è frutto di un’analisi effettuata impiegando il metodo del confronto a coppie di Thurstone. L’intento era di raccogliere le preferenze di un ristretto campione di soggetti, sull’aspetto grafico e sulla funzionalità di alcune delle versioni delle pagine personali del servizio di rete sociale Facebook, nelle sue diverse evoluzioni dal 2007 fino al 2014.
advertisement

Università degli studi Milano Bicocca Corso di Laurea Magistrale in Teoria e Tecnologia della Comunicazione A.A. 2013/2014 L’EVOLUZIONE DELL’INTERFACCIA GRAFICA DI FACEBOOK DAL 2007 AL 2014 Relazione per il corso di Psicofisica e percezione del Prof. Adolfo Natale Stucchi Progetto a cura di: Jessica Bombelli, mat. 781162 Gloria Beccalli, mat. 782486

INDICE ESTRATTO ................................................................................................................................................ 2 INTRODUZIONE ....................................................................................................................................... 3 1. L’INTERFACCIA GRAFICA DI FACEBOOK .............................................................................. 3 METODO ...................................................................................................................................................... 6 2. I MATERIALI ...................................................................................................................................... 6 3. I PARTECIPANTI ........................................................................................................................... 10 4. IL METODO DEL CONFRONTO A COPPIE ............................................................................ 11 5. LA PROCEDURA ........................................................................................................................... 13 RISULTATI ............................................................................................................................................... 13 CONCLUSIONE ........................................................................................................................................ 22 BIBLIOGRAFIA ....................................................................................................................................... 24 SITOGRAFIA ............................................................................................................................................ 24 APPENDICE.............................................................................................................................................. 24 1

Estratto Il seguente studio è frutto di un’analisi effettuata impiegando il metodo del confronto a coppie di Thurstone (Thurstone, 1927). L’intento era di raccogliere le preferenze di un ristretto campione di soggetti, sull’aspetto grafico e sulla funzionalità di alcune delle versioni delle pagine personali del servizio di rete sociale Facebook, nelle sue diverse evoluzioni dal 2007 fino al 2014. Siamo partite dall’ipotesi che molti degli utenti non siano sempre stati soddisfatti e in accordo con le scelte di design applicate al social network nel corso degli anni. Nel tentativo di valutarla, abbiamo presentato a dieci soggetti da noi selezionati, sei screenshot raffiguranti i cambiamenti più drastici apportati all’interfaccia chiedendo loro di scegliere quello preferito e quello ritenuto più funzionale. Dai risultati ottenuti è possibile constatare che, in parte, la nostra ipotesi ha ricevuto conferma: in particolare, l’interfaccia del 2008 è stata giudicata al contempo, meno “preferita” e meno “funzionale” rispetto a quella dell’anno precedente; diversamente, quella del 2012 è risultata essere meno “funzionale” rispetto a quella del 2011. Infine, abbiamo potuto osservare la presenza di una forte correlazione (r ~ .86) tra le variabili “preferenza” e “funzionalità” da noi prese in esame. Keywords: Interface, Facebook, Method of Paired Comparisons, Law of Comparative Judgement, Thurstone. 2

Introduzione 1. L’INTERFACCIA GRAFICA DI FACEBOOK “Una buona interazione tra un essere umano e un sistema è data dalla qualità dell’interfaccia”1 Raskin, 2000 In questo lavoro ci siamo proposte di prendere in oggetto l’interfaccia della piattaforma social Facebook.com, in quanto uno dei siti più visitati e soprattutto utilizzati all’interno dell’immenso spazio web nel corso degli ultimi anni. Facebook è un servizio gratuito di social networking fondato a Harvard, dallo studente Mark Zuckerberg e dai suoi compagni di università Eduardo Saverin, Dustin Moskovitz e Chris Hughes nel febbraio 2004. Nato come piccolo progetto dedicato esclusivamente agli studenti dell'Università di Harvard, è stato velocemente reso disponibile in tutto il mondo, e ad oggi è il primo social network per numero di utenti attivi. Ugualmente a quanto emerge in altre parti del globo, in Italia la quantità di user di questa piattaforma appare decisamente elevata2, il che lo rende un fenomeno di notevole rilievo anche all’interno del nostro odierno ambito nazionale. Negli anni, Facebook ha apportato varie modifiche e cambiamenti non solo alla sua politica e ad alcune sue funzioni, ma anche al suo layout e più in generale alla sua grafica. Dal canto nostro, abbiamo ritenuto utile concentrarci esclusivamente sulla GUI 1 Raskin Jef, The Humane Interface: New Directions for Designing Interactive Systems, Addison-Wesley Professional, 2000. 2 I dati di agosto 2013 parlano di 24 milioni di utenti attivi mensilmente e 17 milioni giornalieri. “La Repubblica”, 30 agosto 2013. 3

(Graphical User Interface)3 delle pagine personali del sito. A tal proposito, le domande che ci siamo poste sono: quali sono le versioni della pagina personale di Facebook preferite dai suoi iscritti? Queste vengono anche ritenute le più funzionali? In particolare, con la variabile “preferenza” abbiamo inteso la piacevolezza percepita rispetto alla grafica del sito; mentre con “funzionalità” 4 ci siamo riferite all’usabilità ed alla comodità delle funzioni, oltre che la loro disposizione all’interno della pagina (sempre in relazione alla comodità del loro utilizzo). Teniamo inoltre a precisare che tali definizioni dei due termini sono state esplicitate a tutti i nostri soggetti, al fine di creare minore ambiguità. Per rispondere alle questioni sopra citate abbiamo selezionato sei immagini raffiguranti i più importanti cambiamenti apportati all’interfaccia grafica del social network nel corso degli anni, e le abbiamo disposte a coppie per un totale di quindici combinazioni possibili. L’esperimento è stato somministrato ad un pool di dieci soggetti, ai quali è stato assegnato il compito di indicare, di volta in volta, quale dei due screenshot preferissero e quale ritenessero più funzionale. Coi risultati ottenuti abbiamo costruito una scala di preferenza, riuscendo a stabilire quali fossero le interfacce più apprezzate. La nostra ipotesi è che dall’esperimento risulti una preferenza della maggior parte dei soggetti per l’interfaccia che approderà in Italia nel 2014 data la sua completezza, semplicità, la presenza dei filtri che permettono una maggior personalizzazione e la grande rilevanza che viene attribuita ai contenuti grafici. Contemporaneamente, ci aspettiamo che ottengano un’alta valutazione anche l’interfaccia attuale di Facebook, essendo la versione più recente, e quindi la più conosciuta e familiare, e l’interfaccia 3 Mentre con il termine interfaccia si intende un qualsiasi sistema che permette all’individuo di interagire con un oggetto o un sistema per raggiungere uno scopo, le caratteristiche tipiche di una GUI risiedono nei suoi elementi grafici e dunque la rappresentazione visiva degli oggetti e dei concetti, come bottoni, barre degli strumenti o icone (CORTES Leslie, Designing a Graphical User Interface, Austin, Medical Computing Today, maggio 1997 e A.A., NOEMA, <http://org.noemalab.eu/sections/specials/tetcm/200102/webdesign_usability/interfaccia_definizione.html>) 4 Intesa generalmente come “Adeguatezza all'uso cui qlco. è destinato; capacità di soddisfare un'esigenza specifica” (Corriere della Sera, Dizionari, Il Sabatini Coletti, <http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/F/funzionalita.shtml>) 4

del 2011, per l’organizzazione a nostro dire più semplice ed immediata del profilo personale e per la presenza meno invasiva della pubblicità. 5

Metodi 2. I MATERIALI Sono state utilizzate sei immagini per ripercorrere i più importanti cambiamenti apportati all’interfaccia di Facebook nel corso degli anni. Qui ne proponiamo delle brevi descrizioni, le quali però non sono state riferite ai nostri soggetti nel corso delle interviste, in modo tale da non indurre risposte viziate: L’interfaccia grafica di Facebook nel 2007: Il 2007 è l’anno del successo di Facebook, che cambia completamente faccia, rispetto alla sua prima versione datata 2004, trasformandosi in una vera e propria piattaforma web, integrando applicazioni e pokes. Fig.1: Interfaccia della pagina personale di Facebook, 2007 L’interfaccia grafica di Facebook nel 2008: Nel 2008 approda il feed delle attività e la wall diviene perciò un luogo universale di condivisione con i propri amici di Facebook. Iniziano ad arrivare i primissimi commenti alle foto degli amici, e nascono le prime interazioni. 6

Fig.2: Interfaccia della pagina personale di Facebook, 2008 L’interfaccia grafica di Facebook nel 2009: Il 2009 è l'anno più importante per il social network, in cui viene deciso di rendere possibile la condivisione di informazioni che riguardano la vita di ogni utente. Arrivano i giochi virali, il tasto "mi piace” e "condividi", ma soprattutto le fan page. Nel 2010, invece, Facebook non subisce cambiamenti drastici per quanto riguarda la grafica, e si focalizza sulla comunicazione tra gli utenti, grazie anche alla chat. Cominciano però a diffondersi le prime polemiche relative alla protezione della privacy. Fig.3: Interfaccia della pagina personale di Facebook, 2009 7

L’interfaccia grafica di Facebook nel 2011: Nel 2011 l'interfaccia viene rivoluzionata, viene posto un lieve rimedio ai problemi di privacy e viene presentato il nuovo diario, con la rispettiva Time Line. Il profilo degli utenti si trasforma così in un vero e proprio album virtuale con il quale si potranno rivivere gli eventi più importanti nel corso degli anni. Fig.4: Interfaccia della pagina personale di Facebook, 2011 L’interfaccia grafica di Facebook nel 2012: Nel 2012 Zuckerberg pone molta rilevanza sulla monetizzazione, iniziano perciò a comparire i primi post sponsorizzati. Vengono poi apportate lievi modifiche al diaro con la possibilità di scegliere un’immagine di copertina. Fig.5: Interfaccia della pagina personale di Facebook, 2007 8

L’interfaccia grafica di Facebook nel 2014: Il 2014 sarà l'anno del cross-platform: Facebook cambierà faccia ed introdurrà delle novità grafiche che saranno unificate indifferentemente dalla piattaforma con la quale verranno visualizzate. La nuova interfaccia grafica di Facebook sarà come quella dei dispositivi mobili come Smartphone e Tablet, molto semplice, intuitiva con una grafica più brillante, lineare e chiara. Ci saranno delle colonne a destra e sinistra per visualizzare ciò che più ci interessa, come sul cellulare, e le opzioni della colonna di sinistra saranno probabilmente a scomparsa, per dar maggior spazio alle notizie dei nostri amici. Sulla colonna di destra avremo invece la possibilità di selezionare cosa vogliamo vedere grazie ad alcuni filtri. Fig.6: Interfaccia della pagina personale di Facebook, 2007 9

3. I PARTECIPANTI I soggetti ai quali abbiamo sottoposto il test sono maschi e femmine di età compresa tra i venti e trent’anni, studenti e lavoratori, tutti possessori di un account Facebook da 4 a 7 anni e connessi quotidianamente al social. Abbiamo deciso di coinvolgere nel test sia uomini che donne dato che la ripartizione per sesso degli iscritti al social network in Italia sembra equivalersi (53,2% sono gli uomini e 46,8% le donne). Fig.7. Grafico “a torta” che illustra la ripartizione per genere degli iscritti a Facebook in Italia. Tratto dal sito <http://it.socialtimes.me/stat/IT>, aggiornato a Settembre 2013 Questa invece è la ripartizione per età degli utenti: Fig.8: Istogramma rappresentante la ripartizione per età degli iscritti a Facebook in Italia. Tratto dal sito <http://it.socialtimes.me/stat/IT>, aggiornato a Settembre 2013 10

4. IL METODO DEL CONFRONTO A COPPIE DI THURSTONE Lo studio deriva da un’analisi operata attraverso il metodo del confronto a coppie dell’ingegnere e psicologo statunitense Thurstone, diventato noto in tutto il mondo per il suo essenziale contributo al problema della misurazione in psicologia, con applicazioni non solo alla psicofisica, ma anche ad atteggiamenti cosiddetti soggettivi, di cui Thurstone sostenne la misurabilità attraverso opportune scale di misura, dando così vita a un nuovo filone di studi psicologici. Il metodo del confronto a coppie, conosciuto anche col nome di “Legge dei giudizi comparativi”, assume che gli stimoli siano confrontati tra loro un numero di volte sufficiente a produrre una stima stabile della probabilità con cui un item viene percepito di peso maggiore rispetto a un altro. Attraverso questo metodo abbiamo cercato di indagare quali versioni dell’interfaccia della pagina personale di Facebook, tra quelle da noi proposte, vengano reputate dai suoi utenti migliori sulla base delle dimensioni di preferenza e funzionalità. Per la somministrazione del confronto ai soggetti, ci siamo servite del supporto di un tablet, sul cui schermo abbiamo presentato tutte e quindici le combinazioni possibili degli screenshot, a due a due e in ordine casuale. Il compito è stato così introdotto: “Ora ti mostreremo delle coppie di immagini dell’interfaccia della pagina personale di Facebook. Il tuo compito è scegliere quella che preferisci e quella che ritieni più funzionale. Per la prima domanda, dovrai indicarci quale delle due preferisci graficamente. Per la seconda domanda dovrai indicarci l’interfaccia con cui ti troveresti meglio e che presenta le funzioni più utili e meglio disposte all’interno della pagina”. Col fine di non influire sulle scelte, abbiamo oscurato le foto personali dei profili presentati e non abbiamo riferito le date relative delle diverse interfacce. Le risposte a ciascuna coppia di item hanno permesso di stabilire la frequenza relativa con cui ciascun item “vince” il confronto con gli altri. Successivamente abbiamo trasformato le frequenze relative di “preferenza” e “funzionalità” in punti z di una normale per ottenere 11

una scala di pesi, ossia di distanze fra gli item, di natura intervallare. Abbiamo infine indagato la relazione tra le due scale ottenute di preferenza e funzionalità delle interfacce, calcolandone il coefficiente di correlazione lineare di Bravais-Pearson, con lo scopo di misurare l’intensità del legame fra le due variabili. 12

5. LA PROCEDURA Dopo aver intervistato i soggetti, abbiamo stabilito le frequenze dei dati ottenuti relativamente alle variabili “preferenza” e “funzionalità”: TABELLA DELLE FREQUENZE -PREFERENZAFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2007 2008 2009 2011 2012 2014 FACEBOOK 2007 5 4 8 7 8 10 FACEBOOK 2008 6 5 9 8 9 10 FACEBOOK 2009 2 1 5 7 9 8 FACEBOOK 2011 3 2 3 5 7 8 FACEBOOK 2012 2 1 1 3 5 6 FACEBOOK 2014 0 0 2 2 4 5 TABELLA DELLE FREQUENZE -FUNZIONALITÀFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2007 2008 2009 2011 2012 2014 FACEBOOK 2007 5 5 6 9 7 10 FACEBOOK 2008 5 5 9 9 6 10 FACEBOOK 2009 4 1 5 7 6 9 FACEBOOK 2011 1 1 3 5 2 9 FACEBOOK 2012 3 4 4 8 5 7 FACEBOOK 2014 0 0 1 1 3 5 13

Successivamente, abbiamo costruito la matrice di probabilità e abbiamo poi sommato le colonne e numerato i risultati ottenuti (da 1 a 6) in ordine crescente: TABELLA DELLE PROBABILITÀ -PREFERENZAFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2007 2008 2009 2011 2012 2014 FACEBOOK 2007 0,5 0,4 0,8 0,7 0,8 1 FACEBOOK 2008 0,6 0,5 0,9 0,8 0,9 1 FACEBOOK 2009 0,2 0,1 0,5 0,7 0,9 0,8 FACEBOOK 2011 0,3 0,2 0,3 0,5 0,7 0,8 FACEBOOK 2012 0,2 0,1 0,1 0,3 0,5 0,6 FACEBOOK 2014 0 0 0,2 0,2 0,4 0,5 SOMMA 1,8 (II) 1,3 (I) 2,8(III) 3,2 (IV) 4,2 (V) 4,7 (VI) TABELLA DELLE PROBABILITÀ -FUNZIONALITÀFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2007 2008 2009 2011 2012 2014 FACEBOOK 2007 0,5 0,5 0,6 0,9 0,7 1 FACEBOOK 2008 0,5 0,5 0,9 0,9 0,6 1 FACEBOOK 2009 0,4 0,1 0,5 0,7 0,6 0,9 FACEBOOK 2011 0,1 0,1 0,3 0,5 0,2 0,9 FACEBOOK 2012 0,3 0,4 0,4 0,8 0,5 0,7 FACEBOOK 2014 0 0 0,1 0,1 0,3 0,5 SOMMA 1,8 (II) 1,6 (I) 2,8 (III) 3,9 (V) 2,9 (IV) 5 (VI) 14

Abbiamo quindi ordinato i dati di colonne e righe secondo l’ordine precedentemente posto: COLONNE E RIGHE RIORDINATE -PREFERENZAFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2008 2007 2009 2011 2012 2014 FACEBOOK 2008 0,5 0,6 0,9 0,8 0,9 - FACEBOOK 2007 0,4 0,5 0,8 0,7 0,8 - FACEBOOK 2009 0,1 0,2 0,5 0,7 0,9 0,8 FACEBOOK 2011 0,2 0,3 0,3 0,5 0,7 0,8 FACEBOOK 2012 0,1 0,2 0,1 0,3 0,5 0,6 FACEBOOK 2014 - - 0,2 0,2 0,4 0,5 COLONNE E RIGHE RIORDINATE -FUNZIONALITÀFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2008 2007 2009 2012 2011 2014 FACEBOOK 2008 0,5 0,5 0,9 0,6 0,9 - FACEBOOK 2007 0,5 0,5 0,6 0,7 0,9 - FACEBOOK 2009 0,1 0,4 0,5 0,6 0,7 0,9 FACEBOOK 2012 0,4 0,3 0,4 0,5 0,8 0,7 FACEBOOK 2011 0,1 0,1 0,3 0,2 0,5 0,9 FACEBOOK 2014 - - 0,1 0,3 0,1 0,5 15

Abbiamo poi ricavato, attraverso la trasformazione Probit, i relativi punti z: TABELLA DEI PUNTI Z -PREFERENZAFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2008 2007 2009 2011 2012 2014 FACEBOOK 2008 0 0,253347 1,281552 0,841621 1,2815516 FACEBOOK 2007 -0,25335 0 FACEBOOK 2009 -1,28155 -0,84162 0 FACEBOOK 2011 -0,84162 -0,5244 -0,5244 0 FACEBOOK 2012 -1,28155 -0,84162 -1,28155 -0,5244 FACEBOOK 2014 _ _ -0,84162 -0,84162 -0,253347 0,841621 0,524401 0,8416212 _ _ 0,524401 1,2815516 0,841621 0,5244005 0,841621 0 0,253347 0 TABELLA DEI PUNTI Z -FUNZIONALITÀFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2008 2007 2009 2012 2011 2014 FACEBOOK 2008 0 0 1,281552 0,253347 1,2815516 _ FACEBOOK 2007 0 0 0,253347 0,524401 1,2815516 _ FACEBOOK 2009 -1,28155 -0,25335 0 FACEBOOK 2012 -0,25335 -0,5244 -0,25335 0 FACEBOOK 2011 -1,28155 -1,28155 -0,5244 -0,84162 0 1,281552 FACEBOOK 2014 _ _ -1,28155 -0,5244 -1,281552 0 0,253347 0,5244005 1,281552 0,8416212 0,524401 16

Siccome la matrice di punti z contiene alcune celle non specificate (_), abbiamo calcolato in un ulteriore passaggio le differenze tra colonne, da cui abbiamo ricavato poi le medie. DIFFERENZA TRA LE COLONNE -PREFERENZAFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2007-2008 2009-2007 2011-2009 2012-2011 2014-2012 FACEBOOK 2008 0,253347 1,028204 -0,43993 0,43993 _ FACEBOOK 2007 0,253347 0,841621 -0,31722 0,317221 _ FACEBOOK 2009 0,43993 FACEBOOK 2011 0,317221 FACEBOOK 2012 0,43993 FACEBOOK 2014 _ 0,841621 0,524401 0,757151 0 0,524401 0,524401 0,3172207 -0,43993 0,757151 0,524401 0,2533471 _ 0,340755 0,454303 MEDIA -0,43993 0 0,1748 0,588274 0,2533471 0,52523 0,0959961 DIFFERENZA TRA LE COLONNE -FUNZIONALITÀFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2007-2008 2009-2007 2012-2009 2011-2012 2014-2011 FACEBOOK 2008 0 1,281552 -1,0282 1,028204 _ FACEBOOK 2007 0 0,253347 0,271053 0,757151 _ FACEBOOK 2009 1,028204 0,253347 0,253347 0,271053 0,7571511 FACEBOOK 2012 -0,27105 0,271053 0,253347 0,841621 -0,317221 FACEBOOK 2011 0 0,757151 -0,31722 0,841621 1,2815516 FACEBOOK 2014 _ _ 0,757151 -0,75715 1,2815516 MEDIA 0,15143 0,56329 0,031579 0,497083 0,7507584 17

Risultati A seguito della procedura precedentemente descritta, si è potuta elaborare una scala psicologica di valori z sia per la variabile “preferenza” che “funzionalità”, partendo dalle medie ottenute dalla matrice di differenze fra le colonne, utilizzando la seguente formula: 1 = 0;  2 = 1 + d1 ; 3 =  2 + d 2 ; … Dove: n = valore della scala d = scostamenti dal valore precedente SCALA PSICOLOGICA -PREFERENZAFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2008 2007 2009 2011 2012 2014 SCALA PSICOLOGICA 0 0,340755 0,795058 0,969859 1,495088 1,5910843 SCALA PSICOLOGICA -FUNZIONALITÀFACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2008 2007 2009 2012 2011 2014 SCALA PSICOLOGICA 0 0,15143 0,71472 0,746299 1,243383 1,9941409 18

Con lo scopo di rendere i risultati ottenuti più facilmente interpretabili, li abbiamo riorganizzati in una scala ordinata da 0 a 10, e abbiamo realizzato dei grafici che riescano a rappresentare in maniera più immediata e intuitiva le preferenze dei nostri soggetti. Per trasformare i valori z in valori y da 0 a 10 abbiamo utilizzato la seguente formula: y= miny+ (z-minz)*(maxy-miny/maxz-minz) Dove: miny= 0 ; maxy= 10 minz= 0 ; maxz= 1.5908; 1.9941 PREFERENZA FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2008 2007 2009 2011 2012 2014 SCALA PSICOLOGICA y [0;10] z [0; 1.5908] 0 2,141653 4,99696 6,095583 9,396662 10 12 10 8 6 4 2 0 2008 2007 2009 2011 2012 2014 19

FUNZIONALITÀ FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK FACEBOOK 2008 2007 2009 2012 2011 2014 SCALA PSICOLOGICA y [0;10] z [0; 1.9941] 0 0,759376 3,584101 3,74246 6,235179 10 12 10 8 6 4 2 0 2008 2007 2009 2012 2011 2014 Infine, ci siamo chieste se vi fosse correlazione tra le nostre due variabili. Abbiamo quindi misurato il tipo e l’intensità del loro legame lineare attraverso il coefficiente di correlazione di Bravais-Pearson, che abbiamo calcolato aiutandoci con l’editor SPSS. Dai risultati ottenuti, abbiamo potuto osservare che le variabili “preferenza” e “funzionalità” presentano un’associazione molto forte: 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 2006 2007 2008 Preferenze 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 Funzionalità Fig.9: Grafico a linee delle frequenze relative agli item 20

Preferenze Funzionalità 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 2007 2008 2009 2011 2012 2014 Fig.10: Istogramma delle frequenze relative agli item Correlazioni Preferenze Correlazione di Pearson Funzionalità 1 Sig. (2-code) ,862* ,027 Somma dei quadrati e dei prodotti Preferenze 874,000 732,000 174,800 146,400 6 6 * 1 incrociati Covarianza N Correlazione di Pearson ,862 Sig. (2-code) ,027 Somma dei quadrati e dei prodotti Funzionalità 732,000 826,000 146,400 165,200 6 6 incrociati Covarianza N *. La correlazione è significativa al livello 0,05 (2-code). L’indice di correlazione r = .862, è molto alto in quanto tendente al valore massimo 1; ed essendo il segno del coefficiente di relazione positivo, ciò significa che le due variabili hanno una relazione lineare positiva. Inoltre, l’ipotesi nulla (ovvero che non vi sia correlazione tra le variabili) è screditata, in quanto il valore di significatività (Sig. = .027) è < del p-value (α = .05). La correlazione è dunque significativa. 21

Conclusione Come da noi ipotizzato, le preferenze grafiche e di funzionalità nei confronti delle diverse versioni dell’interfaccia della pagina personale di Facebook non seguono un andamento totalmente lineare rispetto al loro ordine temporale. Non tutte le più recenti, infatti, sono state considerate migliori rispetto a quelle precedenti nei termini delle due variabili. 12 10 8 Preferenza 6 Funzionalità 4 2 0 2006 2008 2010 2012 2014 2016 Fig.11:Questo grafico illustra le scale delle interfacce delle pagine personali di Facebook, costruite rispetto alle variabili “Preferenza” e “Funzionalità” Tuttavia, nel caso della variabile “preferenza”, gli utenti hanno attribuito, in genere, punteggi maggiori alle interfacce più recenti rispetto a quelle degli anni passati. A nostro dire, una ragione di ciò potrebbe essere data dalla sempre maggiore importanza che negli anni Facebook sembrerebbe aver volutamente rivolto ai contenuti grafici e all’estetica del sito. Dai nostri risultati è inoltre emerso che, per quanto riguarda la variabile “funzionalità”, le preferenze dei soggetti presentano un andamento ancor meno lineare. Precisamente, si può desumere che il campione abbia preferito non solo l’interfaccia del 2007 rispetto a quella del 2008, come nel caso precedente, ma anche la GUI del 2011 rispetto a quella del 2012. In accordo alle nostre ipotesi, l’interfaccia relativa al 2014 ha ricevuto il punteggio 22

più elevato in entrambe le misurazioni, nonostante la futura interfaccia del social network non sia stata ancora utilizzata da nessuno dei soggetti. A nostro dire, la presenza di filtri che rendono possibile una personalizzazione maggiore delle informazioni visualizzabili, il rilievo dato ai contenuti grafici, e l’organizzazione semplice e intuitiva degli elementi, potrebbero essere validi motivi per spingere i soggetti ad esprimere una preferenza verso questo item. Al contrario delle nostre aspettative invece, l’interfaccia del 2012 non solo è stata superata da quella del 2011, ma ha anche ottenuto un punteggio che si avvicina molto a quello del 2009 per quanto concerne le funzionalità. Perciò, nonostante l’interfaccia del 2012 sia quella attuale, e quindi la più conosciuta e familiare, essa ha ricevuto un apprezzamento minore rispetto a quella dell’anno prima e prossimo a quello di una GUI di ben tre anni precedente. Per concludere, attraverso un’analisi svolta con l’aiuto del software SPSS, abbiamo osservato che vi è correlazione tra le due variabili di preferenza e funzionalità, le quali presentano dunque una forte relazione. In particolare, la correlazione risulta essere positiva, di forte intensità (r = .862) e significativa (Sig = .027). Da questi risultati si potrebbe inferire che, non sempre l’estetica vada a discapito della funzionalità. Tuttavia, una critica che si potrebbe avanzare a tali conclusioni, riguarda l’eventualità che i soggetti non abbiano inteso le due nozioni come nettamente distinte, nonostante queste gli siano state esplicitate prima della somministrazione del compito. Inoltre, siamo consapevoli di alcuni limiti presenti in tale studio: la scarsa rappresentatività del nostro campione (N = 10) date le sue dimensioni ridotte; l’eventualità che alcune risposte siano state condizionate dalla fretta dei soggetti vista la notevole durata delle sessioni sperimentali. 23

Bibliografia Chiorri C., (2011). Teoria e tecnica psicometrica. Costruire un test psicologico. The McGraw-Hill Companies S.r.l., Publishing Group Italia. Purghè F., (1997). Metodi di psicofisica e scaling unidimensionale. Bollati Boringhieri: Torino. Raskin J., (2000). The Humane Interface: New Directions for Designing Interactive Systems, Addison-Wesley Professional. 24

Sitografia A.A., Statistiche di Facebook. socialtimes.me. Consultato in data Gennaio, 2014, da http://it.socialtimes.me/stat/IT. A.A., Evoluzione di Facebook. fanpage.it. Consultato in data Gennaio, 2014, da http://tech.fanpage.it/foto/l-evoluzione-di-facebook/. A.A., Facebook in Italia cresce ancora, il 69% ci va in mobilità. la Repubblica.it. Consultato in data Gennaio, 2014, da http://www.repubblica.it/tecnologia/2013/08/30/news/facebook-65556537. A.A., Dizionari. Corriere della Sera.it. Consultato in data Gennaio, 2014, da http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/F/funzionalita.shtml A.A., NOEMA. noemalab.eu. Consultato in data Gennaio, 2014, da http://org.noemalab.eu/sections/specials/tetcm/200102/webdesign_usability/interfaccia_definizione.html 25

Appendice 1. MODULO DI RACCOLTA DATI GENERE: ETA’: ISCRITTO A FACEBOOK DAL: 2007 2008 2014 2009 2011 2009 2012 2009 2014 2011 2012 2011 2014 2012 2008 2014 PREFERENZA FUNZIONALITA’ PREFERENZA FUNZIONALITA’ 2007 2009 PREFERENZA FUNZIONALITA’ PREFERENZA FUNZIONALITA’ 2007 2011 PREFERENZA FUNZIONALITA’ PREFERENZA FUNZIONALITA’ 2007 2012 PREFERENZA FUNZIONALITA’ PREFERENZA FUNZIONALITA’ 2007 2014 PREFERENZA FUNZIONALITA’ PREFERENZA FUNZIONALITA’ 2008 2009 PREFERENZA FUNZIONALITA’ PREFERENZA FUNZIONALITA’ 2008 2011 PREFERENZA FUNZIONALITA’ PREFERENZA FUNZIONALITA’ 2008 2012 PREFERENZA FUNZIONALITA’ 26

Add a comment

Related presentations

Papantla

Papantla

November 11, 2014

monografia de papantla

Small deck used during Use Case roundtable at JiveWorld 2014. On each on the 14 ta...

This 30 minute presentation was given at the 2014 Rochester Young Professionals En...

Related pages

L'EVOLUZIONE DELL'INTERFACCIA GRAFICA DI FACEBOOK DAL 2007 ...

1. L’EVOLUZIONE DELL’INTERFACCIA GRAFICA DI FACEBOOK DAL 2007 AL 2014 Progetto del corso di Psicofisica e percezione del Prof. Adolfo Natale Stucchi di ...
Read more

L'evoluzione dell’interfaccia grafica di facebook dal ...

... grafica di facebook dal 2007 al 2014. ... L'evoluzione dell’interfaccia grafica di ... DELL'INTERFACCIA GRAFICA DI FACEBOOK DAL 2007 AL ...
Read more

L’Evoluzione Grafica Di Facebook Dal 2004 Al 2012 ...

Home » facebook » L’Evoluzione Grafica Di Facebook Dal 2004 Al 2012. L’Evoluzione Grafica Di Facebook Dal 2004 ... Nel 2007 gli italiani cominciano a ...
Read more

Facebook

Facebook. 170,561,731 likes · 100,404 talking about this. ... 2014. Highlights All Stories. See More Stories. ... 2007. Highlights All Stories. See More ...
Read more

Informazioni di riferimento sull'interfaccia utente ...

Tutte le versioni del prodotto ... Utilizzo dell'interfaccia grafica autonoma. Editor di ... I suggerimenti relativi al contenuto di questa ...
Read more

HTML.it

HTML.it è per sviluppatori, grafici e amministratori di sistema. Leggi le guide sul sito, le ultime notizie sul blog Edit e partecipa al Forum
Read more

In un video, l’evoluzione grafica dei videogiochi dal ...

... scopriamo l’evoluzione della grafica dei ... dal 1952 con Nimrod Computer Game al 2015 ... l’evoluzione grafica dei videogiochi dal ...
Read more

AreaDownload24 - Film, musica, software da scaricare e ...

... per una revisione dell'interfaccia grafica, ... dell'interfaccia ... abbinarsi al tema del documento. L'help di Microsoft Word 2007 ...
Read more