I VAM - The VAM, Our Space Brothers

50 %
50 %
Information about I VAM - The VAM, Our Space Brothers
Spiritual-Inspirational
vam

Published on September 27, 2018

Author: 584883

Source: authorstream.com

Slide1: I VAM I Nostri Fratelli Dello Spazio di Mirella Giurco Slide2: La Nostra Galassia La Via Lattea Slide3: Quando la nostra ancora rudimentale conoscenza dell’Universo ha allargato a centinaia di migliaia di milioni, il numero di Sistemi Solari presenti nella nostra Galassia e a cifre altrettanto vaste il numero di Galassie esistenti, ha perso senso affermare che il nostro pianeta sia l’unico, dotato di vita intelligente. E’ molto probabile, anzi, è certo, che siano migliaia i mondi che ospitano altre civiltà intelligenti, tecnologicamente idonee ai viaggi spaziali. Dobbiamo, quindi, considerare l’esistenza degli extraterrestri come una realtà, per la quale abbiamo già prove numerosissime. Gli extraterrestri sono, senza dubbio, un fenomeno reale. Chiunque affermi il contrario, ha le idee confuse o è scarsamente informato. Gli extraterrestri sono qui, solcano i nostri cieli, atterrano nei luoghi più insospettabili e si lasciano vedere solo quando vogliono, sfoggiando una tecnologia avanzatissima e obbedendo ad una logica e a una morale che, evidentemente, non sono le nostre. Slide4: La Via Lattea Slide5: Da dove vengono Loro … i senza nome? … Dal nostro Sistema Solare o da altri Sistemi Stellari? … La Terra non è niente di più di un granello di sabbia nell’Universo. Nella nostra Galassia esistono migliaia di Soli simili al nostro, intorno ai quali, sicuramente, si trovano pianeti con condizioni di vita analoghe a quelle terrestri, e queste navi extrater-restri arrivano e provengono da qualche parte. All’Universo viene assegnata esattamente un’età di ventimila milioni di anni. Captiamo dunque segnali provenienti dal bordo esterno della gigantesca esplosione iniziale, che sparse in ogni direzione la materia contenuta nell’incredibile “Uovo Cosmico” della Creazione. E quì l’astrofisica moderna tende la mano alle più antiche tradizioni sanscrite che parlano dell’iniziale “Uovo di Brahma”, e del ritmo alternato di espirazione, espansione-contrazione del Cosmo, che viene oggi sostenuto. Ma cosa scoprono, sia i telescopi ottici sia i radiotelescopi, sondando l’Universo fino a queste incommensurabili distanze? Sempre la stessa cosa: Galassie e Galassie, ovvero giganteschi sciami di stelle, isolati nel vuoto annichilente dello spazio infinito; Galassie ellittiche, globulari, a spirale, (come la nostra) … e in ciascuna di queste Isole Cosmiche, la vita respira. Slide6: La Galassia di Andromeda Slide7: La Vita Universale è necessariamente unica; ma essa ha un infinito numero di manifestazioni ed estrinsecazioni. L’Universo è la somma viva ed intelligente di tutti gli organismi vivi ed intelligenti, che sono in esso. Ogni singolo organismo nell’Universo, ha la sua vita ed intelligenza. Dall’atomo all’Universo, ogni cosa è viva. Nell’Universo le varietà delle forme vitali sono infinite, ma, nell’analisi e nella sintesi, sono tutte uguali fra loro: le minime e le massime forme, sono invariabilmente sferiche; la massima delle massime, ovvero l’Universo, non può essere che una sfera perfetta. Nell’Universo tutto è moto, l’immobilità non esiste. Tutto nell’Universo, è vita. La vita non solo esiste in ogni corpo, sia esso animato o no, ma essa riempie ed esiste nell’Universo intero, sino ai suoi confini più remoti e lontani. La teoria secondo la quale i mondi non possono comunicare tra loro, è assurda. Essi non solo comunicano, l’uno con l’altro, ma vivono della loro vita reciproca. Slide8: La Via Lattea Slide9: La nostra Galassia misura 100.000 anni luce di diametro. E’ una Galassia a spirale, una gigantesca ruota di fuochi artificiali cosmici. Noi abitiamo in uno dei suoi bracci di spirale periferici, a circa 30.000 anni luce dal nucleo galattico. Siamo pertanto dei “cittadini di perife- ria”. Quali inimmaginabili superciviltà esisteranno più vicino al nucleo o al suo stesso interno? Come possiamo vedere, il nostro ridicolo orgoglio o la nostra illusione di essere “i re del Creato” non ha alcun fondamento. In realtà non siamo “re” di nulla; nemmeno del nostro pianeta. Secondo la classificazione fatta da alcuni scienziati accademici ed astronomi di chiara fama, noi apparteniamo ad una delle civiltà galattiche di livello inferiore, che inizia soltanto adesso a muovere i suoi primi passi con l’energia atomica e usandola oltretutto, piuttosto male. Le superciviltà di livello superiore hanno accantonato sicuramente questa energia molti secoli orsono, per passare ad altre fonti: forse ricavando l’energia dai loro stessi soli. E’ chiaro che i nostri “Fratelli dello Spazio” hanno risolto il problema dell’energia che, qualunque essa sia, deve effettivamente essere abbondante e molto versatile per favorire le attività rilevate negli UFO (oggetti non identificati). Possiamo ritenere che l’energia usata da queste “navi spaziali” permetta di raggiungere mete che a noi sono considerate impossibili, anche in teoria, e tuttavia esistono. Slide10: Inoltre la struttura degli UFO deve essere necessariamente costituita da componenti che possano resistere alle alte velocità e temperature generate nel corso dei loro straordinari spostamenti. Quello che sem-bra evidente è che gli UFO si muovono con la massima facilità nella nostra atmosfera. La stessa che provoca temperature altissime ed effetti terribili sulle capsule spaziali nel corso dei loro rientri sulla Terra, dallo spazio. Le accelerazioni e le brusche velocità a cui sono sottoposte le navi iden-tificate come UFO, non solo distruggerebbero qualsiasi struttura mate-riale costruita sulla Terra, ma farebbero anche a pezzi l’equipaggio. Lo stesso discorso vale per i bruschi ed improvvisi cambiamenti di rotta a cui ci hanno abituato gli avvistamenti degli UFO, di fronte ai quali non possiamo che ammutolire. Il comportamento degli UFO, con i loro bruschi cambiamenti di rotta e spostamenti improvvisi, nel corso delle loro complesse manovre fa ritenere che tali oggetti siano pilotati, e quindi concepiti e costruiti da esseri intelligenti. Accettare l’esistenza del fenomeno degli UFO impone di riconoscere allo stesso tempo gli esseri intelligenti che li pilotano. Slide12: Moltissime persone, uomini e donne, affermano di essere entrati in contatto con gli extraterrestri, cioè con Entità Superiori e benefiche che arrivano sulla Terra per mezzo di navi chiamate “dischi volanti”. Queste Entità provengono da vari pianeti, ma secondo quanto Esse stesse affermano, hanno in comune aneliti di pace e fratellanza e timore di cambiamenti violenti. Non entrano in contatto diretto con l’umanità proprio per questo motivo, cioè, per non turbarla bruscamente. Sono tutti schierati contro le guerre e contro il dilagare del materialismo. Oltre alla valutazione oggettiva del fenomeno, si aggiunge l’intervento soggettivo dei testimoni che hanno avuto contatti con gli extraterrestri (contatti visivi e fisici, faccia a faccia, sotto forma di comunicazione telepatica o in qualsiasi altra forma). Da quando gli avvistamenti di UFO si sono imposti all’attenzione dell’umanità intera, diverse persone hanno sostenuto, e tutt’ora sostengono, di essere in contatto con gli extraterrestri. Tali individui, che vengono chiamati “ contattisti ”, sarebbero stati prescelti dai “Fratelli dello Spazio” per diffondere sulla Terra i loro messaggi di rinnovamento per l’umanità. Una cosa è certa: i “contattati” sono pie- namente convinti delle loro asserzioni; i protagonisti di questi contatti sono gruppi di persone, che mediante sedute medianiche, ricevono messaggi dai nostri “Fratelli dello Spazio”. Slide13: Nella maggioranza dei casi, questi “contattati” sono attendibili, anche per quanto concerne le dichiarazioni sul pianeta di origine, sulle intenzio- ni degli extraterrestri, ecc. Alla luce di quanto esposto, che si fonda su raccon- ti attribuiti ad una serie di personaggi attendibili, e da tutti gli investigatori del fenomeno UFO, dobbiamo prendere in considerazione che questi contatti con gli extraterrestri continuano a prodursi, ed ogni volta sono particolari e unici nel loro genere. Gli extraterrestri stanno dunque mettendo in atto, con sistematicità, un piano ben preciso. Gli extraterrestri che ci inviano dei mes- saggi, provengono da vari pianeti della nostra Galassia; i loro rappresentanti formano una Confederazione Galattica, denominata “ Confede- razione dei Mondi ”. Questi Messaggeri Cosmici sono molto alti di statura, hanno i capelli biondo platino, o biondo cenere, lunghi fino alle spalle. I loro tratti fisici sono molto simili ai nostri, ad eccezione degli occhi, che sono molto più grandi. Slide15: Una Specie Aliena che fa parte della Confederazione “VAM”, era in contatto con il nostro gruppo di ricerca e tramite sedute medianiche ci trasmetteva, per mezzo di varie Entità Cosmiche, dei messaggi dettati in forma poetica. Il gruppo di cui ho fatto parte dal 1984 al 1997, era un gruppo di contatto, formato da uomini e donne, che cercavano la crescita e l’evoluzione spirituale. Oggi, purtroppo, questo gruppo non esiste più, si è dissolto e alcune persone che vi facevano parte sono passa-te a miglior vita. Questo gruppo, attraverso degli esercizi di concen-trazione e meditazione particolari, negli anni, era riuscito ad acqui-sire un buon sistema di comunicazione telepatica. In tanti anni di attività abbiamo ricevuto moltissimi messaggi, (che io custodisco come il tesoro più grande), da una specie aliena molto simile ed in armonia con la nostra, che noi tutti, abbiamo definito “ I Nostri Fratelli Dello Spazio ”. Slide17: Il fondatore di questo gruppo di persone era stato il prof. Licinio Ugo, mio carissimo amico, scomparso nel 2002. Il prof. Ugo, (come tutti noi lo chiamavamo), un giorno, mi raccontò come fu che egli decise di fondare questo gruppo di contatto; egli mi raccontò un episodio piut-tosto particolare e misterioso, che gli accadde nel periodo in cui egli viveva in Australia. Una notte, nel bel mezzo di un forte temporale, mentre lui era a letto, sentì dei forti rumori provenire dal giardino antistante la sua casa e tutto ad un tratto la zona fu illuminata da una luce abbagliante, talmente forte che all’interno della sua stanza da letto si fece chiaro come se fosse giorno. In un primo momento egli pensò che fosse l’effetto causato dal temporale, da qualche fulmi- ne caduto nelle vicinanze della sua casa. Si affacciò alla finestra della sua stanza che era al primo piano, e vide una cosa che lui non avrebbe mai immaginato di vedere quella notte. Davanti a casa sua c’era un oggetto di forma discoidale enorme. L’oggetto era di notevoli dimensioni ed era di un colore argentato ed emanava una luminosità diffusa. Slide19: Dal disco discesero due esseri di statura molto alta, con delle grandi teste ed occhi molto grandi ed i capelli biondo cenere e le loro sembianze erano umanoidi. Questi strani esseri, arrivati alla soglia della sua casa, bussarono e lui li fece entrare e li fece accomodare in salotto. Quello che quegli esseri gli dissero, nei particolari, quella notte, il prof. Ugo non ha mai voluto raccontarcelo, a noi del gruppo, e se l’è sempre tenuto per sé, per tutta la vita. Sappiamo soltanto che gli fu detto, da quegli esseri, di passare un periodo “di preparazione” in Tibet, in un monastero, dove avrebbe vissuto nel silenzio, praticando la concentrazione e la meditazione e che Essi gli sarebbero stati sempre vicino per aiutarlo ed istruirlo. E così egli fece; il prof. Ugo andò in Tibet e passò un certo periodo nella pace e nel silenzio di un monastero. Durante il suo soggiorno spirituale in Tibet, il professore, un giorno, ebbe una visita molto speciale. Era una bella giornata di sole e arrivò in monastero un monaco che gli chiese di seguirlo, e usciti, i due, si incamminarono per circa 6 ore finché arrivarono in una grotta. Entrati nella grotta, discesero delle scale ripide e il monaco lo condusse verso una porta scavata nella roccia, che dava su di una grande sala dalle pareti luminose. Slide21: Alle pareti di questa grande stanza vi erano numerosi scaffali e su di essi vi erano posti degli stranissimi congegni di cui egli non riusciva a comprenderne il funzionamento, poi il monaco gli chiese di seguirlo e lo introdusse in un’altra stanza, e qui il professore vide che in questa stanza vi erano due esseri dai tratti umanoidi, molto simili a quelli che egli aveva incontrato in Australia. Spaziando con lo sguardo, fuori da una finestra, anch’essa scavata nella roccia, egli vide che appoggiato per terra e sorretto da tre piloni metallici, vi era un oggetto di forma discoidale, con le aperture laterali, che sembra- vano degli oblò di forma oblunga. Il monaco, rivolgendosi al prof. Ugo, indicando l’oggetto, gli disse: “ Quello che vedi è un Vimanas , dei nostri antenati ” . Uno degli umanoidi, molto simile a quelli da lui incontrati in Australia gli si avvicinò e si presentò: “ Mi chiamo Val 6 e sono uno dei Coordinatori di Piano ”, e gli disse che, finita la sua preparazione in Tibet avrebbe dovuto ritornare in Italia, a Trieste, e qui, avrebbe dovuto creare un gruppo di contatto, formato da perso- ne degne e preparate, che “Loro” avrebbero scelto, e che dopo degli appositi insegnamenti avrebbero potuto sviluppare le giuste facoltà per entrare in contatto con i Fratelli VAM. Slide22: Val 6 disse al professore che avrebbe dovuto, lui stesso, trasmettere la conoscenza necessaria, alle persone del gruppo, affinché questi potessero entrare in contatto cosciente con i viaggiatori dello spazio della Confe- derazione dei VAM, che sono in orbita come osservatori. Val 6 disse anche, al professore, che nell’Universo esistono moltissime forme di vita intelligente, moltissime Civiltà Extraterrestri, alcune delle quali, in armonia con la Creazione, come i VAM, che osservano i terrestri a distanza, altre, invece, che sono meno evolute e che non fanno ancora parte della Confederazione, e che sono delle Civiltà in fase di evoluzione. Slide23: E fu così, che il prof. Ugo, dopo aver passato in Tibet quel periodo di “preparazione spirituale” voluto dai Fratelli dello Spazio, fece ritorno in Italia, si stabilì a Trieste e qui, fondò il gruppo di persone, che, dopo essere state da lui accuratamente istruite, furono in grado di entrare in contatto con le Entità Cosmiche della Confederazione “VAM” e iniziò così l’attività di questo gruppo di contatto. Era il 1969, quando il gruppo di contatto, fondato dal prof. Ugo iniziò la sua attività, e da allora fino alla fine, quando il gruppo si sciolse, ab-biamo ricevuto moltissimi messaggi da queste meravigliose Entità Cosmiche della Confederazione “VAM”. Io, purtroppo, mi sono unita a questo gruppo soltanto nel 1984, perché fu solo in quell’anno che io conobbi il professore, per cui di molte delle esperienze vissute da questo gruppo, negli anni precedenti il mio arrivo, io ne sono a conoscenza sol- tanto per quello che mi è stato raccontato dai membri del gruppo e dallo stesso prof. Ugo. Invece, dal 1984 in poi, fino allo scioglimento del gruppo, sono stata assiduamente presente e quindi posso testimoniare su tutto ciò che abbiamo vissuto e sui messaggi che abbiamo ricevuto. Slide24: Il nostro, è stato un gruppo di contatto, senza nome, che fu costituito da parecchie persone, non sempre le stesse; anzi, negli anni, attorno a questo gruppo omogeneo e costante, gravitarono anche un discreto numero di altre persone, che occasional- mente partecipavano alle nostre sedute settimana- li. L’interesse che animava queste persone era la ricerca di una risposta ai vari quesiti esistenziali, filosofici, religiosi e personali di ciascuno dei componenti, con in più, un sincero desiderio di operare nel campo della contattistica, senza pregiudizi e senza menzogne. E’ bene ricordare che negli anni di attività del nostro gruppo, frequenta-rono le nostre sedute anche alcuni individui che durarono poco tempo e se ne andarono insoddisfatti: ma i loro interessi, generalmente, non collimavano con i nostri, per cui queste persone, nel nostro gruppo, non trovarono quello che cercavano e così, dopo poco, se ne andarono. Anche dei medici passarono da noi, ma con un atteggiamento e con uno scetticismo preconcetto tale, da pregiudicare, molto spesso, anche l’anda-mento delle nostre sedute. Infatti, per poter ottenere dei buoni risultati, in una riunione di partecipanti a questo tipo di ricerche, per prima cosa, deve regnare tra di essi, una perfetta armonia, fiducia e onestà. Slide25: Inoltre ogni individuo deve saper controllare la propria fantasia mentale, concentrandosi in modo totale sugli argomenti di cui si tratta nei vari momenti della riunione. Ogni attività cerebrale incontrollata, inserita nel gruppo, porta uno scompiglio molto serio. I messaggi pervenutici in tanti anni, sono moltis-simi, e sono quasi tutti in forma di versi, con cadenze piuttosto soavi e piacevoli; ognuno svolge un tema, in modo molto sintetico, per cui, pare molto strano che, in così poche parole possano estrinsecarsi concetti molto complessi. Le Entità Cosmiche che si alternavano nelle nostre sedute, erano diverse, e si presentavano con sigle piuttosto curiose, come: Artar 6, Val 6, Osmeridion 16, Omicron 33, Vatix 12, ed altri ancora, come: “Una Voce”, “Il Custode”, ecc. Le differenze tra le varie Entità, si notano nel loro stile, nel trattare gli argomenti. Per quanto riguarda i mes- saggi che ci sono pervenuti dalle nostre Entità, si può intravvedere l’intenzione delle varie Entità, di indirizzarci verso un’insieme di concetti spirituali, nel tentativo di fornirci proposizioni di carattere stimolante, verso un tipo di evoluzione, in armonia e pace, come scopo finale da raggiungere, per tornare ad esistere nell’Amore Universale. Slide26: Artar 6 Artar 6 Se mi accosto alla soglia del sapere, sorgente di luce, l’ombra opaca dell’ignoranza dissolve se stessa nel nulla. La conoscenza, qui, permea di sé, ogni luogo della Eterna Memoria, e tutti gli Universi che hanno esistenza, tutti i luoghi, in cui si auto-induce la coscienza del Sé, tutti, hanno la stessa origine, e si identificano, sino agli estremi lembi del mondo, in una coscienza riflessa, dove nasce una mente più vasta, del “Sono Colui che sono”. Artar 6 Slide27: Val 6 Rivolgete dentro di voi lo sguardo, e nel silenzio privo di immagini cercate di scorgere la fiamma che in ognuno, brilla perenne. Lì, dentro di voi, troverete l’assoluta certezza e la consapevolezza del fine che vi siete proposti! Si sciolga il vostro animo dalle ristrettezze, e le catene che vi legano a questa vita siano spezzate! Convincetevi che anche voi siete imperituri nella vostra Essenza, mentre tutto il resto, intorno a voi, si annienta e sparisce! Porgete attenzione, quindi, al vostro sentire: un annuncio percorre il dominio delle cose apparenti: “IO SONO” !! Val 6 Slide28: Osmeridion 16 Ognuno sarà chiamato presso di noi per essere esaminato, così da poter stabilire se è degno di entrare nel novero di coloro che Sono, in Verità e Vita. Chi pone la propria richiesta di essere ammesso nell’Armonia Universale, dei Figli della Vita Eterna, viene accolto, e posto nel luogo del silenzio, e della sicura Pace. Ogni Fratellanza che si ispira all’Armonia Universale, costituisce catene di eventi che portano all’Amore Assoluto ed all’Armonia voluta dal Padre, di ogni cosa manifesta. Osmeridion 16 Slide29: Omicron 33 E’ maturo il giorno, la porta è aperta vivida luce, da oltre, colora il sembiante dell’uomo, che si accosta alla soglia. Qui si compie il destino! Oh naufrago dal periglioso mare della vita, hai trovato un passaggio sicuro, dove nel silenzio, non più turbato sarai, senza il lacerare del tempo sulle forme, negli spazi scintillanti di luce, forme non vere, non appaganti, ma vane parvenze di vita; null’altro che scintille dell’Eterno, che lentamente si spengono, tornando nell’arcano mistero. Omicron 33 Slide30: Vatix 12 Ognuno di voi sale lungo il monte; irto è il cammino e lungo è il sentiero, che vi porta alla conoscenza del Sé. Difficile è l’ascesa, e seminata di perigli e sofferenze. Dilettissimi Figli, nel nome del Padre della Creazione anche quella espressa in forma, accettate dentro di voi, la nostra guida sicura; con fede, dedizione, mettetevi all’opera, per rinascere ancora, viventi, ma lontani, dal giogo delle mutazioni delle forme apparenti, che voi chiamate, Vita e Morte. Operate con noi, per la vostra salvezza, ed aprite le porte alla speranza, per i vostri simili, meno fortunati. Vatix 12 Slide31: I CORPI SOTTILI Artar 6 Artar 6 Artar 6 Le dolci note dell’Armonia Celeste vi cantano il tripudio della Vita. Il vasto sogno si perde nell’immensità della vibrazione, mentre i pensieri vagano, nell’incerto perché delle cose create. Sono armonia le vostre vite, rivolte all’imperscrutabile domani. Con fede rivolgete l’attenzione alle Cose Infinite; il vostro anelito della gioia, divenga infinita serenità, ed in voi, vibrino le dolci e bianche note dell’Amore Universale. Si compia ciò, si cangi il finito in infinito, alla scoperta del Divino, che pur giace, da sempre, in voi sopito. Artar 6 Slide32: Val 6 Qui riuniti oggi nel nome dell’Altissimo noi ci prostriamo dinnanzi al Volere Divino. Se ciò si vuole veramente anche da voi ciò sia ! Noi, i venuti nel nome dell’Artefice dei Mondi nelle gloriose schiere dei Figli della Luce, vi soccorreremo, vi daremo il nostro sostegno, ma vi chiediamo un impegno eterno, d’Armonia e di Fratellanza: Amore regni in voi, dunque, perché si manifesti con noi un’unica risonanza, nella sintesi del Divino Volere. Val 6 Slide33: Osmeridion 16 Popoli della Terra Popoli del giorno e della notte, al di là di quell’abisso che voi credete vuoto esiste la Vita, ed Essa è Intelligente, e diversa, da come voi la concepite, e da come voi la pensate. Essa ha infinite forme ed apparenze, che giustificano la stessa legge semplice che regge il tempo, nell’oscillazione della forma; ed essa è appannaggio ed affanno per gli spiriti che si sono ribellati alla Suprema Sintesi, illudendosi che la prigionia della forma desse loro libertà, ben sapendo che la realtà è sempre, una e sola, anche se da essa ci viene l’illusione, che sia molteplice e nascosta. Osmeridion 16 Slide34: Omicron 33 L’arco si tende, e la freccia é pronta a scoccare. Quale triste e dolorosa lezione, cerchi, essere primevo, che ti esprimi in violenza? Solo questo orrendo contrasto ti fa sentire vivo, ma esso comporta la consapevolezza del tuo tormento, nel tormento. L’arco si tende, la freccia è pronta a colpirti e tu non ti avvedi e tu non ti arrendi, finchè quella freccia, che in fondo sei tu a tendere, verso te stesso, non ti fermerà il cuore. Ed allora vedrai i tuoi abiti trasformarsi in uno sbuffo di fumo, e le tue carni consunte, cadere a pezzi. Ma neanche così, nel tormento, avrai capito che tu, solo tu, potevi impedire che tutto ciò accadesse. Omicron 33 Slide35: Vatix 12 Padre, noi Tuoi Figli, inebriati dal Tuo Creato meraviglioso, che da ogni dove promana, esaltiamo i nostri cuori, e poniamo le nostre menti al Tuo Servizio. Grande è il segreto che al nostro sguardo Tu veli, e nell’orizzonte esacerbato dei nostri sensi è guida, il Tuo Verbo, la Tua Voce, che in noi risuona, suadente e dolce, come il sogno più arcano verso la meta più bella, a cui siamo chiamati, nell’Armonia che si esprime, ed in Te, Eterno Padre, solitaria, naufraga, l’anima nostra. Vatix 12 Slide36: L’Aura Astrale di una persona evoluta. Artar 6 Non saranno abbandonati i figli nel periglio. Saremo sempre a fianco di chi ha fede in noi, e vi soccorreremo nelle avversità della vita, perché possiate compiere l’opera di trasmettere la fiaccola ai fratelli che verranno dopo di voi; perché ciò che è promesso divenga realtà per il vostro mondo. E nell’ora del vostro trapasso, noi vi saremo accanto, per guidarvi, verso la Luce e la Pace, nell’Armonia di un mondo da noi voluto, e che già oggi, esiste in voi, nella pienezza del Padre, che anche in voi, sempre, opera. Artar 6 Artar 6 Slide37: L’Aura Astrale dell’uomo comune. Val 6 Abbandonati a noi, nell’abbraccio dell’unica realtà. Senti quanto è grande il Signore, quanto è sublime la Sua Voce, che parla al tuo cuore. Cammina lungo il sentiero di luce, anelando alla dolcezza del tuo sogno, che unito al nostro si frange nel mare della Creazione. Corri incontro al Sole, al tuo Sole, che illumina il tuo esistere. L’Armonia sublime ti rapisce, l’Eterno ti accoglie, e come tu hai udito il Suo richiamo, così, Egli ti avvolge con la Sua fiamma. Tua è la strada dell’aurora, Su, vieni! vieni! Ti aspettiamo da sempre, nel consesso dei già viventi. Val 6 Slide38: L’Aura della Salute di un uomo sano Osmeridion 16 Quanto è difficile venire ascoltati in questi tempi tristi e menzogneri. Sentite il silenzio che regna oltre il breve risuonar del moto. Non rimanga inascoltato il grido di dolore che giunge dalla vostra Terra, pulsante di vita. Fate lo sforzo sincero di volgere i vostri animi alla Luce Divina. Operate, soprattutto, operate dentro di voi, la trasformazione, che vi unirà alla Fratellanza di Coloro che già vivono ed operano nell’ordine della Creazione. Osmeridion 16 Slide39: L’Aura della Salute di un uomo malato Omicron 33 Sedete uno accanto all’altro e abbandonatevi fuori dai sensi esacerbati dalla vita quotidiana, in grembo alla pace e alla serenità di sentirsi assieme. Siete parte del Disegno del Padre, in cui già vivete immersi, e di cui non esiste forza, o possibilità alcuna di staccarsi. La realtà materiale in cui vivete, esiste solo nell’illusione di essere fuggiti a questa grande Verità. Unitevi quindi, nello Spirito, e divenite una forza viva, unica, che agisce nel nome di Colui che sempre permane presente a Sé, anche attraverso le illusioni della Manifestazione. Omicron 33 Slide40: Vatix 12 Sei sulla china; attento a non sbandare, perché cammini sull’orlo di un abisso. Cerca la pace in te stesso, elimina le parole vane. Stendi il tuo animo nel messaggio, che dalla natura promana; quello che tu credi, ora, di vedere ne è soltanto la forma peritura! Ti aspetta la spada della lotta, sulla tua strada; essa è una duna da scalare, essa è una scala da salire, e solo se sarai forte, riuscirai; solo se la tua volontà di conoscere ti sarà da guida, giungerai al fine, alla meta. Che la pace dell’Eterno sia con te, Ed in essa, riposi,la tua mente insicura! Vatix 12 Slide41: Artar 6 Il cerchio si stringe ed il cielo già si tinge del rosso bagliore della fiamma purificatrice. Come il vento soffia e disperde, i granelli di sabbia, così verranno dispersi gli uomini. E’ l’ultimo atto di una tragedia che si sta compiendo. E voi? Almeno alcuni di voi hanno in sé il germe dell’umana, nuova, progenie dei Figli della Vita; portano in sé la fiaccola di luce, che rischiarerà il cammino degli ultimi figli di Eva. La vita dell’uomo dissoluto, dell’uomo pigro, è finita; di ciò rendiamo grazie al Padre, che veglierà sulla nuova progenie. Artar 6 Artar 6 Slide42: Val 6 Le voci udite, provenienti dai Fratelli dello Spazio; parlano della saggezza dei mondi evoluti, in cui ogni mente in preghiera, contatta il fronte dell’onda che si diffonde, dall’assieme degli esseri pensanti. Da essa si può avere soccorso, aiuto fraterno in vita, e vivere l’esistenza terrena, insieme agli altri esseri pensanti, nel contesto di una unione perfetta, nell’Ordine Cosmico, ove dovranno unirsi anche i mondi per ora esclusi, come il vostro. Adempiere a questo compito è incarico amorevole dei Fratelli VAM, dei Coordinatori del Piano. “ Che le nostre menti si tocchino ”! Val 6 Slide43: Osmeridion 16 Fratelli VAM Noi veniamo in mezzo ai fratelli umani per stringere un nuovo patto con voi, e tutti coloro che verranno dopo di voi, nel nome dell’Altissimo. Noi vi portiamo il dono della grazia, che è Amore e Armonia. Esso è patto di libertà per la vita, nelle sue forme armoniose, e libertà, nell’infinita possibilità, che si prepara all’uomo, nel contatto con Civiltà, a lui diverse. Offriamo a voi, uomini, Pace e Unione Universale, delle vostre menti, con i Fratelli lontani. Ecco, noi veniamo in mezzo a voi, in umiltà di intenti, nel nome dell’Eterno Signore Nostro, che già vive in noi, e vi chiama, ad essere di nuovo, Uno. Slide44: Fratelli VAM Fratelli nostri, per voi l’ora del pianto si approssima! Terminato è il silenzio, finito è il sereno, nell’improvviso clamore umano, e le sorti sono state assegnate! Ma noi vi attendiamo oltre l’orizzonte dei vostri eventi terrestri, nell’espressione, nella dimensione, che voi definite indiviso. Quello che è sintesi di un Io, che opera per l’armonia, della realtà del conoscersi. E’ ora che sentiate in voi l’anelito a questa unione, che vi renderà più consapevoli, di ciò che trascende il vostro attuale, limitato, sentire, della vita fisica. Fratelli VAM Slide45: Anthar 3 Fratelli VAM Fratelli a noi occorre decisione! a noi occorre volontà! a noi occorre serietà! a noi occorre consapevolezza! a noi occorre fiducia! a noi occorre fermezza! a noi occorre coraggio! a noi occorre altruismo! a noi occorre dedizione! Tutto ciò per ottenere, infine, un miglioramento di ordine spirituale, che leghi le cose, e vi leghi al vostro mondo futuro, perché sarete voi, i figli del riscatto, se esso, e quando esso, se meritato, ci sarà. Tutto può essere compreso, in un’unica frase cosciente, che ogni essere, ogni Io consapevole, lo è, di una frazione infinitesima di Sé. Slide46: Scatto d’Ira Collera Odio Spiridion 14 Fratelli VAM L’uomo è alle soglie del mistero, e già la fantasia corre veloce, protesa alle innumerevoli gesta. Vigili, occhi osservano: vigili e silenziosi, percorrono le vie del Cielo, i Guardiani, a cui è stato imposto di vegliare sulle sorti dell’uomo. E i Fratelli VAM, da ciclo in ciclo, protetti dall’abbraccio del Divino Artefice, pongono all’uomo la scelta del suo nuovo divenire nel seno della grande Fratellanza Universale, a cui si lega chi vive, spera e opera, in Verità ed Armonia. Fratelli VAM Slide47: Profonda Depressione Fratelli Vam Fratelli VAM Avete mai pensato dove l’opera vostra vi porta? Ogni Essere di Luce, oggi, prepara la risposta alla vita di domani, quando, dopo l’olocausto di fuoco, non ci sarà più posto per l’uomo che oggi voi conoscete; non c’è domani per lui. Fra cent’anni, tutto sarebbe irriconoscibile per i vostri contemporanei. Un mondo dall’etica diversa, in maniera totale, definitiva; una realtà, in cui gli uomini di quest’epoca non potrebbero vivere, perché rifiutati dal mondo delle cause prevalenti. Il compito vostro sta nel vostro operare, svincolati dall’opera stessa, che vi condurrà in piena coscienza, lungo i sentieri dell’unità del Padre. Fratelli VAM Slide48: L’Aura Mentale di una persona evoluta. Il Custode Val 6 Attraverso l’opera di molti di noi, nei millenni, abbiamo avvicinato le nostre menti agli uomini, e non ci hanno capito! Abbiamo offerto la nostra sapienza e siamo stati ignorati e derisi! Abbiamo insegnato agli uomini a superare la discontinuità delle loro menti, ed essi hanno trasformato il nostro insegnamento in violenza e superstizione! Abbiamo parlato di giustizia e di pace ed i loro occhi si sono chiusi al Divino! Abbiamo insegnato loro la via per giungere alla conoscenza delle leggi che regolano la Manifestazione, ed essi hanno chiuso i loro cuori! Essi purtroppo, non hanno capito! Val 6 Slide49: Val 6 La luminosa soglia dei Piani Superiori si raggiunge colmando la mente di letizia, che, come da perenne fonte d’Amore sgorga dal profondo dell’animo umano. Chi ne riesce ad oltrepassare i limiti scorge una realtà agli altri preclusa: quella realtà diversa di vita, che produce le forze nascoste, che danno esistenza alla vostra percettibile definizione di Piano! Essa si percepisce nel silenzio della propria mente, e ponendo attenzione sul senso di essere con la volontà di individuati protesi nel Tutto, come inseparate parti. Val 6 Slide50: Che cosa ci rimane ancora da dire? Una parentesi sta per chiudersi, ed una nuova si apre. Si apre con il risultato di una terribile catarsi, che trasformerà tutto, e da essa uscirà un uomo diverso, un uomo che non potrete riconoscere per tale, la cui figura sarà imponente come una torre, in mezzo alle canne, rappresentate dagli uomini di oggi. Verrà dissolta la nebbia fitta, che separa il regno delle ombre con il vostro mondo fisico, e così, per la prima volta, l’uomo assaporerà che cosa sia la Vera Vita, la Grande Vita, nella Fratellanza di Coloro, che sono già con l’Uno, da sempre. Val 6 Val 6 Slide52: Nel giugno del 1980, quando io ancora non facevo parte di questo gruppo di contatto, una sera, in una seduta, i Fratelli VAM, vollero fare un Patto con noi. A tale proposito, Val 6 ci diede le istruzioni per la realizzazione e costruzione di un medaglione che doveva essere un segno di riconoscimento, nonché un segno di unione nostra, con i Fratelli VAM. Qui di seguito riporto le parole di Val 6, quando ci diede le istruzioni di come doveva essere realizzato il medaglione. “Fratelli nostri, voi siete stati tutti, da noi, prescelti, ed altri lo saranno, nell’immediato futuro, per un Patto di Fratellanza Univer-sale, con noi. Il vostro compito è grande, alto e sublime, ma è anche molto duro e difficile da svolgere, ma noi vi saremo al fian- co, sempre, per aiutarvi, e, con il nostro aiuto, voi non fallirete. Ognuno di voi è stato da noi scelto ed esaminato; ognuno di voi, avrà un compito ben preciso e specifico, da svolgere, quali operatori nostri, sulla Terra, per aiutare l’Umanità, al Salto Quantico, che con il nuovo millen-nio dovrà prodursi. A questo scopo, e quale segno di riconoscimento, abbiamo deciso che voi costruiate un medaglione, che sarà segno di unione con noi. Questo Patto vostro con noi, sarà scritto sul retro del medaglione. Ascoltate, quindi, con attenzione, le istruzioni dettaglia- te, che ora vi darò. Slide53: Sul retro del medaglione verrà inciso questo Patto perenne. “Noi umani, terrestri, in libertà di scelta e con speranza, in nome del Primo ed Unico Creatore, confidando nella Sua benevola Grazia, ci siamo rivolti ai Fratelli dello Spazio, affini di Spirito e propositi, per aiutare gli umani di Sol Terzo, almeno quelli che ancora vivono nel Bene e mostrano di avere buona volontà. Con pietoso ed amorevole sentire, questi nostri Fratelli hanno accettato di collaborare assieme a noi, per preparare un Uomo Nuovo, adatto ad una più civile convivenza, in un mondo di Armonia e di Pace, in preparazione del prossimo millennio, per la finale Redenzione degli Spiriti. Solenne preghiera rivolgiamo a Lui, Manifesto e non Manifesto Dio, perché ci aiuti a mantenere fede ai propositi di questa Mistica Alleanza. Da ricordare con gratitudine e fiducia”. Giugno 1980. Slide54: Sul davanti, il nostro medaglione dovrà essere così realizzato: al centro dovrà essere incastona-to un brillantino, simbolo dell’inizio della Creazione o del Big Bang iniziale. Ci sarà una stella gialla, a quattro punte, a simboleggiare l’equilibrio dell’uomo nella sua razionalità. Questa stella gialla a quattro punte deve essere simbolo anche, della convivenza sociale, raddolcita dall’Amore. Ci saranno poi dei cerchi, in un numero di nove cerchi; ogni cerchio porterà un colore, con un significato ben preciso. Nero : che rappresenta le prime vibrazioni luminose elettromagnetiche o di energia, che producono i colori dell’iride, i quali, nella disposizione in cui sono situati, a partire dal centro, fino all’esterno, rappresenta-no lo spettro della luce solare. Rosso : che rappresenta i colori dell’iride, inoltre, questi colori dovran-no ricordarvi i colori della vostra Aura, e perciò, il rosso avrà il significato dell’aggressività dell’uomo primitivo. Arancio : che rappresenta l’inizio della competizione. Giallo : che rappresenta lo sviluppo dell’intelletto dell’uomo. Slide55: Verde : che rappresenta l’uomo che inizia ad usare il suo cervello e la sua mente. Azzurro : che rappresenta la scienza che compare come razionalità dell’uomo più evoluto e perfetto. Indaco : deve rappresentare un passaggio tra la razionalità scientifica e la razionalità tra- scendentale, che avrà il suo culmine, con il raggiungimento della Spiritualità. Violetto : che rappresenta il raggiungimento di un’Alta Spiritualità. Bianco : Simbolo della completezza. Rappresenta anche la presenza di tutti i colori uniti assieme. Questo colore è il simbolo della comprensione di tutte le fenomenologie Psichiche e Spirituali. Sul colore bianco verranno poste nove punte, che devono rappresen-tare i vari stadi dei sensi psichici dell’Uomo, i Chakra, sette Chakra, più i due Chakra Superiori, rappresentano la Fiamma della Purezza e l’aureola della Santità. All’estremo esterno del medaglione ci sarà del colore giallo, simboleggiante una base di realizzazione dell’Io, nella natura del Sistema Solare. Per finire, il bordo esterno sarà colorato di nero, come simbolo di confine, delle Cose e dei Piani. Che le nostre menti si tocchino”. Val 6 Slide58: Purtroppo, il nostro medaglione è stato realizzato, dopo innumerevoli ed indicibili difficoltà, soltanto nel 1996, anche se, naturalmente, sul retro dello stesso vi è la data Giugno 1980, in quanto in tale data, fu stabilito il nostro Patto con i Fratelli dello Spazio della Confederazione VAM. Ho voluto presentare, in questo mio lavoro, alcuni dei moltissimi messaggi che ci sono pervenuti, in tanti anni di contatti con i Fratelli VAM, perché ritengo che questi messaggi abbiano un alto valore filosofico e Spirituale; lungi da me il proposito di voler insegnare qualcosa a qualcuno. La mia intenzione è soltanto quella di fare un’esposizione delle esperienze vissute dal nostro gruppo di contatto e di presentare alcuni messaggi, che ci sono pervenuti da Entità Cosmiche meravigliose. Nei riguardi delle manifestazioni di Entità Superiori, ed in particola-re di contatti con i nostri Fratelli dello Spazio, possono aversi due aspetti, diametralmente opposti, della stoltezza umana: l’uno, nel ritenere sempre, ed in ogni caso, vero e reale, quanto è soltanto possibile; l’altro, nel ritenere assolutamente impossibile, ciò che è invece, decisamente reale, vero ed autentico. Slide60: Per quanto riguarda i primi, siamo di fronte a persone che sono ricolme di credulità, ed il più delle volte, di incapacità di giudizio: infatti esse hanno la mania del meraviglioso, e sono convinte di vedere ciò che non è. Spesso tale categoria di persone cade nella superstizione e nel fanatismo. Nel secondo caso, e cioè, riguardante coloro che negano ostinatamente il fenomeno, si tratta di persone dominate dallo scetticismo e dal preconcetto, per cui ci troviamo dinnanzi a deviazioni della ragione e del raziocinio. Infatti, il preconcetto ed il voluto auto-preordinato e gretto scetticismo, denotano una ristrettezza del pensiero e della piena capacità di valersi della propria ragione, per cui si giunge, molto spesso, a tali prese di posizione, solo per orgoglio, per sciocca ostentazione di un pensiero “contro corrente” o meglio “contro la logica comune”, giungendo alla degenerazione di un’opposizione che solo se razionale, potrebbe essere ben accetta. Entrambe le catego-rie di persone su accennate, sono ugualmente dannose alla seria ricerca. Vi sono poi coloro che, pur dotati di grande cultura, ma non certamente versati allo studio del fenomeno in questione, negano tutto, solo per una ostentata superiorità, presunta e ridicola. La pluralità dei mondi ha in suo favore due irrecusabili testimoni: quello della storia e quello della scienza. Slide62: Se raccogliamo per un istante il nostro pensiero e ci immergiamo nella contemplazione dell’Universo, si presenta subito alla ragione il senti-mento della vita diffusa in quegli spazi immensi, e dobbiamo perciò credere che in altre regioni dello Spazio, esistano altri pianeti abitati, altri Esseri, altre Intelligenze, altre Civiltà, provenienti da lontane Galassie. All’evidenza dei fatti, pretendere che siamo l’oggetto unico della Creazione, e gli unici abitatori dell’Universo, è un voler elevare il nostro insensato orgoglio fino quasi alla demenza. La vita è diffusa largamente nell’Universo, e soltanto delle menti molto limitate e povere, possono rinserrare la potenza creatrice solo in questo pianeta, piccolo granello di sabbia, perduto nelle vaste estensioni della Creazione. Esistono altri Esseri Intelligenti, altre Civiltà, molteplici espressioni di vita, oltre a quella a noi ben nota. L’Universo è pregno di vibrazioni umane e Spirituali, vibrazioni di Esseri Superiori, e noi siamo in sintonia con queste vibrazioni e queste onde provenienti da queste Entità Cosmiche, che percepiscono i nostri pensieri e (ciò non ci deve sbalordire) sintonicamente esiste tra noi e Loro una certa ricolleganza, una assonanza, una sintonica espressione di vicinanza, quasi di unicità; onde vibratorie, vicine all’unicità, alla coesistenza univoca; esse esistono e sono una realtà. Mirella Giurco. Slide63: FINE “Che le nostre menti si tocchino” sempre!!!

Add a comment

Related presentations