Food eCommerce - Realizzare una strategia per il tuo store

50 %
50 %
Information about Food eCommerce - Realizzare una strategia per il tuo store

Published on October 13, 2016

Author: saraboargs

Source: slideshare.net

1. SARA BORGHI COME REALIZZARE UNA STRATEGIA ONLINE PER IL TUO STORE. FOOD ECOMMERCE

2. 4 3 62 5 8 7 1 Case studies: come trasferire l’esperienza emozionale e sensoriale del cibo online. Players nel food ecommerce SEO: consigli per realizzare per un food ecommerce ottimizzato I driver di chi compra food online. Questions and answers. DI COSA PARLEREMO Dati per l’e-commerce mondiale e in Italia. La strategia online: elementi essenziali. Principali trend nell’ecommerce

3. PICCOLI RETAILER E PRODUTTORI DI NICCHIA GROSSI RETAILER (SPESA A DOMICILIO) 80% 20% In questa categoria rientrano i giganti della distribuzione in Italia: Esselunga, Conad, COOP, Carrefour così come i grossi retailer online quali Amazon o eBay. I PLAYERS Retailer specializzati e produttori locali che vendono prodotti di nicchia, tendenzialmente di qualità premium, in quantità limitate.

4. I DRIVER ALL’ACQUISTO Varietà & Disponibilità Tempo Connettività 24/7 Risparmio Unicità e personalizzazione Qualità (Premium) Trasparenza Accorciare la filiera Community Grandi retailer Piccoli retailer

5. (*SOURCE: STATISTA) ECOMMERCE NEL MONDO(*) Nel 2016, si prevede che le vendite ecommerce B2C a livello mondiale raggiungerano 1,92 miliardi di dollari. 2,3 miliardi nel 2018.

6. (*SOURCE: CASALEGGIO ASSOCIATI) …E IN ITALIA? (*) • Camera di Commercio a Milano > ricerca del 13 aprile 2016: 3.000 aziende (multinazionali e PMI) con sede in Italia. • 2005 – 2015: fatturato dei negozi online > da 2,1 a 28,8 miliardi di Euro. • Triennio 2014-2017: ecommerce crescerà di oltre il 62% (oltre 10 miliardi di euro).

7. (*SOURCE: CASALEGGIO ASSOCIATI) QUALI SETTORI(*) • Food > aumento eccellente +35% • Altre categorie in crescita: Centri commerciali, salute e bellezza, editoria.

8. (*SOURCE: EMARKETER) DOVE INVESTIRE (*) I leader mondiali nella esportazione B2C ecommerce includono: Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Paesi nordici, Olanda e Francia. L’esportazione globale online al dettaglio è previsto che raggiungerà 100 miliardi di euro entro il 2020.

9. Creazione immagine aziendale Sviluppo e ottimizzazione sito Scelta piattaforma ed infrastruttura Business plan Misurazione e miglioramento Promozione e campagne adv 5 3 4 1 6 2 FASI DEL PROGETTO

10. (*AHEADWORKS) QUALE PIATTAFORMA(*) Sondaggio di Alexa “1 million top sites” > leadership di WooCommerce fra le migliori piattaforme di eCommerce, seguito da Magento.

11. (*) RETAILMENOT.IT STRATEGIA MULTICANALE(*) • Il sito web non basta! • L’86% dei consumatori avvia l’acquisto su un canale per poi concluderlo su un altro. • Strategia di vendita multicanale. • Canali più utilizzati per promuovere l’e- commerce: 1. Keyword Advertising 2. SEO 3. Social media 4. Email Marketing

12. BUYER PERSONA 1. Personaggio fittizio che rappresenta in modo realistico delle caratteristiche del consumatore target: • Desideri • Motivazioni • Abitudini • Pattern comportamentali • Dubbi • Obiettivi 2. Facilitano la segmentazione dei potenziali clienti, consentono di sviluppare una buyer's journey efficace e di pianificare la creazione delle campagne e dei contenuti.

13. I “MUST” DEL SITO WEB 1. USP > cosa ti differenzia? 2. HTTPS > certificato di sicurezza 3. Ottimizzare IA > struttura flat 4. Ottimizzare processo d’acquisto > semplice, veloce. Senso d’urgenza. 5. Coupon codes > coupon offerto nel processo checkout, in cambio di una condivisione sui social. 6. Esperienza e storytelling (video e foto HD) 7. Assistenza > far percepire all’utente che ha fatto la scelta giusta e che ci sono delle persone pronte ad aiutarlo (chat, contatti ben visibili). 57% di chi acquista online preferisce utilizzare il numero di telefono per contattare il venditore. 8. Lead nurturing > marketing automation 9. Integrazione PayPal > aggiunge un ulteriore livello di sicurezza e diminuisce le preoccupazioni degli utenti in merito alla privacy. Le transazioni tramite PayPal hanno una conversion rate il 79% più alta che quelle senza Paypal. 10. “Trust Seal Badges”> portano ad un incremento delle conversioni.

14. USER EXPERIENCE Un indicatore di una povera esperienza utente è un alto tasso di abbandono della shopping cart. 4 dei 6 motivi elencati qui sotto fanno riferimento alla user experience del sito.

15. E LA SEO?(*) (*BACKLINKO) Il 44% di chi acquista online inizia la propria esperienza di shopping da un motore di ricerca.

16. E LA SEO?(*) (*BACKLINKO) Il 26% degli ordini e-commerce provengono da traffico organico sui motori di ricerca.

17. I FONDAMENTALI… 1. Investire nella keyword research (Keyword Planner, Amazon suggest, sti web dei competitor) 2. URL corte ed ottimizzate 3. Integrare una piattaforma di blogging che consenta di postare articoli e che permetta agli utenti di ritornare sul sito con frequenza. 4. Ottimizzazione on-site: breadcrumbs, meta data, schema.org, internal linking 5. Creare pagina prodotto complete ed efficaci: https://japanfoodhall.com/collections/white-rice/products/yukihime-california- 20kg 6. Google Analytics + eCommerce tracking 7. Responsive design (Mobile). 75% degli utenti smartphone abbandonano i siti che non sono responsive. 8. Velocità del sito. Studio Amazon > per ogni 100 millisecondi di tempo di caricamento, c’è una dimizione dell’1% nelle vendite.

18. MACHINE-GENERATED CONTENT AMBASSADORS Sponsorizzazione eventi e sampling. Coinvolgere atleti, cuochi, influencers, etc… Esiste una causa, un progetto al quale potete o volete associarvi? Compra x, doniamo y a… http://kutoa.com 66% degli utenti sono disponibili a pagare di più se l’azienda è impegnata in una causa sociale/ambientalista. Buona formattazione dei contenuti Layout pulito e professionale Alta qualità audio/ video Facilità di lettura su più dispositivi Possible soluzione a problemi quali la creazione delle descrizioni dei prodotti. CONTENT MARKETING QUALITÀ CAUSA

19. • Spesa media: 175 Euro • Spendono più per se stessi • Esperienza di acquisto: semplice ed immediata • Meno emotivi, più logici (ricerca) • Descrizioni dettagliate, comparazioni con prodotti simili e recensioni • Più recettive a newsletter, coupon • Opinioni altrui • Spesa media: 100 Euro • Esperienza acquisto: social e completa • Più selettive • Tendono a fare regali • Più recettive a newsletter, coupon • Opinioni altrui • Immagini, recensioni, online chat, discussioni online MEN VS. WOMEN

20. Instagram: social media in forte crescita. Ads: grande opportunità per mandare un pubblico altamente coinvolto a pagine categoria/prodotto rilevanti. Facebook, Pinterest e Twitter hanno annunciato pulsanti che le aziende possono utilizzare per pubblicare e vendere i loro prodotti direttamente sui social. Integrazione Facebook e Shopify Secondo Gartner, il 74% dei consumatori si basa sui social network (in particolare Facebook) per effettuare i propri acquisti. SOCIAL COMMERCE 2016 FLORIDO, MA DIFFICOLTÀ NEL DEFINIRE IL ROI.

21. IMMAGINI E VIDEO CSS FRAMEWORKS (BOOTSTRAP) POP-UPS Utili per dare via qualcosa gratuitamente in cambio dell’indirizzo e-mail. I design sono variazioni su un tema: NO drammatiche differenze nel layout. Gli utenti possono trovare che le somiglianze tra i siti di e- commerce li rendano più facili da navigare. Immagini ad alta risoluzione e video in HD rendono le pagine altamente impattanti. 93% dei consumatori considerano gli elementi visivi un fattore importante nella scelta d’acquisto. TREND NEL DESIGN

22. ESEMPI https://japanfoodhall.com

23. ESEMPI www.murrayscheese.com

24. ESEMPI www.kutoa.com

25. Ottobre Luglio Settembre Agosto 600$ 500$ 150$ 300$ PIANIFICAZIONE INVESTIMENTI È necessario capire: • quanto costa il tuo ecommerce (costi fissi + variabili) • quanto è competitivo il mercato (o nicchia) e • misurare quali investimenti sono necessari per posizionarsi, acquisire clienti e vincere la concorrenza.

26. SARA BORGHI Head of Digital Marketing @ ByTek Marketing Pizza Lover. Skier. CHI SONO

27. THANK YOU! SARA@BYTEKMARKETING.IT

Add a comment