Er pianto della terra5

50 %
50 %
Information about Er pianto della terra5

Published on September 4, 2016

Author: fabriziogrisu

Source: slideshare.net

1. Er pianto della terra Quanno la terra trema, te sembra n’brutto sogno… Te sveji , nun capisci e tutt’intorno balla. Sò quasi du minuti er tempo de stò mambo, poi quanno che finisce pe n’attimo er silenzio e subito incomincia er canto de sirene e le strilla della pora gente. La polvere, le urla e tutt’intorno è nero. La luna che dall’arto, assisteste a stà tragedia, s’empietosisce e brilla, je indica la via, p’annà aiutà a chi è sotto, st’ammasso de macerie. Nun c’è tempo pe piagne, c’è dà sarvà la gente, è un brucolio de Angeli, so quelli d’Amatrice, che a mani nude scavano, seguenno li lamenti, speranno de sentì la voce dei parenti. Nun c’è rimasto gnente de quello ch’era ieri, “Mò v’aiutamo noi, je dimo, Noi semo li Pompieri”. Se sprona n’energia, na voja de reaggì, ognuno aiuta l’artro e er sole stà pè uscì. La nostra è na divisa già zuppa de dolore, bagnata de sudore, quanno è strappata e zozza è solo pe passione. Se lo sentimo dentro d’annà aiutà la gente, quarcuno lo sarvamo, pe artri n’ poi fà gnente. T’assale n’impotenza, intorno a te la morte, te guardi cor collega e te senti più forte. C’aiutano li cani, giocanno a nascondino, ce dicono abbaiando: “Qui sotto c’è quarcuno”. Droni, sensori, gru..C’è la tecnologia, ma sò trecento anime quelle volate via. Dopo nà settimana, arrivano i colleghi, tu che ritorni a casa e intanto nun te spieghi. L’abbraccio de tu mojie, le feste de tu fijo e pe n’momento te risenti vivo.. Se ce la fai racconti, de quello che hai vissuto, de tanti come te c’hanno lasciato tutto, pe core a dà n’aiuto. Te cambi la divisa e nun sai piu che dire, intanto già sei pronto a ripartire. Le case sò distrutte, le strade sò sparite, c’è n’gatto che se lecca le ferite. In mezzo alle macerie trovo na bambolina, chissà se s’è sarvata quella regazzina. Se chi comanna avrà imparato quarche cosa da stà danza, de come ner 2000 fa le case, allora sì c’avremmo na speranza.. Ricostruì Amatrice dalla base. Aritornamo, i visi stanchi e seri, la tera trema ancora e cupi sò i pensieri. Nun ve lasciamo soli, e lo strillamo fieri.. Ecco sò tornati Li Pompieri.

Add a comment