Documentare per educare

100 %
0 %
Information about Documentare per educare

Published on September 30, 2007

Author: amandadrafe

Source: slideshare.net

Documentare per educare Ada Manfreda Modulo: Formazione dei Formatori c/o Associazione ONLUS Marco 6.31 - Surbo 16.07.2007

DOCUMENTARE Procedura volta alla raccolta e alla sistematizzazione secondo rigorosi criteri di classificazione e archiviazione, di diverse fonti documentarie a fini di consultazione e di valutazione.

Procedura volta alla raccolta e alla sistematizzazione secondo rigorosi criteri di classificazione e archiviazione, di diverse fonti documentarie a fini di consultazione e di valutazione.

COSA DOCUMENTARE Raccogliere e sistematizzare, secondo appositi criteri: Osservazione sistematica Narrazione Artefatti

Raccogliere e sistematizzare, secondo appositi criteri:

Osservazione sistematica

Narrazione

Artefatti

OSSERVARE Azione volta a tentare di acquisire conoscenze in ordine ad un fenomeno specifico; In ambito educativo: Al fine di avere informazioni sul livello di sviluppo o di cambiamenti degli educanti; Per valutare i risultati degli interventi realizzati; Per raccogliere dati di contesto in modo da poterlo eventualmente riprogettare, modificare

Azione volta a tentare di acquisire conoscenze in ordine ad un fenomeno specifico;

In ambito educativo:

Al fine di avere informazioni sul livello di sviluppo o di cambiamenti degli educanti;

Per valutare i risultati degli interventi realizzati;

Per raccogliere dati di contesto in modo da poterlo eventualmente riprogettare, modificare

Variabili da osservare Variabili relative al contesto educativo: l’educatore, l’educando, l’ambiente (spazio fisico) dell’intervento Variabili relative al processo educativo: le interazioni che intervengono nel contesto educativo tra educatore ed educando, tra pari, tra educatori.

Variabili relative al contesto educativo: l’educatore, l’educando, l’ambiente (spazio fisico) dell’intervento

Variabili relative al processo educativo: le interazioni che intervengono nel contesto educativo tra educatore ed educando, tra pari, tra educatori.

Variabili di contesto Focus educando : caratteristiche della personalità, competenze, atteggiamenti, aspettative Focus educatore : comportamenti che sono espressione della sua professionalità, quali ad esempio sensibilità ai segnali inviati dagli educandi, alle specifiche modalità di comunicazione, capacità di ascolto, capacità di rispettare tempi e modi previsti nella programmazione di un intervento Focus ambiente : aspetti organizzativi legati agli spazi, agli orari, agli arredi; la ricchezza dei materiali didattici, dei sussidi e delle attrezzature utilizzati

Focus educando : caratteristiche della personalità, competenze, atteggiamenti, aspettative

Focus educatore : comportamenti che sono espressione della sua professionalità, quali ad esempio sensibilità ai segnali inviati dagli educandi, alle specifiche modalità di comunicazione, capacità di ascolto, capacità di rispettare tempi e modi previsti nella programmazione di un intervento

Focus ambiente : aspetti organizzativi legati agli spazi, agli orari, agli arredi; la ricchezza dei materiali didattici, dei sussidi e delle attrezzature utilizzati

Variabili di processo Interazione educatore-educando: Modalità comportamentali messe in atto nella gestione dell’intervento educativo tra educatore e destinatario (rinforzi, strategie comunicative, feedback reciproci…) Interazione tra educandi: Dinamiche relazionali che caratterizzano lo scambio fra pari sia positivo che negativo, gestione dei conflitti, dinamiche di ruolo Interazione tra educatori: Dinamiche che caratterizzano la modalità comunicativa tra colleghi in situazioni diverse (presa di decisioni durante le riunioni; modalità di accettazione e rifiuto di proposte; strategie di cooperazione, collaborazione e confronto messe in atto…)

Interazione educatore-educando:

Modalità comportamentali messe in atto nella gestione dell’intervento educativo tra educatore e destinatario (rinforzi, strategie comunicative, feedback reciproci…)

Interazione tra educandi:

Dinamiche relazionali che caratterizzano lo scambio fra pari sia positivo che negativo, gestione dei conflitti, dinamiche di ruolo

Interazione tra educatori:

Dinamiche che caratterizzano la modalità comunicativa tra colleghi in situazioni diverse (presa di decisioni durante le riunioni; modalità di accettazione e rifiuto di proposte; strategie di cooperazione, collaborazione e confronto messe in atto…)

Strumenti dell’osservazione E’ possibile utilizzare un complesso e coerente sistema di indicatori, griglie, relazioni, che consentano di mantenere sotto costante controllo una situazione di apprendimento e più in generale educativa, in ordine alle variabili di contesto e di processo.

E’ possibile utilizzare un complesso e coerente sistema di indicatori, griglie, relazioni, che consentano di mantenere sotto costante controllo una situazione di apprendimento e più in generale educativa, in ordine alle variabili di contesto e di processo.

Osservazione: una proposta Il DIARIO DI BORDO dell’educatore: Lo propongo come strumento di auto-osservazione e di osservazione sia sulle variabili di contesto che di processo che ciascun educatore può tenere quotidianamente o comunque con una certa assiduità, quale mezzo ‘meta’ di riflessione sulle azioni, i comportamenti e le situazioni che si sviluppano nel contesto educativo di riferimento. Confrontare periodicamente i diari di bordo degli educatori può costituire momento di riflessione comune, di valutazione e di progettazione di interventi futuri.

Il DIARIO DI BORDO dell’educatore:

Lo propongo come strumento di auto-osservazione e di osservazione sia sulle variabili di contesto che di processo che ciascun educatore può tenere quotidianamente o comunque con una certa assiduità, quale mezzo ‘meta’ di riflessione sulle azioni, i comportamenti e le situazioni che si sviluppano nel contesto educativo di riferimento.

Confrontare periodicamente i diari di bordo degli educatori può costituire momento di riflessione comune, di valutazione e di progettazione di interventi futuri.

NARRAZIONE Per storicizzare l’esperienza comunque realizzata da un soggetto, al fine di rilevarne le competenze acquisite o i cambiamenti realizzati in ordine alla propria condizione. Rilevare come egli si racconta e giustifica le scelte operative compiute nel tentativo di risolvere un certo problema o di svolgere un certo compito e/o attività. (Quali livelli di consapevolezza vi sono nel soggetto in ordine al percorso formativo-educativo realizzato? Qual è il vissuto emozionale personale rispetto alla situazione a cui ha preso parte?)

Per storicizzare l’esperienza comunque realizzata da un soggetto, al fine di rilevarne le competenze acquisite o i cambiamenti realizzati in ordine alla propria condizione.

Rilevare come egli si racconta e giustifica le scelte operative compiute nel tentativo di risolvere un certo problema o di svolgere un certo compito e/o attività. (Quali livelli di consapevolezza vi sono nel soggetto in ordine al percorso formativo-educativo realizzato? Qual è il vissuto emozionale personale rispetto alla situazione a cui ha preso parte?)

Strumenti della narrazione Racconti Storie inventate Dialoghi con l’educatore o tra pari Non necessariamente sollecitate, ma rilevate in qualunque momento, in modo spontaneo. Sia in forma testuale che discorsiva. In questo secondo caso diviene necessario procedere ad una opportuna registrazione mediante appunti cartacei da sistematizzare in relazioni, ovvero registrazioni audio e/o audio-video da rivedere ed analizzare.

Racconti

Storie inventate

Dialoghi con l’educatore o tra pari

Non necessariamente sollecitate, ma rilevate in qualunque momento, in modo spontaneo.

Sia in forma testuale che discorsiva. In questo secondo caso diviene necessario procedere ad una opportuna registrazione mediante appunti cartacei da sistematizzare in relazioni, ovvero registrazioni audio e/o audio-video da rivedere ed analizzare.

ARTEFATTO “ Artefatto”, termine che deriva da due parole latine e che vuol dire fatto bene, ben fatto, fatto ad arte; Esso è pertanto qualcosa costruito con abilità e facendo ricorso alle giuste risorse e tecnologie.

“ Artefatto”, termine che deriva da due parole latine e che vuol dire fatto bene, ben fatto, fatto ad arte;

Esso è pertanto qualcosa costruito con abilità e facendo ricorso alle giuste risorse e tecnologie.

ARTEFATTO È uno strumento di cui un essere umano si serve per svolgere la propria attività: sono artefatti il martello, la zappa, la penna… È uno strumento di azione e nello stesso tempo un tramite che collega il soggetto e l’ambiente

È uno strumento di cui un essere umano si serve per svolgere la propria attività: sono artefatti il martello, la zappa, la penna…

È uno strumento di azione e nello stesso tempo un tramite che collega il soggetto e l’ambiente

ARTEFATTO Nel suo valore di mediazione tra individuo-contesto esso è rivelativo di senso In quanto oggetto-creato-per-uno scopo in esso si fondono dimensione fisica ‘corporea’ e dimensione ‘ideale’ (ossia l’insieme degli scopi, delle idee, dell’immaginazione, della visione che in esso l’artefice ha coagulato)

Nel suo valore di mediazione tra individuo-contesto esso è rivelativo di senso

In quanto oggetto-creato-per-uno scopo in esso si fondono dimensione fisica ‘corporea’ e dimensione ‘ideale’ (ossia l’insieme degli scopi, delle idee, dell’immaginazione, della visione che in esso l’artefice ha coagulato)

IL PORTFOLIO EDUCATIVO Risultato del processo di documentazione Il portfolio è uno strumento che consente di sviluppare processi di co-valutazione ed autovalutazione. Rende visibile il progressivo impossessarsi di competenze e/o di qualunque altro tipo di risultato da parte degli educandi. Documenta e storicizza i processi educativi messi in atto. Consente una valutazione complessiva, scaturita da testimonianze provenienti da una molteplicità di attività e di prestazioni in esso documentate.

Risultato del processo di documentazione

Il portfolio è uno strumento che consente di sviluppare processi di co-valutazione ed autovalutazione.

Rende visibile il progressivo impossessarsi di competenze e/o di qualunque altro tipo di risultato da parte degli educandi.

Documenta e storicizza i processi educativi messi in atto.

Consente una valutazione complessiva, scaturita da testimonianze provenienti da una molteplicità di attività e di prestazioni in esso documentate.

Obiettivi del portfolio Un'autovalutazione da parte del formando che deve imparare a: categorizzare i propri lavori, organizzarli, analizzarli, criticarli; la valutazione reciproca da parte dei colleghi che possono esaminare il portafoglio a piccoli gruppi o a coppie; la valutazione collettiva, esempio fotocopiando su lucido un lavoro e commentandolo in pubblico; la valutazione individuale di ciascuno. (Cfr. M. Pellerey, Il portafoglio formativo progressivo come nuovo strumento di valutazione delle competenze , al sito internet: http://www.psicopolis.com )

Un'autovalutazione da parte del formando che deve imparare a:

categorizzare i propri lavori,

organizzarli,

analizzarli,

criticarli;

la valutazione reciproca da parte dei colleghi che possono esaminare il portafoglio a piccoli gruppi o a coppie;

la valutazione collettiva, esempio fotocopiando su lucido un lavoro e commentandolo in pubblico;

la valutazione individuale di ciascuno.

(Cfr. M. Pellerey, Il portafoglio formativo progressivo come nuovo strumento di valutazione delle competenze , al sito internet: http://www.psicopolis.com )

Portfolio educativo: cosa contiene? Relazioni scritte Registrazione di osservazioni sistematiche Schede di autovalutazione Ipotesi di progetti Prodotti realizzati (Artefatti) Questionari di autovalutazione Lavori di gruppo ed individuali Registrazioni sonore di presentazioni pubbliche e discussioni in piccoli gruppi…. Stralci del Diario di bordo dell’educatore

Relazioni scritte

Registrazione di osservazioni sistematiche

Schede di autovalutazione

Ipotesi di progetti

Prodotti realizzati (Artefatti)

Questionari di autovalutazione

Lavori di gruppo ed individuali

Registrazioni sonore di presentazioni pubbliche e discussioni in piccoli gruppi….

Stralci del Diario di bordo dell’educatore

Come progettare ed organizzare un portfolio chiarirsi le ragioni per le quali lo si vuole predisporre, individuando con chiarezza le competenze che si vogliono promuovere, il loro carattere (specifico o trasversale) e il loro livello o standard; decidere quali documenti si intende includere: documenti scritti, prove pratiche, lavori di ricerca o di indagine individuali o di gruppo, schede osservative specifiche, schede osservative più trasversali, giudizi elaborati sulla base di colloqui o interviste strutturate, risultati di questionari ecc.; datare e numerare progressivamente i materiali inclusi. Un portafoglio di valutazione può costituire la base fondamentale per l'elaborazione del giudizio oppure costituire solo uno dei suoi elementi di riferimento accanto o in sostituzione parziale di altre forme di valutazione. (Cfr. M. Pellerey, Il portafoglio formativo progressivo come nuovo strumento di valutazione delle competenze , al sito internet: http://www.psicopolis.com )

chiarirsi le ragioni per le quali lo si vuole predisporre, individuando con chiarezza le competenze che si vogliono promuovere, il loro carattere (specifico o trasversale) e il loro livello o standard;

decidere quali documenti si intende includere: documenti scritti, prove pratiche, lavori di ricerca o di indagine individuali o di gruppo, schede osservative specifiche, schede osservative più trasversali, giudizi elaborati sulla base di colloqui o interviste strutturate, risultati di questionari ecc.;

datare e numerare progressivamente i materiali inclusi. Un portafoglio di valutazione può costituire la base fondamentale per l'elaborazione del giudizio oppure costituire solo uno dei suoi elementi di riferimento accanto o in sostituzione parziale di altre forme di valutazione.

(Cfr. M. Pellerey, Il portafoglio formativo progressivo come

nuovo strumento di valutazione delle competenze , al sito internet: http://www.psicopolis.com )

Il portfolio nelle mani dell’educando Il portfolio può essere uno strumento educativo di per se stesso. Come? L’educando può costruire via via un portfolio di lavoro in cui inserisce tutto ciò che ritiene utile o che gli va di conservare Il portfolio di lavoro così ottenuto è un artefatto dell’educando al pari di qualunque altro che può confluire nel portfolio educativo Tale artefatto dice molto dell’educando e del modo in cui autopercepisce e fa proprie le esperienze che si trova a vivere nel contesto educativo: CO-COSTRUISCE ATTIVAMENTE IL SUO PERCORSO SOCIO-EDUCATIVO

Il portfolio può essere uno strumento educativo di per se stesso. Come?

L’educando può costruire via via un portfolio di lavoro in cui inserisce tutto ciò che ritiene utile o che gli va di conservare

Il portfolio di lavoro così ottenuto è un artefatto dell’educando al pari di qualunque altro che può confluire nel portfolio educativo

Tale artefatto dice molto dell’educando e del modo in cui autopercepisce e fa proprie le esperienze che si trova a vivere nel contesto educativo:

CO-COSTRUISCE ATTIVAMENTE IL SUO PERCORSO SOCIO-EDUCATIVO

Documentare anche l’intangibile Prestare importanza agli aspetti intangibili dell’attività educativa. Si tratta di fattori: affettivi culturali qualitativi del sistema, che sono rilevabili solo attraverso misurazioni indirette.

Prestare importanza agli aspetti intangibili dell’attività educativa.

Si tratta di fattori:

affettivi

culturali

qualitativi

del sistema, che sono rilevabili solo attraverso misurazioni indirette.

Documentare per educare La documentazione quale momento di formazione, di valutazione e progettazione Apprendere  documentando

La documentazione quale momento di formazione, di valutazione e progettazione

Apprendere  documentando

Osservazione di 2° grado Supervisione Mediazione Consulenza a partire dalla documentazione

Supervisione

Mediazione

Consulenza

a partire dalla documentazione

Add a comment

Related pages

Documentare - Dizionario e traduttore dizio - Sinonimi di ...

Può registrare volti o avvenimenti oppure narrare una storia. Può sorprendere, divertire ed educare. ... • Documentare per non perdere la memoria; ...
Read more

Ada Manfreda » Documentare per educare

Documentare per educare, Modulo di “Formazione dei formatori” svolto presso l’Associazione ONLUS “Marco 6.31″ di Surbo il 16.07.2007.
Read more

La parola “documentazione” mi fa pensare a…. “Documentare ...

20 DOCUMENTARE PER I BAMBINI Per stimolarli e gratificarli, favorendo la costruzione di un’ immagine positiva di sé Per dare loro il ... Educare allamore.
Read more

Educare.it - Stradella: una città da scoprire III^ parte

Documentare per: I bambini: Possono riesaminare le loro esperienze, i loro prodotti per riflettere e raccogliere idee e ...
Read more

Io voglio educare | Facebook

Io voglio educare. 22 likes · 1 talking about this. Ciclo di incontri per genitori e docenti
Read more

Scuola Alta Formazione "Educare all'Incontro e alla ...

Scuola Alta Formazione "Educare all'Incontro e alla Solidarietà EIS" LUMSA. 681 likes · 26 talking about this. La Scuola si propone di approfondire sul...
Read more

SCIENZE UMANE E DELL’EDUCAZIONE 4 - aracneeditrice.it

Strumenti per educare 135 Il Diario di bordo Federico Batini 1. Il diario, 135 – 2. ... 199 Valutare e documentare l’educazione Silvia Crispoldi 1.
Read more

La documentazione nel nido d’infanzia

Documentare oggi La recente ... Per consentire una migliore conoscenza della realtàe per favorire un processo di costruzione dei significati -
Read more