advertisement

Diritto e Informatica: casi e questioni

100 %
0 %
advertisement
Information about Diritto e Informatica: casi e questioni

Published on November 12, 2007

Author: stefanomainardi

Source: slideshare.net

Description

Slide dell'intervento dell'Avv. Antonino Attanasio al Barcamp Romagna
advertisement

ROMAGNA BARCAMP DIRITTO E INFORMATICA: CASI E QUESTIONI 8 SETTEMBRE 2007 AVV. ANTONINO ATTANASIO CESENATICO

Blog e responsabilità Responsabilità penale È sempre quot;personalequot;, pertanto ognuno è responsabile personalmente di quanto scrive. Anche nel caso di blog collettivi è il singolo autore a rispondere dei propri scritti, non già la Web Community di cui fa parte. Non serve precisarlo in apposite note legali.

Blog e responsabilità Responsabilità per negligenza Nel caso di post su blog collettivi o di commenti che ledono diritti o immagine e dignità di terzi, il proprietario del blog non è responsabile personalmente dello scritto/commento lesivo ma può essere giudicato per il mancato controllo (negligenza) e/o la mancata rimozione di tale testo. Ad esempio, qualora un blogger trovi un commento offensivo (nei confronti di chiunque) sul proprio spazio web, è tenuto alla rimuoverlo tempestivamente per limitare i danni altrui. In tal senso, e non per la specifica responsabilità penale dello scritto offensivo, può essere avviata un'azione legale nei confronti del titolare del weblog.

Blog e responsabilità L'equiparazione del blog ad una testata giornalistica può adoperarsi solo per chiarire che il blogger, avendo il controllo del blog, è come se ne fosse il direttore. Il weblog non può essere soggetto alla normativa sulla stampa poiché non sussiste alcuna periodicità di aggiornamento

Blog e responsabilità Efficacia del disclaimer È ormai consuetudine deresponsabilizzare i weblog (anzi, i blogger) con l'ausilio di disclaimer. Questi sono utili al lettore per comprendere agevolmente l'ambito delle responsabilità, eventualmente esterne al sito. Dichiarare di quot;non essere responsabiliquot; non serve: la legge vige indipendentemente dai nostri tentativi di dissuadere i lettori dall'agire in giudizio. E se, per esempio, declinassimo ogni responsabilità per i commenti inseriti dovremmo ricordare l'inefficacia parziale di questa clausola poiché il quot;direttore del blogquot; è responsabile per il mancato controllo e/o rimozione dei commenti offensivi o lesivi di diritto altrui

Blog e responsabilità In un weblog collettivo i membri che ne prendono parte possono stipulare contratti per la divisione dei compiti e responsabilità tra loro, ai sensi degli artt. 1321 e ss. del codice civile. Questi accordi potranno essere eccepiti in giudizio per escludere taluni soggetti da determinate responsabilità (salvo quella personale di tipo penale) ovvero come elemento probatorio nell'ambito di procedimenti legali.

Privacy e consulente esterno Ente pubblico: necessità di creazione e gestione banca a) dati e dà in appalto esterno Società privata prende appalto b) Appalto: acquisizione dati cittadini, comuni e sensibili e c) riversamento nella banca dati Società privata fa ricorso a consulente esterno per lavoro d) acquisizione dati fornendo id e pwd rilasciati all’Ente pubblico

Privacy e consulente esterno PROBLEMI Società dice a consulente che ha piena responsabilità per il trattamento dati È vero? No! Responsabilità privacy e responsabilità civile sono responsabilità completamente diverse

WI FI Normative di riferimento: a) D.L. 259/2003 (Codice Telecomunicazioni) http://www.comunicazioni.it/it/index.php?IdPag=725 b) decreto legge 27 luglio 2005 n.144 convertito con la legge 31 luglio 2005 n.155: http://www.parlamento.it/leggi/elelenum.htm c) Decreto di attuazione del 16 agosto 2005: http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/terrorismo_int/decr e to_160805.pdf d) Circolare Ministero dell’Interno n.557/2005: http://www.interno.it/news/articolo.php?idarticolo=21262

WI FI Obblighi introdotti: 1. I titolari o gestori di un esercizio pubblico o di un circolo privato di qualsiasi specie nel quale sono poste a disposizione del pubblico, dei clienti o dei soci, apparecchi terminali utilizzabili per le comunicazioni, anche telematiche, esclusi i telefoni pubblici a pagamento abilitati esclusivamente alla telefonia vocale, sono tenuti a:è tenuto ad adempiere ai seguenti obblighi: a) Inviare al Ministero delle Telecomunicazioni la comunicazione prevista dall’art. 25 del Codice delle Telecomunicazioni (modulo scaricabile alla pag.125 degli allegati di cui al link http://www.comunicazioni.it/it/DocSupp/725/codice%20delle% 20comunicazioni%20- %20allegati.pdf ); b) richiedere la licenza al questore : http://www.interno.it/assets/files/8/2005830143645.pdf

WI FI a) adottare le misure fisiche o tecnologiche occorrenti per impedire l'accesso agli apparecchi terminali a persone che non siano preventivamente identificate con le modalita' di cui alla lettera b); b) identificare chi accede ai servizi telefonici e telematici offerti, prima dell'accesso stesso o dell'offerta di credenziali di accesso, acquisendo i dati anagrafici riportati su un documento di identita', nonche' il tipo, il numero e la riproduzione del documento presentato dall'utente; c) adottare le misure di cui all'art. 2, occorrenti per il monitoraggio delle attivita'; d) informare, anche in lingue straniere, il pubblico delle condizioni d'uso dei terminali messi a disposizione, comprese quelle di cui alle lettere a) e b); e) rendere disponibili, a richiesta, anche per via telematica, i dati acquisiti a norma delle lettere b) e c), esclusi comunque i contenuti delle comunicazioni, al Servizio polizia postale e delle comunicazioni, quale organo del Ministero dell'interno preposto ai servizi di polizia postale e delle comunicazioni, nonche', in conformità al codice di procedura penale, all'autorita' giudiziaria e alla polizia giudiziaria; f) assicurare il corretto trattamento dei dati acquisiti e la loro conservazione fino al 31 dicembre 2007.

PROBLEMI LEGALI Intercettazione impedimento o interruzione illecita di 2. comunicazioni informatiche o telematiche: art. 617 quater c.p. Installazione di apparecchiature atte a intercettare: art. 617 3. quinquies Accesso abusivo art. 615 ter 4. Frode informatica art. 640 ter 5.

GPL Giuridicamente, il software libero non è un software senza diritti: esso resta governato dalle disposizioni della licenza e l'autore del software resta il titolare dell'insieme dei diritti di autore.

GPL Le licenze di software libero consistono in una messa a disposizione del software con l'intento di permettere la libera evoluzione del software medesimo. La licenza non ha per scopo il trasferimento di un diritto di proprietà o la rinuncia al diritto di autore o di quot;far caderequot; il software nel pubblico dominio; diffondendo il proprio software libero l'autore può assicurarsi che la libera utilizzazione del software non sia perturbata dalle azioni dei soggetti alla licenza.

GPL I principi del copyleft vengono formalizzati dalla FSF nella cosiddetta General Public License (GPL). Il cliente di accordo GPL è vincolato a utilizzare a sua volta la GPL e dovrà, quindi, fornire il codice sorgente delle estensioni realizzate. In altre parole, la GPL è un modello di licenza ricorsivo. Il codice e le quot;libertàquot; a esso associate diventano così legalmente inseparabili.

UN CASO Netfilter Core team, un gruppo di programmatori del movimento open source, licenziava sotto GPL un loro prodotto, il software Netfilter/Iptables, alla Sitecom, una software company olandese. Secondo quanto dedotto da parte attrice, il core team di programmatori, la convenuta Sitecom proponeva sulla propria piattaforma internet, il download del software Netfilter/Iptables senza alcun riferimento alla GPL e tanto meno rendendo disponibile il codice sorgente. Tutto ciò figurava, secondo l'esponente, una palese contraddizione della licenza GPL e dunque richiedeva al Giudice adito, la risoluzione del contratto per inadempimento e conseguentemente la condanna della Sitecom al risarcimento del danno.

UN CASO In primo luogo sarà necessaria l'individuazione della normativa di riferimento applicabile al caso concreto e già a questo punto, l'ipotetico giudice italiano incontra una prima questione da risolvere, ovvero se la logica dettata dalla licenza GPL collide o meno con la legge italiana a tutela del diritto d'autore.(L. 633/1941). In realtà già scorrendo la sezione sesta della legge sul diritto d'autore, si può affermare che la tutela che la legge conferisce all'autore è la possibilità d'azione (nei confronti dell'opera), preclusa a qualunque altro soggetto, descritta con l'espressione latina quot;ius excludendi aliosquot;, cioè il diritto di escludere gli altri da una determinata sfera d'azione; la possibilità da parte del titolare dei diritti di vietare condotte da lui non autorizzate.

UN CASO Ed è proprio questa la chiave che risolve la compatibilità della GPL con la Legge del Diritto d'Autore: il legislatore ha disciplinato eventi connotati dall'assenza di un'autorizzazione da parte dell'autore individuando dei veri e propri divieti ed anche delle eccezioni ad essi (es. art.64 ter L.633/1941); ma la licenza GPL non è compresa nell'uno, né nell'altro caso, in quanto espressione della volontà dell'autore.

UN CASO il codice civile tutela l'autonomia contrattuale anche dei contratti atipici a titolo gratuito, purchè vi sia un interesse meritevole di tutela da parte dell'ordinamento. Nei contratti atipici l'interesse meritevole di tutela in particolare deve concretizzarsi in un interesse economico che sottostà al contratto posto in essere dalle parti; nel caso specifico ad ogni buon conto non vi sono perplessità, infatti la concessione dei diritti all'utente da parte dell'autore, realizza senza dubbio in modo indiretto, attraverso la prospettiva di concludere contratti collegati (sponsor pubblicitari del sito ove è possibile effettuare il download del software) un interesse economico. È come se la licenza trovasse la sua causa in altri contratti collegati, finalizzati tutti a realizzare un'operazione economica. Questa quot;cessionequot; però, è accompagnata da clausole che impongono certe regole di utilizzo del programma; queste sia pure di un contenuto più permissivo rispetto alle tradizionali licenze d'uso, costituiscono, anche se non tutte, pur sempre l'esercizio dell'esclusiva d'autore.

UN CASO è individuabile un meccanismo di attribuzione di diritti, che si realizza da licenziante a terzi, per così dire quot;a stellaquot;. Questo fa si che il terzo che accetta la sub-licenza propostagli dal licenziatario, in realtà si obbliga direttamente col primo licenziante, ovvero l'autore del software. Il meccanismo dunque permette all'autore di software di agire anche nei confronti dei terzi, nel caso che questi violino la licenza.

UN CASO Altra importante conseguenza che deriva dall'inserimento della clausola copyleft nel contratto di licenza consiste nella qualificazione giuridica che essa attribuisce alla licenza stessa: l'ipotetico giudice infatti, nell'interpretare la clausola copyleft, non potrebbe non considerare l'obbiettivo che le parti hanno inteso raggiungere inserendo tale clausola e cioè quello di determinare le modalità redistributive del software. Infatti la volontà dell'autore del software, è senza dubbio quello di mantenere aperto il codice sorgente. Tale obbiettivo viene realizzato obbligando appunto il licenziatario, ad inserire nei futuri contratti con i terzi aventi ad oggetto la redistribuzione del software, la clausola c.d. copyleft.

UN CASO Tale obbligo, in realtà qualifica la GPL come un vero e proprio contratto normativo unilaterale e ciò autorizza l'autore di software di agire nei confronti del licenziatario infedele, qualora questi non inserisca nei contratti con i terzi la clausola in questione; legittima dunque un intervento da parte dell'autore anche nel caso in cui non sia parte del contratto incriminato, assicurando, all'autore-licenziante, una efficace difesa processuale.

UN CASO È possibile distinguere la tutela garantita dal diritto d'autore e quella assicurata dalla licenza, in quanto contratto normativo unilaterale; la prima salvaguarda il licenziante, in quanto autore di software titolare di diritti esclusivi, nei confronti sia del licenziatario che disconosce la paternità dell'opera in capo al licenziante e l'integrità della stessa, sia nei confronti dei terzi, sub-licenziatari non rispettosi della GPL, poiché sconosciuta ad essi. Ciò nonostante questa tutela è insufficiente per realizzare gli obbiettivi dell'autore, poiché non consente un controllo diretto ed efficace sulla redistribuzione del software compiuta dal licenziatario.

UN CASO A tale proposito interviene però la seconda tutela, apportata invece dalla licenza come contratto normativo unilaterale, questa infatti protegge l'autore, poiché licenziante, nei confronti del licenziatario inadempiente la clausola copyleft: questa permette al licenziante di obbligare il licenziatario ad inserire la GPL e dunque le modalità di redistribuzione del software nei contratti con i terzi, ossia le sub-licenze. Di conseguenza, la licenza GPL consente un intreccio delle due tutele (diritto d'autore da una parte, tutela contrattuale dall'altra), offrendo all'autore licenziante una doppia tutela, tale da salvaguardarlo anche laddove i limiti oggettivi dell'una non permettono garanzia.

IL SW TRA VALORE E REDDITO Il SW rientra tra le immobilizzazioni immaterali in quanto opera dell’ingegno SW come licenza SW come autoproduzione

Un caso Ho aperto p.iva l'anno scorso usufruendo del regime agevolato ex finanziaria 2001 e successive proroghe (iva annuale, no scritture contabili, aliquota agevolata al 10% e no ritenuta d'acconto). adesso mi trovo nella situazione di volere sottoscrivere un servizio presso il portale Elance (http://www.elance.com/ Sul sito sono riportate tutte le condizioni. In pratica tale portale americano dietro pagamento di una tariffa annuale consente di partecipare come fornitore di servizi in varie categorie per progetti che siano stati messi online dai clienti. In pratica si fa la propria offerta e il futuribile cliente decide chi fornirà il servizio. I clienti potrebbero essere in qualsiasi parte del mondo ed il sistema funziona così: 1) Elance, sua mia richiesta, mi ha risposto che non emette fattura ma mi posso stampare le quot;invoicesquot; presenti online sulle mie pagine. 2) E’ Elance a emettere la richiesta di pagamento al cliente dopo che la richiesta le è giunta da chi ha prestato l'opera (io, in questo caso, ed i servizi - tanto per chiarirne la tipologia - riguarderebbero siti web e computer grafica, del tipo illustrazioni etc etc...). Elance, sempre su mia richiesta, mi ha detto che non è vietato per me emettere e spedire poi una ulteriore fattura al cliente, se mi è necessario per rispettare la legislazione vigente in Italia.

Un caso 3) Elance, oltre alla tariffa annuale, prende il 8,75% su ogni transazione (cioè su ogni pagamento per lavoro). Il tutto, in pratica, funziona così: - sottoscrizione annuale - vincita di un quot;appaltoquot; (chiamiamolo così, è un'asta online in realtà ;) - esecuzione del lavoro e richiesta di pagamento - Elance richiede i soldi al cliente - il cliente paga, Elance trattiene la percentuale (8,75%) e versa il resto sul mio conto presso Elance (da questo poi io posso disporre dei bonifici internazionali sul mio conto) - io emetto la fattura al cliente.

www.elance.com Who pays me for my work? You are hired directly by the client, and that client is solely responsible for paying you. Elance Online is your marketing partner, and we do not guarantee client payments. When work is completed, you can choose to have your client pay you either through: Elance Online's electronic billing and payment system, or Your regular client billing and payment process We suggest that you choose the method that makes the most sense for you and your client. One of the advantages of using Elance Online's billing system is the ability to send multi-currency invoices and receive payments from clients around the world. If necessary, you can work out disputes through our mediation partner, Squaretrade. If you decide to use our billing system, you can send unlimited invoices and make unlimited withdrawals. (Fees apply for wire transfer withdrawals above one per month.)

… grazie per l’attenzione … STUDIO ACT ATTANASIO A. – TODISCO G. CONSULENTI ASSOCIATI CESENATICO info@studioact.it antonino.attanasio@studioact.it Id msn: studio_attanasio@hotmail.com Id skype: studio_attanasio

Add a comment

Related pages

Questioni di diritto su casi controversi esaminati e ...

http://www.worldcat.org/oclc/690405517> a schema:CreativeWork; rdfs:label " Questioni di diritto su casi controversi esaminati e discussi." ; schema ...
Read more

Rivista "Informatica e diritto" - ITTIG

... l'informatica giuridica e il diritto dell ... la Rivista approfondisce in particolare le questioni giuridiche poste dallo sviluppo dell ...
Read more

Diritto di famiglia: casi e questioni - ESI - Edizioni ...

Diritto di famiglia: casi e questioni NOTA! Questo sito ... Ingegneria, Tecnologia, Informatica Letteratura Matematica, Scienze Fisiche, Statistica
Read more

Casi e questioni di diritto privato: 3: Amazon.de ...

Casi e questioni di diritto privato: 3: Amazon.de: Fremdsprachige Bücher. Amazon.de Prime testen Fremdsprachige Bücher. Los. Alle Kategorien. Hallo ...
Read more

Il diritto scolastico. Casi e questioni - Federico ...

Acquista online Il diritto scolastico. Casi e questioni di Federico Basilica, Lucrezia Fiandaca in formato: Brossura nella sezione Libri su Mondadori Store
Read more

Questioni di informatica forense libro, Maioli Cesare ...

Libro di Maioli Cesare, Questioni di informatica forense, dell'editore Aracne. ... Casi e questioni di diritto privato per la pratica forense.
Read more

Giustizia disciplinare e professioni legali : casi e questioni

Giustizia disciplinare e professioni legali : casi e questioni. Autore: Flamini Antonio, ... Diritto Tributario Diritto, Informatica giuridica e Telematica
Read more

Casi e questioni di diritto processuale civile (Book, 1998 ...

... # Lo studio del diritto ; schema:name " Casi e questioni di diritto processuale civile" ; schema:productID " 39023742" ; schema: ...
Read more

Casi e questioni di diritto fallimentare alla luce delle ...

AXEL INFORMATICA srl . Soluzioni ... Casi e questioni di diritto fallimentare
Read more