Comunicazione integrata: Brainstorming

40 %
60 %
Information about Comunicazione integrata: Brainstorming

Published on June 24, 2008

Author: Queimada

Source: slideshare.net

Description

Dal Brainstorming al lateral thinking alla "matrice Swot"

Comunicazione ing rata: brainstorm integ Queimada

“Le nuove idee sono la sostanza del cambiamento e del progresso in ogni campo, dalla scienza all’arte, dalla politica alla felicità personale. [...] L’infelicità è spesso definita come la differenza tra il nostro talento e le nostre aspettative” Edward De Bono Lo scopo di questo corso è quello di colmare questo gap...

Cos’è la creatività?

Creatività: dal latino cribrum, che indicava il setaccio composto dai crini di cavallo. Il concetto di creatività è affine al concetto di “setacciare”, cioè di “ricerca” . Dunque la creatività non è altro che una paziente ricerca.

Non esistono persone predisposte in maniera “innata” a essere “creative”. Le situazioni e gli stimoli a cui siamo quotidianamente (e casualmente) esposti sono in grado di influenzare inconsapevolmente le nostre “creazioni”. Derren Brown Subliminal advertising

Qualsiasi “creazione geniale e originale” è in realtà frutto di imperscrutabili incroci causali e subcoscienti che il cervello intesse con l’ambiente esterno. La creatività è nella “rielaborazione”, nel “citazionismo riappropriativo”, nello “shakeramento”… e nel “pensiero laterale”.

Cos’è il pensiero laterale?

LateraL tHiNKiNG: modalità di risoluzione di problemi logici che prevede un approccio indiretto.

Le risoluzioni dirette ricorrono alla logica sequenziale, risolvendo il problema partendo dalle considerazioni che sembrano più ovvie (alta probabilità, consequenzialità), il pensiero laterale se ne discosta e cerca punti di vista alternativi prima di cercare la soluzione. > ESERCIZIO1: LA FAVOLA DELLA BELLA FANCIULLA, DEL MERCANTE E DELL’USURAIO > ESERCIZIO2: IL PROBLEMA DELLE LAMPADINE

Come diventare creativi secondo edward de Bono (teorico del Lateral thinking)

Non lasciarsi polarizzare dalle idee dominanti e dalle prospettive più ovvie: la logica, quando è rigida, è incapace di trovare soluzioni originali.

abituarsi a pensare per immagini.

ricercare sistematicamente una pluralità di impostazioni alternative ai problemi.

riconoscere la validità degli eventi fortuiti.

Usare SeMPre il pensiero laterale.

“il genio è fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione!”

BraiNStOrMiNG, WHat’S tHat?

BraiNStOrMiNG: “tempesta di cervelli” Un pensiero creativo slegato da regole predefinite MA ottenuto attraverso uso di tecniche appropriate.

Ideato negli Stati Uniti negli anni ‘30 da Alex Osborn, fondatore dell’Agenzia Pubblicitaria Batten. QUAL è L’OBIETTIVO? Individuare soluzioni nuove e creative ai problemi generando idee in gruppo.

COME FUNZIONA? Per analogia le idee si concatenano l’una all’altra, i commenti degli altri partecipanti stimolano una sorta di “reazione a catena” di idee partendo da un problema reale, semplice e noto ai componenti senza fissare un ordine per gli interventi.

BraiNStOrMiNG - Orale - Un gruppo di persone (ma si può fare anche da soli) - Un moderatore N.B. ricorda il focus group… ma non è la stessa cosa.

Il Brainstorming richiede ai membri del gruppo di esprimere liberamente idee in merito alla questione posta scoraggiando discussioni e commenti. Nel Focus Group il moderatore sollecita il confronto interpersonale e lo scambio di opinioni. In caso di conflittualità il Brainstorming si fa per iscritto, tramite biglietti che vengono aperti a caso dai partecipanti e letti singolarmente per stimolare idee e suggerimenti.

Le fasi del BraiNStOrMiNG: DiverGeNte CONverGeNte

FaSe DiverGeNte “La prima idea che mi viene in mente” Viene stimolata la produzione di idee a ruota libera, in rapida sequenza e per associazione. Il moderatore inviterà i membri del gruppo a non esprimere giudizi di valore o critiche e cercherà di favorire lo scorrere della discussione, magari servendosi di una lavagna su cui appuntare le parole chiave.

FaSe CONverGeNte “Selezione, valutazione, rielaborazione, scelta” Le idee vengono selezionate e valutate al fine di individuare e condividere quelle più interessanti. Sottoponendo le proposte emerse ad un processo sempre più affinato di rielaborazione, di approfondimento, di revisione da parte del gruppo si ritiene di poterle ‘’tradurre’’ in idee più realistiche e realizzabili.

Le regole per gestire la FaSe DiverGeNte

1) Gioco è fondamentale la dimensione del ‘’gioco’’ quale modalità ‘’spensierata’’ di relazione che permette di liberare la creatività dei singoli e del gruppo, normalmente impedita da una serie di inibizioni.

2) Più idee possibili è importante produrre il maggior numero di idee possibili, anche a discapito della qualità delle stesse: più alto è il numero delle idee prodotte, più alta sarà la probabilità che qualcuna di esse sia una buona idea.

3) ascolto Occorre che i membri del gruppo si ascoltino reciprocamente e cerchino dei punti di incontro attorno ai quali far ruotare le loro proposte, anche tramite associazioni di idee.

4) Separazione delle fasi è essenziale che la fase di generazione delle idee sia separata dalla fase di giudizio del pensiero.

Le tecniche per gestire la FaSe CONverGeNte

1) La matrice SWOt Si rifà ai campi di Kurt Lewin - psicologia della Gestalt. Ideata da H. Weihrich nel 1982 fra i modelli e strumenti per la “Pianificazione Strategica”. 2) 6 cappelli per pensare Edward De Bono teorizza questo metodo in Sei cappelli per pensare (Bur, 1994)

1. La MatriCe SWOt La matrice SWOT è un quadrato con quattro quadranti: STRENGHTS WEAKNESSES FORZE DEBOLEZZE SW OT OPPORTUNITIES THREATS OPPORTUNITà MINACCE

Punti di forza vanno sempre potenziati poiché rappresentano gli argomenti principali da comunicare

Punti di debolezza vanno sempre migliorati, neutralizzati o ridimensionati.

Opportunità vanno colte al momento giusto per trasformarle in punti di forza. N.B. se le opportunità vengono trascurate diventano punti di debolezza.

Minacce sono la conseguenza di punti deboli, opportunità trascurate, punti forti non utilizzati come si potrebbe. Se si può, vanno trasformate in opportunità.

La matrice SWOT: - può essere utilizzata perché si può analizzare tutto - si può sottoporre a più persone e comparare i risultati - può essere utilizzata in gruppo

STRENGHTS WEAKNESSES FORZE DEBOLEZZE SW interna e attuale WEAKNESSES STRENGHTS DEBOLEZZE FORZE elementi W S elementi ANALISI negativi T O positivi OPPORTUNITIES THREATS OPPORTUNITà MINACCE esterna e futura OT OPPORTUNITIES THREATS OPPORTUNITà MINACCE

Come si usa la MatriCe SWOt: - il soggetto dell’analisi deve essere circoscritto o l’analisi risulterà generica - l’obiettivo che vogliamo raggiungere deve essere concreto e ben definito - è necessario avere termine di paragone. N.B. non confrontarsi con modelli troppo “mitici”: se ne esce frustrati!

LE DOMANDE DA PORSI: Che cosa si analizza? Con cosa ci si confronta? Con quale scopo?

PUNti Di FOrZa Di quali vantaggi disponiamo per avere successo? Di quali competenze disponiamo? Cosa sappiamo fare bene?

PUNti Di DeBOLeZZa Che difficoltà possiamo incontrare? Dove abbiamo più limiti e carenze? Dove emergono di solito le nostre difficoltà? Quali sono gli svantaggi e gli ostacoli?

OPPOrtUNità A quali vantaggi miriamo? Quali altre opportunità potrebbero emergere se avremo successo? Quali sono le opportunità di intervento?

MiNaCCe Quali ostacoli possono emergere e devono essere affrontati? Potrebbero emergere difficoltà finanziarie? Che impatto finanziario può avere una certa azione? Quali sono i rischi che possono influenzare negativamente?

ANALISI S – O: in quale modo i punti di forza possono essere utilizzati per sfruttare le opportunità di sviluppo? ANALISI S – T: in quale modo i punti di forza possono essere utilizzati per contrastare le minacce? ANALISI W – O: in quale modo i punti di debolezza possono essere superati per sfruttare le opportunità di sviluppo? ANALISI W – T: in quale modo i punti di debolezza possono essere superati per contrastare le minacce?

STRENGHTS WEAKNESSES FORZE DEBOLEZZE SW interna e attuale WEAKNESSES STRENGHTS DEBOLEZZE FORZE elementi W S elementi ANALISI negativi T O positivi OPPORTUNITIES THREATS OPPORTUNITà MINACCE esterna e futura OT OPPORTUNITIES THREATS OPPORTUNITà MINACCE

2. i 6 CaPPeLLi Per PeNSare Di fronte a un problema si ha spesso un atteggiamento pessimista, emotivo, distaccato. Solitamente è difficile che si muti il proprio approccio durante l’analisi della situazione. Ne “i 6 cappelli per pensare” ogni cappello equivale a una funzione e dunque ad una modalità di comportamento. “Indossare un cappello” in una riunione vuol dire assumere in modo volontario un dato atteggiamento. L’approccio varia in funzione del cappello indossato. Cambiando cappello si cambia anche il proprio comportamento.

1. IL CAPPELLO BIANCO: RICERCA Analisi dei dati Raccolta di informazioni precedenti Analogie ed elementi che sono raccolti senza giudicarli 2. CAPPELLO ROSSO: EMOTIVITà Emotività Sentimenti Esprimere di getto le proprie intuizioni (suggerimenti e sfoghi liberatori)

3. CAPPELLO NERO: NEGATIVITà L’avvocato del diavolo Rileva gli aspetti negativi Elenco delle ragioni per cui la cosa non può andare 4. CAPPELLO GIALLO: POSITIVITà L’avvocato dell’angelo Rileva gli aspetti positivi Vantaggi Opportunità

5. CAPPELLO VERDE: CREATIVITà Indica sbocchi creativi, nuove idee Analisi e proposte migliorative Visioni insolite 6. CAPPELLO BLU: MODERATORE Conduce il gioco Stabilisce priorità, metodi, sequenze funzionali Pianifica, organizza, stabilisce le regole del gioco.

Come funzionano i cappelli? Il conduttore della riunione propone il tema e spiega il funzionamento dei cappelli (indossando il cappello blu). Invita i partecipanti a indossare il cappello bianco e ad analizzare il tema. Controlla che tutti si comportino secondo il capello indossato. Poi fa cambiare i cappelli. La riunione termina quando si arriva a risultati soddisfacenti.

aspetti positivi Per il suo aspetto ludico il metodo rende le riunioni meno conflittuali e più produttive. Funziona anche per organizzare il proprio lavoro. Tutti i cappelli sono validi ma: – CAPPELLO BIANCO: raccoglie/controlla le fonti – CAPPELLO VERDE: sviluppa nuove idee – CAPPELLO BLU: organizza il proprio lavoro e pianifica i tempi di consegna.

1. IL CAPPELLO BIANCO: RICERCA 4. CAPPELLO GIALLO: POSITIVITà Analisi dei dati L’avvocato dell’angelo Raccolta di informazioni precedenti Rileva gli aspetti positivi Analogie ed elementi che sono raccolti Vantaggi senza giudicarli Opportunità 2. CAPPELLO ROSSO: EMOTIVITà 5. CAPPELLO VERDE: CREATIVITà Emotività Indica sbocchi creativi, nuove idee Sentimenti Analisi e proposte migliorative Esprimere di getto le proprie intuizioni Visioni insolite (suggerimenti e sfoghi liberatori) 6. CAPPELLO BLU: MODERATORE 3. CAPPELLO NERO: NEGATIVITà Conduce il gioco L’avvocato del diavolo Stabilisce priorità, metodi, sequenze Rileva gli aspetti negativi funzionali Elenco delle ragioni per cui la cosa Pianifica, organizza, stabilisce le regole del non può andare gioco.

BIBLIOGRAFIA De Bono E. (2005), Il pensiero Laterale. Come diventare creativi, BUR, Venezia. De Bono E. (2001), Sei cappelli per pensare. Manuale pratico per ragionare con creatività ed efficacia, BUR, Venezia. De Francesco F., 02 Gennaio 2006, Organizzare, effettuare e documentare un brainstorming. Knowledge Manager, Brainstorming e Mappe concettuali Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica, Pubblica Amministrazione, Brainstorming, Come individuare soluzioni creative con il contributo del gruppo. Presidenza del Consiglio dei Ministri, Idem., Come analizzare contestualmente punti di forza e criticità del contesto interno ed esterno. Santucci U., novembre 2003, Mappe mentali e scrittura, I quaderni del MdS. Storti D., L’analisi SWOT.

smile you are alive

Add a comment

Related presentations

Related pages

Simone Zaccaria | LinkedIn

Simone Zaccaria. Collaboratore del Corso di Pubblicità e Strategie di Comunicazione integrata. Industry Marketing and Advertising
Read more

Marco Russo | LinkedIn

Marco Russo. Creative Director presso s&ph | Comunicazione integrata. Location Naples Area, Italy Industry Marketing and Advertising
Read more

InnoSupport - Supporting Innovation in SME: 4.2.8 BIBLIOGRAFIA

http://www.slideshare.net/Queimada/comunicazione-integrata-Brainstorming Comunicazione integrata: il Brainstorming. Consultato il 16 settembre 2009.
Read more

Services

SERVICES. CLIENTS. WHAT'S NEW. ... Development of the strategies and brainstorming by the competences within the ... Strategie di comunicazione integrata
Read more

Harlem Shake Archimede - Agenzia di Comunicazione - YouTube

Harlem Shake Archimede - Agenzia di Comunicazione ... Un brainstorming a mezzogiorno; ... L'Agenzia di Comunicazione Integrata a Bologna ...
Read more

Claudia Faranda | LinkedIn

View Claudia Faranda’s professional profile on LinkedIn. ... - Piano di Comunicazione Integrata per Gratta e Vinci, ... brainstorming, piani mktg, ...
Read more

PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA

PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA How To Sell Unconventional Events in a World of Conventionalities. The Unconventional Marketing
Read more

Keywords - GESTA

GESTA cloud consulting; Keywords; ... Comunicazione Integrata; Marketing Plan; Media Booking; Neuromarketing; Invertising; ICT solultions; Brainstorming ...
Read more