Castello di sale Evento Fiaba sull'autostima

60 %
40 %
Information about Castello di sale Evento Fiaba sull'autostima
Health & Medicine

Published on February 18, 2014

Author: fcollevasone

Source: slideshare.net

Description

Evento fiabaterapia per le famiglie: racconto e drammatizzazione di una fiaba per sostenere l'autostima nei bambini.

PSICHE-SOMA Studio di Medicina Psicosomatica, Psicologia e Naturopatia Dott.ssa Francesca M. Collevasone +39.3337597825 FIABA SULL’AUTOSTIMA (EQUILIBRIO  INIZIALE:  situazione  psichica  abituale  del  soggetto). C’era  una  volta  in   un   tempo  lontano  lontano………………….,   un   bellissimo  castello.  Un  castello   in  una  foresta  così   grande  che  tutto   insieme   sembrava  un  paese.  Nel  castello   viveva  una  principessa  (PROTAGONISTA  FEMMINILE)   con  la  sua   famiglia.  Era   composta   da   mamma,   papà   e   un   fratellino.   La  vita   al  castello   trascorreva  serena,   alla   mattina   suonavano   le   campane   che   chiamavano   tutti   gli   abitanti   del   castello   e   gli   animali   della   foresta   e   li   radunavano  alla  grande   colazione,  si  teneva  il  mercatino  delle  dolcezze  in  cortile,    la  principessa  andava  a  scuola,   faceva   i  compiti,  giocava  con  gli  altri  bambini  con  cui  si   divertiva  a  fare  gli  scherzi  ai  nonni  del  paese.  Il  suo  gioco   preferito  era  però  giocare  a  mamma  e  Diglia.   Pausa………………………………………………………………………………………………………………………. Dall’altra   parte   della   foresta,   in   un   villaggio   che   si   scorgeva   da   lontano,   viveva   invece   un   piccolo   eroe   (PROTAGONISTA  MASCHILE).  Era  il  Diglio  di  una  famiglia  di  contadini  molto   povera.  Lui  era  il  primo  di  4  fratelli.   La  sua  vita  trascorreva  apparentemente  in  modo  molto  diverso  da  quella  della  principessa  del  castello:  viveva  in   una  capanna   mezza   rotta,   si  alzava  al  canto   del  gallo,  andava  a  mungere  le  mucche,  non  poteva  andare  a  scuola   perché  i  genitori  lavoravano   nei  campi   e  la  scuola   era  troppo   lontana  per  andare  da  solo.  Preparava  da  mangiare   per  i  fratelli  più  piccoli,  mungeva  le  mucche,  raccoglieva  il  Dieno  e  appena  fattosi  buio  andava   a  nanna.  Il  suo  gioco   preferito   era   andare   a   caccia   di  lucertole.   Le  aveva   radunate  in   un   piccolo   nascondino   che  era  diventato   il  suo   rifugio  nei  momenti  tristi. I   due   non   si   conoscevano…………………………………………………………………………………………..     L’eroe   era   un  bambino   molto  intelligente  dai  poteri  straordinari  e  la   principessa  era  bellissima  e  così  sensibile  che  tutti  le  raccontavano  i   loro   problemi   e   le   loro   tristezze   e   si   sentivano   subito   bene   dopo   essere   stati   con   lei.   Appartenevano   a   due   famiglie   molto   diverse   eppure   avevano   una   cosa   in   comune   (pausa):   ……………………………………………………non   sapevano  realmente  i  poteri  che  possedevano  e   quando   succedeva  qualcosa  di  brutto  o  si   trovavano  in  difDicoltà   per  qualche  motivo  avevano   tanta  paura  (pausa):…………….........  paura  di  non  farcela  a  raggiungere  gli  obiettivi  che   gli  altri  volevano   per  loro,  paura  che  mamma  e  papà  si  arrabbiassero  e  non  volessero   più  bene  loro  se  avessero   sbagliato  (PROBLEMA). (ROTTURA   DELL’EQUILIBRIO   INIZIALE   E   LOTTA   TRA   LE   FORZE   PSICHICHE   INTERNE   AL   SOGGETTO:   ANTAGONISTI  VS  ALLEATI) Una   notte,   successe   che   scoppiò   un  grande   incendio   al   castello   (EVENTO   CRITICO   CHE   ROMPE   L’EQUILIBRIO   PSICHICO   DEL  SOGGETTO  E   GENERA   SMARRIMENTO)  e  tutti  gli  abitanti,  compresa  la   famiglia  della  principessa,   dovettero   scappare.   Ma  in  questa   fuga   la   principessa,   che   voleva  prendere  con  sé   la   sua   bambola   preferita,   si   trovò  sola  ai   limiti  della  foresta  senza  più  trovare  la  sua  famiglia.  Era  molto  triste  e   sconsolata,  temeva  che  i  suoi   genitori   se   l’avessero   trovata   l’avrebbero   sgridata   per   non   essere   stata   vicino   a   loro   nella   fuga.(pausa) ……………………………………………………………………………………………….   Stava   arrivando   la   notte   e   pensò   che   sarebbe   morta   divorata   dalle   bestie   feroci,   senza  poter   più  contare   sull’aiuto   della   mamma   e   del  papà.   Era   una   grande   p r o v a   p e r   l e i ,   a b i t u a t a   c o n   l e   a t t e n z i o n i   c h e   a v e v a   a l   c a s t e l l o   ( p a u s a ) ……………………………………………………………………………………………………………   Le   sembrava   di   morire   dalla   paura   (FORZA  PSICHICA  ANTAGONISTA  NEL   SOGGETTO)  (Pausa)…………………..   e  disperata  iniziò  a   piangere  piano  nella   notte,  con  la  paura  che  gli  animali  l’avrebbero   sentita  e  se   la  sarebbero  mangiata.  Trovò   rifugio  dentro  il  buco   di   una  grande  quercia.  Lì  cercò  di  addormentarsi  invano………………………….. Il  fuoco   avanzava   Dino   ai  limiti  della  foresta  e  raggiunse  anche   la  capanna  del   piccolo   contadino   al  villaggio.  Fu   come   un  incubo   e,   in   un   attimo,   anche   il   nostro   piccolo   eroe   si   trovò   catapultato   fuori   dalla   capanna   senza   mamma   e   papà.   Li   cercò   invano   e   così   i   suoi   fratellini   (pausa)………………………………………………….     Era   pieno   di   paura,   gli  sembrava   di   stare  come   in  un   labirinto   senza   via   di   uscita……………………………..Iniziò   a   correre  Dino  al  rifugio  dove  teneva  le  lucertole,  lì  forse  non  erano  arrivate  le  Diamme. PSICHE-SOMA www.psichesoma.eu; info@psichesoma.eu

PSICHE-SOMA Studio di Medicina Psicosomatica, Psicologia e Naturopatia Dott.ssa Francesca M. Collevasone +39.3337597825 Ad  un  certo  punto  sentì  un  rumore…un  rumore  dolce  e  sommesso,  come  di  una  bambina  che  piangeva.   Uscì   dal   nascondiglio   ma   non   vide  niente…uscì   un’altra  volta  e  niente…..poi   uscì  la   terza  e  si  accorse  che  nella   quercia   a   Dianco   all’entrata   del   suo   nascondiglio   c’era   un   buco   che   non   aveva   mai   notato   prima   d’ora.   Da   lì   proveniva  il  pianto  (pausa)………………………………………………………………………………………  Allora  si  prese  di  coraggio   e   bussò.   Toc,   toc,   toc,   toc.   Niente,   nessuna   risposta………………………………..   Finchè   provò   ad   aprire   e   vide   una   bambina  vestita  da   principessa,   era   bellissima   e  tutta   impaurita.  I  Due  si  accorsero   che  avevano  avuto  la   stessa   sventura.  Ora   si  trovavano  entrambi  a   doversela  cavare   da  soli.  Erano   tutti  e  due  insicuri  e  non  sapevano  delle   loro  grandi  capacità. (INTERVENTO  DELL’ALLEATO:  UNA   RISORSA  PSICHICA  INTERNA  AL  SOGGETTO   CHE  LUI  NON  HA   MAI   MESSO  IN   CAMPO) Sapevano  che  ai  limiti   della  foresta  viveva   una  vecchina  saggia  che  aveva  sempre  la  soluzioni  a  tutti  i  problemi  e   poteri  magici:  “chissà  se  avesse  avuto   un  consiglio   su  come  trovare  i  loro  genitori…!!!”.                                                            Allora   si   misero  in  viaggio.  Anche  se  era  notte  decisero  di  farsi  forza  a  vicenda   per   cercare  la  casa  della  vecchina.  Arrivò  il   vento,   da   lontano   sembrava   che   il   fuoco  sul  castello   fosse  ancora   più  grande.   La   capanna   del  contadino   non   si   vedeva  ormai  più… Ad   un  certo   punto   scorsero   una   grotta,   una  grotta   tutta   di   sale  bianco   e   piena   di   decori   e   colori   e   giochi  per   bambini.   Tirarono   un   respiro   di   sollievo   e   bussarono   all’uscio……………………………………………………   Aprì   una   vecchina  che   subito  diede  loro   ristoro  e  un  letto  caldo   per  dormire.  All’indomani  l’eroe  e  la   principessa  chiesero   alla  vecchina:  “cara  vecchina,  sappiamo   che  hai  dei  poteri  magici.  Noi  abbiamo  perso  i  nostri  genitori,   siamo  soli  e   non  sappiamo   come   ritrovarli.   Fai   una   magia”.   (pausa)……………………………  La   vecchina  rispose;   “Cari   bambini,   anche   voi  come  me  avete  dei  poteri,  poteri   che  non   state   vedendo,   che  non   sapete   di  avere.  Io   posso  darvi   una   p o z i o n e   m a g i c a   c h e   r e n d e r à   f o r t i   q u e s t i   p o t e r i   i n   v o i ” .   ( p a u s a ) ……………………………………………………………………………………………………………………..   Ecco   la   pozione:   “Sicurezza,   acqua,   coraggio,   affetto,   foglie   secche   e   bacche   rosse,   ecco   fatto!”,   esclamò   la   vecchina.   (pausa) …………………………………………………………………………………………………………   E   prima   di   salutarli,   disse   loro:   “Mi   raccomando,  non   dimenticate  questi  vostri   tesori,  eroe  e  principessa  e  andate   al  Diume  che  costeggia  il  lato  della   foresta  che  va  verso  il  mare…”. (SCIOGLIMENTO  E  CONCLUSIONE:  IL  SOGGETTO  HA  INTEGRATO  LE  FORZE  PSICHICHE  CHE  ERANO  IPOTROFICHE) I   nostri   due  eroi,   forti   con  la  pozione   magica  si   misero   di  nuovo   in  cammino.   Venne  di  nuovo   la  notte  e  poi  il   g i o r n o   e   a n c o r a   l a   n o t t e .     Cammina   cammina….si   accorsero   che   avevano   sempre   meno   paura,   incontrarono   addirittura   un   leone   e   un   cinghiale……………………………………..  eppure  li  affrontarono  senza  timore  ricorrendo   ai  loro   stratagemmi.  La  prima   volta  arrampicandosi  sugli  alberi,  la  seconda  cantando  una  canzone. Avevano   compreso   che   la   loro   paura   era   troppo   grande   anche   perché   non   si   erano   mai   messi   alla   prova:   la   principessa  sempre  protetta  dai  genitori,  il  contadino  sempre  troppo  solo  per  essere  sicuro  di  sè.   Questa  Diaba   Dinì   che   la  principessa   e   il   nostro   piccolo   eroe   trovarono   i  loro   genitori   e   fratelli  che   erano   stati   portati  al  Diume   in  salvo   dai  pompieri,   le  famiglie  fecero  amicizia  e  organizzarono   una  gita  al  mare  tutti  insieme.   Ma  soprattutto………………………………………………………l’eroe  e  la  principessa  smisero   di  avere  paura  di  non  farcela  e   diventarono  coraggiosi  e  pieni  di  Diducia  in  se  stessi:  d’altra  parte  avevano  fatto  una  grande  conquista! PSICHE-SOMA www.psichesoma.eu; info@psichesoma.eu

Add a comment

Related presentations

Related pages

Castello di sale Evento Fiaba sull'autostima - Health ...

fiaba 1. scuola dell'infanziascuola dell'infanziascuola dell'infanziascuola dell'infanzia " madre linda lucotti"" madre linda lucotti""…
Read more

Evento di terni - Documents - docslide.it

Evento di formazione ... Castello di sale Evento Fiaba sull'autostima 1. ... ssa Francesca M. Collevasone +39.3337597825 FIABA SULL’AUTOSTIMA ...
Read more

CASTELLO DI GROPPARELLO - facebook.com

CASTELLO DI GROPPARELLO ... Il Parco delle Fiabe si arricchisce di un grande evento, ... una soave voce cantare delle arie antiche nelle sale del castello. ...
Read more

Castello Estense — Italiano

Il Castello Estense. Ritratto di Lucrezia Borgia. ... Sale per congressi e ricevimenti. ... Amici del Castello.
Read more

Castello di Castellar - Matrimonio.com

Castello di Castellar ... guidarvi nella scelta di ogni dettaglio per trasformare il vostro grande giorno in una fiaba. ... più di un evento al giorno?
Read more

Il Castello Rocca dei Cavalieri - YouTube

Il Castello "Rocca dei Cavalieri", ai confini tra fiaba e magia, ... Dotata internamente di due ampie Sale, ...
Read more

Castello di Bevilacqua

Sale e giardini; Feste di Laurea; Anniversari; Rinnovo promesse matrimonio; Ristorante. ... Il Castello di Bevilacqua s.a.s. Via Roma 50, 37040 Bevilacqua ...
Read more

Castello di Ramazzano, per un Wine Wedding da fiaba The ...

Castello di Ramazzano, per un Wine Wedding da fiaba ... 250 nelle sale interne. I giardini ... rendere il vostro evento indimenticabile e unico Castello di ...
Read more