advertisement

Bevande Alcoliche:classificazione e metabolismo dell'etanolo

50 %
50 %
advertisement
Information about Bevande Alcoliche:classificazione e metabolismo dell'etanolo
Health & Medicine

Published on October 2, 2008

Author: giannalab

Source: slideshare.net

advertisement

Bevande alcoliche: quali effetti sull’organismo umano? Gianna Ferretti Istituto di Biochimica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Politecnica delle Marche

Bevande alcoliche Fermentati (si ottengono per sola fermentazione di mosti di frutta, di semi di cereali e di tuberi) Vino, birra, sidro (gradazione alcolica 4-14 gradi) Distillati (si ottengono per fermentazione e successiva distillazione di mosti di frutta, di semi di cereali e di tuberi) Acquaviti,brandy,cognac,grappe, rum, vodka,whisky (gradazione alcolica tra 30-70 gradi) Liquori (Si ottengono per aggiunta di sostanze aromatiche a soluzioni alcoliche zuccherine) Amari, digestivi, liquori dolci e secchi (gradazione alcolica tra 15-30 gradi)

Bevande alcoliche Origine Bevanda fermentata Bevanda distillata Miele Succo d'agave Idromiele tequila, mezcal anice ouzo, pastis, arak, sambuca, mistrà sciroppo di canna da zucchero aguardiente, rum, cachaça Cereali birra (orzo), sake (riso) acquavite, bourbon, gin, whisky, vodka succo di mela Sidro Calvados succo d'uva vino armagnac, brandy, cognac, grappa,

Alcopops Bevande edulcorate,con aromi e coloranti Tasso alcolico attorno al 5%del volume corrispondente circa a quello di una birra

Dalla Gradazione alcolica alla Unità Alcolica La gradazione alcolica corrisponde alla quantità in ml di etanolo contenuti in 100ml della bevanda esaminata. Per calcolare la quantità di alcol in grammi : Gradazione alcolica x 0,80 (densità dell’alcol)

Quanto alcol in un bicchiere? Vino (12%vol) 125ml Birra (4,7%vol) 330ml Whisky (43%vol) 30-40ml Alcopop (5%vol) 200ml Grammi di alcool 12 12,4 10,3-13,8 8 Unità alcoliche (U.A) 1 1 0,86-1,15 0,67

 

L'alcol etilico è considerato un nutriente non indispensabile anche se apporta energia: 1 g di alcol etilico = 7 kcal In termini di calorie giornaliere, non più del 10% delle calorie necessarie per un corretto apporto energetico, dovrebbe essere introdotto con l’alcool etilico. Alcol etilico e calorie

L'alcol etilico è considerato un nutriente non indispensabile anche se apporta energia:

1 g di alcol etilico = 7 kcal

In termini di calorie giornaliere, non più del 10% delle calorie necessarie per un corretto apporto energetico, dovrebbe essere introdotto con l’alcool etilico.

Bevande alcoliche e calorie in un bicchiere Vino (11%vol) 125ml Birra (4,7%vol) 330ml Whisky (43%vol) 30-40ml Alcopop (5%vol) 200ml Grammi di alcool 11 12,2 10,3-13,8 8 Kcal dovute all’etanolo 77 85,4 84 56

Effetti dell’alcool sull’organismo Vi sono situazioni fisiologiche e patologiche in cui non andrebbe consumato nessun tipo di bevanda alcolica -gravidanza, -età inferiore a 18 anni, -assunzione di alcuni farmaci -guida di autoveicoli.

Da cosa dipendono gli effetti dell’alcool sull’organismo? Assunzione moderata durante i pasti Assunzione Cronica Assunzione Acuta lontano dai pasti Combinazione con altri drinks (energy drinks) Variabilità biologica fra individui.

Fattori che influenzano il metabolismo dell’alcool Alcool Stile di vita (attività fisica,stato nutrizionale,abitudini alimentari,salute) Modalità di assunzione (alcol viene assorbito in 15-30 min se lo stomaco è vuoto e in 1-3 ore se è pieno) Metabolismo (geni,nutrienti) Fattori fisici (età,sesso,peso)

Metabolismo dell’alcol tra stomaco e fegato Il metabolismo comincia già nello stomaco ad opera dell’enzima alcool deidrogenasi (ADH) gastrica, ma per lo più avviene nel fegato, per opera di una serie di reazioni di ossidazione.

Utilizzazione metabolica dell’alcool a livello epatico Enzimi presenti nello stomaco metabolizzano l’etanolo prima che esso venga assorbito e raggiunga il sangue. Nel fegato l’etanolo viene ossidato ad acetaldeide dall’enzima Alcol deidrogenasi (ADH) o a livello dei microsomi da microsomal ethanol oxidizing system (MEOS). Acetaldeide (tossica) viene metabolizzata ad acetato dall’enzima acetaldeideideidrogenase (ALDH). Acetato viene trasferito ai tessuti periferici (cuore e muscolo scheletrico) e utilizzato come fonte energetica (7 kcal/g).

Enzimi presenti nello stomaco metabolizzano l’etanolo prima che esso venga assorbito e raggiunga il sangue.

Nel fegato l’etanolo viene ossidato ad acetaldeide dall’enzima Alcol deidrogenasi (ADH) o a livello dei microsomi da microsomal ethanol oxidizing system (MEOS).

Acetaldeide (tossica) viene metabolizzata ad acetato dall’enzima acetaldeideideidrogenase (ALDH).

Acetato viene trasferito ai tessuti periferici (cuore e muscolo scheletrico) e utilizzato come fonte energetica (7 kcal/g).

Normalmente il 90-98% di una dose di etanolo viene metabolizzata dal fegato Il 2-10% viene escreto come tale nelle a) Urine b) Polmone c) Sudore d) Lacrime e) Saliva NB Tutte le situazioni che alterano la circolazione ematica del fegato o la sua funzionalità (malattie – invecchiamento) sono associate a modificazioni del metabolismo dell’etanolo. Eliminazione proprio sfruttando questo sistema di eliminazione che possono essere effettuati i test non invasivi (es: palloncino) che permettono di valutare la quota di alcol presente nel sangue (alcolemia).

Assorbimento dell’etanolo Il tempo necessario per completare il processo di assorbimento varia da 2 a 6 ore , in funzione di fattori quali: la modalità di assunzione (contemporanea a cibo e altri liquidi), il tempo e le modalità di ingestione della bevanda (dose unica o dosi frazionate), la variabilità biologica fra individui. L'alcol, vista la solubilità in acqua ed il basso peso molecolare, appena assorbito si distribuisce rapidamente in tutti i tessuti (nei quali non può tuttavia essere immagazzinato) e fluidi del corpo, superando anche la barriera encefalica e quella placentare.

Il tempo necessario per completare il processo di assorbimento varia da 2 a 6 ore , in funzione di fattori quali:

la modalità di assunzione (contemporanea a cibo e altri liquidi),

il tempo e le modalità di ingestione della bevanda (dose unica o dosi frazionate),

la variabilità biologica fra individui.

L'alcol, vista la solubilità in acqua ed il basso peso molecolare, appena assorbito si distribuisce rapidamente in tutti i tessuti (nei quali non può tuttavia essere immagazzinato) e fluidi del corpo, superando anche la barriera encefalica e quella placentare.

Assorbimento e destino dell’alcol nell’organismo umano

 

Beviresponsabile.it

Quantità di alcool metabolizzato Le quantità di alcool metabolizzate variano da 60 a 200mg/kg peso/ora Una dose di 30gr di alcool (un quarto di vino,2 bicchieri) viene metabolizzata in 3-4ore da un adulto di media costituzione(70kg)

Le quantità di alcool metabolizzate variano da 60 a 200mg/kg peso/ora

Una dose di 30gr di alcool (un quarto di vino,2 bicchieri) viene metabolizzata in 3-4ore da un adulto di media costituzione(70kg)

Beviresponsabile.it

Effetti sul SNC registrabili a diversi livelli alcolemici Alcolemia (g/L) Effetti (indicativi, variabili da soggetto a soggetto) 0.2-0.4 Lieve euforia, loquacità, lieve incoordinamento motorio e riduzione dell’attenzione 0.5-0.8 Aggravamento degli effetti di incoordinamento motorio, riduzione della capacità percettiva 0.8-1 Sopravvalutazione delle proprie capacità di guida,ritardo nei tempi di reazione 1.0-1.5 Instabilità emotiva, alterazione della memoria, atassia, disartria 2.0-4.0 Ubriachezza profonda: confusione mentale,disorientamento, alterazioni percettive OLTRE 4.0-5.0 Alcoolemia potenzialmente mortale: coma,ipotermia, ipotensione, ipoventilazione

Sul sistema nervoso centrale Scientific evidence suggests that even modest alcohol consumption in late childhood and adolescence can result in permanent brain damage. — Testimony of Dr. John Nelson, American Medical Association, 2002 Gli effetti sullo stato comportamentale sono da mettere in relazione con il parziale blocco dei meccanismi di controllo inibitorio. Con l’aumentare dei livelli ematici si manifesta l’ebbrezza alcolica con cambiamenti d’umore, perdita del controllo emotivo. Effetti di un consumo eccessivo di alcol

ASSUNZIONE DI ALCOL: DOSI TOLLERATE Ricerche dell’ Istituto Nazionale della Nutrizione hanno evidenziato che: Ingestioni di etanolo in quantità inferiori a 0,35 gr/Kg p.v/giorno non provocano nessun danno a nessuna età (eccetto l’età neo-natale) Ingestioni di etanolo di 0,5 gr/Kg p.v./giorno iniziano a causare danni al di sopra dei 50 anni Ingestioni fra 0,5 e 1 gr/Kg p.v ./giorno provocano danni significativi anche al di sotto dei 50 anni

Ricerche dell’ Istituto Nazionale della Nutrizione hanno evidenziato che:

Ingestioni di etanolo in quantità inferiori a 0,35 gr/Kg p.v/giorno non provocano nessun danno a nessuna età (eccetto l’età neo-natale)

Ingestioni di etanolo di 0,5 gr/Kg p.v./giorno iniziano a causare danni al di sopra dei 50 anni

Ingestioni fra 0,5 e 1 gr/Kg p.v ./giorno provocano danni significativi anche al di sotto dei 50 anni

Dont Drink and drive

 

Molto forte la campagna sociale brasiliana contro la guida in stato di ebbrezza. La prassi vuole che la polizia locale, per verificare la sobrietà dell’autista, gli chieda di formare il numero 4 con le sue gambe. Con questa campagna si vuole sottolineare che anche se siamo sobri l’alcool, ingerito da qualcun’altro, ci può comunque uccidere.

Consumo moderato di alcool nella prevenzione delle patologie cardiovascolari Numerosi studi epidemiologici hanno dimostrato che le persone abituate ad un regolare e moderato consumo di bevande a bassa gradazione alcolica (vino e birra) tendano a vivere più a lungo e a presentare una minore incidenza di alcune malattie croniche rispetto a chi non beve o a chi lo fa in maniera eccessiva. Il consumo moderato di alcool (20-40 gr al giorno) riduce l’incidenza di patologie cardiovascolari fino al 40%. Tuttavia il rischio aumenta a dosi più elevate (Lancet 1992,vol339, 1523-1525) Le diverse bevande alcoliche sembrano avere effetti diversificati, a parità di alcol ingerito: il vino sembra esercitare un ruolo protettivo maggiore di quello della birra, che a sua volta avrebbe un effetto protettivo superiore a quello degli altri alcolici.

Il corpo umano è per lo più in grado di sopportare l’etanolo senza evidenti danni, a patto che si rimanga entro i limiti di quello che si intende oggi come consumo moderato, vale a dire non più di due-tre Unità Alcoliche (U.A.) al giorno per l’uomo (30-40gr di alcool) non più di una-due (12-25gr) per la donna e non più di una per gli anziani Un bicchiere di vino (circa 100ml) con gradazione del 12% contiene 9,6 g di alcool Perché nelle donne l’apporto è inferiore? Cosa si intende nella pratica quotidiana per “consumo moderato” di vino? 3-4 bicchieri di vino al giorno 2-3 bicchieri di vino al giorno uomini donne

Il corpo umano è per lo più in grado di sopportare l’etanolo senza evidenti danni, a patto che si rimanga entro i limiti di quello che si intende oggi come consumo moderato, vale a dire non più di due-tre Unità Alcoliche (U.A.) al giorno per l’uomo (30-40gr di alcool) non più di una-due (12-25gr) per la donna e non più di una per gli anziani

Un bicchiere di vino (circa 100ml) con gradazione del 12% contiene 9,6 g di alcool

Perché nelle donne l’apporto è inferiore?

Alterazione stato nutrizionale: alterazione dei processi digestivi e riduzione l’assorbimento di vitamine (carenza di vit.A,D,K) e sali minerali Effetti di un consumo eccessivo di alcol Alterazioni del metabolismo: Aumento del rapporto NADH/NAD (attivazione di processi atti a ristabilire il rapporto) Aumento H+ con conseguente acidosi Alterato potenziale ossido-riduttivo intracellulare provoca -> blocco della gluconeogenesi -> ipoglicemia Variazioni dello stato redox -> diminuita ossidazione degli acidi grassi -> rallentamento del ciclo di Krebs -> chetosi e aumento dei trigliceridi sia plasmatici (iperlipemia) che epatici (steatosi)

Alterazioni del metabolismo:

Aumento del rapporto NADH/NAD (attivazione di processi atti a ristabilire il rapporto)

Aumento H+ con conseguente acidosi

Alterato potenziale ossido-riduttivo intracellulare provoca -> blocco della gluconeogenesi -> ipoglicemia

Variazioni dello stato redox -> diminuita ossidazione degli acidi grassi -> rallentamento del ciclo di Krebs -> chetosi e aumento dei trigliceridi sia plasmatici (iperlipemia) che epatici (steatosi)

DOSE GIORNALIERA: CALCOLO DATI : Uomo adulto con p.v. di 70 Kg Assunzione di alcol mediante vino con gradazione alcolica 13% CALCOLO : 100 ml di vino contengono 13 ml di alcol pari a 10,3 gr La dose massima sotto la soglia del danno è: 0,35 gr • 70 Kg = 24,5 gr di alcol/giorno La quantità di vino consigliabile è: 240 ml pari a circa 2 bicchieri/giorno di vino Considerando una velocità media di metabolizzazione di 0,1 gr/Kg p.v./ora la quantità di alcol assunta viene smaltita in 3 ore e mezza

DATI :

Uomo adulto con p.v. di 70 Kg

Assunzione di alcol mediante vino con gradazione alcolica 13%

CALCOLO :

100 ml di vino contengono 13 ml di alcol pari a 10,3 gr

La dose massima sotto la soglia del danno è: 0,35 gr • 70 Kg = 24,5 gr di alcol/giorno

La quantità di vino consigliabile è: 240 ml pari a circa 2 bicchieri/giorno di vino

Considerando una velocità media di metabolizzazione di 0,1 gr/Kg p.v./ora la quantità di alcol assunta viene smaltita in 3 ore e mezza

Nella tabella è riportato un tentativo di indicare come varia il tasso di alcolemia, per uomini e donne, a seconda della quantità di alcol ingerita (U.A.) e del tempo trascorso dall’ingestione. Non è comunque possibile prevedere in maniera precisa quanto alcol troveremo nel sangue sulla base di quanto ne abbiamo ingerito.

Quali misure sono in discussione per prevenire l’abuso di alcol nei giovani? La prima è l'innalzamento del divieto di somministrazione di alcolici dagli attuali 16 anni fino ai 18 anni e la sua applicazione anche alla vendita nei supermercati e negozi. La seconda è soprattutto una richiesta di maggiore vigilanza sulle pubblicità delle bevande alcoliche in tv. La legge già ne prevede il divieto durante la fascia protetta - riservata ai minori - eppure si riscontrano delle violazioni. Bisognerebbe anche vietare questi spot durante tutti i programmi destinati ai giovani?

 

Effetti benefici di un consumo moderato di bevande alcoliche Ruolo protettivo di altre sostanze presenti nel vino Alcol Stimolazione delle secrezioni gastriche e salivari (funzione aperitiva e digestiva ) Prevenzione della formazione di trombi all'interno di vasi sanguigni (diminuzione dei livelli di fibrinogeno) Diminuzione del rischio di calcoli biliari Riduzione del tasso di colesterolo (favorisce la formazione di lipoproteine HDL ) Riduzione dei livelli di proteina C reattiva (marker di infiammazione)

Stimolazione delle secrezioni gastriche e salivari (funzione aperitiva e digestiva )

Prevenzione della formazione di trombi all'interno di vasi sanguigni (diminuzione dei livelli di fibrinogeno)

Diminuzione del rischio di calcoli biliari

Riduzione del tasso di colesterolo (favorisce la formazione di lipoproteine HDL )

Riduzione dei livelli di proteina C reattiva (marker di infiammazione)

Costituenti nutrizionali del vino Acqua 75-90% Alcol 10-15%(alcol etilico, glicerina, alcol metilico,alcoli superiori) Carboidrati soprattutto:glucosio e fruttosio (residui della fermentazione alcolica) ma anche arabinoso, xiloso, riboso, raffinoso, maltoso, pectine,…. Acidi organici: tartarico, malico,citrico,succinico, lattico,acetico Sostanze azotate (aminoacidi liberi, polipeptidi, ammine) Minerali (K,Na,Ca,Mg) e oligoelementi (ferro, iodio, cobalto,rame..) Vitamine (B1,B2,B6,PP) Polifenoli

Acqua 75-90%

Alcol 10-15%(alcol etilico, glicerina, alcol metilico,alcoli superiori)

Carboidrati soprattutto:glucosio e fruttosio (residui della fermentazione alcolica) ma anche arabinoso, xiloso, riboso, raffinoso, maltoso, pectine,….

Acidi organici: tartarico, malico,citrico,succinico, lattico,acetico

Sostanze azotate (aminoacidi liberi, polipeptidi, ammine)

Minerali (K,Na,Ca,Mg) e oligoelementi (ferro, iodio, cobalto,rame..)

Vitamine (B1,B2,B6,PP)

Polifenoli

 

 

Il vino e la saggezza popolare Lu vinu bonu fa buon sangue (Sicilia) Se te vo fa un bel bicchiere magna ‘n po’ prima de bece (umbria) Del vin bisogna fann us, non abus (Marche)

Add a comment

Related presentations

Related pages

Bevande alcoliche, classificazione e metabolismo dell'etanolo

inserito il 12.20.2008 Bevande alcoliche, classificazione e metabolismo dell'etanolo di Filippo Ronco. Inserisco qui questa interessante presentazione di ...
Read more

Bevande Alcoliche:classificazione e metabolismo dell'etanolo

1. Bevande alcoliche: quali effetti sull’organismo umano?Gianna Ferretti Istituto di Biochimica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Politecnica ...
Read more

Nessun titolo diapositiva - Università degli Studi di ...

METABOLISMO DELL’ETANOLO CH3-CH2OH Viene assunto attraverso le bevande alcoliche ottenute dalla fermentazione ...
Read more

Etanolo - Wikipedia

... semplicemente alcol essendo alla base di tutte le bevande ... la cui disponibilità rappresenta un fattore limitante nel metabolismo dell'etanolo, ...
Read more

Le alterazioni metaboliche dell’alcol Giacomo Carlo ...

l’assunzione di bevande gasate provoca un assorbimento più veloce dell’alcol ... metabolismo dell’etanolo provoca il blocco della -ossidazione ...
Read more

Metabolismo dell'alcool - Didattica delle Scienze

Metabolismo dell'etanolo. L ... etilico o etanolo che si trova in percentuali diverse nelle nostre bevande ... di ossidazione dell'etanolo).
Read more

Metabolismo - Homepage Alcol

Metabolismo dell'alcol. Quando una persona assume una bevanda alcolica, ... se le bevande sono ad alta gradazione e in caso di gastrite, ...
Read more