advertisement

Bes: normativa, criteri procedure, pdp -2

50 %
50 %
advertisement
Information about Bes: normativa, criteri procedure, pdp -2
Education

Published on February 18, 2014

Author: CTI_Area_Ulss7

Source: slideshare.net

Description

Piano di formazione BES - Incontro 2
advertisement

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” anno scolastico 2013-2014 [Incontro 2] Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” Circolare Ministeriale n. 8 – 6 marzo 2013 Oggetto: Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 “Strumenti d’intervento per (…)” Chiarimenti – 22 novembre 2013 “Strumenti d’intervento per (…)” CTI Area ULSS7 – Sito: http://ctiareaulss7.jimdo.com

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Programma di lavoro (parte 1 di 3) Finalità • Condividere alcuni elementi fondamentali per produrre e realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione • Costruire una comunità professionale che studia, condivide e sperimenta Obiettivo operativo Produrre una documentazione scritta che possa essere di riferimento per la produzione e realizzazione del Piano Annuale per l’Inclusione. I contenuti della documentazione devono essere supportati da autorevoli riferimenti teorici e collegati strettamente alle pratiche quotidiane sia sul piano organizzativo sia didattico.

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Programma di lavoro (2 di 3) Incontro 1 • Presentazione degli elementi fondamentali della normativa che individua le caratteristiche dei bambini/ragazzi con bisogni educativi speciali e che regola le pratiche di inclusione (discussione) • Condivisione di strumenti per individuazione degli alunni con bisogni educativi speciali (produzione in gruppo) Incontro 2 • Definizione di procedure e strategie per la produzione di un PDP formalizzato e condiviso (produzione in gruppo)

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Programma di lavoro (3 di 3) Incontro 3 • Presentazione delle caratteristiche di un’organizzazione scolastica inclusiva (discussione) • Condivisione di indicatori da inserire nel Piano Annuale di Inclusione come mete da raggiungere e/o aspetti da monitorare (produzione in gruppo) Incontro 4 • Presentazione delle caratteristiche di una didattica inclusiva (discussione) • Condivisione di indicatori da inserire: a) nel Piano Annuale di Inclusione come mete da raggiungere e/o aspetti da monitorare e b) nel PDP come strategie didattiche di intervento da adottare in base alle caratteristiche di ciascun alunno (produzione in gruppo)

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Confronto tra strumenti di programmazione (1 di 2) PEI PDP per gli alunni con per gli alunni con disabilità DSA PDP per gli alunni con altri BES È obbligatorio? Sì, per tutti gli alunni con disabilità in base alla L. 104/92. Sì, l’obbligo è implicito nella L. 170 e indicato nelle Linee Guida. No, è conseguente ad un atto di discrezionalità della Scuola. Chi lo redige? Chi ne è responsabile? È redatto congiuntamente. Con responsabilità condivisa Scuola – Servizi. È redatto solo dalla Scuola che può chiedere il contributo di esperti ma ne rimane responsabile. È redatto solo dalla Scuola che può chiedere il contributo di esperti ma ne rimane responsabile. Quali vincoli? Azioni coerenti con la Azioni coerenti con D.F. e il P.D.F. la certificazione di DSA consegnata alla Scuola. Tiene conto, se esistono, di eventuali diagnosi o relazioni cliniche consegnate alla Scuola.

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Confronto tra strumenti di programmazione (2 di 2) PEI per gli alunni con disabilità PDP per gli alunni con DSA PDP per gli alunni con altri BES Che ruolo ha la famiglia? Collabora nella redazione (DPR 24/02/94). Viene redatto in accordo con la famiglia (linee-guida 2011). È il risultato dello sforzo congiunto scuola-famiglia. (C.M. n. 8 del 6/03/2013). La normativa vigente ne definisce i contenuti? Negli obiettivi generali (DPR 24/02/94) nel dettaglio concordati al livello locale nell’Accordo di Programma. I contenuti minimi sono indicati nelle Linee Guida sui DSA del 2011. Non vengono indicati dalla normativa i contenuti minimi. Chi costruisce o sceglie eventuali modelli? Si definiscono a livello territoriale con gli Accordi di Programma. La scuola è libera di scegliere o costruire i modelli o gli strumenti che ritiene più efficaci. La scuola è libera di scegliere o costruire i modelli o gli strumenti che ritiene più efficaci.

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Obiettivo della giornata: Condividere i criteri per la produzione di un PDP formalizzato e condiviso. Indicazioni di lavoro: 1) Elencare i criteri che possono essere considerati per decidere di produrre un PDP formalizzato e condiviso (lavoro a coppie) 2) Stabilire e verbalizzare i criteri che un Istituto potrebbe tener presenti per decidere di produrre un PDP formalizzato e condiviso (lavoro nel grande gruppo)

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Criteri per la produzione di un PDP formalizzato e condiviso. (1 di 3) (Stabiliti e verbalizzati nel grande gruppo) Domanda focale Quando è opportuno e necessario produrre un PDP formalizzato e condiviso? Disponibilità ad attuare una didattica inclusiva per tutta la classe Disponibilità del gruppo docenti a condividere l’intervento e ad agire in modo coerente Disponibilità di strumenti e di risorse per intervenire Riconoscimento da parte della famiglia della difficoltà e la disponibilità a collaborare

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Criteri per la produzione di un PDP formalizzato e condiviso. (2 di 3) (Stabiliti e verbalizzati nel grande gruppo) Domanda focale Quando è opportuno e necessario produrre un PDP formalizzato e condiviso? Reciprocità di relazione tra scuola e famiglia Disponibilità della famiglia a condividere il PDP e ad attuarlo. Possibilità di individuare interventi fattibili e valutabili. Possibilità di prevedere i risultati positivi. Bisogno di orientare gli interventi degli adulti (relativamente all’ambito dell’apprendimento) verso i bisogni dell’alunno.

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali “Produrre realizzare il Piano Annuale per l’Inclusione” Criteri per la produzione di un PDP formalizzato e condiviso. (3 di 3) (Stabiliti e verbalizzati nel grande gruppo) Domanda focale Quando è opportuno e necessario produrre un PDP formalizzato e condiviso? Partecipazione positiva da parte dell’alunno. Gli interventi sono vissuti come opportunità. Individuazione di punti di forza dell’alunno su cui agire. Bisogno di documentare e verificare l’efficacia di una sperimentazione. Documentare un percorso di ri-orientamento.

Add a comment

Related presentations

Related pages

LA NORMATIVA SUI BES - istitutoprimolevi.gov.it

Il Consiglio di Classe DELIBERA il PDP ... Criteri e procedure di utlizzo delle risorse ... LA NORMATIVA SUI BES
Read more

PROTOCOLLO ALUNNI CON BES - fogazzaro.it

... criteri, indicazioni sulle procedure e sulle ... della normativa in materia di BES, ... Supporto nella stesura del PDP. Referente DSA, Commissione BES
Read more

BES - IIS Lunardi 8/11/13 by Giulio Spagnoli on Prezi

criteri e procedure di utilizzo “funzionale” delle ... Il PDP viene adottato, in ... Ormai in rete si trova un'infinita' di materiale sui BES ...
Read more

BES Bisogni Educativi Speciali - win.gildavenezia.it

• Criteri e procedure di ... bisogno di BES e di PDP (quindi nessun automatismo BES ... In rete si trova un’infinità di materiale sui BES: normativa ...
Read more

PPT - BES Bisogni Educativi Speciali PowerPoint ...

Criteri e procedure di utilizzo ... non hanno bisogno di BES e di PDP (quindi nessun automatismo BES per gli ... sui BES: normativa, ...
Read more

Copy of BES - IIS Lunardi 8/11/13 by Mauro Toninelli on Prezi

criteri e procedure di utilizzo “funzionale” delle ... Il PDP viene adottato, in ... Ormai in rete si trova un'infinita' di materiale sui BES ...
Read more

POF 2015-2016 - PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI ...

I criteri e le indicazioni riguardanti le procedure ... i criteri di individuazione degli alunni BES; le procedure e le ... esempio di PDP / BES , ...
Read more

Valutazione Scuola dell’Infanzia : Inclusione

Normativa BES; Normativa DSA; Procedure. Procedure Disabilit ... Nello stabilire possibili criteri di valutazione, ...
Read more

Modulistica e procedura : Inclusione - scuoleasso.gov.it

Normativa BES; Normativa DSA; Procedure. ... Procedure BES; Procedure DSA; ... scolare e quindi comprende sia i criteri e gli interventi di carattere ...
Read more