Allegato das 2016 2017 delib. 79-2016

50 %
50 %
Information about Allegato das 2016 2017 delib. 79-2016

Published on May 19, 2016

Author: mariavaudo

Source: slideshare.net

1. qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmrtyuiopasdfghjklzxcvbn mqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklz xcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm Piano per il Diritto allo studio Anno scolastico 2016/2017 Assessorato alla Pubblica Istruzione

2. 2 COMUNE DI GAETA PROVINCIA DI LATINA LL aa ss cc uu oo ll aa èè ii ll nn oo ss tt rr oo pp aa ss ss aa pp oo rr tt oo pp ee rr ii ll ff uu tt uu rr oo ,, pp oo ii cc hh éé ii ll dd oo mm aa nn ii aa pp pp aa rr tt ii ee nn ee aa cc oo ll oo rr oo cc hh ee oo gg gg ii ss ii pp rr ee pp aa rr aa nn oo aa dd aa ff ff rr oo nn tt aa rr ll oo .. (( MM aa ll cc oo mm XX )) PPPIIIAAANNNOOO PPPEEERRR IIILLL DDDIIIRRRIIITTTTTTOOO AAALLLLLLOOO SSSTTTUUUDDDIIIOOO AAA NNN NNN OOO 222 000 111 666 /// 222 000 111 777 INTRODUZIONE “La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi [...]” (Costituzione della Repubblica Italiana, Articolo 34) In questo Articolo della nostra Costituzione troviamo l’anima del diritto allo studio che è, innanzitutto, diritto all’accesso e alla frequenza per tutti i bambini e le bambine e diritto al raggiungimento del massimo successo formativo possibile per ciascuno di loro. “La Regione Lazio interviene per rendere effettivo il diritto allo studio, il definitivo superamento delle condizioni di analfabetizzazione e l'elevamento dei livelli di scolarità, nella prospettiva dell'educazione permanente e continua e, a tal fine, promuove ed attua, in collaborazione con gli organi collegiali della scuola nell'ambito delle rispettive competenze, piani per lo sviluppo di adeguati servizi di supporto al sistema educativo [...]”. (Legge Regionale 30 marzo 1992 n. 29, Articolo 1) Ogni anno l’Amministrazione Comunale è chiamata ad elaborare un Piano annuale per il diritto allo studio nel quale vengono resi noti gli interventi volti a facilitare l’accesso all’istruzione di tutti i bambini e ragazzi, individuando i loro bisogni e cercando di potenziare la qualità e l’efficienza del’Istituzione Scolastica- La Scuola oggi è in continua evoluzione.

3. 3 Per quanto i programmi possano sembrare invariati, gli alunni, nel corso degli anni, cambiano sia fisicamente che mentalmente e caratterialmente. Tra i banchi di scuola si passa l’età più delicata per un essere umano, l’età in cui la persona, se ben accompagnata nel percorso educativo, didattico, umano, può diventare Cittadino del mondo e non Cittadino nel mondo, ovvero Cittadino capace di esprimere la propria opinione, forte del bagaglio di conoscenze, acquisito durante l’età scolare e di tutte le esperienze formative ed educative fissate anche all’interno della scuola. Il Piano di Diritto allo Studio redatto ai sensi della Legge Regionale n. 29/1992, diviene il documento di base per la progettazione dei servizi e la distribuzione delle risorse economiche destinate al mondo della scuola. Esso rappresenta, pertanto, un punto nodale all’interno di un più ampio patto di collaborazione e condivisione fra l’ente locale, l’istituzione scolastica e la comunità locale nelle sue forme di espressione, quali i singoli e i cittadini associati. La scuola, attraverso gli organismi competenti (collegio docenti, consiglio di istituto, consigli di classe) elabora progetti finalizzati a realizzare il Piano dell’Offerta Formativa ed il Comune interviene per l’ampliamento ed il sostegno dell’Offerta stessa valutandone l’efficacia e la ricaduta dei progetti realizzati dalle scuole, nonché elaborando progetti propri ritenuti importanti per una formazione umana e civile e per la rimozione di ciò che ostacola l’effettiva uguaglianza nell’accesso all’istruzione. Nonostante le difficoltà dovute alle ristrettezze economiche, che interessano sempre più la finanza locale, l’Ente Locale garantisce servizi, quali trasporto scolastico, ristorazione scolastica, assistenza socio psicopedagogica, fornitura libri di testo, sostegno alla programmazione educativa e didattica, finalizzate a garantire condizioni di pari opportunità, mantenendo alto il livello di spesa per la scuola e, quindi, per le politiche per la famiglia. In merito alle verifiche ed ai riscontri positivi circa il valore educativo e didattico dell’offerta progettuale inserita nel Piano per il Diritto allo Studio degli anni precedenti, l’Ente Locale riconosce e conferma il lavoro sin qui maturato e la validità dell’impianto sino ad oggi garantito, riconfermando sia il finanziamento di progetti scolastici proposti in autonomia dalle scuole, sia mediante la realizzazione di interventi promossi direttamente dall’Amministrazione. Il Piano che qui si presenta intende perseguire i seguenti obiettivi: garantire il diritto di accesso all’istruzione obbligatoria tramite prestazione di servizi quali il trasporto scolastico e la refezione; garantire il diritto di accesso all’istruzione obbligatoria agli studenti diversamente abili attraverso il servizio degli assistenti educativi; fornire i libri di testo per le scuole primarie; offrire la possibilità di ampliamento dell’offerta formativa e didattica; sostenere progetti che le singole scuole realizzano in autonomia; riconoscere i meriti con assegni di studio a chi consegue risultati importanti nel percorso scolastico. Queste in sintesi le azioni previste per l’anno scolastico 2016/2017: accanto ad un fare concreto, si vuole avviare un “modo di operare” fatto di ascolto, confronto, coinvolgimento e cura. Tutti i servizi alla persona sono affidati mediante gare d’appalto a società e/o cooperative specializzate nella gestione di tali attività, con la stretta supervisione del Dipartimento Cultura e Benessere Sociale. I capitolati predisposti per le procedure di gara prevedono ed impongono caratteristiche e requisiti rigidi a garanzia della serietà, professionalità e competenza per i servizi che devono essere

4. 4 erogati (es: titolo di studio degli educatori, esperienza maturata sul campo, autisti dedicati, garanzie di immatricolazione automezzi etc) . La contribuzione delle famiglie degli alunni utenti avviene sulla base della collocazione I.S.E.E nelle fasce stabilite e il pagamento della tariffa può essere effettuato tramite bonifico o in contanti presso la Banca BPM in cui ha sede la tesoreria. SCOLARITA’ Il sistema scolastico del Comune di Gaeta è costituito da n. da n. 2 Istituti Comprensivi, 2 Istituti di Istruzione Superiore di Secondo Grado e da n. 1 Scuola Paritaria: I.C. Giosuè Carducci Plesso Virgilio Piazza Mons. Di Liegro Tel./ Fax 0771/460217 Plesso Sebastiano Conca Via dei Frassini Tel. 0771.742223 Scuola Secondaria di I grado Giosuè Carducci Piazza Trieste Tel./Fax 0771460265 Email:ltic803008@istruzione.it I.C. Principe Amedeo Plesso Giuseppe Mazzini Via Faustina Tel.0771/460985 Plesso Giovanni Paolo II Via Calegna Tel.0771/471255 Plesso Don Bosco Via Calegna Tel. 0771/471493 Scuola Secondaria di I grado Principe Amedeo Via Calegna Tel./Fax 0771/471392 Email:ltic82300d@istruzione.it Istituti d'Istruzione Secondaria Superiore Liceo Scientifico "E. Fermi" Piazza Trieste Tel. 0771/460247 Fax 0771/462104 Email:ltis02300n@istruzione.it Ist. Tecnico Commerciale Via Calegna Tel. 0771/471238 Ist. Tecnico Nautico "G. Caboto" Piazza Trieste,7 Tel. 0771/460047 E mail ltis00700q@istruzione.it Istituto d’Istruzione paritaria Scuola dell’infanzia e primaria paritaria Santa Maria Maddalena Postel Via Atratina 64 Tel. 0771/460102 Email:mmpostelgaeta@libero.it CALENDARIO SCOLASTICO Inizio Lezioni: 15 settembre Termine Lezioni: 8 giugno primaria e secondaria di I grado Festività Natalizie: dal 23 dicembre al 6 gennaio Festività Pasquali: 3 giorni precedenti la Pasqua e il martedì immediatamente successivo Altre Festività: 01 novembre; 08 dicembre; 25 aprile; 01 maggio; 02 giugno (Festa nazionale della Repubblica) Note: Nella scuola dell'infanzia le attività educative iniziano il e terminano il 30 giugno

5. 5 ORDINAMENTO Il sistema di istruzione nazionale è interessato ad una fase di riforma degli ordinamenti che coinvolge tutti gli ordini di scuola e che si realizzerà in un arco di tempo molto ampio. Una prima riforma di ordinamento era stata definita tra il 2003 e il 2005 per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione ed aveva trovato attuazione graduale negli anni successivi. Con la nuova legislatura sono state definite da apposite leggi (n. 133/2008, articolo 64 e legge 169/2008) obiettivi e criteri di attuazione della riforma del sistema di istruzione, secondo una linea di continuità e di razionalizzazione con quanto già definito per via normativa negli anni immediatamente precedenti. La legge 133/2008 ha previsto che per i diversi settori scolastici e per gli ambiti di ordinamento si proceda alla emanazione di specifici regolamenti sotto forma di Decreti del Presidente della Repubblica. La Legge 5 Febbraio 1992, n. 104 “Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate” integrata dalla Legge 21 Maggio 1998, n. 162. La Legge 11 Gennaio 1996, n. 23 in tema di norme sull’edilizia scolastica propone la ripartizione degli oneri a carico dei Comuni e degli oneri a carico dello Stato riguardo le incombenze amministrative per il funzionamento delle Istituzioni scolastiche. Il DLgs. 31 Marzo 1998, n. 112, nel conferire funzioni e compiti amministrativi alle Regioni e agli Enti Locali, individua tra l’altro, agli artt. 135 - 139, alcune funzioni amministrative di supporto all’attività scolastica, demandate ai Comuni, con particolare riferimento agli interventi integrati di orientamento scolastico e professionale, alle azioni tese a realizzare le pari opportunità d’istruzione, alle azioni di supporto tese a promuovere e sostenere la coerenza e la continuità in verticale e orizzontale tra i diversi gradi e ordini di scuola, agli interventi perequativi, agli interventi integrati di prevenzione della dispersione scolastica e di educazione alla salute. La Legge quadro n. 328/2000 avente per oggetto la realizzazione del sistema integrato dei servizi sociali cioè: interventi di integrazione alunni stranieri, equipe socio – psicopedagogica e lo sportello alunni, progetti in favore di alunni diversamente abili, progetti finalizzati alla tutela dei minori e partecipazione degli istituti ai tavoli tematici. I regolamenti attualmente in vigore riguardano, in particolare: la razionalizzazione della rete scolastica (dpr 81/2009); il riordino della scuola dell’infanzia e del primo ciclo (dpr 89/2009); il coordinamento delle norme per la valutazione degli alunni (dpr 122/2009). SCUOLA DELL’INFANZIA La scuola dell'infanzia accoglie bambini dai 3 ai 6 anni di età, ed è il primo grado del sistema scolastico di base.

6. 6 Qui i bambini possono sviluppare la loro personalità attraverso esperienze significative di relazione e apprendimento. Le scuole dell'infanzia comunali e statali iniziano nel mese di settembre e terminano alla fine di giugno, con interruzioni a Natale, Pasqua e nei giorni di festività civile e religiosa. Sono aperte da lunedì a venerdì dalle 8:00 alle 16:00 (con servizio mensa). E' possibile optare per una frequenza solo antimeridiana con o senza il servizio di mensa. Il numero complessivo degli alunni iscritti nelle Scuole dell’Infanzia “Giovanni Paolo II” e “G. Mazzini” ha permesso di formare 11 (undici) sezioni. Nella Scuola dell’Infanzia “Giovanni Paolo II”, le sezioni A-B-E funzionano per il solo orario antimeridiano (mezzo turno) e le sezioni C- D- F-G funzionano in orario antimeridiano e pomeridiano con servizio mensa (turno completo). Nella Scuola dell’Infanzia “Mazzini”, le sezioni E-F-G-H funzionano in orario antimeridiano e pomeridiano con servizio mensa (turno completo). Giorno Orario Sezioni da lunedì al venerdì 8.00-13.00 3 “Giovanni Paolo II” da lunedì al venerdì 8.00-16.00 4 “Giovanni Paolo II” + 4 “Mazzini” Sabato 8.00-13.00 4 “Giovanni Paolo II” Sabato Chiuso 4 “Mazzini” Il numero complessivo degli alunni iscritti nella Scuola dell’Infanzia “Virgilio” e “Sebastiano Conca” ha permesso di formare 8 (otto) sezioni a turno completo, dalle ore 8.00 alle ore 16.00. SCUOLA PRIMARIA La scuola primaria promuove, nel rispetto delle diversità individuali, lo sviluppo della personalità; permette di acquisire e sviluppare le conoscenze e le abilità di base fino alle prime sistemazioni logico-critiche; favorisce l’apprendimento dei mezzi espressivi, ivi inclusa l’alfabetizzazione in almeno una lingua dell’Unione europea (inglese) oltre alla lingua italiana; pone le basi per l’utilizzazione di metodologie scientifiche nello studio del mondo naturale, dei suoi fenomeni e delle sue leggi; valorizza le capacità relazionali e di orientamento nello spazio e nel tempo; educa i giovani cittadini ai principi fondamentali della convivenza civile (Legge 53/2003). La frequenza alla scuola primaria è obbligatoria per tutti i ragazzi italiani e stranieri che abbiano compiuto sei anni di età entro il 31 dicembre. L'iscrizione è facoltativa per chi compie sei anni entro il 30 aprile dell'anno successivo. A partire dall’anno scolastico 2009-10, gradualmente viene superata l’organizzazione a moduli e ridotta al massimo la compresenza. Contestualmente, a cominciare dalle prime classi ad orario normale, viene introdotto il modello del docente unico di riferimento con orari di insegnamento prevalente e con compiti di coordinamento. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO La scuola secondaria di primo grado, attraverso le discipline, è finalizzata alla crescita delle capacità autonome di studio e di interazione sociale; organizza ed accresce, anche attraverso l'alfabetizzazione e l'approfondimento nelle tecnologie informatiche, le conoscenze e le abilità, anche in relazione alla tradizione culturale e alla evoluzione sociale, culturale e scientifica della realtà contemporanea; sviluppa progressivamente le competenze e le capacità di scelta corrispondenti alle attitudini e vocazioni degli allievi; fornisce strumenti adeguati alla prosecuzione delle attività di istruzione e formazione; introduce lo studio di una seconda lingua dell'Unione europea; aiuta ad orientarsi per la successiva scelta di istruzione e formazione.

7. 7 La frequenza alla scuola secondaria di primo grado è obbligatoria per tutti i ragazzi italiani e stranieri che abbiano concluso il percorso della scuola primaria. Il primo ciclo di istruzione si conclude con un esame di Stato, il cui superamento costituisce titolo di accesso al secondo ciclo. NUMERO DI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2016/2017 Infanzia Primaria Secondaria di I Grado N Plessi Scolastici 5 5 2 N°.sezioni 19 N. classi 34 26 N. insegnanti 43 72 70 Totale N. iscritti 386 667 527 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Numero alunni I.C. G. Carducci I.C. Principe Amedeo Scuola Paritaria Santa Maria Maddalena Postel Infanzia 178 223 56 Primaria 352 336 114 Secondaria di I grado 319 216 Totale 849 775 170 ANNO SCOLASTICO 2016/2017 Numero alunni I.C. G. Carducci I.C. Principe Amedeo Scuola Paritaria Santa Maria Maddalena Postel Infanzia 186 200 51 Primaria 346 320 126 Secondaria di I grado 317 210 Totale 849 730 177

8. 8 INSERIMENTO E SOCIALIZZAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI O IN DIFFICOLTA’ La scuola dell’autonomia ha favorito il diffondersi della cultura dell’integrazione ed il concretizzarsi delle aspettative di maggiore partecipazione ai percorsi scolastici degli studenti con disabilità, al punto che la loro presenza è significativamente aumentata in ogni ordine e grado di scuola. Il modello d’integrazione italiano, riconosciuto come il più valido da molti paesi, vede fra i suoi punti forti la figura dell’insegnante specializzato per le attività di sostegno. I processi che conducono alla realizzazione dell’integrazione scolastica degli alunni con disabilità sono il risultato di un lavoro di rete nel quale l’insegnante specializzato funge da “specialista” nella ricerca di adeguati strumenti e strategie che favoriscono lo sviluppo delle condizioni più idonee per creare contesti di integrazione. Tutti i protagonisti della comunità scolastica sono coinvolti, attraverso una rete di azioni condivise e di relazioni significative,nel processo d’integrazione e, proprio attraverso l’incontro e la collaborazione delle figure di riferimento, si può rispondere alla molteplicità dei bisogni educativi, speciali e non. Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa vigente, attraverso l’integrazione scolastica, che prevede l’obbligo dello Stato di predisporre adeguate misure di sostegno, alle quali concorrono a livello territoriale, con proprie competenze, anche gli Enti Locali e il Servizio Sanitario Nazionale. La comunità scolastica e i servizi locali hanno pertanto il compito di “prendere in carico” e di occuparsi della cura educativa e della crescita complessiva della persona con disabilità, fin dai primi anni di vita. Tale impegno collettivo ha una meta ben precisa: predisporre le condizioni per la piena partecipazione della persona con disabilità alla vita sociale, eliminando tutti i possibili ostacoli e le barriere, fisiche e culturali, che possono frapporsi fra la partecipazione sociale e la vita concreta delle persone con disabilità. Il MIUR mette in atto varie misure di accompagnamento per favorire l'integrazione: • docenti di sostegno, • finanziamento di progetti e attività per l'integrazione, • iniziative di formazione del personale docente di sostegno e curriculare nonché del personale amministrativo, tecnico e ausiliare. Organo consultivo e propositivo, a livello nazionale, in materia di integrazione scolastica è l’Osservatorio per l'integrazione delle persone con disabilità. A livello territoriale altri organismi hanno il compito di proporre iniziative per realizzare e migliorare il processo di integrazione: i GLIP (“Gruppi di Lavoro Interistituzionali Provinciali”, formati da rappresentanti degli Enti Locali, delle ASL e delle Associazioni dei disabili) e i GLH (“Gruppi di lavoro per l'integrazione degli handicappati”, formati dal dirigente della scuola, dai docenti interessati, dai genitori e dal personale sanitario). Il compito del GLH è particolarmente significativo, in quanto ha la finalità di mettere a punto, tra l’altro, il Piano Educativo Individualizzato, che determina il percorso formativo dell’alunno con disabilità e garantisce un intervento adeguato allo sviluppo delle sue potenzialità. L’alunno con disabilità è assegnato alla classe comune in cui si realizza il processo di integrazione. Pertanto la presa in carico e la responsabilità educativa dell’alunno con disabilità spettano a tutto il Consiglio di Classe, di cui fa parte il docente per le attività di sostegno. Non a caso, il DPR 970/1975 con cui è stata istituita giuridicamente tale figura professionale (poi meglio caratterizzata nella L. 517/77) lo definisce un insegnante “specialista”, dunque fornito di formazione specifica, che, insieme ai docenti curricolari, sulla base del Piano Educativo Individualizzato, definisce le modalità di integrazione dei singoli alunni con disabilità, partecipandovi attivamente. L’insegnante per le attività di sostegno viene richiesto all’Ufficio Scolastico Regionale dal dirigente scolastico sulla base delle iscrizioni degli alunni con disabilità; la quantificazione delle ore per ogni alunno viene individuata tenendo conto della Diagnosi

9. 9 Funzionale, del Profilo Dinamico Funzionale e del conseguente Piano Educativo Individualizzato, di cui alla Legge 104/92, e dei vincoli di legge vigenti. L’art. 40 della Legge 449/1997 prevedeva l’attivazione di un posto in organico per il sostegno ogni 138 alunni frequentanti le scuole pubbliche della Provincia. La L. 296/2006 e la L. 244/2007 (Finanziaria 2008) hanno abrogato il predetto criterio per la formazione dell’organico di diritto dei posti di sostegno, individuando un nuovo parametro che, a livello nazionale, non può superare il rapporto medio di un insegnante ogni due alunni con disabilità. L’articolo 2 del dpr 122/2009, Regolamento per il coordinamento delle norme sulla valutazione degli alunni, prevede che i docenti di sostegno, contitolari della classe, partecipino alla valutazione di tutti gli alunni. Inoltre, qualora un alunno con disabilità sia affidato a più docenti del sostegno, essi si esprimono con un unico voto. Nel caso in cui la situazione dell’alunno lo richieda, oltre agli insegnanti curriculari e di sostegno, sono previste altre figure professionali per affrontare problemi di autonomia e/o di comunicazione. Si tratta dei c.d. assistenti ad personam. Il Comune di Gaeta provvede al servizio di assistenza degli alunni residenti diversamente abili frequentanti le scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, che necessitano di supporto per agevolarne l’integrazione scolastica e favorirne l’inserimento nelle migliori condizioni possibili. Il Servizio di Trasporto per alunni disabili Il Decreto del Ministero dei Trasporti del 31 gennaio 1997 ha disciplinato il trasporto scolastico "ordinario", vale a dire di alunni che non hanno necessità di particolari accorgimenti, in virtù delle loro condizioni psico-fisiche, senza occuparsi, in modo specifico, del trasporto dei disabili. Nel nostro ordinamento è sicuramente presente un principio di ordine generale tendente ad assicurare ai disabili la rimozione di ogni impedimento al raggiungimento di un soddisfacente livello di vita e di inserimento sociale. Questo principio, applicabile in ogni ambito della società, riceve dal legislatore una rilevante attenzione specie per quanto riguarda la concreta possibilità di frequentare la scuola dell'obbligo. La stessa Corte Costituzionale ha affermato che non è sufficiente la mera predisposizione di mezzi, per "facilitare" la frequenza della scuola (nella fattispecie si trattava di medie superiori ma il principio è a maggior ragione applicabile all'intera scuola dell' obbligo), in quanto è necessario approntare mezzi al fine di "assicurare" tale possibilità di frequenza. Punto di riferimento in materia è la legge quadro per l'assistenza, l'integrazione e i diritti dei portatori di handicap 5 febbraio 1992 n. 104 , che ha ripreso e sviluppato quanto già disposto dall'art. 28 della L 30 marzo 1971, n. 118 e che prevede, nell'ambito del diritto dei disabili a frequentare la scuola dell'obbligo e i corsi di formazione professionale finanziati dallo stato, il tra- sporto gratuito dalla propria abitazione alla sede della scuola o del corso e viceversa. L'art. 8 della legge quadro citata, nell'ambito delle misure di inserimento e di integrazione sociale del disabile, sancisce la effettività del diritto allo studio e il diritto ad avvalersi di trasporti specifici. Tali disposizioni sono chiaramente strumentali alla piena ed integrale attuazione delle norme in materia di diritto all'istruzione dei disabili previste dai successivi artt. 12 e 13. L'art. 26 della legge citata prevede, inoltre, che "i comuni assicurano, nell'ambito delle proprie ordinarie risorse di bilancio, modalità di trasporto individuali per le persone handicappate non in grado di servirsi dei mezzi pubblici". Il trasporto dei minori diabili, in virtù della peculiare condizione in cui versa il trasportato, deve avvenire utilizzando veicoli che possiedono una idoneità adatta alla particolarità del servizio da espletare. Si ritiene sempre necessaria la presenza di un accompagnatore idoneo.

10. 10 Il trasporto disabili del Comune di Gaeta si svolge tutti i giorni con un mezzo Fiat Ducato, attrezzato per il trasporto dei ragazzi disabili, in comodato d’uso gratuito, da parte della ditta PMG Italia S.p.A, e un autista dipendente comunale. Attualmente ne beneficiano n. 6 alunni delle scuole secondarie e primarie, a questi si aggiungono 4 alunni disabili delle scuole superiori, che ne fanno richiesta alla Provincia, tramite il Servizio Sociale Comunale. La Provincia di Latina, previo verifica della documentazione presentata all’atto della richiesta, rimborsa il servizio al Comune, secondo parametri stabiliti nel suo Regolamento. Si specifica, inoltre, che, si assicura la frequenza presso i centri di terapia durante l’orario scolastico. PROGETTI CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA I fattori principali che concorrono alla definizione concettuale del termine dispersione sono: l’abbandono, le ripetenze e i ritardi rispetto all’età, le bocciature e i ritiri, le frequenze irregolari, i mancati ingressi, l’elusione dell’obbligo (adempimento solo formale), il proscioglimento dall’obbligo senza proseguimento del titolo, i trasferimenti in altre scuole. Tra questi fattori l’abbandono scolastico è di sicuro la componente della dispersione più drammatica, in quanto ne rappresenta l’esito finale. Se è vero, quindi, che l’abbandono rappresenta la dimensione più pericolosa della dispersione scolastica, è altrettanto vero che il fenomeno in verità è molto più complesso. Quindi la dispersione scolastica non può essere limitata solo nel momento dell’allontanamento dalla scuola, bensì comprende tutti quegli atteggiamenti che denotano una disaffezione nell’apprendimento e un disimpegno emotivo della scuola stessa: da questa prospettiva la dispersione non si verifica con un vero e proprio abbandono scolastico, ma si identifica con il giovane che sebbene continui a frequentare la scuola, ha un basso rendimento seguito da una scarsa fiducia nelle proprie capacità. I progetti contro la dispersione scolastica si pongono come strumenti di intervento funzionale a prevenire e ridurre i rischi correlati all’uso di sostanze, con particolare attenzione a fenomeni quali abbandono scolastico, discriminazione, emarginazione, perdita di reti sociali positive, prostituzione, perdita della potenzialità di apprendimento. La creazione di laboratori teatrali in orario curriculare possono essere visti come spazi protetti in cui si può: • monitorare la frequenza di alunni a rischio; • monitorare situazioni problematiche; • motivare gli allievi con scarsa affettività scolastica; • favorire i processi di inclusione sociale. Il Servizio di Doposcuola In collaborazione con l’associazione Cantieri Culturali, si attiva nei confronti di minori appartenenti a famiglie con disagio sociale, segnalate dal Servizio Sociale, il servizio di dopo scuola. Sono concessi contributi economici a rappresentanze attive sul territorio (associazione Insieme Immigrati In Italia), per la realizzazione di interventi e iniziative a favore dell’integrazione sociale e culturale dei minori stranieri, nell’ambito della mediazione culturale e linguistica (Scuole primarie), iniziative di sostegno scolastico (doposcuola) e per la realizzazione di interventi ludico ricreativi insieme a bambini italiani. Il Progetto Minori sul territorio Il progetto scolastico Minori sul territorio attiva di azioni di natura preventiva all’interno del contesto scolastico. Si propone di sviluppare azioni dirette sui ragazzi preadolescenti e adolescenti ma, al contempo, prestare attenzione ai contesti di sviluppo (scuola, famiglia), agli interlocutori privilegiati quali adulti significativi, genitori e insegnanti. Il piano di interventi ha lo scopo di

11. 11 promuovere l’agio, inteso quale condizione psicologica e relazionale di benessere, e prevenire il dis-agio, quando per caratteristiche e rappresentazione, si configura come una condizione di rallentamento, deviazione, blocco del percorso di crescita e di maturazione individuale e di relazione. Sono previsti: Azioni di prevenzione e di assistenza nei casi di abusi e maltrattamento sui minori; Consulenza al servizio sociale comunale; Collaborazioni con i Servizi Sociali e Sanitari alla luce di un piano di lavoro condiviso. L’obiettivo del Progetto è la promozione della salute del minore a rischio, sul piano psico- sociale, inserendo specifici fattori di protezione nel corso degli interventi attivati. Si intende dare continuità ad un processo di sensibilizzazione, informazione e formazione rivolto sia agli adulti che ai minori e favorire la sinergia dei servizi per migliorare la relazione tra loro. Il Progetto Centri ricreativi - educativi per minori La Ludoteca, aperta ai bambini e alle bambine fra i 6 e i 13 anni, si configura come luogo finalizzato alla promozione e alla diffusione della cultura del gioco e del giocattolo, promuovendo l’attività ludica come azione educativa, valorizzando il patrimonio ludico con giochi di diverse epoche, diverse culture e tipologie per ottenere la crescita di uno spirito critico preservando il gioco dai recuperi pedagogici, terapeutici, commerciali, ideologici. La Ludoteca può ospitare giornalmente al suo interno un numero massimo di 25 bambini. Teatro per l’ascolto … emozioni sommerse Il target principale sono alunni in difficoltà sul piano scolastico o sul piano del benessere psicosociale a rischio di abbandono scolastico. Ogni anno, in base al testo teatrale scelto, verranno le possibilità e le modalità specifiche di inserimento degli alunni disagiati all’interno della compagine e della rappresentazione teatrale, seguendo il criterio della significatività dell’inserimento nel gruppo di teatro in rapporto al tipo di difficoltà prevalente. L’innovazione del progetto è: quello di allontanarsi da un tipo di copione preconfezionato e riuscire a valorizzare invece gli spunti che provengono dall’eterogeneità del gruppo, dall’interazione cooperativa con gli altri, dall’espressione della creatività personale; quella di guidare i partecipanti verso un’azione stimolante di scoperta e di crescita personale, e di attivare relazioni alla pari tra gli appartenenti al gruppo; che i laboratori che si vanno a realizzare mettono tutti sullo stesso livello, ed il percorso è uguale per tutti, perché danno a tutti la possibilità ed opportunità di portare le proprie emozioni, i propri vissuti, le proprie esperienze. Attraverso i laboratori vengono esercitate determinate competenze psicosociali: imparare a comunicare apertamente, avanzare richieste, prendere decisioni, aiutare i compagni in difficoltà, collaborare ed ottenere collaborazione, sostenere le proprie posizioni, diventare responsabile delle proprie scelte, accettare con maggior tolleranza le opinioni e i valori altrui; la consapevolezza di condividere all’interno del gruppo un “fare” insieme nel medesimo spazio, nel medesimo tempo, nel medesimo gioco, quali protagonisti e allo stesso tempo fruitori di un clima di fiducia, di ascolto e di attenzione. PIANO D’INTERVENTI Il Dipartimento Cultura e Benessere Sociale del Comune di Gaeta prosegue nella sua azione volta ad offrire i servizi normalmente previsti per il sostegno al DIRITTO ALLO STUDIO secondo standard elevati di qualità. Vista la legge 3 maggio 1999 n. 124, art. 8, che ha disposto il trasferimento del personale ATA nei ruoli del personale statale, precedentemente dipendente dagli Enti Locali e, visto il protocollo d’intesa tra il Ministero della P.I., UPI, Unione Nazionale dei Comuni d’Italia e le organizzazioni sindacali CGIL – CISL – UIL – SNALS, in data 12.09.2000, è a carico del Comune

12. 12 la retribuzione accessoria per lo svolgimento di tutte le funzioni di competenza dell’Ente Locale, pari a € 955,45 annue (al lordo di ogni onere) per ogni unità impegnata nella mensa scolastica. Inoltre, l’Amministrazione ha ritenuto che una soluzione condivisa, disciplinante i rapporti tra Comune e Istituti, consente di definire i rapporti, sia in termini organizzativi che finanziari, soccorrendo, ove necessario, il principio di sussidiarietà orizzontale, per il quale il Comune interviene a favore di altre istituzioni, che svolgono funzioni educative e sociali di rilevante ed essenziale importanza sul territorio comunale. Con propria Determinazione Dirigenziale n. 117/V del 06.05.2010, si è proceduto, quindi, ad autodisciplinare i rapporti con le Istituzioni scolastiche, in attuazione delle norme ed accordi sopra richiamati. Inoltre, il Dipartimento Cultura e Benessere Sociale continua a promuovere percorsi progettuali innovativi su temi particolari. Gli obiettivi prioritari rimangono quelli fondamentali: assicurare alla popolazione uguali possibilità di accesso alle strutture scolastiche; consolidare il livello qualitativo dei servizi erogati e favorire livelli di eccellenza del sistema scolastico; offrire opportunità di successo scolastico, anche alle fasce sociali più deboli. Il Comune di Gaeta ha corrisposto alle scuole dell'obbligo - infanzia, primarie e secondarie di I grado – per l’anno scolastico 2015/2016, un contributo come di seguito indicato: Istituto Comprensivo Giosuè Carducci - Piazza Trieste n. 9 Gaeta - C.F. 90027900597 Somme erogate € 17.888,15 Istituto Comprensivo Principe Amedeo - Via Calegna n. 20 Gaeta - C.F. 90027900598 Somme erogate € 14.032,70 TOTALE € 31.920,85 Sono stati, peraltro, concessi contributi agli Istituti Comprensivi “G. Carducci” e “Principe Amedeo” per i seguenti progetti istituzionali: Sportello d’ascolto Presso l’I.C. “Giosuè Carducci” e l’I.C. “Principe Amedeo” sono attivi gli sportelli d’ascolto per gli alunni e per i genitori, con cadenza settimanale. Per sportello si intende uno “spazio” atto ad accogliere i bisogni specifici espressi dalla persone, suggerire strategie volte a promuovere il benessere globale e offrire attività di consulenza, non a scopo terapeutico, a genitori e docenti, per sostenerli nelle fasi di cambiamento delle diverse tappe del processo decisionali, nei momenti di difficoltà o nelle situazioni di disagio. Corsi pre accademici della sede distaccata del Conservatorio Statale di Musica Ottorino Respighi di Latina Il Comune di Gaeta e il Conservatorio Statale di Musica “Ottorino Respighi” di Latina hanno inteso avviare una forma stabile di cooperazione, al fine di ottimizzare e sostenere i percorsi disciplinari afferenti alla formazione musicale, attraverso attività didattiche, di produzione artistica e di aggiornamento. Con la Delibera di Giunta Comunale n°123 del 19/04/2013, con oggetto: Approvazione convenzione tra Comune di Gaeta e Conservatorio Statale di Musica “Ottorino Respighi” di Latina, si è stipulata una convenzione con il Conservatorio di Latina “O. Respighi”, per la creazione di una sede distaccata a Gaeta. Essa permette a ragazzi, di età compresa tra i 6 e i 13 anni, di frequentare i corsi pre - accademici dei principali strumenti musicali. Le lezioni si svolgono per tre volte alla settimana in orario pomeridiano, per non più di due ore al giorno. Inoltre, il Conservatorio ha messo a disposizione del Comune n. 5 borse di studio a copertura totale della retta e n. 5 borse di studio a copertura del 50% della retta. Coloriamo il nostro futuro Ai sensi del Regolamento Comunale per l’elezione ed il funzionamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi, approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 27/06/2001 che, nel disciplinare l’istituzione ed il funzionamento, prevede, tra l’altro, l’erogazione di somme da parte

13. 13 del Comune per il suo funzionamento, è stato concesso un contributo all’I.C. “G. Carducci” per il Progetto Coloriamo il nostro futuro. Esso coinvolge, a livello nazionale, circa 80 istituti scolastici che si trovano all’interno o nei pressi di parchi naturali e/o aree protette e che hanno, tra i loro obiettivi, la nascita di consigli comunali dei ragazzi, al fine di educare i giovani alla legalità, al rispetto dell’ambiente ed alla promozione del territorio. Programma Educazione sostenibilità ambientale Eco Schools Entrambi gli istituti comprensivi del territorio gaetano sono coinvolti in un programma di sostenibilità ambientale e gestione ecologica dell’edificio scolastico. Si pongono come obiettivo la diffusione delle buone pratiche ambientali tra i giovani, le famiglie, le autorità locali e i diversi rappresentanti della società civile. Il progetto ha il suo punto centrale nella visione di scuola come ecosistema orientato alla predisposizione di spazi didattici, alla riprogettazione delle strutture, all’attivazione di interventi volti al risparmio delle risorse. Laboratorio dell’audiovisivo Il Laboratorio Audiovisivo e Multimediale dell’I.C. G. Carducci si occupa di analizzare, scomporre e ricomporre in ambito teorico e pratico, i diversi “linguaggi” che interessano la produzione fotografica, audiovisiva e multimediale. Le esperienze didattiche proposte intendono sviluppare le competenze prioritarie del saper “leggere” e “saper scrivere” con l’immagine, sia essa statica o dinamica. La conoscenza, l’applicazione delle tecniche informatiche è finalizzata a confluire in una corretta metodologia operativa capace di relazionare il linguaggio audiovisivo con i contenuti del messaggio di riferimento. Il Laboratorio inteso come fase sollecita ad una operatività più diretta, rappresenta un momento di confronto, verifica o sperimentazione, in itinere o finale, del processo in atto sulle ipotesi e le sequenze di realizzazione del proprio lavoro. Attraverso questa disciplina lo studente applicherà i processi di pre - produzione, produzione e post produzione. Laboratorio teatrale Il fine del laboratorio scolastico teatrale dell’I.C. G. Carducci è quello di proporre il teatro come stimolo per l’autoconoscenza, ma non solo, anche come occasione per mettersi in gioco, come possibilità di confronto e relazione con gli altri. Il Laboratorio intende offrire ai bambini la possibilità di riappropriarsi della libera e vivace espressività, con il supporto di un educatore specializzato che possa guidare e tradurre ciò che scaturisce da loro. Il tutto attraverso un percorso che dal gioco prende vita e procede superandolo per la ricchezza di contenuti e implicazione personale, volte a favorire la crescita cognitiva e affettiva. Il Teatro, inteso come forma interattiva di linguaggi diversi: verbale, non verbale, mimico, gestuale, prosodico, iconico, musicale, si configura come prezioso strumento formativo, multidisciplinare e interdisciplinare. Ogni incontro comprenderà una parte iniziale di riscaldamento, fondamentale allo stimolo della concentrazione, e parte basilare per il rilassamento e la percezione del proprio corpo. La parte successiva si concentrerà di volta in volta sull’approfondimento di tematiche e argomenti riguardanti l’esperienza dello spazio che ci circonda, lo stimolo della fantasia e dell’immaginazione attraverso esercizi di improvvisazione guidate dall’insegnante. Fondamentale sarà, inoltre, la parte dedicata al lavoro sulle emozioni e sull’immedesimazione. Il percorso si concluderà, nel mese di giugno, con la rappresentazione teatrale. Io dico l’Universo Questo progetto dell’I.C. G. Carducci nasce dalla necessità di far comprendere ai ragazzi la propria identità (microcosmo) come parte integrante di un macrocosmo, attraverso i concetti di universale e particolare. Partendo dal tema centrale della sezione aurea, si è cercato di sviluppare un modulo interdisciplinare costituito da unità didattiche intrecciate fra loro di matematica, discipline umanistiche e scienze naturali e biologiche Viviamo insieme la musica

14. 14 In collaborazione con l’Associazione musicale Ferruccio Busoni di Fondi, il progetto si configura, come modalità di approccio, alla cultura musicale, ma al tempo stesso anche come esperienza di gruppo socializzante per gli studenti dell’I C Principe Amedeo. Molti studenti della suddetta scuola non hanno la possibilità di fruire di corsi privati di musica, poiché troppo gravosi per i bilanci familiari, da ciò l’esigenza di offrire a tutti gli studenti la possibilità di crearsi una cultura musicale degna di questo nome. Progetto SERAPO(Student Excange Representative Abroad Program Opportunity) Il progetto SERAPO è riservato a 5 studenti di Somerville ed a 5 studenti degli Istituti d’istruzione secondaria di II grado di Gaeta, che prevede un soggiorno di sette giorni nelle due città gemellate. Infatti, gli studenti avranno l'opportunità, ad anni alterni, di studiare all'estero, vivendo con famiglie ospitanti ed essere considerati dalla scuola locale degli exchange students. Teatro Nazionale dei Burattini Fratelli Mercurio Poiché la Commedia dell’Arte e dei burattini, riesce, sin dalla tenera età, ad instillare l'amore per il teatro e contribuire ad esercitare creatività e affinare i sensi dei bambini, arricchendo il loro livello artistico e culturale, senza rinunciare a divertirli, l’Amministrazione Comunale ha organizzato, in occasione delle festività annuali, vari spettacoli di burattini per le scuole dell’infanzia e primarie del territorio di Gaeta, tramite il teatro nazionale dei burattini dei fratelli Mercurio, che si segnala, in particolare, per i frequenti spettacoli a cui ha dato vita, con il loro teatro, presso centri studi televisivi, enti e scuole di ogni ordine e grado su tutto il territorio, al fine di ravvivare un’antica tradizione che, seppur lontana, è rimasta sempre legata a noi. La scuola va al cinema Progetto di educazione all'immagine, che prevede proiezioni mattutine o rappresentazioni teatrali, guidate da un esperto, da effettuarsi in orario scolastico nella sala del cinema teatro Ariston e la produzione di materiale didattico per gli insegnanti. Ad ogni allievo è consegnata una scheda con notizie del film o della commedia e proposte di riflessione ad integrazione del materiale didattico, preparato per i docenti. Gli alunni sono guidati, durante la proiezione e la rappresentazione teatrale, da un critico. L'intento principale è quello di promuovere la diffusione della cultura cinematografica e teatrale tra le nuove generazioni, come forme di prevenzione al disagio, con la finalità di formare spettatori non più passivi, ma capaci di sviluppare senso critico, di formulare riflessioni sulle opere viste, di produrre elaborati a seconda delle capacità individuali sull'esperienza vissuta. Libri di testo per scuole Primarie I libri di testo, come previsto dalla normativa vigente (DLgs 297/1994, art. 156), sono forniti gratuitamente a tutti gli alunni della scuola primaria tramite le cedole librarie. Fornitura semigratuita dei libri di testo per la scuola secondaria di I e II grado L’acquisto dei libri di testo a favore degli studenti della scuola secondaria di I e II grado è rimborsato in parte agli studenti meno abbienti, grazie ai contributi della regione Lazio, in base alla Legge n. 448/1998 art. 27. Ri…mettiamoci in gioco Entrambi gli istituti comprensivi sono coinvolti nel progetto ludico – didattico dal titolo Ri…mettiamoci in gioco, dell’Associazione Culturale Horus. Esso si compone di una fase didattica, in cui si sottolinea la centralità e l’importanza del gioco nello sviluppo della persone, e da una fase creativa, in cui le classi realizzano prototipi di giochi da tavolo. Centro Territoriale Permanente LT/34 L’I.C. “Principe Amedeo” è sede coordinata del Centro Territoriale Permanente LT/34, che va a realizzare due finalità primarie: - educazione ed istruzione degli adulti con interventi tesi sia a consentire il reintegro di giovani che hanno perduto l’opportunità di completare la scuola dell’obbligo, sia a riavvicinare gli

15. 15 adulti in genere all’istituzione scuola con corsi che favoriscono l’educazione permanente e la conoscenza dei “nuovi saperi”; - alfabetizzazione e consolidamento della conoscenza della lingua italiana, in favore di stranieri immigrati al fine di consentire un loro positivo inserimento nella realtà sociale e lavorativa del nostro Paese. Presso l’I.C. “Principe Amedeo” di Gaeta è attuato, inoltre, uno specifico intervento di alfabetizzazione linguistica in risposta alla richiesta formulata dalla comunità N.A.T.O, presente su questo territorio, di un corso di lingua italiana “di sopravvivenza” per militari e civili americani in servizio sulla portaerei “Mount Whitney”. Lo svolgimento delle suddette attività di insegnamento è, all’interno del C.T.P., preceduta da una specifica fase di Orientamento al fine di fornire agli utenti, all’ingresso del percorso, un servizio che li aiuti nella scelta e nella predisposizione del loro iter formativo. Centro Linguistico Europeo Presso l’I.C. “Principe Amedeo” di Gaeta è attuato un percorso di lingua inglese, per i piccoli alunni della scuola dell’infanzia “Giovanni Paolo II” e “Mazzini”, affidato completamente ad una docente madrelingua. Inoltre, sarà attuato, negli anni successivi l’insegnamento di altre 3 lingue europee: francese, spagnolo, tedesco, con docenti madrelingua, anche per le scuole primarie e secondaria di I grado. Progetto classe in rete L’I C G. Carducci ha aderito con esito positivo al PON 2014/2020 di cui all’avviso MIUR Prot. n. 9035 del 13 luglio 2015. Il progetto prevede l’implemento della connettività dell’ Istituto Scolastico attraverso il cablaggio wireless nella maggior parte delle aule, in tal modo si permetterà a docenti e alunni di utilizzare strumenti didattici tecnologici e servizi come il Registro Elettronico, la comunicazione digitale scuola-famiglia e la ricerca agevole di informazioni su internet. L’attuazione del progetto permetterà di ridurre i tempi necessari per la condivisione di documenti, semplificherà le procedure interne e renderà più agevoli le comunicazioni tra i diversi plessi del nostro Istituto. Classe advance L’I C G. Carducci ha aderito anche al PON 2014/2020 di cui all’avviso MIUR prot. n. 12810 del 15 ottobre 2015 per la realizzazione di ambienti digitali. In coerenza con le linee guida definite dal MIUR, tese a valorizzare la qualità scolastica e a garantire a tutti gli studenti pari opportunità di sviluppo delle capacità individuali, la scuola vuole progettare un modello di processo didattico innovativo che utilizzi le tecnologie digitali e si soffermi sulla nuova organizzazione spaziale delle aule in ambienti di apprendimento multimediali. Il progetto si pone come obiettivo prioritario il miglioramento dell’Istituto (qualità della formazione, prove INVALSI, posizionamento competitivo, placement) e lo sviluppo di attività che consentano agli allievi di beneficiare significamene del potenziale offerto dall’introduzione della tecnologia digitale. A supporto dei docenti, in un approccio alla didattica rinnovata, secondo i modelli didattici proposti e gli spazi fisici rinnovati, si inseriranno le tecnologie hardware e software indispensabili al raggiungimento delle finalità del progetto. Il progetto è in attesa di approvazione. Secondo la normativa del D.M. n.435 del 16 giugno del 2015 è stata prevista la figura dell’Animatore Digitale di cui si allega in Appendice il programma di lavoro relativo al PNSD previsto per prossimo triennio. Frutta nelle scuole Il programma europeo “Frutta nelle scuole”, introdotto dal regolamento (CE) n.1234 del Consiglio del 22 ottobre 2007 e dal regolamento (CE) n. 288 della Commissione del 7 aprile 2009 è stato adottato da tutti gli Istituti Comprensivi di Gaeta ed è finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini e ad attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari.

16. 16 Gli obiettivi del programma: • incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini compresi tra i sei e gli undici anni di età; • realizzare un più stretto rapporto tra il “produttore-fornitore” e il consumatore, indirizzando i criteri di scelta e le singole azioni affinché si affermi una conoscenza e una consapevolezza nuova tra “chi produce” e “chi consuma”; • offrire ai bambini più occasioni ripetute nel tempo per conoscere e “verificare concretamente” prodotti naturali diversi in varietà e tipologia, quali opzioni di scelta alternativa, per potersi orientare fra le continue pressioni della pubblicità e sviluppare una capacità di scelta consapevole; le informazioni “ai bambini” saranno finalizzate e rese con metodologie pertinenti e relative al loro sistema di apprendimento (es: laboratori sensoriali). Gli strumenti: • distribuzione di prodotti ortofrutticoli; (finanziati interamente con aiuto comunitario e nazionale); • campagna di informazione sulle caratteristiche dei prodotti ortofrutticoli, in termini di qualità, aspetti nutrizionali e sanitari, stagionalità, territorialità e rispetto dell’ambiente, rivolto sia ai docenti che ai genitori, al fine di prolungare l’effetto di induzione del consumo; (finanziata parzialmente con aiuto comunitario e nazionale); • utilizzo di idonee attrezzature, nei limiti indicati dal regolamento comunitario, in grado di supportare la distribuzione, l’utilizzo e la degustazione dei prodotti distribuiti; (finanziati parzialmente con aiuto comunitario e nazionale); • avviare e consolidare la realizzazione di una Rete - costituita da Mipaaf, Regioni, Provincie Autonome e Istituti scolastici disponibili a partecipare in modo continuativo al Programma-, nell’ambito della quale coordinare le azioni coerenti a raggiungere gli obiettivi definiti e recependo misure accompagnatore definite; • elaborazione di misure di accompagnamento complementari. Libriamoci a scuola Il percorso, attuato dall’IC G. Carducci, prevede la presenza di adulti "lettori" che presentano brani idonei all'età degli alunni e attinenti al progetto d'Istituto "Io dico ... l'Universo". Seguono momenti di riflessione ed attività grafiche, pittoriche, linguistiche ed espressive di approfondimento del tema. Sportello alimentare Progetto di Educazione Alimentare dell’IC principe Amedeo, volto a rendere coscienti i giovani sui rischi di cattive abitudini alimentari legati, in modo particolare, all'uso di diete restrittive o di adesioni a stili di vita che possono condurre a veri e propri disturbi del comportamento alimentare. Obiettivi: impostare corrette abitudini alimentari con particole riferimento alla sana alimentazione; favorire la formazione di una “coscienza alimentare” anche a livello famigliare mediante insegnamento del concetto che la nostra salute è strettamente legata all’alimentazione; comprendere la differenza tra cattiva alimentazione e quella corretta; comprendere i rischi del consumo di “alimenti spazzatura”. Settimana alternativa La “settimana alternativa” dell’IC principe Amedeo è una settimana diversa dalle altre, un periodo nel quale si svolgono attività diverse rispetto le materie di studio tradizionali. I ragazzi possono scegliere tra un catalogo di varie attività organizzate dai docenti, In questo modo gli allievi hanno la possibilità di fare nuove esperienze, integrarsi con i loro compagni delle altre classi. Inoltre la settimana alternativa permette ai ragazzi di conoscere più a fondo le proprie risorse, che a volte non emergono nel contesto scolastico. Progetto ambiente L’educazione ambientale dell’IC principe Amedeo equivale a una educazione alla ricerca di una giusta misura del vivere, partendo da una riflessione sul proprio modo di vivere la relazione

17. 17 con l’ambiente, giungendo a un incontro autentico con esso, per poter infine apportare cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti quotidiani. L’educazione ambientale nella vita moderna assume anche il carattere di educazione allo sostenibilità che implica l’educazione alla formazione del pensiero critico e alla costruzione del senso del limite in riferimento all’agire quotidiano di ciascuno, oltre che ad alimentare il senso di collettività e responsabilità nei confronti del pianeta nel quale viviamo. In quest’ottica, l’educazione ambientale promuove specifici aspetti della personalità ed è da intendersi come un’educazione permanente della persona: ∼ educazione al conoscere in modo sistemico e di relazioni tra parti, vedendo il territorio come un sistema in cui ogni parte ha un funzione vitale e irrinunciabile, secondo la classica “visione ecologica”; ∼ educazione del pensiero: comprendere sempre più profondamente i modi attraverso i quali salvaguardare e sviluppare le risorse di vario tipo presenti in natura, per progettare interventi finalizzati alla soluzione di problemi ambientali e per individuare i canali e le modalità con cui perseguirli. ∼ educazione al sentire: se vogliamo cambiare il modo di rapportarci con l’ambiente che ci circonda -naturale o urbano che sia- dobbiamo aprirci a esso e conoscerlo con le nostri parti più profonde e sensibili: solo così potremo porci davanti al creato riscoprendo l’incanto di un tramonto sulla città, la poesia in un fiore che sboccia, la gioia nel profumo di un prato in estate, l’allegria nel ronzio di un’ape. ∼ educazione all’agire: proprio perché educazione per definizione implica una ricaduta concreta e diretta, in termini di azione e di comportamento. Progetto vela Il Progetto vela, presso l’IC principe Amedeo, nasce allo scopo di portare, gratuitamente, i giovani delle scuole a un primo contatto con lo sport della vela e quindi ad un diverso modo di avvicinarsi al mare. Lo sport della vela è da sempre considerato uno "sport per pochi", vuoi per ragioni culturali, vuoi per ragioni meramente economiche. Con questo progetto, si crede di poter sensibilizzare gli studenti ed i docenti ad un approccio "più normale" nei confronti del mondo della vela. Il progetto vanta diversi livelli di coinvolgimento, articolati in un programma che, partendo da una base ampia (vela per tutti), arriva sino alla formazione di un gruppo pre-agonistico in grado, in futuro, di proseguire l'attività autonomamente. Per perseguire gli obiettivi, l’istituto, attraverso i circoli tutti affiliati F.I.V., si avvale della collaborazione di istruttori ed allenatori della Federazione Italiana Vela, di tecnici del settore e di professori di educazione fisica per la preparazione atletica. Le imbarcazioni utilizzate vanno dalle piccole derive (tipo Optimist) e Windsurf alle derive collettive; inoltre, il Comitato utilizza vari mezzi d’appoggio e d’assistenza (gommoni). Teatro danza Skenè Il teatro danza, attivato dall’IC principe Amedeo, in collaborazione con l’Associazione Skenè, è una forma di danza spesso allegorica, che fa uso di simboli, fortemente animata dalla fusione tra teatro e arti figurative, e dove l’elemento narrativo è trattato in modo particolare, antinaturalistico. Il corso prevede l’insegnamento di alcune delle principali tecniche della danza d’espressione, della mimica, dell’immedesimazione, dell’improvvisazione e della recitazione, al fine di raccontare una storia attraverso quadri coreografici arricchiti da musica, poesia e teatro di figura. Giochi della Gioventù I Giochi della Gioventù sono una manifestazione sportiva nazionale per ragazzi e ragazze dagli 11 ai 15 anni, creati nel 1968 dal presidente del CONI Giulio Onesti, che rappresentano un momento di promozione dell’Educazione fisica e dei valori dello Sport. Coinvolgendo tutte le classi partecipanti al progetto, i Giochi diventano importanti momenti del percorso educativo destinati agli alunni sotto forma di vere e proprie feste dello sport a scuola;

18. 18 In particolare i Giochi sono occasione di: • festa e divertimento per tutti gli alunni e per la scuola in un contesto ludico e gioioso; • inclusione/integrazione di tutte le diversità che la scuola accoglie (disabilità, bisogni educativi speciali); • conoscenza e avvicinamento degli allievi alla bellezza del gioco e del gioco sport; e opportunità privilegiate per: • «far vivere» agli alunni i valori educativi dello sport, in grado di veicolare il senso del fair play come scelta di vita, nel rispetto anche della salute e dell’ambiente; • creare una alleanza educativa tra la scuola, le famiglie, il territorio e il movimento sportivo volta a promuovere una corretta «cultura sportiva»; • dare visibilità ai percorsi progettuali interdisciplinari e trasversali realizzati dai docenti nell’ambito degli Istituti Comprensivi di appartenenza. Ai giochi partecipano tutti gli Istituti Scolastici del territorio. Accendiamo la Memoria Il Parlamento Italiano, con la legge 211/2000, “riconosce, il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati". In tale occasione, l’Amministrazione Comunale di Gaeta dà la possibilità a giovani studenti di prendere parte alla grande commemorazione cittadina: AccendiAmo la Memoria, che si svolge dal 27 al 31 di gennaio. In particolare, sono state invitate le classi degli Istituti secondari di secondo grado, presso il Museo diocesano di Gaeta, ad essere spettatori dell’evento A Memoria d’uomo, letture teatrali ed installazioni, create dall’attore Enzo Scipione, con accompagnamento della violinista Ilenia De Meo. Gli Istituti secondari di I grado hanno, invece, assistito alla consegna delle targhe alla memoria ai cinque gaetani, internati nei lager nazisti, da parte del Primo cittadino, dei due minisindaci e delle due giunte comunali dei ragazzi. Tale occasione è un modo in cui la formazione sposa la storia e mantiene viva la memoria delle vittime del nazismo. Infatti, la memoria della tragica esperienza del totalitarismo nazista e il valore della successiva Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo sono il più importante patrimonio di esperienza che si ha a disposizione contro il rischio di viverla di nuovo. PPPRRROOOGGGEEETTTTTTIII IIIMMMPPPOOORRRTTTIII Laboratorio dell’audiovisivo € 2.000,00 Eco – Schools € 3.240,00 Laboratorio teatrale € 2.000,00 Coloriamo il nostro futuro € 2.500,00 Io dico l’Universo € 2.500,00 Teatro dei Burattini € 2.860,00 Viviamo insieme la musica € 6.000,00 Progetti POF € 11.500,00 Progetto SERAPO € 1.872,00 Giochi della Gioventù € 440,00 Teatro danza € 2.850,00 Cedole Librarie € 30.000,00 Totale € 67.582,00

19. 19 REFEZIONE SCOLASTICA Il servizio refezione scolastica viene effettuato per favorire l'attuazione del tempo pieno nelle scuole dell'infanzia, primaria e secondaria di I grado e per garantire il livello qualitativo e dietetico dei cibi, anche ai fini di una corretta educazione alimentare. Il servizio ha inizio il 1 Ottobre di ogni anno e secondo il calendario dei rientri pomeridiani stabilito dai competenti organi scolastici. Le domande di iscrizione al servizio devono essere redatte nell'apposito modulo, in cui deve essere indicata la necessità di dieta speciale per i seguenti motivi: presenza di intolleranze alimentari e allergie; ragioni di natura etico - religiosa. Nel primo caso deve essere trasmesso all’Ufficio Scuola comunale, ad ogni inizio di anno scolastico, un certificato medico. La necessità di dieta speciale viene segnalata alla ditta appaltatrice. L'attivazione di detto servizio viene garantita a partire dal giorno successivo alla trasmissione del certificato medico. Gli alunni, che usufruiranno del servizio di ristorazione scolastica, dovranno consegnare un buono pasto ai collaboratori scolastici ed essi provvederanno giornalmente a comunicare alla ditta appaltatrice il numero dei pasti richiesti. Il funzionamento del servizio di refezione scolastica si basa sul criterio del concorso alla spesa in relazione ai sotto indicati scaglioni ISEE: Primo Figlio Secondo Figlio 1^ FASCIA Da € 0,00 a € 5.000,00 Infanzia e Primaria Esenzione Totale Esenzione Totale Secondaria di I Grado Esenzione Totale Esenzione Totale 2^ FASCIA Da € 5.000,01 a € 7.000,00 Infanzia e Primaria € 15,95 Esenzione Totale Secondaria di I Grado € 20,95 Esenzione Totale 3^ FASCIA Da € 7.000,01 a € 15.000,00 Infanzia e Primaria € 36,90 € 15,95 Secondaria di I Grado € 41,90 € 20,95 4^ FASCIA Da € 15.000,01 a € 30.000,00 Infanzia e Primaria € 53,66 € 36,90 Secondaria di I Grado € 58,66 € 41,90 5^ FASCIA Oltre 30.000,00 Infanzia e Primaria € 78,80 € 53,66 Secondaria di I Grado € 83,80 € 58,66

20. 20 Nel 2015, il servizio di mensa scolastica è stato affidato dal Comune, nelle more dell’espletamento della nuova gara per il servizio di refezione scolastica, alla società EP S.p.A, aggiudicataria del bando di gara indetto dall’Amministrazione Comunale nell’anno 2013. Il menù delle scuole è stato il seguente: 1ª SETTIMANA 2ª SETTIMANA 3ª SETTIMANA 4ª SETTIMANA Lunedì:Pasta al pomodoro, Frittata, Puré Lunedì: Pasta e lenticchie, Tacchino, Crocchette di patate Lunedì: Pasta al pomodoro, Formaggio, Carote Lunedì: Pasta e fagioli Prosciutto cotto, Carote Martedì:Riso allo zafferano, Pollo al limone, Verdure Martedì: Pasta al pomodoro, Crocchette di pesce, Verdure Martedì: Riso e zucca, Polpette, Spinaci Martedì: Riso al sugo, Tacchino, Piselli, Patate e Carote Mercoledì: Pasta all’olio, Crocchette di pesce, Patate al forno Mercoledì: Riso e fagioli, Mozzarella, Carote Mercoledì: Pasta alla Sorrentina, Crocchette di pesce, Piselli Mercoledì: Minestrone, Crocchette di pollo, Purè Giovedì: Minestrone, Straccetti di maiale, Verdure Giovedì: Pasta al pomodoro, Frittata di verdure Giovedì: Pasta e zucchine, Prosciutto cotto, Verdure Giovedì: Pasta al pomodoro, Frittata, Fagiolini Venerdì: Pasta e ceci, Formaggio spalmabile Venerdì: Pasta e Patate, Prosciutto cotto, Verdure Venerdì: Pasta e ceci, Pollo, Purè Venerdì: Pasta e lenticchie, Crocchette di pesce, Verdure La Ditta EP effettua il servizio di refezione scolastica, preparando i pasti presso il Centro di cottura, sito a Fondi (LT), presso Via degli Osci, e trasportandoli a Gaeta presso i plessi scolastici. Il numero dei pasti è il seguente: Plessi scolastici Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Virgilio 50 47 45 45 Sebastiano Conca 68 66 66 68 Mazzini 74 72 69 65 Giovanni Paolo II 71 70 65 70 Misericordia Primaria 24 22 22 23 Misericordia Infanzia 51 55 47 48 CDD Astrolabio 12 12 12 12 Carducci 59 50 53 51 Docenti 51 53 48 53 Totale 460 447 427 435 La Commissione Mensa, composta da Assessore alla Pubblica Istruzione, rappresentanti degli insegnanti e dei genitori per ciascuna delle scuole, garantisce un collegamento tra gli utenti del servizio di ristorazione scolastica e l’Amministrazione Comunale, inoltre si occupa di supervisionare le modalità di erogazione del servizio nonché di proporre le variazioni al menù scolastico. SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Il Comune di Gaeta provvede ad istituire il servizio di trasporto scolastico per i minori frequentanti le scuole dell’infanzia, le scuole primarie e la scuola secondaria di primo grado di Gaeta, affidando la fornitura del servizio ad una Ditta specializzata e selezionata tramite procedura d’appalto ad evidenza pubblica. Il servizio consiste nella raccolta degli alunni delle scuole dell’infanzia, delle scuola primarie e della scuola secondaria di primo grado, prelevandoli dai punti di fermata, distanti 1000- 1500 metri dalla fermata del trasporto pubblico locale, nel condurli alle rispettive sedi scolastiche e nel riportarli al punto di fermata al termine delle lezioni. Il servizio dovrà essere svolto tutti i giorni di apertura delle varie scuole, in orari che consentano un corretto arrivo ai plessi scolastici, utili cioè, per consentire ad ognuno di assistere alle lezioni senza ritardi. Le finalità generali del servizio sono quelle di consentire, agli alunni iscritti alle scuole dell’infanzia e dell’obbligo del territorio comunale, il raggiungimento del plesso scolastico concorrendo a rendere effettivo il diritto allo studio, con priorità agli alunni residenti in zone decentrate. Gli utenti del servizio di

Add a comment

Related presentations

Related pages

Allegato A | LinkedIn

View 738 Allegato A posts, presentations, ... PROGETTO GRAFICO RESTYLING IMMAGINE at MIA PHOTO FAIR 2016 ... Allegato das 2016 2017 delib. 79-2016. 8 Views.
Read more

177511 Beschlüsse - 1. Teil - Jahr 2016 Deliberazioni

177511 Beschlüsse - 1. Teil - Jahr 2016 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2016 Autonome Provinz Bozen - Südtirol BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 15.
Read more

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO 2310 - sanvalentino.peackweb.com

Reg.delib.n. 2310 Prot. n. ... (SSP) per l'anno 2016 e relativo finanziamento. ... quali risultano nell’allegato alla presente deliberazione sotto
Read more

Allegato alla Delib.G.R. n. 32/7 del 31.5

Allegato alla Delib.G.R. n. 32/7 del 31.5.2016 CALENDARIO SCOLASTICO 2016/2017 NELLA ... − dal 23 dicembre 2016 al 7 gennaio 2017 vacanze ...
Read more

101742 Beschlüsse - 1. Teil - Jahr 2015 Deliberazioni

Ai sensi dell’allegato “A”, lettera “D” della delibe- ... 30. September 2017 erfolgen, andernfalls
Read more

www.comune.bedulita.bg.it

www.comune.bedulita.bg.it
Read more