advertisement

08b canevari prevenzione-monitoraggio_ws2014

54 %
46 %
advertisement
Information about 08b canevari prevenzione-monitoraggio_ws2014
Education

Published on March 9, 2014

Author: LucaMarescotti

Source: slideshare.net

advertisement

2014 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning Funda Atun, Maria Pia Boni, Annapaola Canevari, Massimo Compagnoni, Luca Marescotti, Maria Mascione, Ouejdane Mejri, Scira Menoni, Floriana Pergalani

Ma c'è un fenomeno ancora più grave: il consumo "inutile" di suolo

IL TERRITORIO SPRECATO. INDAGINE E VALUTAZIONI SULLE OPERE INCOMPIUTE IN ITALIA Tesi di laurea di Chiara Accattini, matricola n. 740514 Relatore Prof.ssa Annapaola Canevari Anno Accademico 2010-2011

4 /24 Privatizzazione dei paesaggi italiani Abbandono, abusivismo, incompiuto Mercato dell’invenduto Privatizzazione come concept di progetto Mafie e edilizia

7 /24 Italia abbandonata, abusiva, incompiuta PROCURATORE NAZIONALE ANTIMAFIA PIERO GRASSO • 357 opere incompiute Tesi di Laurea Chiara Accattini • 633 opere incompiute Incompiuto Siciliano Atlante delle Opere incompiute

Le opere incompiute Opere non ultimate, abbandonate, inutilizzate e lasciate alla rovina.

Quantificazione delle opere incompiute presenti sul territorio 633 opere incompiute

Localizzazione Regione n. opere incompiute Regione n. opere incompiute Valle d'Aosta 3 Marche 6 Piemonte 26 Lazio 28 Lombardia 46 Abruzzo 29 Trentino Alto Adige 2 Molise 5 Friuli Venezia Giulia 14 Campania 54 Veneto 11 Puglia 31 Liguria 20 Basilicata 12 Emilia Romagna 16 Calabria 66 Toscana 30 Sicilia 204 Umbria 4 Sardegna 26

Indagine sui motivi per cui il nostro paese è “ricco” di opere incompiute. […] “la carenza di programmazione, eccessiva frammentazione dei centri decisionali, complessità delle procedure di progettazione, dilatazione dei tempi di esecuzione imputabili alle imprese committenti ed alle amministrazioni aggiudicatrici, carenze ed inadeguatezze dei controlli tecnici ad amministrativi” […]. (Relazione annuale della Corte dei Conti - 2010)

- inchieste sull’uso di materiali non idonei; - inchieste per concorsi in concussione delle persone coinvolte; - ricorsi amministrativi e processi; - fallimento - errori delle ditte appaltatrici e contenziosi in atto; di progettazione; - impossibilità - situazione di effettuare collaudi e dare quindi omologazioni; geologica e geomorfologica dei terreni; - mancanza di denaro pubblico e nuovi finanziamenti.

“DINAMICA, STRUTTURA E CRITERI DI GOVERNO DELLA SPESA PUBBLICA: UN RAPPORTO PRELIMINARE” Parte 2.1 Riduzione dell’inefficienza produttiva. classificazione degli sprechi Sprechi di tipo 7.  progettazione di opere incomplete,  mancato completamento di opere iniziate,  tempi di esecuzione molto superiori ai tempi programmati. A queste tipologie si possono aggiungere  progettazione di opere di dimensione eccessiva rispetto alla capacità realisticamente sfruttabile,  a volte eseguite con materiali troppo pregiati (opere utili che potrebbero essere costruite a costi minori). prof. PIERO GIARDA settembre 2011

Diga di Blufi, Palermo Struttura abbandonata Gibellina - TP Scheletro abbandonato Scala dei Turchi Ospedale incompiuto a Siracusa 3

Calabria Lombardia Lombardia con ciò che il nostro Bel Paese ha da offrire. Lombardia Sicilia Lombardia Calabria 6

Giarre (Catania) 27.000 abitanti campo da Polo per 20.000 spettatori 9

CITTA’ DELLO SPORT - Tor Vergata Progetto avviato nel 2005, costo iniziale: 60.000.000 €. Avvio lavori nel 2008, Subito bloccati perché in ritardo per i mondiali. Spesa ad oggi: 607.983.772 € Stato: impianto MAI terminato

POLO NATATORIO - Valco San Paolo A otto giorni dalle gare, spazi non terminati ed opere non collaudate Utilizzato per Mondiali, subito chiuso e abbandonato SPESA: 16.000.000 €

Agrigento Alimuri Pizzo Sella

VILLAGGIO COPPOLA - CASTELVOLTURNO

Conseguenze di tale fenomeno: Spreco di territorio non si punta sul recupero dell’ esistente ma sulla trasformazione di nuove aree Nonostante i numeri allarmanti, eventi disastrosi e numerose denunce, questa idea di cementificazione non è considerata un problema.

12 /24 Conseguenze della privatizzazione dei paesaggi italiani Consumo di suolo costi Causano: • degrado sociale • – esclusione – tensioni – insicurezza degrado ambientale – perdita di biodiversità – inquinamento Richiedono: • ricostruzione; • integrazione; • riqualificazione; • abbattimento.

Ricerca delle associazioni, autorità o enti che hanno denunciato e analizzato il problema proponendo delle soluzioni. 1998 – 2003 indagine da parte dell’ A.V.C.P. ( 2001 campagna “Bruttitalia” del sito Corriere.it e Wwf 2004 costituzione dell’ “Ufficio nuove opere incompiute” (chiuso dopo un anno) 2007 relazione del Procuratore Nazionale Antimafia Piero Grasso 2008 Campagna “Hai visto un Ecomostro?” Ecoradio, Legambiente e Repubblica.it 2009 Relazione annuale della Corte dei Conti Striscia la Notizia Report Legambiente FAI

Le soluzioni presentate hanno lo scopo di risolvere il problema delle opere incompiute esistenti. Ma se, in futuro, volessimo evitare che si parli ancora di questo fenomeno e volessimo cancellare il problema alla radice? Ipotesi di soluzione: PREVENZIONE MONITORAGGIO

Monitoraggio inteso come prima fase del meccanismo che comporta la realizzazione delle opere pubbliche con lo scopo di evidenziare i problemi in tempo utile e se necessario attivarsi in modo tale da mettere in atto le azioni per evitare la creazione di un’ opera incompiuta. Controllo preventivo e continuativo sulle fasi di progettazione, realizzazione e gestione dell’opera.

15 /24 Da privatizzazione dei paesaggi a paesaggio come bene comune Rete contro il consumo di suolo Memoria, legalità, creatività Liberazione degli spazi Educazione alla cittadinanza Forza dell’esempio

22 /24 La rete contro il consumo di suolo • il riutilizzo dei beni culturali e dei centri storici abbandonati ottimizza l’uso delle risorse disponibili senza dover espandere i confini cittadini • l’educazione alla legalità previene i fenomeni di costruzioni in aree protette • l’educazione alla cittadinanza agevola i sentimenti di appartenenza e la fruizione e manutenzione di spazi pubblici esistenti • gli esempi antimafia sono fondamentali per sostenere la convenienza della legalità e del rispetto dell’ambiente Strategie bottom-up

23 /24 Considerazioni conclusive • Collaborazione • • • • • cittadini architetti urbanisti paesaggisti amministratori finanza Sinergie da mettere in pratica • non consumare nuovo territorio, • coinvolgere la cittadinanza, • scegliere di utilizzare materiali ecocompatibili , • dialogare con le amministrazioni

« Guadagnarsi la vita non può essere l’unico scopo di un giovane che vuole soprattutto realizzare le proprie idee creative. Perciò il vostro problema è come serbare intatta l’integrità delle vostre convinzioni, come vivere quel che propugnate e, nello stesso tempo, guadagnare. Può darsi che non riusciate a trovare un posto presso un architetto che vi formi fin dai vostri primi passi nel comporre e che sia in grado di farvi ulteriormente da guida. Allora vi suggerirei di cercarvi un lavoro che vi dia da vivere comunque e dovunque possiate impiegare le vostre capacità personali, ma di mantenere vivi i vostri interessi in un lavoro effettivo proseguito nelle ore libere. Walter Gropius »

Questi principi sono in sintonia con alcuni contenuti del cosiddetto approccio “SMART” che oggi caratterizza l’azione di molte amministrazioni La differenza riguarda il campo di applicazione dell’approccio…..

Le città italiane verso le smart cities Area Ambiente, Cultura e Innovazione  ANCI

Perché “cities” E’ necessario partire dalle città perché: • ospitano oltre il 50% della popolazione mondiale • consumano il 75% dell’energia mondiale  • sono responsabili dell’80% delle emissioni di CO2 • producono il 75% dei rifiuti

Smart city come tema di politica europea Gennaio 2008: la Commissione Europea lancia il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) ‐ città europee verso la sostenibilità energetica e ambientale entro il  2020 Ottobre 2009: European Strategic Energy Technology Plan SET Plan ‐ Towards a  low‐carbon future (Roadmap al 2020)  Smart city come tema di politica locale iniziative UE sulla sostenibilità ambientale priorità data, a livello governativo, allo sviluppo dell’Agenda Digitale Italiana,  fase attuale di contrazione delle risorse: emerge come strada quasi obbligata  l’utilizzo “intelligente” e integrato delle tecnologie

L’importanza della pianificazione Dotarsi di una  PIANIFICAZIONE STRATEGICA INTEGRATA Ridurre il debito pubblico Aumentare la crescita Assicurare la coesione sociale Assicurare la coesione territoriale = Convogliare sugli stessi obiettivi strategici i piani settoriali e le azioni A partire da L’approvazione del Piano d’Azione Energia Sostenibile Incidere sul risparmio energetico Favorire l’innovazione Assicurare la partecipazione  democratica Perseguire lo sviluppo sostenibile

L’importanza della pianificazione Dotarsi di una  PIANIFICAZIONE STRATEGICA INTEGRATA Ridurre il debito pubblico Aumentare la crescita Assicurare la coesione sociale Assicurare la coesione territoriale = Convogliare sugli stessi obiettivi strategici i piani settoriali e le azioni A partire da MA… NON SI FA CENNO AL CONSUMO DI SUOLO NE’ AL GOVERNO DEL TERRITORIO NEL SUO COMPLESSO L’approvazione del Piano d’Azione Energia Sostenibile Incidere sul risparmio energetico Favorire l’innovazione Assicurare la partecipazione  democratica Perseguire lo sviluppo sostenibile

Di cosa parliamo quando parliamo di  smart city? Smart  mobility Smart  people Smart energy Smart  government Partecipazione Smart  environment Banda larga NGN Smart  living

I passi verso un master plan per le smart cities italiane  1. Analisi dell’as is e dei bisogni, in termini di dotazione infrastrutturale materiale e immateriale, dati disponibili e relativi sistemi di integrazione, livello di offerta e utilizzo dei servizi 2. Definizione degli obiettivi strategici di sviluppo urbano: pochi e chiari, sui quali sia possibile generare consenso nella cittadinanza 3. Definizione degli indicatori di misurazione relativi agli obiettivi strategici 4. Individuazione delle aree di intervento, in termini progettuali, di dimensionamento, di localizzazione 5. Redazione e riorientamento degli strumenti di programmazione e pianificazione, finalizzandoli al raggiungimento degli obiettivi strategici 6. Ridefinizione di competenze e funzionamento delle strutture amministrative coinvolte, con relativi atti di indirizzo 7. Strutturazione di un modello di governance all’interno del quale definire ruoli e azioni degli attori istituzionali, di mercato, della ricerca, della società civile, e relative regole di ingaggio 8. Definizione delle risorse necessarie alla realizzazione degli interventi e della relativa strumentazione finanziaria 9. Individuazione delle possibili forme di partenariato pubblico‐privato, sia in termini di nuove attivazioni sia in termini di ridefinizione di accordi già in essere 10. Avvio di forme di partecipazione attiva della cittadinanza sugli interventi previsti

I parametri di una smart city …parametri di identificazione e misura delle smart cities, analizzati nel rapporto "European Smart Cities" realizzato dall’Università di Vienna in collaborazione con quelle di Lubiana e Delf (www.smart-cities.eu)

“È il termine anglosassone che indica “quando una società o un’organizzazione impiega più tem-po e denaro ad affermare di essere verde attraverso la pubblicità e il marketing, piuttosto che nel mettere in atto misure che riducano al minimo il suo impatto ambientale”. Il greenwashing è un neologismo coniato da attivisti ambientali americani ispirandosi al whitewashing che in inglese vuol dire nascondere, coprire o dissimulare fatti spiacevoli ed è utilizzato soprattutto in politica.” La sostenibilità è, prima di tutto, un valore, un’emergenza che chiama a raccolta, un movimento culturale che va diffondendosi. Dal punto di vista della comunicazione è un’opportunità di aggregazione, di condivisione di valori e di dialogo” “La Società Digitale”

 

Smart City e Smart Community: 200 milioni di euro dalla UE Horizon 2020 prevede finanziamenti per due annipubblicato il bando. La Commissione Europea ha messo in bilancio 200 milioni di euro per i prossimi due anni, per promuovere progetti destinati allo sviluppo delle Smart City e Smart Community. Obiettivo è incentivare lo sviluppo delle Smart City grazie alle energie rinnovabili, al miglioramento della qualità e dell’efficienza degli edifici e puntando su sistemi di trasporto più ecologici per una gestione sostenibile della città. Entro la primavera del 2014 la Commissione Europea presenterà un nuovo “Invitation for Smart City and Community Commitments” per incentivare le comunità urbane europee a realizzare progetti integrati destinati alle città intelligenti, secondo le linee guida “Smart Cities Strategic Implementation Plan“. http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/home.html (pubblicata il 13 febbraio 2014)

…un ulteriore approccio alle questioni legate alla crisi dell’ecosistema contemporaneo è quello delle transition towns

LE CITTÁ IN TRANSIZIONE CONCETTI ED ESPERIENZE giovanna saporiti

IL NEOECOSISTEMA CONTEMPORANEO 1. - occupazione di suolo rilevante - voracità energetica - concentrazione agenti inquinanti - consumo di risorse non rinnovabili - impronta ecologica molto elevata - crescita esponenziale della - vulnerabilità di alcuni gruppi sociali (bambini, anziani...), relazionata all’aumento della povertà. inizio della città città contemporanea la vulnerabilità ambientale e sociale è determinata dalla dipendenza sempre maggiore dei contesti urbani a flussi energetici, alimentari, di materiali e di informazioni, che provengono da sistemi interscalari (area comunale, regionale, nazionale...).

I RISCHI DEL NEOECOSISTEMA: Global Risks Landscape 2011 1.

Il neocosistema urbano: IL PICCO DEL PETROLIO 1.

LE CITTÀ IN TRANSIZIONE 2.

TRANSIZIONE 0. … di chi? comunità urbane e rurali .......Il motto è “pensare globalmente e attuare localmente”, assimilabile allo «sviluppo locale autosufficiente», (Magnaghi, 2010), alla scala degli abitanti...... … verso cosa? aumento della RESILIENZA «(...) insieme di capacità adattative di un sistema urbano a fronte di fattori di stress e, in particolare, ai fenomeni di cambiamento climatico e scarsità energetica» (UNEP, 2005. Un neocosistema resiliente è in grado di «assorbire shock e/o perturbazioni senza subire alterazioni rilevanti nella sua organizzazione funzionale, nel suo assetto e nelle sue caratteristiche identitarie» (Hopkins, 2010)

LA RESILIENZA … di chi? neoecosistema urbano «organismo vivente ad alta complessità […] in continua trasformazione, prodotto dall'incontro di eventi culturali e naturali, composto da luoghi (o regioni o ambienti insediativi) dotati di identità, storia, carattere di struttura di lungo periodo». (Magnaghi, 2010 … verso cosa? aumento della QUALITA’ e dell’AUTOSUFFICIENZA delle comunità «capacità di rispondere agli aspetti di comfort degli spazi urbani, ma anche alle esigenze psicofisiche umane e di vivibilità sociale». Esiste infatti una relazione forte tra i valori dell’uomo e la forma fisica della città, intendendo appunto come forma della città «la struttura spaziale che ospita le attività delle persone, il flussi di persone, materia, merci e informazioni che ne deriva e le configurazioni fisiche che intervengono a modificare lo spazio in modo significativo in rapporto a quelle attività, superfici canali ambienti e oggetti». (Lynch, 1980) «sviluppo locale autosufficiente», (Magnaghi, 2010), 2.

2. RESILIENZA «Il livello di resilienza delle nostre città e dei nostri paesi è dipendente dalla qualità e dal rendimento del sistema urbano complessivo, non solamente dall’adattazione ai cambiamenti climatici dei singoli elementi infrastrutturali» (Congresso Resilience Cities 2011) la valutazione della resilienza è strettamente connessa alla qualità urbana considerando gli stessi parametri descrittivi benessere individuo biodiversità auto- organizzazione identità territorio/ individuo capacità imparare/ adattarsi

2. I 12 PASSI creazione di relazioni formazione costruire il gruppo e le successioni piano di decrescita energetica

LE AZIONI -  Diffusione delle informazioni relative alle tematiche che stanno alla base delle TT e alla necessità di intraprendere delle azioni promosse dalla comunità -  Collegamento con le realtà già esistenti e attive nella comunità -  Creazione di relazioni con l’amministrazione locale -  Collegamento con le altre iniziative di Transizione -  Formazione di gruppi che si occupino di tutte le tematiche importanti per la vita della comunità (alimentazione, energia, trasporti, salute, aspetti psicologici, economia e sostentamento…) -  Realizzazione di progetti mirati a far comprendere l’importanza del coinvolgimento della comunità nei processi di costruzione della resilienza della riduzione delle emissioni di anidride carbonica -  Arrivare alla definizione del Piano di decrescita Energetica in 15/ 20 anni 2.

TRANSIZIONE NEL MONDO 2.

TRANSIZIONE IN EUROPA 2.

  Transition in Italia 001 Monteveglio (BO) 007 S. Lazzaro (BO) 009 Torino 015 Lame (BO) 020 Urbania (PU) 025 Pianoro (BO) 029 La Nuova Terra EV (UD) www.transitionnetwork.org

  Transition in Italia 001 Monteveglio (BO) 007 S. Lazzaro (BO) 009 Torino 015 Lame (BO) 020 Urbania (PU) 025 Pianoro (BO) 029 La Nuova Terra EV (UD) www.transitionnetwork.org

I “principi base” delle Smart Cities e Transition Towns derivano da quelli già enunciati nella Carta di Aalborg (’94)

Conferenza Mondiale sull‛ambiente e sullo sviluppo (1992, Rio De Janeiro) cinque differenti documenti, AGENDA 21 LOCALE DICHIARAZIONE DI RIO CONVENZIONE SULLA BIODIVERSITÀ CONVENZIONE SUL CLIMA DICHIARAZIONE SULLE FORESTE

Prima conferenza europea sulle città e municipalità sostenibili Carta di Aalborg 1994 AGENDA 21 LOCALE

Le fasi di A21L: • elaborazione di una filosofia condivisa della sostenibilità della specifica realtà locale; • identificazione delle criticità ambientali locali e delle loro cause; • individuazione delle diverse opzioni d‛intervento e dei target specifici d‛intervento;

• elaborazione di programmi d’azione • adozione formale del piano da parte dell‛a. l.; • realizzazione del piano • monitoraggio dei risultati; • valutazione degli effetti dell‛applicazione del piano sullo stato dell‛ambiente.

Add a comment

Related presentations

Related pages

08b canevari prevenzione-monitoraggio_ws2014 - Education

Share 08b canevari prevenzione-monitoraggio_ws2014.
Read more

08b canevari prevenzione-monitoraggio_ws2014 - Education

1. 2014 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica Knowledge and Appropriate Technologies for ...
Read more

08b - Glaukoma (Indonesia Ver.)[1] - Documents

08b canevari prevenzione-monitoraggio_ws2014 Instalación sanitaria 08B 08b - Dhcp Ip Pools
Read more

HOMEWORK 08B - Documents

offgrid automation controller 08b
Read more

offgrid automation controller 08b - Documents

offgrid automation controller 08b; System is processing data Please download to view 1
Read more

Macul 08b Myrmel - Education - docslide.us

Macul 08b Myrmel; System is processing data Please download to view 1
Read more

TellMeMore Skills-Test 08B - Documents

TellMeMore Skills-Test 08B Oct 04, 2015 Documents lilellula. The document was removed. Please view another documents 1
Read more