01a lm foreword-ws2014

80 %
20 %
Information about 01a lm foreword-ws2014

Published on March 4, 2014

Author: LucaMarescotti

Source: slideshare.net

3 marzo 2014 - 01a 2014 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning Funda Atun, Maria Pia Boni, Annapaola Canevari, Massimo Compagnoni, Luca Marescotti, Maria Mascione, Ouejdane Mejri, Scira Menoni, Floriana Pergalani Luca Marescotti 1 / 71

Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning LAUREA MAGISTRALE DELLA SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ Laboratorio organizzato da Luca Marescotti Luca Marescotti 2 / 71

Cover 2014 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica - Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning 3 marzo 2014 Luca Marescotti Foreword - Premessa aula U1

Just to begin: a small, dynamic, instable, unpredictable Planet Luca Marescotti 4 / 71

Just to begin, another workshop in Usa In 2010 NAP National Academies Press published: Pathways to Urban Sustainability: Research and Development on Urban Systems Luca Marescotti 5 / 71

NAP on Sustainability Cities Sustainability requires a healthy and well educated population as well as security and a collective sense of optimism Sustainability requires, of course, ecological aspects Much of a nation’s wealth is derived from its natural capital and its ability to efficiently conserve, sustain, and use ecosystem services. Luca Marescotti 6 / 71

NAP on Sustainability Cities Cities as a Focal Point for Research Luca Marescotti 7 / 71

NAP on Sustainability Cities The focus on cities ―and how to make them more sustainable― raises another critical issue: How can we develop a strategy that allows for a more coordinated flow of information? Luca Marescotti 8 / 71

Just to begin, 2007 Carlsberg masterplan in Copenhagen Luca Marescotti 9 / 71

Just to begin, 2007 Carlsberg masterplan in Copenhagen Land use planning Physical planning Luca Marescotti 10 / 71

Just to begin, 2007 Carlsberg masterplan in Copenhagen Competition won in 2007 by Entasis for the New Carlsberg City District (33 ha) [The production of beer was stopped in 2008] The Mineral Water Factory = 9000 sqm venue for modern dance under the name Dansehallerne. The former bottling plant = a venue for various commercial and cultural events such as conferences, book and art fairs, concerts parties (capacity: 6000 people). The Lime Tower Lighthouse now serves as an artist's studio and residence. Entasis' masterplan Short, narrow streets and alleyways, unpredictability, many large and small squares. Nine slender highrises in heights between 50-120 metres will mark 9 of the area's most important urban spaces. A total of 800,000 sqm will be built (45 % housing, 45 % shops and offices, 10 % sports and cultural facilities). Mixed use, buildings with shops, cafés and other public functions at street-level and housing and offices at upper floors, where there is more light. 24/7 = always open Activity centred around the squares, parks and other public spaces. The concept of shared space plays a central role in the plan. Carlsberg's network of underground corridors and cellars play a central role in the plan. Some will be opened up to create diverse and complex open spaces, others are kept as underground features. There are a large number of large trees, that will be preserved; some places housefronts or streets are shaped to give room for existing trees. The two historical gardens will be public parks and supplemented with three new gardens. The area is planned to be Carbon neutral and employ a number of cleantech technologies. Luca Marescotti 11 / 71

Just to begin, 2007 Carlsberg masterplan in Copenhagen … but not only these informations … there is a more complex diagram Luca Marescotti 12 / 71

Just to begin, 2007 Carlsberg masterplan in Copenhagen Luca Marescotti 13 / 71

RIFLETTERE If these are the main issues of the Carlsberg Masterplan, what consequences bring to a "normal" land use & physical planning theory? Are they main issues and goals for a good land govern and governance? [buon governo del territorio] What is town & regional planning? Luca Marescotti 14 / 71

il contesto dell'urbanistica il sistema socio-ecologico Le condizioni del nostro tempo ● ● GAPMINDER STOCKHOLM RESILIENCE CENTER Luca Marescotti 15 / 71 L'importanza della scuola e della società nella formazione dei valori

il contesto dell'urbanistica il sistema socio-ecologico Luca Marescotti 16 / 71

il contesto dell'urbanistica il sistema socio-ecologico Luca Marescotti 17 / 71

Valuable Ecosystem Services (Desirable) Loss of ecosystem services (Undesirable) 1 state shift coral dominance 2 • overfishing, coastal eutrophication 3 algal dominance • disease, hurricane turbid water clear water • phosphorous accumulation in soil and mud grassland • fire prevention • flooding, warming, overexploitation of predators • good rains, continuous heavy grazing shrub-bushland 4

il contesto dell'urbanistica il sistema socio-ecologico PLEISTOCENE OLOCENE TRA la glaciazione di Riss 200.000 - 120.000 anni fa e la glaciazione di Würm 75.000 – CIRCA 12/10.000 anni fa fino ad oggi Luca Marescotti 19 / 71

Luca Marescotti 20 / 71

The European Environment Agency EEA The aim of the European Environment Agency is to establish a seamless environmental information system. This is done to assist the Community in its attempts to improve the environment and move towards sustainability, including the EU's efforts to integrate environmental aspects into economic policies. Luca Marescotti 21 / 71

The European Environment Agency EEA AEA agenzia europea della ambiente • EEA collabora assiduamente con programmi di istituzioni europee e internazionali, Eurostat, CCR, UNEP, OMS; • EEA ha 32 Stati associati: 27 Stati UE, e inoltre: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Turchia e Svizzera. Luca Marescotti 22 / 71

The European Environment Agency EEA AEA agenzia europea della ambiente Europe is one of the most urbanised continents on earth, with approximately 75 % of its population living in urban areas. The urban future of Europe, however, is a matter of great concern. More than a quarter of the European Union's territory has now been directly affected by urban land use. Luca Marescotti 23 / 71

Europe in Bloom: a living façade at the European Environment Agency On the occasion of the International Biodiversity Day 2010, we will inaugurate a unique living façade of the Agency on 22 May. Our building on Kongens Nytorv 6 will be covered from May to October 2010 by about 5,000 plants drawing a map of the plant diversity in Europe. Europe Luca Marescotti 24 / 71

EEA Environmental European Agency You are here: Home › Articles › Cities of the future — how will European cities adapt to new climate conditions? Cities of the future how will European cities adapt to new climate conditions? Luca Marescotti 25 / 71

Cities of the future — how will European cities adapt to new climate conditions? Cities and towns are highly vulnerable to the impacts of climate change and will need to find innovative ways to adapt. Now is the time to start rethinking urban design and management — yet few have taken concrete action. Luca Marescotti 26 / 71

Luca Marescotti Green roof,27Warsaw University / 71 (fonte: estsetac.files.wordpress.com/2008/05/img_1444.jpg)

Green roof, Warsaw 28 / 71 University Luca Marescotti

Luca Marescotti 29 / 71

TPRA WORKSHOP – INTRODUZIONE “The urban future of Europe, however, is a matter of great concern.” Le tecnologie di processo e le tecnologie di prodotto nella produzione del territorio antropico sono inquadrate nel contesto disciplinare dell’ecologia applicata all’urbanistica. / Both process technologies and product technologies are used in the production of anthropic land: for this they are placed in the disciplinary context of ecology applied to urban planning. L’apparato definitorio della sostenibilità influenza teoria e prassi dell’urbanistica non solo rispetto a questioni generali come la capacità di carico e la sostenibilità, il metabolismo urbano, l’impronta ecologica e la qualità dell’ambiente costruito, ma anche nello specifico dei principali aspetti geologici e fisici dei terremoti. / The apparatus of definition of sustainability theory and of urban planning practice will be influenced not only with respect to general issues such as carrying capacity and sustainability, urban metabolism, ecological footprint and quality of the built environment, but also with respect to the specifics of the main physical and geological aspects, and overall the risk reduction during earthquakes. Luca Marescotti 30 / 71

TPRA WORKSHOP – INTRODUZIONE “The urban future of Europe, however, is a matter of great concern.” Alcune osservazioni sul terremoto del 6 aprile 2011 a L’Aquila mostreranno l’interazione con la geologia in situazioni di grandi fenomeni naturali (i terremoti), mentre con altri casi studio si illustreranno le questioni legate alla stabilità dei versanti e più in generale al concetto di vulnerabilità fisica e sistemica nella valutazione dei rischi naturali a supporto di scelte urbanistiche finalizzate alla prevenzione. / Some observations on the earthquake in L'Aquila April 6, 2011 show the interaction with geology in situations of great natural phenomena (earthquakes), while other case studies illustrate the issues related to slope stability, and more generally to the concept of physical and systemic vulnerabilities in the assessment of natural hazards to support land use decisions aimed at prevention. Luca Marescotti 31 / 71

TPRA WORKSHOP – INTRODUZIONE “The urban future of Europe, however, is a matter of great concern.” A partire dalle responsabilità e competenze nel governo del territorio, si indagano le potenzialità dell’urbanistica nella protezione ambientale e nella sostenibilità delle trasformazioni territoriali, evidenziando come il territorio e l’ambiente costituiscano un sistema con specifiche proprietà sistemiche: Starting from the responsibilities and powers in the plannig choices, we investigate the potential of urban and regional environmental protection and of sustainable territorial transformations, highlighting how the land and the environment constitute a system with specific systemic properties: da qui scaturiscono i diversi ruoli della ricerca, della politica e dell’amministrazione nel governare gli effetti cumulativi e le trasformazioni ambientali. hence arise the different roles of research, policy and administration in governing cumulative effects and environmental change. Luca Marescotti 32 / 71

Impostazione del workshop ambiente-territorio-paesaggio Biosfera: visioni di un sistema complesso Visioni qualitative e visioni quantitative: il controllo attraverso la misura, la prevenzione e la precauzione. Definire una grandezze e delle unità di misura - Indicatori e soglie di attenzione Definizioni per settori operativi (per esempio: equilibri/squilibri sociali, gestione dei rifiuti, controllo degli scarichi nelle acque, delle emissioni nell'aria e controllo dei rischi associati...). Ruolo delle tecnologie Nei processi e nella produzione di territorio e dell'ambiente. Luca Marescotti 33 / 71

Contesto del workshop un modello di sviluppo alternativo • Modello convenzionale (old economy) – – Ruolo politico del mercato Sprechi ed emissioni nei processi produttivi (inefficienza del metabolismo). • Modello economico “verde” (green job) – – – – Luca Marescotti Ruolo della politica nel controllo del mercato, Produzioni a basso consumo energetico (efficienza del metabolismo), Energia da fonti rinnovabili, Materie prime secondarie. 34 / 71

CHE COSA PROPONGONO LE TECNOLOGIE ALL’ORGANIZZAZIONE DEL TERRITORIO? Luca Marescotti 35 / 71

Luca Marescotti 36 / 71 QUANTO È SOSTENIBILE UNA CITTÀ? QUANTO È SOSTENIBILE UNA CITTÀ? QUANTE TECNOLOGIE INCORPORA? QUANTE TECNOLOGIE INCORPORA? QUANTA ENERGIA INCORPORA? QUANTA ENERGIA INCORPORA? L'uso delle tecnologie permette qualsiasi cosa QUANTO È SOSTENIBILE UNA CITTÀ? QUANTE TECNOLOGIE INCORPORA? QUANTA ENERGIA INCORPORA?

TECNOLOGIE? Di protezione ambientale! What are technologies? For enviromental conservation! Le tecnologie sono mezzi e modi di produzione del territorio urbanizzato, … come a dire ... del passaggio dall'Olocene all'Antropocene Luca Marescotti 37 / 71

TECNOLOGIE - uso e conoscenza di strumenti, tecniche e mestieri, - sistemi o metodi di organizzazione, - prodotto materiale ottenuto dall'applicazione delle precedenti capacità. La tecnologia parola deriva dal greco τεχνολογία [τέχνη mestiere e -λογία studio di qualcosa o ramo di conoscenza di una disciplina]. Il termine può essere applicato in generale o per settori specifici: gli esempi includono "tecnologia delle costruzioni", "tecnologia medica", o "tecnologia ambientale". Luca Marescotti 38 / 71

TECNOLOGIE ALLORA CHE COSA VUOL DIRE: MEZZI E MODI DI PRODUZIONE quando si parla di territorio? Luca Marescotti 39 / 71

TECNOLOGIE MEZZI DI PRODUZIONE: tecnologie di processo, quindi leggi, strumenti di pianificazione, regole di attuazione, regole di controllo, … MODI DI PRODUZIONE: tecnologie di prodotto, quindi infrastrutture a rete e puntuali, opere di controllo della mobilità, opere di mitigazione e compensazione degli impatti, ... Luca Marescotti 40 / 71

Scienza e tecnologie QUALCHE DUBBIO? Luca Marescotti 41 / 71

Scienza e tecnologie “Senza un sistema giuridico, economico, politico, burocratico, scolastico, finanziario, urbanistico, sanitario sufficientemente sviluppati, gli strumenti più potenti della tecnologia fisico-matematica non potrebbero funzionare. D’altra parte, nelle società industrialmente avanzate il tipo di regole secondo cui si costituiscono l’economia, la burocrazia, il diritto, il sistema scolastico, ecc., è sempre più simile al tipo di regole che presiedono alla formazione del sapere scientifico e alla sua applicazione all’industria. La scienza e la tecnologia scientifica si integrano dunque a quell’insieme di sistemi che rendono possibile il funzionamento degli strumenti portati alla luce dal sistema scientifico-tecnologico. (…) Luca Marescotti 42 / 71

Scienza e tecnologie Nella sua essenza, questo Apparato è una struttura progettante (ad-paratus, ad-parare); ossia è una capacità –anzi la capacità massima che mai sia apparsa nella storia dell’uomo- di disporre dei mezzi che sono idonei allo scopo. (…). Ciò vuol dire che qualunque possa essere il fine assegnato dall’esterno all’Apparato, quest’ultimo possiede di per sé stesso un fine supremo: quello di riprodursi e di accrescere indefinitamente la propria capacità di realizzare fini.” in: Emanuele Severino, La tendenza fondamentale del nostro tempo, Adelphi, edizioni, Milano, 1988, pp. 39/40 Luca Marescotti 43 / 71

Scienza e tecnologie Ricordate l'interpretazione della città secondo Lewis Mumford: “megamacchina” Quale direzione dare alle tecnologie? Come fare delle scelte? Prima di operare, occorre comprendere • (*) Il mito della macchina, 1969 (1967). Luca Marescotti 44 / 71

Scienza e tecnologie Il tema della tecnologia è al centro della cultura moderna, è nel cuore stesso dell’istituzione Politecnico Luca Marescotti 45 / 71

Scienza e tecnologie da questo nucleo scaturisce l’attenzione alle responsabilità disciplinari, dall’urbanistica all’architettura fino al disegno industriale Luca Marescotti 46 / 71

Scienza e tecnologie Impostare il problema in funzione di una visione complessiva (sistemica?) del territorio Luca Marescotti 47 / 71

Scienza e tecnologie Luca Marescotti 48 / 71

Luca Marescotti 49 / 71

Scienza e tecnologie (ponte di Maillart in Svizzera; progetto per il ponte sullo Stretto di Messina; ponte di Millau in Francia) Just a question: can be assessed uniformly different works? (there are standard procedures?) Come mettere a confronto le differenze? come misurarne le implicazioni ambientali? (esistono procedure standard?) Luca Marescotti 50 / 71

Impatto visivo Impatto ambientale Funzionalità Attraversamenti rapidi del territorio Basso consumo del suolo Economia Costi di costruzione (efficacia dell'opera; efficienza del processo costruttivo; efficienza della manutenzione) Energia incorporata Luca Marescotti 51 / 71 Costi di gestione

RIDUZIONISMO URBANISTICO LO IATO TRA PIANO E OPERE PUBBLICHE Riduzionismo In epistemologia -e in qualsiasi scienza- si incorre nel riduzionismo quando si afferma che ogni aspetto di una scienza (apparati definitori e metodologie, ipotesi generali e ipotesi derivate) debba essere ridotto al minimo sufficiente a spiegarne i fatti della teoria. a) Il "rasoio di Occam" (o "principio di economia") sosteneva che non bisognava aumentare senza necessità le entità coinvolte nella spiegazione di un fenomeno (la spiegazione più semplice è vera). b) Einstein per divulgare la teoria della relatività si appella alla riduzione delle entità coinvolte nella spiegazione dei fenomeni Luca Marescotti 52 / 71

RIDUZIONISMO URBANISTICO LO IATO TRA PIANO E OPERE PUBBLICHE Riduzionismo Compito di ogni scienziato è di trovare la spiegazione più semplice, più economica e (di solito) più elegante che dia conto di tutti i dati conosciuti. Oltre questo punto, il riduzionismo diventa un vizio se è accompagnato da un'esagerata pretesa che la spiegazione più semplice sia l'unica. Può darsi che i dati siano da capirsi nell'ambito di una qualche forma/struttura unitaria (Gestalt ) più ampia. Da. Gregory Bateson, Mente e natura. Luca Marescotti 53 / 71

RIDUZIONISMO URBANISTICO LO IATO TRA PIANO E OPERE PUBBLICHE Si decontestualizza l'urbanistica attraverso tre fasi: -a) l’assenza della programmazione economica, -b) la vanificazione della programmazione delle fasi attuative del piano, -c) la vanificazione del piano a1) si afferma che i piani non necessitano di previsione di costi, quindi di risorse, cioè se ne esclude l'attuazione programmata; a2) si passa dal piano vincolistico al piano come moral suasion. b1) si separano piani urbanistici dalla programmazione delle opere pubbliche e dei lavori pubblici; b2) L’assenza della programmazione economica vanifica il piano: l'urbanistica è materia residuale (riforma titolo V: Legge Costituzionale 3/2001). Luca Marescotti 54 / 71

RIDUZIONISMO URBANISTICO LO IATO TRA PIANO E OPERE PUBBLICHE c1) dal piano come processo capace di ri-orientarsi in funzione degli effetti e dell'efficacia delle azioni rispetto agli obiettivi si passa al piano come successioni di varianti; c2) si perde il ruolo dell'ente locale /territoriale: quindi si perde l’importanza e l'essenzialità del piano (affidato ad un consulente: esternalizzazione del piano); c3) si perde la complessità del pianificare; non si valutano rischi ambientali e fattori fisici; le relazioni tra sostenibilità, valutazione degli impatti e riduzione dei rischi sono esterne al piano. Luca Marescotti 55 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO Teoria generale in ambito ecologico Risposte globali a problemi e a criticità, senza presunzione (unicità di soluzioni), imparando dall'esperienza. Lo studio delle criticità si sviluppa nei versanti della probabilità (rischi per la salute dei sistemi viventi, rischi per il superamento dei limiti delle risorse): 1. il contesto ambientale e l'acuirsi degli eventi. Keywords: emergenza, catastrofi naturali, manutenzione ordinaria e straordinaria, infrastrutture, cambiamenti climatici, dinamiche ambientali. 2. il contesto sociale: squilibri sociali e accessibilità servizi/risorse. Luca Marescotti 56 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO 3. il contesto economico: processi di valorizzazione e cultura dell’integrazione. 4. il contesto multiculturale/multietnico (la centralità delle periferie). 5. Il processo decisionale e il rapporto tra decisori politici, tecnici e analisti, popolazione. L'ecologia applicata e la ricerca della sostenibilità degli impatti nelle trasformazioni della biosfera come guida teorica per la disciplina dell'urbanistica. SI SPOSTA IL FUOCO DELL'ATTENZIONE (illusionismo) Luca Marescotti 57 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO RECUPERARE I TEMI DIMENTICATI ● le risorse (quali sono?) per la pianificazione; ● l'importanza delle tecnologie e la pianificazione come tecnologia di processo; ● le analisi e la corretta gestione di dati e informazioni nella produzione di conoscenze; ● l'importanza dei fattori fisici, sociali, economici, culturali; ● imparare dall'esperienza (riorientare il processo di pianificazione); ● certificare i processi. Luca Marescotti 58 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO VAS - VIA Luca Marescotti 59 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO This document is firmly based on the view that the current, closely linked appraisal tools; EIA (sometimes referred to as environmental assessment) and SEA are a secure foundation upon which new approaches can be built. This “article of faith” rests on the fact that, in global terms, EIA/SEA are the only tools whose use is required by law, in many countries, and whose results are publicly acknowledged and available. [fonte: Hussein Abaza, Ron Bisset, Barry Sadler, Environmental Impact Assessment and Strategic Environmental Assessment: Towards an Integrated Approach, UNEP, New York, 2004.] Luca Marescotti 60 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO No other tool has this status, nor is any likely to achieve it in the near future (EIA is more entrenched in law than SEA, but the latter is becoming a legal requirement in more and more countries). The national and international importance of EIA/SEA cannot be overestimated. Thus, this document is based on the premise that permanent advances in the design and implementation of development will be based on the future development and adaptation of EIA/SEA. Only the passage of time will show whether this view is correct. [fonte: Hussein Abaza, Ron Bisset, Barry Sadler, Environmental Impact Assessment and Strategic Environmental Assessment: Towards an Integrated Approach, UNEP, New York, 2004.] Luca Marescotti 61 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO Environmental risk assessment in environmental impact assessment optional or mandatory? * Risk analysis & Precautional principle * paper by David Hyett (Australia) Luca Marescotti 62 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO Environmental Risk Assessment ERA  systematic identification of risk pathways linking proposed project activities with potential ecological, social and economic impacts;  assigning ratings to identified risks based on potential consequences and likelihood of occurrence;  use of risk ratings as part of the overall assessment and to inform development of mitigation measures. [fonte: David Hyett, “Environmental risk assessment in environmental impact assessment - optional or mandatory?”] Luca Marescotti 63 / 71

Luca Marescotti 64 / 71 Certificate course in: Risk Management and environmental Assessment for Spatial Planning - Nederland

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO Precautionary Principle when making multi-dimensional public decisions high priority on acting to avoid and/or mitigate potential harmful consequences. [fonte: Alan Randall, Risk and Precaution, Cambridge University Press, 2011.] Luca Marescotti 65 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO When we decided to produce a global report on development and disaster risk, we wanted to highlight these development choices. Disaster risk is not inevitable, but on the contrary can be managed and reduced through appropriate development actions. This is the message we want to convey in this Report to our programme countries, our donors, our partners in the United Nations system, regional and international organisations, civil society and the private sector. A great deal of support was provided in preparation of this publication, known as the World Vulnerability Report when the process began in 2000, and we acknowledge many generous contributions. Luca Marescotti 66 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO Today, 85% of the people exposed to earthquakes, tropical cyclones, floods and droughts live in countries having either medium or low human development. … … Some 75% of the world’s population live in areas affected at least once by earthquake, tropical cyclone, flood or drought between 1980 and 2000. Disaster Risk Index (DRI) Luca Marescotti 67 / 71

Luca Marescotti 68 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO Urbanisation does not necessarily have to lead to increasing disaster risk and can actually, if managed properly, help reduce it. [fonte: Mark Pelling, Andrew Maskrey, Pablo Ruiz and Lisa Hall (eds.), A Global Report - Reducing Disaster Risk. A Challenge For Development, United Nations Development Programme - Bureau for Crisis Prevention and Recovery, New York, 2004.] Luca Marescotti 69 / 71

keywords Sustainable city Land Use Planning Physical Planning Biodiversity European Green Capital EIA-SEA [VAS-VIA] Risk Management Precautionary Principle Disaster Risk (DR Index by UN) Human Development (HD Index by UN) Luca Marescotti 70 / 71

PER UNA TEORIA URBANISTICA IN AMBITO ECOLOGICO DUNQUE, DI CHE PARLIAMO? Luca Marescotti 71 / 71

Add a comment

Related presentations

Related pages

01a lm foreword-ws2014 - Documents - Docslide.it

01a. Piante Ed Evoluzione IMPORTANZA DELLE PIANTE PER L’EVOLUZIONE L’attività fotosintetica clorofilliana delle piante ha permesso di arricchire l ...
Read more

201203021 comphumanities 2012 lm (nlp) - Technology

201203021 comphumanities 2012 lm (nlp) by stefano-lariccia. on Jan 17, 2015. Report Category: ... 01a lm foreword-ws2014 1. 3 marzo 2014 ...
Read more

2015 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la ...

01a_lm-Foreword_WS2014... 01b_lm-SmallPlanet_WS2... Workshop_2014_Agenda.pdf. Views. connect to download. Get pdf. READ PAPER. 2015 Workshop Conoscenza e ...
Read more